La storia di Bjorn Borg al torneo di Rising Sun

Rising Sun: tabellone

Cronaca semiseria di una partita all'ultimo, discusso gioco di Eric Lang.

Report
Giochi
Giochi collegati:
Rising Sun

Il seguente report andrebbe letto così: prima ho scritto io (Alexandor) il mio testo iniziale e poi l’avvocato ha aggiunto le  barrature su alcune mie righe  rigirandomi l’intero testo e ha scritto sempre le correzioni di sua mano creando una sorta di controreport (nel box).  Dopodichè in calce, in corsivo, Tomas (il Politico della storia) ha aggiunto altra carne al fuoco.

Ohhh ieri sera partitone. Mi è stato chiesto espressamente di scrivere 2 righe sugli accadimenti perché in effetti meritavano davvero.
La cito sempre:

come scrissero i napoletani sui muri dei cimiteri allo scudetto di Maradona
MA CHE VI SIETE PERSI” e la rivolgo a tutti coloro che non hanno potuto partecipare.

Lo farò alzandomi presto al mattino , nonostante ieri sera si sia sforata l’una di notte abbondante ed oggi ci sia una giornata di lavoro che mi aspetta e gli accadimenti di ieri sera non mi abbiano fatto dormire per nulla sonni tranquilli.
Iniziamo col dire i partecipanti ; praticamente i Village People con un componente in mutua:

  • Il politico – ruolo ricoperto da Tomas VERDI TARTARUGHE
  • L’avvocato – ruolo ricoperto da Luca  ARANCIO FOX
  • Il Poliziotto – Ruolo ricoperto da Candido Morini ROSA Lotus
  • Il Facchino – ruolo ricoperto da Alessio Sausage Killer GIALLI Bonsai
  • L’impiegatuzzo - Me medesimo Farnix AZZURRI i POLLI PIUMATI
5 è un numero favoloso per giocare a Rising Sun e accade di rado. 

Ci buttiamo a capofitto in quella che alla fine definirò la partita delle Porcate Assolute.

Alessio torna dopo un assenza di ben 3 settimane vissuta drammaticamente da tutto il gruppo, temevamo il peggio e invece torna con gli acciacchi che si notano solo quando fa il banchiere e allunga i gettoni con gridolini di dolore e scricchioli sinistri delle vertebre.
La disposizione in campo mi invita ad una naturale alleanza con Tomas che tra l’altro inizia lo show fingendosi improvvisamente malato di Alhzeimer e teatralmente mostra preoccupazione  di non ricordarsi le regole….iniziamo bene la pantomima con un paio di domandine fuorvianti condite da sorrisini ironici.

Capiamo bene che il nostro Tomas in questi anni di assenza non è affatto cambiato o arrugginito come si crede ma anzi, le sue peculiarità si sono rinsaldate. E’ fortissimo , scaltro doppiogiochista ma la sua arma migliore è la macchinazione , il bluff e la politica…. e presto ne avremo l’ennesimo saggio al tavolo. Da anni è assente dalla taverna, la partita a Battlestar Galactica è ancora leggenda.

Partiamo maluccio con la nostra alleanza ed in particolare Tom si vede partecipe di una partenza alquanto maldestra. Perde alcuni territori e per quanto possa sembrare strano Moro procede a vele spiegate con alcune carte del nuovo set Montagna davvero potenti.

Poi accade qualcosa che spezza l’aurea al tavolo. La scintilla della serata. C’è uno scontro che sembra irrisorio e di poco conto fra l’Avvocato e il Moro.
Bastavano poche monetine al Moro per aggiudicarsi battaglia e relativo token ma inspiegabilmente regala al giocatore che + gode della mia stima fra tutti,  una valanga di soldi. Robe da non credere: avvantaggi senza motivo alcuno il giocatore + formidabile. Ammette di non aver realizzato le conseguenze.  L’avvocato dopo aver rovesciato sul tavolo con il potere del clan FOX ben 5 miniature ora si ritrova con una dozzina di monetine tonanti regalate scelleratamente e ingenuamente da Moro….mi scatta qualcosa di irrefrenabile. Lo insulto e lo taccio di essere un giocatore veramente pessimo.  Si incazza per le mie parole. La sua mossa è letteralmente destabilizzante. Sposta tutti gli equilibri in gioco. L’aria si fa pesante. Ci scanneremo o forse no.

L’avvocato se la sogghigna e ringrazia il suo finanziatore. Da lì trattiamo male Morini che si chiude a riccio e incassa i nostri sfottò.  Sfodera improvvisamente una strabiliante fascia elastica ADIDAS in testa e verrà soprannominato Bjorn BORG. Sembriamo una gabbia di matti. La bandana forse ha causato un arresto del flusso sanguigno e la sua mossa può essere dipesa da questo piccolo particolare. 

Comunque sia alla fine della prima fazione abbiamo piazzato bene Moro , pure Tomas incredibilmente non è messo malissimo e poi l’avvocato. Io e Alessio realizziamo un turno anonimo , probabilmente messo bene io in prospettiva ma nulla di che.

A questo punto le alleanze della seconda stagione cambiano e Tomas vede bene di allearsi col Moro: dice che hanno interessi in comune , che gli piace Castello a entrambi e apprezzano il caviale. Con queste tenere cose condivise e altri territori da spartirsi di comunella si alleano. Moro giocherà 1 turno in + in questa stagione quindi al Tomas ogni scusa è buona per accaparrarsi l’alleato + conveniente.

Poi sul finale dell’ Estate vedo vaccate che nessuno mai. Tomas alleato di Moro che lo vuole tradire cioè vuole abbandonare al suo destino l’anatroccolo Morini e lo sfotte pure!?!?  la cosa mi pare davvero bieca e senza cuore , la crocerossa dovrebbe essere protetta non ammazzata , le parole , le macchinazioni e la paventata Betray di Tomas ai danni di un Morini abbacchiato e ricoperto di insulti smuovono la mia sensibilità umana.
A rifletterci avrebbe avvantaggiato ulteriormente l’Avvocato in quel momento alleato di Alessio e comunque il fatto che si preparava a tradire di lì a poco era ormai chiaro e limpido. Aveva trattato il poveretto come una vecchia baldracca e l’avrebbe lasciato agonizzante ai bordi della strada noncurante del suo pianto disperato.

Tomas e Luca quindi giocano a spartirsi spudoratamente 3 territori giocando dentro un alleanza come se fossero già in un altro paio di scarpe. Tomas stava già in combutta con l’avvocato , roba: giochi doppiogiochi tripli giochi e altre amenità umane. Politicamente si teneva in 3 scarpe pronto ad adattarsi a qualunque numero di suola! Luca lo sapeva.  Le parole sottili e affilate che volano fanno traboccare il vaso.  Invoco l’associazione LIBERA TERRA.
A casa Farnè è MAFIA anzi èèèèèèèèè YAKUZAAAAAAAAA!!!!!!!!

Mi scatta qualcosa dentro.

Mi sento improvvisamente in core Peppino Impastato da Osteria Grande (o se volete un Masamune Shirow laqualunque) e decido che dopo aver visto questi sporchi giochini devo far vincere la prima partita a Morini a Rising Sun.  Dopo questa ,se la mafia mi uccide, in fondo mi avrebbero intitolato una via nel mio paesello di provincia. Alessio sarà il mio ispettore Coliandro. Tutto è deciso.

Switcho il cervello in modalità Super ON e decido che Moro DEVE vincere. E’ la sua serata , è in testa inaspettatamente e sta giocando come mai nella vita e anche se ci ha fatto un brutto scherzo  in definitiva la mossa si è rivelata davvero destabilizzante e può essere una base di partenza.
Finalmente nell’autunno rosso sangue le carte vengono svelate per quello che sono e avvocato e politico(per chi non lo avesse capito la parte malvagia della storia J ) si alleano.

Alessio e Moro ,parte debole e strappalacrime di questo racconto a metà tra Cuore e un racconto breve di Saviano, sono gli altri alleati. 

Io sempre solo , quella solitudine che accompagna coloro che decidono di combattere le ingiustizie in una terra ormai pervasa dall’omertà e dai metodi mafiosi tipo i pizzini che girano su WATS APP per non far capire agli avversari le proprie intenzioni (l’isola a me e Hakkaido a te) , sono solitario come gli eroi della Marvel  o come i paladini della giustizia che vanno incontro alla loro morte impavidi , sto lentamente realizzando che farò certamente….
 
SSSSSSSSSeppppukkuuuuuuu!!!!!!!   (per chi è ignorante di JAPPI è un HARAKIRI e ci si trafigge il duodeno con la KATANA per fare punti vittoria)
L’avvocato e il politico mi stuprano la strategia delle carte virtù facendone razzia e impedendomi di avere alcuna velleità di vittoria finale. Mi incazzo a bestia ma è il gioco e la pressone schizza a livelli inverosimili. Adrenalina a fiumi.  Felici del loro perfetto operato si fanno beffe di me ma risvegliano la bestia , il Daikaiju che ribolle lava pura nelle vene. Arriva GODZILLA!!!!!!!!!!
 
Mi scateno in una serie di consigli spassionati e almeno 2 mosse fantastiche per bloccare l’avanzata dell’ombra oscura del male.  La terza stagione della serie Bjon Borg – True Boardgamer è un tripudio di splendide mosse.
Sostituisco un mostrone Dragone sul quale Tomas faceva affidamento con un Betray e vinco un altro territorio ai suoi danni grazie al Kami dei tamburelli. Tomas suda freddo , gli impedisco 10 punti buoni per i 2 territori e altri 6 punti per i token. Un danno devastante. Gioisco nel vedere dispersa la loro baldanza.

E’ solo un attimo.

Ahimè a questo gioco si vince con le carte (l’avvocato annuisce) e la scelta del nostro amato poliziotto di non puntare 3 Shinto sul Kami delle carte regala in tempi non sospetti la carta Stronghold al politico che gli varrà 9 punti finali. Saranno determinanti.
Il distacco finale fra Tomas e Candido sarà di “soli” 11 punti.
Posso accettare la sconfitta, ma non posso accettare di rinunciare a provarci.
Io ce l’ho messa tutta ma davvero Tomas è stato troppo forte.
Moro scusa ma ricordati che a volte quando si perde si vince.

  • 1° Tomas
  • 2° Moro
  • 3° Luca
  • 4° Io
  • 5° Alessio

Grazie Tomas perché davvero con te le partite sono di un altro livello. Rising Sun gioco impressionante con i suoi pregi e i suoi difetti è davvero un capolavoro per quello che crea. Finanzierò altri progetti di Lang se sono tutti così. E comunque 100.000 spanne sopra a Blood Rage.

PS FINALE

Diranno che non ho capito il gioco. Statene certi gente, loro sono i cattivi della storia. Io però sono colui che la narra e per una volta i perdenti scriveranno la storia. BUUUMMMMM!!!!!

PPS ci ho ripensato
Leggere questo è + divertente di un numero di IoGioco?
Morini il Poliziotto (Bjorn Borg):
92 minuti di applausi

Luca “l’Avvocato”:
Complimenti davvero. Però ho fatto alcune revisioni.
(Il controreport dell’avvocato)

Ohhh ieri sera partitone. 
Mi è stato chiesto espressamente di scrivere 2 righe sugli accadimenti perché in effetti meritavano davvero.
La cito sempre: come scrissero i napoletani sui muri dei cimiteri allo scudetto di Maradona “MA CHE VI SIETE PERSI” e la rivolgo a tutti coloro che non hanno potuto partecipare.

Lo farò alzandomi presto al mattino , nonostante ieri sera si sia sforata l’una di notte abbondante ed oggi ci sia una giornata di lavoro che mi aspetta e gli accadimenti di ieri sera non mi abbiano fatto dormire per nulla sonni tranquilli. 
Iniziamo col dire i partecipanti; praticamente i Village People con un componente in mutua:

  • Il politico – ruolo ricoperto da Tomas  VERDI TARTARUGHE
  • L’avvocato – ruolo ricoperto da Luca ARANCIO FOX
  • Il Poliziotto – Ruolo ricoperto da Candido Morini ROSA Lotus
  • Il Facchino – ruolo ricoperto da Alessio Sausage Killer GIALLI Bonsai 
  • L’impiegatuzzo - Me medesimo Farnix AZZURRI i POLLI PIUMATI

5 è un numero favoloso per giocare a Rising Sun e accade di rado. 

Ci buttiamo a capofitto in quella che alla fine definirò la partita delle porcate assolute giocata secondo le regole, tranne un’alleanza a tre tanto inusuale quanto, alla fine dei conti, inutile.

Alessio torna dopo un assenza di ben 3 settimane vissuta drammaticamente da tutto il gruppo, temevamo il peggio e invece torna con gli acciacchi che si notano solo quando fa il banchiere e allunga i gettoni con gridolini di dolore e scricchioli sinistri delle vertebre. E nessuno che si è offerto di fare il banchiere al posto suo: bel gruppo di amici.
La disposizione in campo mi invita ad una naturale alleanza con Tomas che tra l’altro inizia lo show fingendosi improvvisamente malato di Alhzeimer e teatralmente mostra preoccupazione di non ricordarsi le regole….iniziamo bene la pantomima con un paio di domandine fuorvianti condite da sorrisini ironici.

Capiamo bene che il nostro Tomas in questi anni di assenza non è affatto cambiato o arrugginito come si crede ma anzi, le sue peculiarità si sono rinsaldate. E’ fortissimo , scaltro doppiogiochista ma la sua arma migliore è la macchinazione , il bluff e la politica…. e presto ne avremo l’ennesimo saggio al tavolo. Da anni è assente dalla taverna, la partita a Battlestar Galactica è ancora leggenda.
Partiamo maluccio con la nostra alleanza ed in particolare Tom si vede partecipe di una partenza alquanto maldestra. Perde alcuni territori e per quanto possa sembrare strano Moro procede a vele spiegate con alcune carte del nuovo set Montagna davvero potenti.
Poi accade qualcosa che spezza l’aurea al tavolo. La scintilla della serata. C’è uno scontro che sembra irrisorio e di poco conto fra l’Avvocato e il Moro.

Bastavano poche monetine al Moro per aggiudicarsi battaglia e relativo token ma inspiegabilmente regala al giocatore che + gode della mia stima fra tutti, una valanga di soldi. Robe da non credere: avvantaggi senza motivo alcuno il giocatore + formidabile. Ammette di non aver realizzato le conseguenze. L’avvocato dopo aver rovesciato sul tavolo con il potere del clan FOX ben 5 miniature (e dopo aver rintuzzato il primo tentativo serale di stravolgere il regolamento, tentativo coltivato da chi voleva fargliene mettere soltanto una) ora si ritrova con una dozzina di monetine tonanti regalate scelleratamente e ingenuamente da Moro….mi scatta qualcosa di irrefrenabile. Lo insulto e lo taccio di essere un giocatore veramente pessimo. Si incazza per le mie parole. La sua mossa è letteralmente destabilizzante. Sposta tutti gli equilibri in gioco. L’aria si fa pesante. Ci scanneremo o forse no.

L’avvocato se la sogghigna e ringrazia il suo finanziatore. Da lì trattiamo male Morini che si chiude a riccio e incassa i nostri sfottò. Sfodera improvvisamente una strabiliante fascia elastica ADIDAS in testa e verrà soprannominato Bjon BORG.  Sembriamo una gabbia di matti. La bandana forse ha causato un arresto del flusso sanguigno e la sua mossa può essere dipesa da questo piccolo particolare.

Comunque sia alla fine della prima fazione abbiamo piazzato bene Moro, pure Tomas incredibilmente non è messo malissimo e poi l’avvocato. Io e Alessio realizziamo un turno anonimo, probabilmente messo bene io in prospettiva ma nulla di che. A questo punto le alleanze della seconda stagione cambiano e Tomas vede bene di allearsi col Moro: dice che hanno interessi in comune , che gli piace Castello a entrambi e apprezzano il caviale. Con queste tenere cose condivise e altri territori da spartirsi di comunella si alleano. Moro giocherà 1 turno in + in questa stagione quindi al Tomas ogni scusa è buona per accaparrarsi l’alleato + conveniente.

Poi sul finale dell’ Estate vedo vaccate che nessuno mai. Tomas alleato di Moro che lo vuole tradire cioè vuole abbandonare al suo destino l’anatroccolo Morini e lo sfotte pure!?!? la cosa mi pare davvero bieca e senza cuore conforme in tutto e per tutto al regolamento di un gioco in cui vince uno solo, la crocerossa dovrebbe essere protetta non ammazzata , le parole , le macchinazioni e la paventata Betray di Tomas ai danni di un Morini abbacchiato e ricoperto di insulti smuovono la mia sensibilità umana.

A rifletterci avrebbe avvantaggiato ulteriormente l’Avvocato in quel momento alleato di Alessio e comunque il fatto che si preparava a tradire di lì a poco era ormai chiaro, limpido e del tutto regolare. Aveva trattato il poveretto come una vecchia baldracca e l’avrebbe lasciato agonizzante ai bordi della strada noncurante del suo pianto disperato.

Tomas e Luca quindi giocano a spartirsi spudoratamente 3 territori giocando dentro un alleanza come se fossero già in un altro paio di scarpe sciolti da ogni precedente obbligo verso gli ex alleati. Tomas stava in combutta già realizzando un legittimo piano di intesa raggiunto con l’avvocato , roba di giochi, doppi giochi, tripli giochi e altre amenità umane del tutto ordinaria. Politicamente si teneva in 3 scarpe pronto ad adattarsi a qualunque numero di suola! Luca lo sapeva. Le parole sottili e affilate che volano fanno traboccare il vaso. Invoco l’associazione LIBERA TERRA.

A casa Farnè è MAFIA anzi èèèèèèèèè YAKUZAAAAAAAAA!!!!!!!!

Mi scatta qualcosa dentro.

Mi sento improvvisamente in core Peppino Impastato da Osteria Grande (o se volete un Masamune Shirow laqualunque) e decido che dopo aver visto questi sporchi giochini, con grave ritardo, una mirabile strategia condotta secondo il regolamento, devo dimenticarmi delle regole e far vincere la prima partita a Morini a Rising Sun. Dopo questa ,se la mafia mi uccide (ma la mafia uccide solo d’estate), in fondo mi avrebbero intitolato una via nel mio paesello di provincia. Alessio sarà il mio ispettore Coliandro. Tutto è deciso.

Switcho il cervello in modalità Super ON e decido che Moro DEVE vincere. E’ la sua serata , è in testa inaspettatamente e sta giocando come mai nella vita e anche se ci ha fatto un brutto scherzo in definitiva la mossa si è rivelata davvero destabilizzante e può essere una base di partenza.
Finalmente nell’autunno rosso sangue le carte vengono svelate per quello che sono e avvocato e politico (per chi non lo avesse capito la parte asseritamente malvagia di questa visione distorta della realtà) si alleano.

Alessio e Moro ,parte debole e strappalacrime di questo racconto a metà tra Cuore e le memorie dei gerarchi fascisti dopo l’8 settembre e un racconto breve di Saviano e una deposizione di Luciano Liggio al maxi-processo, sono gli altri alleati. 

Io sempre solo come coloro che decidono di combattere le ingiustizie, quella solitudine che accompagna coloro che hanno fatto i primi turni talmente bene da non esser considerati dagli altri giocatori in una terra ormai pervasa dalla omertà e dai metodi mafiosi comei pizzini che girano su whatsapp per non far capire agli avversari le proprie intenzioni (l'isola a me e Hokkaido a te) voglia di farla finita e mangiare la torta, che tanto la vittoria di Tomas era inevitabile, sono solitario come gli eroi della Marvel o come i paladini della giustizia che vanno incontro lala loro morte impavidi tutto sommato meritavi, sto lentamente realizzando che farò certamente….

SSSSSSSSSeppppukkuuuuuuu!!!!!!! (per chi è ignorante di JAPPI è un HARAKIRI e ci si trafigge il duodeno con la KATANA per fare punti vittoria).

L’avvocato e il politico mi stuprano la strategia delle carte virtù facendone razzia e impedendomi di avere alcuna velleità di vittoria finale. Cerco di prendere una carta che non mi serve soltanto per rompere le balle, e con la stessa moneta vengo ripagato perché quella carta non mi servirà a niente di niente. Mi incazzo a bestia ma è il gioco e la pressone schizza a livelli inverosimili. Adrenalina a fiumi. Felici del loro perfetto operato si fanno beffe di me ma risvegliano la bestia , il Daikaiju che ribolle lava pura nelle vene. Arriva GODZILLA!!!!!!!!!!.

Mi scateno in una serie di consigli spassionati non richiesti e almeno 2 mosse fantastiche per bloccare l’avanzata dell’ombra oscura del male. Leggendo sotto il nome di chi ha vinto capirete a quanto sono servite. La terza stagione della serie Bjon Borg – True Boardgamer è un tripudio di splendide mosse.
Sostituisco un mostrone Dragone sul quale Tomas faceva affidamento con un Betray e vinco un altro territorio ai suoi danni grazie al Kami dei tamburelli. Tomas suda freddo , gli impedisco 10 punti buoni per i 2 territori e altri 6 punti per i token. Un danno devastante. Gioisco nel vedere dispersa la loro baldanza. Sì, qui bisogna ammettere che è stata una mossa magistrale (fermo restando che non ci si poteva alleare in tre, ma lasciamo correre).

E’ solo un attimo, forse meno.

Ahimè a questo gioco si vince con le carte (l’avvocato annuisce) e la scelta del nostro amato poliziotto di tutta la vostra inammissibile alleanza di non puntare 3 Shinto sul Kami delle carte regala in tempi non sospetti la carta Stronghold al politico che gli varrà 9 punti finali. Saranno determinanti.
Il distacco finale fra Tomas e Candido sarà di “soli” 11 punti.

Posso accettare la sconfitta, ma non posso accettare di rinunciare a provarci quella che è stata una vera disfatta.
Io ce l’ho messa tutta ma davvero Tomas è stato troppo forte.
Moro scusa ma ricordati che a volte quando si perde si vince.
1° Tomas
2° Moro
3° Luca
4° Io
5° Alessio

Grazie Tomas perché davvero con te le partite sono di un altro livello. Rising Sun gioco impressionante con i suoi pregi e i suoi difetti è davvero un capolavoro per quello che crea. Finanzierò altri progetti di Lang se sono tutti così. E comunque 100.000 spanne sopra a Blood Rage.
PS FINALE Diranno che non ho capito il gioco ho stuprato il regolamento. Statene certi gente, loro sono i cattivi della storia, così come tutti i nativi americani erano cattivi agli occhi del generale Custer. Io però sono colui che narra e per una volta i perdenti scriveranno la storia il generale Custer, e quindi potete serenamente seppellire il mio cuore a Wounded Knee.

PPS ci ho ripensato Leggere questo è + divertente di un numero di IoGioco?

PPPS non era vero
Se avete fatto delle altre foto giratemele in particolare Alessio se ne hai di Tomas. Grazie.
Alessandro Farne'

Risposta di Tomas: Il Politico
E’ incredibile. Si … è proprio incredibile come il solo interpretare lo spirito di un gioco possa consentire a finti perbenisti (e dopo ne avrete la prova) di raccontare in maniera così distorta dei FATTI che ben altre 4 persone hanno potuto vedere e valutare.

Ma andiamo con ordine:

Nei primi minuti delle serata pongo un paio di semplicissime domande per rinfrescarmi le idee. Lo faccio esclusivamente con il solo spirito di GRUPPO! … al fine di non essere elemento rallentatore del gioco o peggio ancora una mina vagante della serata. Tutto qui ….

La partita comincia con la prima fase del the … nella quale Moro e Alessio decidono di allearsi per sfruttare al meglio la doppia azione iniziale in alleaza a danno di tutti gli altri. Un inizio potenzialmente bestiale per tutti (e in parte lo sarà) per cui decido di proporre l’alleanza all’impiegatuzzo (mai definizione migliore) che era mio vicino di casa sia di posizione al tavolo (io avrei giocavo per terzo e lui per quarto) sia di territori sul campo. Questo per due ragioni: la prima per rispondere all’uno-due devastante di Moro-Alessio, secondo perché scelgo volutamente di far iniziare l’avvocato privo di alleati per limitarne il suo potenziale che è unanimemente conosciuto.

A metà della prima fase io ho già commesso un errore clamoroso: sbaglio il posizionamento dei miei Shinto e lancio il Moro/Borg che prende un grande vantaggio e schizza in avanti. Questo errore mi demoralizza. In particolare perché il mio alleato NEANCHE ME LO DICE! Avete capito??? Anzi, nel fase procedente il mio (finto) allegato SUGGERISCE PALESEMENTE al Moro il piazzamento ideale degli Shinto!!!! ….. E il malefico sarei io! ma questo è ancora niente. Andiamo avanti.

All’inizio della seconda fase si rifanno le alleanze (non lo dice la politica scorretta e falsa …. lo dice il REGOLAMENTO del gioco). Decido di tener fede al mio ragionamento inziale: niente alleanza con l’avvocato. Per cui la scelta rimane tra Alessio e Moro. Alessio era palesemente in fase di convalescenza e vagava al tavolo ascoltando chiunque aprisse bocca. Di allearsi nuovamente con l’impegatuzzo non l’avrebbe fatto neanche Maria Teresa di Calcutta. Per cui, nonostante la riluttanza dettata dalla fascia Adidas, non rimaneva altra opzione che proporre al tennista una alleanza assolutamente naturale di cui potremmo beneficiarne ENTRAMBI. Moro, concentratissimo come non mai, ne coglie il potenziale e accetta (ripeto: accetta! Nessuno gli ho mostrato la carabina)

La seconda fase gira velocissima senza nessuno Shinto mandato a pregare. Io e Borg ci troviamo a poter giocare le ultime due azioni della fase prima della guerra. Nello specifico io mi trovo a giocare l’ultima azione. Le opzioni di scelta sono pochissime e prendo in considerazione il TRADIMENTO. Ma sarebbe stato un tradimento TECNICO da quale ricavarne solo benefici. Anche il MORO! Infatti entrambi avevamo già goduto dei massimi benefici dell’alleanza e io (ovviamente, da gran signore quale sono) MAI avrei eliminato Bushi al Moro! Mai! Avrei eliminato Bushi ad Alessio e soprattutto all’avvocato che zitto zitto (tipico degli avvocati) si stava facendo pericoloso e ben piazzato. Io qui nonostante sarebbe stata la migliore mossa possibile, mi faccio convincere dall’impiegatuzzo che comincia una fila infinita di frasi fatte sulla morale e sui valori morali. Una roba che neanche il miglior DiBattista in comizio è capace di tanto. Per cui mi faccio convincere e NON TRADISCO il Borg.

Alla successiva fase di guerra, senza MAI danneggiare il mio alleato tennista, comincio (legittimamente) a prepararmi il terreno per la terza ultima fase. L’avvocato (che già nel match precedente si era dimostrato un ottimo gregario per la volata finale) comincia ad offrirmi birra, sguardi, paroline, gesti di una inevitabile e logica alleanza. Io semplicemente accetto.
 
A questo punto le alleanze sono: Tomas/Luca e Moro/Alessio. Bene. A questo punto l’impiegatuccio, anziché domandarsi come mai nessuno manifesta l’intenzione di allearsi con lui (io qualche domanda me la porrei) parte con il vero scandalo mafioso della serata: un vero e palese accanimento nei miei confronti. In pratica comincia uno scenario NON PREVISTO DAL REGOLAMENTO: una partita 3 con due. Alessio e Moro spengono il cervello e ogni loro azione viene pianificata e dettata dal loro PADRINO. Ammetto (io che sono una obiettivo, onesto e trasparente) che l’impiegatuzzo compie una fase finale da grande giocatore e mi rifila due colpi micidiali che stenderebbero chiunque. Mi vedo sfuggire la vittoria. Ma rimango calmo e grazie al sempre valido lavoro del mio gregario, vinco in volato grazie alle carte.

Questa è la foto emblema della serata: 
Un giocatore che non è alleato con nessuno dovrebbe giocare come “indipendente” .... bene .... questi sono i colpi inflitti da “mister legalità” con un betray . A sinistra ALESSIO, a destra il sottoscritto.

Commenti

Grande reportage!

Ma almeno sulla classifica finale siete d'accordo e in sintonia?

😂😂😂

Giocare fa bene!

Bellissimo resoconto, anzi tre!

È bello leggere di amici che si divertono giocando assieme e Rising Sun è il gioco più adatto! 😂

Bravi continuate così e rendeteci partecipi di altre vostre scaramucce!

I giochi dei bambini non sono giochi e bisogna considerarli come le loro azioni più serie. (Michel De Montaigne)

Bellissimo racconto e divertente testo alternativo a tre voci :-D vogliamo altri reportage delle vostre serate!!

Le regole sono fatte per essere ... modificate!

Giocone, birra e amici che si infamano e si malmenano. Meraviglioso :)

* Orto Mio!!! *

Borg vestiva Fila :)

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare