Recensioni su Axis & Allies Europe 1940Indice ↑

Articoli che parlano di Axis & Allies Europe 1940Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Axis & Allies Europe 1940Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Axis & Allies Europe 1940: Scarica documenti, manuali e fileIndice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Axis & Allies Europe 1940Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Axis & Allies Europe 1940 in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Axis & Allies Europe + Pacific 2a edizione Offro lotto di giochi indivisibile €120.00 No Spedizione Raffaele76 18/03/2017
[MI VENDO] Axis & Allies 1940 Europe + Pacific Offro lotto di giochi indivisibile €80.00 No Consegna a mano, Spedizione €10.00 dracolich 17/03/2017
Axis and allies Global Offro lotto di giochi indivisibile €180.00 No Consegna a mano, Spedizione salvio75 12/01/2017

Video riguardanti Axis & Allies Europe 1940Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotograficheIndice ↑

Axis & Allies Europe 1940: voti, classifiche e statisticheIndice ↑

Persone con il gioco su BGG:
2404
Voti su BGG:
1184
Posizione in classifica BGG:
773
Media voti su BGG:
7,55
Media bayesiana voti su BGG:
6,54

Voti e commenti per Axis & Allies Europe 1940

Voto gioco:
6

Al di là del giudizio impietoso, la recensione mette finalmente in luce tutti i limiti di un gioco
che avrebbe estremamente più senso se fosse online.
A&A ha dei difetti macroscopici e risulta divertente solo tra due giocatori inesperti.

Mi trovate anche su BGG. ^_^
Ho visto qualcuno impedire un Runaway Leader ed essere travolto da una Snowball

//encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQcbJHLVC6wNcuQXy5stVxG24LzqUgldtt96BXMMPA6-fcr_0PC)
http://www.noferplei.it

Voto gioco:
3

Longevità: 0
Regolamento: 0
Divertimento: 1
Materiali 1
Originalità: 0

Dalle singole voci verrebbe fuori un 2: per affetto alla serie andiamo a 3.

Quoto tutte le critiche della recensione.

Una delle peggiori edizioni deluxe (insieme a a&a pacific 1940) di sempre. Non si possono scrivere regolamento a caso completo. Non ai usano gli acquirenti per il play test. Dopo il mezzo passo falso del pacific è evidente che perseverare è diabolico.

Bocciatissimissimo!

Ritratto di Simone
Voto gioco:
7

Non sono assolutamente d'accordo con il recensore.
È un gioco di dadi, con fortuna e un minimo di strategia
È un A&A, quindi ha una preparazione del tavolo laboriosa e lunga, mai difficile.
Vedo anche che si parla male della versione global; non si menziona però che questa versione è tutt'ora soggetta a pesanti modifiche da parte dell'autore. Io ho giocato all'ultima versione e devo dire che avere un tabellone di oltre un metri di lunghezza e giocare con sei persone, fa una figura a 5 stelle, senza contare il cameratismo che di sviluppa tra giocatori asse ed alleanza.

Comprarlo solo se si tiene conto di quanto sopra, altrimenti esistono diversi wargame come alternativa a dadi fortunosi e setup lungo

7 al base
8 al Global in 6

[glow=red]« Nessun amico mi ha reso servigio, nessun nemico mi ha recato offesa, che io non abbia ripagati in pieno » Lucio Cornelio Silla[/glow]

Ritratto di Stonewall
Voto gioco:
2

Voto Global: 3 è fin troppo generoso. Come fa notare il recensore il regolamento è uscito fallato, modificato spesso è rimasto fallato fino alla fine. Un bel 2 per pietà: usate i pezzi per qualcos'altro.

--- per Jefferson Davis e la Confederazione! ---

Voto gioco:
4

Bello a vedersi.....e niente più.

//i.imgur.com/wfGqmRb.jpg)

Ritratto di darthMax
Voto gioco:
5

beh, de gustibus ... ci sono giochi che durano altrettanto ma per molti non è un problema
concordo con il recensore sulla durata e lo schifoso playtesting bacato, per questo assegno 5
ma difendo a spada tratta axis and allies, che se giocato con la compagnia giusta è un gran gioco
terminato con la versione Anniversary, ultimo vero espisodio (capolovoro) della saga.

Il resto? è un altra cosa, dovrebbe migrare on line come tutti i monster game

Voto gioco:
10

Nessun commento

Ritratto di MPAC71
Voto gioco:
10

(Considero la versione di A&A Europe SECOND EDITION) Decisamente migliorata rispetto alla precedente! WOW, in questa scatola - finalmente - ci sono molte unità italiane dettagliate e caratterizzate,
pezzi memorabili come i bombardieri italiani Piaggio P108 ed i caccia Macchi MC202. Anche le altre nazioni hanno una migliore componentistica, come i mezzi di trasporto truppe inglesi, i Beaufighter ed altre miniature splendide.
Il gioco non cambia di molto, questo è vero, ma con questo materiale non posso che migliorare il mio voto.
Tralascio il fatto che la mappa, associata con quella di Pacific 1940 (sempre SECOND EDITION) regala un emozionante colpo d'occhio.
Per certi versi, addirittura migliore della versione Anniversary.
Le partite sono molto lunghe: questo è un problema tipico di questo genere di boardgame. Ma si tratta di tempistiche che non scoraggiano gli appassionati della serie.
Perché il mio voto è un 10? Perché mi "ri-mangio" tutto ciò che di negativo avevo detto sulla precedente versione.......

"England expects that every man will do his duty" (H.Nelson)

Voto gioco:
8

Nessun commento

Ritratto di MaMart
Voto gioco:
6

Nessun commento

//www.mamart.net/mamart_logo_S.png)//www.mamart.net/zombicide_index/img/mamart_zombicide_logo_s.png)

Ritratto di Arthans
Voto gioco:
9

A&A Europe 1940 seconda edizione non è altro che la versione riveduta e corretta della prima edizione.
Le differenze rispetto al precedente sono presenti sia nel materiale che nei contenuti (regolamento e setup).
Iniziamo dal materiale. Per chi possiede la prima edizione le differenze sono veramente minime.
Sul tabellone sono presenti i marcatori per segnare la produzione industriale nazionale.
Le miniature italiane sono state ridisegnate totalmente. In precedenza alcune unità italiane raffiguravano unità militari tedesche, distinguibili soltanto dal colore. Ora tutte le miniature italiane rappresentano esclusivamente unità nazionali.
Sono state ridisegnate anche molte altre miniature appartenenti ad altre nazioni.
Tutte le artiglierie antiaeree sono state ridisegnate e colorate in base alla nazione di appartenenza per via della nuova regola sulle contraeree.
E’ stato incrementato il numero di miniature a disposizione per la maggior parte delle nazioni. L’autore parla di 50 pezzi in più totali, comprendendo anche la seconda edizione del Pacifico 1940.
Le modifiche al regolamento sono notevoli. Sono stati apportati dei cambiamenti al setup di partenza ed aggiunte delle nuove regole.
Le modifiche introdotte al setup vanno ad equilibrare il gioco, redendolo decisamente più giocabile.
Come per la precedente versione Europe e Pacific 1940 2th edizione possono essere uniti per formare un unico gioco, con il regolamento Global 1940 seconda edizione.
Le considerazioni sul setup e sul regolamento vengono fatte sulla base del Global 1940 seconda edizione.
Le operazioni a disposizione per il tedesco sono l’operazione Barbarossa (campagna di Russia) e Leone Marino(battaglia d’Inghilterra). Il tedesco non subisce dei grandi stravolgimenti di setup ed è in grado di portare a termine entrambe le operazioni utilizzando una giusta strategia. Sono stati modificati, eliminati ed aggiunti degli obiettivi nazionali.
Le modifiche apportate non hanno risolto un noto problema che affligge l’operazione Leone Marino. In caso di riuscita dell’operazione Leone Marino il tedesco a causa del grande sforzo economico non è più grado di tenere testa al russo. Il russo si può permettere il lusso di invadere la Germania senza che il tedesco abbia iniziato l’operazione Barbarossa.
Molto interessanti i due nuovi obiettivi per il tedesco in caso di conquista del Caucaso e del Medio Oriente.
In definitiva il tedesco dispone di due operazioni, entrambe con buone probabilità di riuscita, ma solo l’operazione Barbarossa è valida per il raggiungimento della vittoria.
Questo problema era risolvibile aggiungendo un forte bonus al tedesco in caso di presa di Londra, ma l’ultimo setup ha addirittura eliminato l’unico e minimo bonus pensato per l’operazione Leone Marino.
Il setup della 2th edizione è la versione alpha 3, più la modifica di un fante in meno per l’inglese in egitto.
Il nuovo setup italiano ha sicuramente migliorato le cose. L’Italia ha finalmente l’occasione di poter essere incisiva nel mediterraneo e non solo. L’occasione nella prima versione veniva meno in caso di attacco inglese alla flotta italiana. Mossa obbligatoria per l’inglese. Il nuovo setup iniziale consente all’Italia di potersi riprendere anche in caso di attacco inglese al primo turno. L’aggiunta del bonus petrolifero nel medio oriente rende per l’Italia più interessante il fronte asiatico.
Le modifiche apportate all’inglese sono state poche ma decisamente pesanti. L’inglese (europeo) perde uno dei due obiettivi a disposizione, purtroppo l’unico che poteva essere raggiunto. L’unico obiettivo rimasto (il mantenimento di tutti i territori originali) viene perduto al secondo turno ed è molto difficile da recuperare, salvo falsa partenza italiana.
L’inglese nel versante europeo può fare molto poco ed il suo contributo alla guerra sul versante europeo è minimo senza il contributo dell’americano. Sarebbe stato meglio mantenere il vecchio obiettivo della guerra sottomarina, magari aggiungendo un obiettivo per la liberazione della Francia. Le modifiche apportate al setup iniziale sono state fatte per evitare che l’attacco inglese alla flotta italiana non metta in ginocchio l’Italia. L’attacco a Taranto resta una mossa obbligata per l’inglese, ma gli effetti sono meno devastanti.
La Russia è decisamente equilibrata e sostanzialmente non ha subito delle grandi modifiche degne di nota.
L’America ha finalmente l’obiettivo in caso di liberazione della Francia.

Le nuove regole riguardano:
1)le contraeree - ora possono colpire fino ad un massimo di tre aerei nemici e sono conquistabili dalle unità di terra nemiche. Le contraeree, inoltre, possono essere utilizzate come perdite e partecipano solo in caso di combattimenti terrestri (no bombardamenti strategici). Fuoco non più differenziato per tipologia di aereo ma perdite scelte dall’attaccante.
2)il bombardamento strategico – La nuova dinamica punta a rendere meno pesanti gli effetti del bombardamento strategico. L’attaccante può far scortare i suoi bombardieri da dei caccia. Il difensore può far alzare i suoi tattici o caccia per difendere le sue basi. Le fasi di combattimento sono:
a) unico round di combattimento fra bombardieri/scorte vs caccia difensori. Le perdite scelte vengono eliminate immediatamente.
b) contraerea delle strutture (ora incluse sia nelle basi che nelle fabbriche) sui bombardieri attaccanti.
c) I bombardieri sopravvissuti colpiscono le strutture.

Le conclusioni:
Il gioco ora è decisamente più equilibrato e soprattutto giocabile ma non si può dire che il lavoro sia finito. E’ un gioco dalle grandi potenzialità ma con l’esperienza di gioco ci si rende conto che le strategie valide a disposizione del giocatore sono limitate, sebbene sulla carta siano molto più numerose.
Rimane l’amaro in bocca sicuramente per l’occasione persa, soprattutto se siete degli appassionati di A&A come il sottoscritto. Le modifiche apportate hanno risolto dei grossi problemi, ma contemporaneamente ne hanno creato di nuovi. Il nuovo setup europeo con il regolamento Global non permette ancora al tedesco di poter veramente considerare l’operazione Leone Marino come valida, limitando ancora una volta la Germania ad un’unica principale strategia: la campagna di Russia. Le modifiche all’inglese hanno migliorato la situazione nel mediterraneo, ma hanno reso l’Uk molto più noiosa da giocare.
Nella sua versione Global, il gioco è molto lungo ed è carente dal punto di vista di coinvolgimento dei giocatori inattivi. I giocatori inattivi sono soggetti a ripetuti e lunghi periodi morti. Dove il coinvolgimento è limitato nel lancio dei dadi tranne per minime scelte(perdite,…).
La seconda edizione poteva essere anche l’occasione per aggiungere delle novità al sistema di gioco, andando a migliorare i punti deboli del gioco, come la lunghezza e la bassa interazione . Queste carenze sono particolarmente amplificate nella versione global. Se si gioca in 4+ giocatori o con giocatori particolarmente riflessivi, è molto difficile riuscire a terminare una partita entro le 8 ore di gioco. Senza considerare circa un ora di tempo per preparare il gioco, nel caso in cui si giochi con il setup global.
Il fattore fortuna in questo gioco è molto presente. In una partita fra giocatori dello stesso livello, i tiri dei primi turni possono decidere le sorti della guerra. La seconda edizione avrebbe potuto portare anche delle novità sul sistema di lancio dei dadi, introducendo magari un sistema più rapido è meno aleatorio.
In caso di particolare sfortuna già dal primo turno può portare un giocatore a dichiarare la resa.
Aldilà dei difetti noti, A&A Europe 1940 seconda edizione è sicuramente un gioco migliorabile, ma che mantiene ancora un certo fascino. Per chi è possessore della prima edizione, le novità introdotte non giustificano la spesa, ma è consigliato a chi si vuole cimentare in un gioco che è un bel compromesso fra un boardgame ed un wargame. Sicuramente una versione evoluta del vecchio Risiko.
Il regolamento non è particolarmente pesante e si riesce ad apprendere facilmente nel giro di due partite.
Se è un genere di gioco che piace è sicuramente un titolo che giocherete per molto tempo prima di stancarvi.
Il mio voto finale sarebbe fra l'8 e il 9., ma considerando che questa versione merita sicuramente qualcosa in più rispetto al precedente, assegno un 9.

PREGI
-Diverse strategie a disposizione.
-Le azioni politiche possono essere effettuate anche non seguendo i fatti storici (sebbene non è possibile stravolgere la storia totalmente).
-Possibilità di pianificazione strategica fra giocatori alleati.
-Materiali di buona qualità ed in grande quantità.
-Regolamento chiaro e schematico.
-Rispetto alla prima versione, migliorati alcuni equilibri del gioco.
-L’Italia dispone di un set di miniature che rappresenta le unità nazionali.

DIFETTI
-Setup del gioco che risente ancora di diverse imperfezioni.
-Nella versione global, durata del gioco particolarmente lunga.
-Bassa interazione fra giocatori.
-Tempi morti che possono essere anche particolarmente lunghi.
-Fattore aleatorio particolarmente presente

Voto gioco:
7

A ME IL GIOCO PIACE MOLTO, PURTROPPO CERTE PECCHE NON POSSONO CHE FARMI ABBASSARE IL VOTO... LA COSA CHE MI DA PIU' SUI NERVI SONO I COLORI E LE FORME DELLE ARMATE DIFFICILMENTE RICONOSCIBILI L'UNA DALL'ALTRA E QUINDI GESTIRE IL TUTTO DIVENTA UN PO' PROBLEMATICO...L'ITALIA SI CONFONDE CON LA RUSSIA..MA DICO IO CI VOLEVA TANTO A USARE DUE COLORI DIFFERENTI... PER IL RESTO A PARTE LA LUNGHEZZA CHE MI PORTA A NON GIOCARLO PRATICAMENTE MAI CREDO CHE COME CONCETTI E STRATEGIA SIA POTENZIALMENTE UN GRAN GIOCO

Voto gioco:
8

Buono anche da solo, Ottimo unito a Pacific 1940 per il tabellone Global 1940. Per veri intenditori.

Voto gioco:
8

Nessun commento

Voto gioco:
7

Almeno qui l'Italia ci stava! Vabbè che abbiamo sempre fatto ridere sul piano militare (almeno dai romani in poi) però un minimo di considerazione. Per fortuna le regole fatte in casa ci vengono in aiuto.

Voto gioco:
7

Chi si imbarca in un gioco come questo sa a quel che va incontro. Pensateci bene prima di acquistarlo o giocarci.

Per evitare tempi troppo lunghi bisogna scegliere i compagni di gioco adeguati, inoltre bisogna comunque mettere in conto di poter interrompere più volte la partita per motivi di tempo o per stanchezza: di fatto l'ideale sarebbe giocarlo in più giorni per poco tempo al giorno (anche le partite a scacchi si possono lasciare in sospeso). Inoltre bisogna "accettare" che giocare a "Europe 1940" sia a tutti gli effetti solo un allenamento in vista delle partite globali, altrimenti davvero si rischia di trovarlo irritante nella sua staticità (i fronti europei lo diventano fisiologicamente se non inseriti nel contesto mondiale).

Questa edizione presenza tanti motivi d'interesse: la presenza dell'Italia che come fazione può davvero dire la sua (non lo dico solo per motivi patriottici, cambia di fatto il ventaglio di strategie disponibili), il meccanismo di attivazione dei paesi pro-asse e pro-alleati e dei paesi neutrali, gli obbiettivi strategici da raggiungere. Il regolamento e le disposizioni iniziali sono state già riviste più volte dagli autori e sono state proposte varie alternative, anche con l'aiuto dei forum, e non è necessariamente un difetto.
Le miniature sono molto belle, mancano però le banconote, e scarseggiano i dischetti da porre sotto le miniature (tutto materiale acquistabile online o ricavabile da altre edizioni).

Giocare a questa "metà" del gioco completo non è soddisfacente se non in prospettiva di giocare al gioco completo: è utile per capire con calma le varie possibilità strategiche dei fronti Europeo ed Africano.
Avete tempo una lunga, calda, noiosa estate davanti? Ve la sentite? Accettate la sfida? Se avete abbastanza passione da resistere a qualche partita a Europe allora vi consiglio di correre a provare anche Pacific 1940 (che è più godibile anche come gioco singolo) ed unire poi il tutto! Non ve ne pentirete!

Voto gioco:
6

Nessun commento

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare