Kamozza: anteprima Essen 2016

Anteprime
Giochi

La seguente anteprima è basata sulla sola lettura delle regole e le conseguenti prime impressioni. In nessun modo ha valore di recensione


Regolamento inglese: https://www.boardgamegeek.com/filepage/135117/kamozza-en

La seguente anteprima è basata sulla sola lettura delle regole e le conseguenti prime impressioni. In nessun modo ha valore di recensione


Regolamento inglese: https://www.boardgamegeek.com/filepage/135117/kamozza-en

IL GIOCO

Semplice giochino in cui occorre caricare le stive delle navi senza eccedere nel loro massimo carico. Il turno è semplice: in pratica ogni giocare sceglie una carta merci con un peso e la gioca coperta indicando se va nella stiva A o B, poi tutti scoprono e si definisce chi riesce a caricare la propria merce. Se il carico totale di tutte le carte in una stiva non supera il peso massimo tutti caricano e fanno punti vittoria uguali al peso della carta che riescono a caricare. Altrimenti nessuno fa punti e si scartano le carte giocate. Ci sono poi carte con caratteristiche speciali (ad esempio il pulcino che mangia l'oro, ovvero azzera il peso dell'oro). Esiste anche una variante (poco variante e molto simile al base in realtà) che permette anche di considerare le merci dello stesso tipo che si annullano a vicenda, inoltre sono inserite ulteriori carte speciali che danno un pizzico di brio in più.

PRIME IMPRESSIONI

Gioco semplicissimo che però basa tutto su un'informazione segreta, segreta a tutti. Ovvero non sapendo le carte che possono avere gli avversari, anche con ragionevole approssimazione, tutto è casuale e fare punti sembra essere del tutto randomico. Insomma per quanti sforzi si facciano per calcolare quale carta merce sia più adeguata giocare, non si potrà mai sapere nulla di più di quello che vedete in mano vostra. Potrebbe piacere come filler, ma onestamente offre davvero poco.

Commenti

A parte l'inesattezza co(s)mica di scambiare un ratto per un pulcino c'è una grossa incomprensione(!) di fondo da parte dell'anteprimista.
Non è assolutamente vero come scritto che fare punti è "del tutto randomico", e anche la frase "non si potrà mai sapere nulla di più di quello che vedete in mano vostra" è...uhm....sto cercando le parole buone per dirlo... :D
Nell'attesa mi limito a dire che, contrariamente a quanto scritto, di informazioni ce n'è un bel po'.
Cominciamo con il dire che i giocatori hanno TUTTI un set fisso di 7 carte con valori diversi ma prefissati. Che le navi sono poste in due file le quali hanno rispettivamente due range: uno è 8-23 l'altro è 30-45.
Quindi cominciamo pure con il capire che quando esce una nave possiamo verificare che cosa succede se tutti carichiamo il massimo, che equivale a due merci a testa, oppure il minimo: una merce a testa. Massimo e minimo caricabili da ogni giocatore sono fissi all'inizio, dato che ognuno può caricare qualsiasi carta del proprio set (che ricordiamoci è di 7 carte). Ma poichè le carte merci spedite (o affondate) non si riprendono in mano, è del tutto evidente che ad ogni mano che passa le possibilità in mano ai giocatori diminuiscono. E ogni giocatore sa perfettamente quali merci sono state spedite e quindi quali siano rimaste in mano.
A questo si aggiunga il fatto che al momento di giocare una carta sappiamo quante carte sono state giocate da chi ci ha preceduto, 1 o 2, prima di decidere quante carte spedire. (ogni turno il primo giocatore ruota di una posizione permettendo a tutti di essere primo una volta - due in tre giocatori).
Poi chiaro, è un gioco di bluff, di memorie, di deduzione e di risk managing...ma dire "gioco semplicissimo che però basa tutto su un'informazione segreta, segreta a tutti" è proprio sbagliato.

Esistono persone che, con la scusa dell'elitarismo, vorrebbero livellare tutto verso il basso.
E tu innalzati, invece.

Commento sgarbato ed inappropriato, conoscendo l'autore del pezzo mi pare proprio esagerato.
C'è modo e modo di far notare certe cose con garbo ed intelligenza magari integrando le notizie e completando l'anteprima e sopratutto mi sembra proprio squallido dare addosso a chi si adopera per dare un servizio ed un contributo alla comunità.

"L'uomo non smette di giocare quando invecchia , ma invecchia quando smette di giocare"

Chiedo scusa per le inesattezze, ma quando scrissi la antemprima avevo solo un regolamento tradotto molto male. Forse ora ci sono molte più informazioni. All'inizio di agosto mi sono limitato a prendere quel che ho trovato. Sicuramente la mia anteprima è più riduttiva e a tratti poco esatta sulla base informazioni che oggi ci sono del gioco. Rischio del mestiere. Capita anche di sbagliare, prima ancora, capita di lavorare su materiale incompleto (o che risulta tale dopo un mese).

Chiedo quindi scusa a chi è stato portato a pensare che il gioco fosse un brutto gioco in base alle mie parole. Chiedo scusa a quanti si sono sentiti oltraggiati, ma ero in buona fede, quella buona fede che sta dietro a chi fa un certo tipo di lavoro, perché di lavoro si tratta. Meglio che qualcuno si sia accorto dell'errore e abbia informato gli altri per dare un servizio più completo. Posso implementare le nuove informazioni più chiare del regolamento che ho letto ed integrare l'anteprima, posso farlo dopo mercoledì spero si possa aspettare.

A questo punto lasciando le anteprime che ho già mandato, potrebbe essere meglio che questo impegno lo prendano altri. Perché in effetti il tono è forse un po troppo esacerbato. Ma dico forse perché in fondo sbagliare capita sempre soprattutto quando si fa qualcosa. Alla fine una macchia sul mio curriculum ci sta anche bene, insieme alle altre intendo. Mi impegnerò per migliorare, abbiate solo pazienza.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare