Donning the Purple: anteprima Essen 2018

Donning the Purple: copertina
Tompet Games

Un gioco di piazzamento e punti azione ambientato nell'antica Roma, con una forte componente dovuta al dado

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Donning the Purple

La seguente anteprima è basata sulla sola lettura delle regole e in nessun modo ha valore di recensione

Donning the Purple (lett.: indossare la porpora, dal colore del mantello tinto col famoso mollusco), è un gestionale per 1-3 giocatori (sì, non è un refuso: 1-3), della durata di 70-90 minuti, incentrato su tiro dadi, piazzamento lavoratori, gestione mano, poteri variabili. 

Riassunto di gioco

Donning the Purple: componenti
Donning the Purple: componenti
Ciascun giocatore riveste il ruolo di un potente di Roma: Imperatore, Erede, Senatore. Questo in partenza, ma i ruoli sono poi scambiabili nel corso della partita, utilizzando gli appositi spazi azione e causando la morte più o meno accidentale dell'Imperatore in carica. Perché è importante essere Imperatore? Perché ad ogni round si fanno tre azioni invece di due e perché alla fine del round si hanno più possibilità di prendere punti vittoria, in base al livello di felicità della popolazione. 

La mappa dipinge il bacino del Mediterraneo diviso in varie regioni dell'epoca romana. Si piazzano truppe sparse nell'impero e a ogni round si attiveranno casualmente (col dado) degli invasori, la cui forza deve essere inferiore a quella delle legioni, altrimenti tali barbari continueranno il loro percorso verso le varie capitali rimuovendo le truppe romane sulla loro strada. Se a un certo punto del gioco tutte le capitali delle province imperiali sono occupate, c'è una sconfitta collettiva. 

In ogni round si espletano le seguenti fasi: 

  1. Apparizione dei nemici e loro movimento.
  2. Raccolta del grano dalle capitali non occupate.
  3. Pesca di cinque carte evento, risolte in ordine. 
  4. Azioni. Ogni giocatore esegue due azioni (l'Imperatore tre) e pesca una carta Plot (ciascuno ne ha già qualcuna a inizio partita) alla fine del turno. Le carte Plot servono per fare le azioni estemporanee scritte su di esse o rafforzare altre azioni se spese per il loro valore numerico. 
  5. Piazzare gli edifici. Gli edifici programmati in fase azioni vengono messi sul tabellone massimo uno per regione e solo i primi quattro della coda di costruzione. Chi ha il controllo del Senato può scambiare la posizione di due edifici in coda. Gli edifici hanno le solite varie funzioni: potenziare il gioco del proprietario in vari aspetti, incluso il guadagno di PV.
  6. Distribuire il grano: ogni provincia dell'impero richiede un grano, altrimenti si aumenta il malcontento. 
  7. Tasse. Ogni provincia genere tasse per l'Imperatore e ogni tenuta per il rispettivo giocatore. 
  8. Fine anno. L'imperatore riceve PV pari al livello di felicità.
Donning the Purple: plancia giocatore
Donning the Purple: plancia giocatore
La fase Azioni è quindi il centro del gioco, procedendo il resto un po' col pilota automatico. Per fare azioni i giocatori spendono i loro gettoni fatica e quando uno fa un'azione, gli altri in senso orario possono copiarla, spendendo un ulteriore gettone. 

Si tratta di aumentare la propria presenza la Senato; prendere il segnalino Erede (che fa diventare Imperatori alla morte di quest'ultimo); tentare di assassinare l'attuale Imperatore (si tirano dadi per farlo); far muovere le proprie legioni (uccidere i barbari dà PV); preparare edifici e tenute per la coda di costruzione. In più l'imperatore ha accesso a una serie di azioni esclusive, come arruolare e far muovere le regioni neutrali, piazzare acquedotti per evitare malcontento e carestia (capita a caso con un dado), ecc.

Alla fine di quattro round di gioco, chi ha più PV è il vincitore. 

 

Prime Impressioni

Sono rimasto spiazzato da vari aspetti di questo gioco. Intanto il più ovvio, ovvero il numero di giocatori, che si limita a tre massimo, con le varianti per due e per il solitario, in cui combatti contro il sistema che tenta di far cadere Roma all'alba della sua potenza.
Donning the Purple: partita
Donning the Purple: partita
 La cosa è dovuta probabilmente a questioni di bilanciamento e all'impossibilità di trovare un quarto ruolo che fosse efficace. Da notare comunque che, nel corso della partita, chi fa l'Imperatore potrebbe anche trovarsi in un momento ad essere l'Erede e a comandare pure il Senato, quindi non è detto che ci sia sempre un equilibrio. 

Poi la presenza del dado, in diversi ed importanti aspetti del gioco, presenza ingombrante e che mi è parsa poco mitigabile da eventuali bonus/malus. 

Infine, il corpo delle regole scritto in maniera schizofrenica, con le spiegazione delle parti del gioco dopo quella del turno e l'illustrazione dei componenti per ultima. Ma a parte questo, le regole non sono in realtà poche, specie nella versione completa, e in certi passaggi ho avvertito una macchinosità superflua, forse atta a mettere in campo una maggiore simulazione, comunque non pervenuta. 

Quindi parecchie riserve su un gioco che, per trovare una parola riassuntiva, mi è parso ancora acerbo. 

Commenti

MEH

* Orto Mio!!! *

Grafica e componenti mi ispirano invece professionalità. Mi sembrano un giusto mix fra appeal e sintesi. Ma non ho voglia di leggere un altro manuale scritto male per farmi un'idea mia.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

A prima vista ispirava molto anche a me, a partire dalla box art, ma il resto mi ha smontato un po'.

Poi il player count 1-3 mi mette sempre sul chi va là

* Orto Mio!!! *

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare