[Editoriale] I Giochi sono Cultura?

Approfondimenti
Libri e altri Media

I giochi sono "solo" giochi? Oppure potrebbero essere anche altro? Ho scritto la mia opinione.

L’idea di questo articolo nasce da una battuta nata in casa, quando mi viene rimproverato (sempre meno spesso a dire il vero) dalla mia compagna di spendere molto in giochi, rispondo che quelli per la “cultura” sono sempre soldi spesi bene. Cultura… ma i giochi sono o possono essere Cultura?

I giochi sono "solo" giochi? Oppure potrebbero essere anche altro? Ho scritto la mia opinione.

L’idea di questo articolo nasce da una battuta nata in casa, quando mi viene rimproverato (sempre meno spesso a dire il vero) dalla mia compagna di spendere molto in giochi, rispondo che quelli per la “cultura” sono sempre soldi spesi bene.

Cultura… ma i giochi sono o possono essere Cultura? La definizione da vocabolario lo esclude, o perlomeno è conseguente sostenere che un gioco si realizza attraverso la conoscenza, ricerca, preparazione (cultura, appunto) sommate a fantasia e creatività.  Eppure sono sempre più convinto che per l’interattività con se stesso e con gli altri giocatori, il gioco sia uno strumento straordinario di apprendimento ed esercizio. Sappiamo bene che ci sono due aspetti molto differenti fra loro ma che trovano nel gioco la perfetta soluzione: i punti e l’ambientazione. I primi servono a stabilire chi vince, chi gioca solo per quelli spesso non si fa distrarre dall’ambientazione ma la elabora matematicamente per lo scopo finale di avere più punti, soldi, risorse, territori ecc. degli avversari. Ma in questo articolo mi voglio soffermare sull’ambientazione e sulla capacità di straordinari autori di farci viaggiare nel tempo, in entrambe le direzioni, permettendoci di vivere (o sopravvivere) in mondi che appartengono alla fantasia del cinema e/o alla pragmatica della storia e della vita.

Non molto tempo fa ho visto una delle tante trasmissioni televisive della famiglia Angela dedicata all’Antica Roma, il commento faceva riferimento a nomi, episodi, battaglie che ho vissuto in Republic of Rome, gioco che per i suoi molteplici aspetti potrebbe essere uno strumento di studio per l’accurata ricostruzione storica ma non solo, importantissimo l’esercizio “politico” dedicato a chiunque voglia migliorare la capacità di discussione e confronto con altre persone.

La Guerra Fredda è uno degli argomenti storici più noiosi da spiegare e apprendere: nessuna grande battaglia di cui studiare la tattica, nessun eroe da esaltare, tutto sembra nascere e finire a Cuba e Berlino. Spiegando ad amici Twilight Struggle, il figlio 18enne ha iniziato a prestare attenzione e rivolgere domande. Quella sera non abbiamo giocato, eppure le carte sono state utili per raccontare e discutere di 45 anni di storia, forse ci è sfuggita anche qualche castroneria non essendo degli storici, ma è stato un successo staccare il ragazzo da Facebook e Whatapp interessandolo a un complesso passato recente.

Ho giocato a Food Chain Magnate e ho trovato particolarmente azzeccato, ed istruttivo, il modo di sintetizzare la pubblicità ed il suo potere di convinzione e penso al marketing, ai tanti giovani (io lo fui) che in questo campo lavorano e/o studiano e credo che non ci sia uno strumento altrettanto pratico per capire le dinamiche della pubblicità in un mercato in perenne concorrenza.  

Potrei riempire diverse pagine con esempi, ma voi sapete bene di cosa parlo o potrei parlare e ognuno può scegliere l’esempio che preferisce, riassumendo sono molti i giochi che propongono legami stretti con il quotidiano, penso ai gestione risorse, agli azionari, gli storici, e sono sempre più convinto che siano strumenti didattici pratici e sufficientemente profondi da abbinarsi, affiancarsi ai classici dello studio, esercizio, training.  Forse non basta per essere etichettati “cultura”, non sono strumenti finiti ma ludici (non lo dimentico), ma se rendono piacevole l’apprendere, se danno una struttura reale e complessa a qualunque esercizio mentale, credo che a tutto merito possano far parte di quel mondo vasto, forse troppo, chiamato Cultura.

Commenti

Caro Klauz, il gioco è cultura: basti pensare al fatto che in ogni civiltà e in ogni epoca storica troviamo prodotti ludici di qualsiasi fattispecie. Ci sono addirittura autori che sostengono che il gioco è un bisogno primario al pari della fame, della sete, del sonno, ecc... Sono un pedagogista e ho usato tantissimo i giochi nei miei interventi formativi, di cui ho lasciato traccia nel mio articolo "Un brigante a scuola". Ho usato Dixit in un corso di formazione su Teorie e metodi della comunicazione, ho usato alcuni giochi Haba per approfondire il tema della cooperazione, ho usato giochi antichi per spiegare il fenomeno degli scambi interculturali, il gioco è cultura eccome.
Ma c'è un però; non credo che tutti i giochi siano da considerarsi allo stesso livello ed è quindi ovvio che passare intere giornate sui siti dedicati e "perdere tempo e denaro" per seguire tutti i giochi di tutti gli autori e comprare l'espansione numero 9 dove c'è la tessera del "Potere assoluto", non possiamo chiamarla in altro modo che patologia, come in tutte le cose. Ma tornando alla differenza dei giochi, non riesco, da pedagogista, a mettere sullo stesso piano il già citato Dixit che sviluppa capacità interpretative, inferenziali, di gestione delle emozioni e immaginative con, ad esempio, mi scuseranno i fan, un Munchkin che oltre all'aspetto ricreativo offre poca sostanza.
C'è una bibliografia infinita sul valore sociale del gioco e una altrettanto infinita sulle valenze formative del gioco per sviluppare abilità cognitive come la memoria, l'attenzione, la flessibilità, ecc...
Il gioco trasmette valori ed è per questo che è culturale: se perdo la giornata davanti alle slot machine o con i gratta e vinci e altri giochi d'azzardo basati sulla fortuna, ecco che questi "oggetti ludici" mi trasmettono un'idea della vita come determinata dal caso e dalle speranze riposte in un dio benevolo; ma se mi applico con giochi di logica, strategia, calcolo, ecc, allora vedo la vita come determinata dalle mie capacità e abilità e sono spronato a migliorare continuamente. La mente si modella in base a ciò a cui si applica.

Ciao Doncarlos, grazie per il tuo commento che risolve molti dubbi sull'argomento e l'uso pratico che tu stesso fai di alcuni titoli dimostra le tante possibilità che vanno oltre il semplice conteggio dei punti. Condivido il fatto che non tutti i giochi hanno qualità tali per essere strumento di apprendimento e discussione, ma come scritto da un altro amico, non tutti i libri sono belli, non tutti i libri sono Cultura. Certo, anche il più critico fra noi risponde positivamente alla domanda e siamo tutti d'accordo che i giochi sono Cultura, resta la parte più difficile, convincere anche chi giocatore non è ritenendo il gioco da tavolo un semplice passatempo (che va bene, sia chiaro) ma non riesce a vedere oltre.
PS.: Dixit è un gioco stupendo, quando l'ho portato da amici ha coinvolto tutti, padri e figli, ed è stato davevro divertente osservare come l'immaginario sia un territorio vastissimo.

Meglio vincere o partecipare? Qualche volta è meglio guardare

Il rapporto tra gioco e cultura è un discorso estremamente complesso e vasto, tant'è che è stato affrontato già quasi un secolo fa dallo storico-antropologo Johan Huizinga nel suo celebre testo Homo Ludens, primo vero studio sul gioco che la letteratura conosca. Huizinga sosteneva che non solo il gioco è una forma di cultura, ma addirittura che ne sia un generatore ancor prima che un suo prodotto: «la cultura sorge in forma ludica, la cultura è dapprima giocata. […] Nei giochi e con i giochi la vita sociale si riveste di forme soprabiologiche che le conferiscono maggior valore. Con quei giochi la collettività esprime la sua interpretazione della vita e del mondo. Dunque ciò non significa che il gioco muta o si converte in cultura, ma piuttosto che la cultura, nelle sue fasi originarie, porta il carattere di un gioco, viene rappresentata in forme e stati d’animo ludici. In tale “dualità-unità” di cultura e gioco, il gioco è il fatto primario, oggettivo, percettibile, determinato concretamente; mentre la cultura non è che la qualifica applicata dal nostro giudizio storico al dato caso».

//www.goblins.net/images/tdg_modules/tdgorg/affiliate/tdg_pescara_logo310.gif)

Grazie Rayden per il tuo commento, non conosco Huizinga e il suo libro ma vedrò di procurarmene una copia, quando ho letto la citazione mi sono chiesto "ma quanto spendeva in giochi Johan", pensando da dove sono partito a scrivere l'articolo. Anche io ho una citazione, sicuramente meno colta della tua, ma che sostiene la stessa tesi, dal film "Il Piccolo Lord" quando il ragazzino dice al dispotico nonno di essere stato nella sala dei giochi, questi sottolinea che "i giochi preparano a quel grande gioco che è la vita". Ebbene sì, sono un fan di questo film natalizio per eccellenza, per me è come una pillola da prendere sempre qualche giorno prima delle feste, mi fa bene alla salute. Come giocare.

Meglio vincere o partecipare? Qualche volta è meglio guardare

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare