Rank
253

Domaine

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,19 su 10 - Basato su 137 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2003 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 60 minuti
Autori:
Klaus Teuber
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Domaine Indice ↑

Articoli che parlano di Domaine Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Domaine Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Domaine: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Domaine Indice ↑

Video riguardanti Domaine Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Domaine: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
4399
Voti su BGG:
3854
Posizione in classifica BGG:
559
Media voti su BGG:
7,04
Media bayesiana voti su BGG:
6,73

Voti e commenti per Domaine

8

Credo che il recensore abbia dato un punto di meno a questo bel gioco!
Oltre all'alta reperibilità e l'ottima fattura della componentistica, Domain si segnala come un gioco che ha un ottimo equilibrio fra l'aspetto strategico e la durata della partita; l'ambientazione è sufficentemente affascinante; interessante anche l'interazione fra giocatori che si possono avvantaggiare più o meno consapevolmente.
Le partite possono decidersi a tavolino, all'ultimo, turno attraverso un meccanismo di boicottaggio collettivo che non sono pinamente sicuro di condividere.

ubi major minor cessat

6

Ho comprato il gioco spinto dalla grafica e ambientazione interessanti e dopo diverse partite le mie impressioni sono le seguenti:
- Le carte sono TROPPO poche! Tralasciando il loro costo (secondo me) un pochino elevato si fa appena in tempo a chiudere i propri domini e il mazzo finisce! Tutta quella fase di espansione/guerra coi vicini è molto rimpicciolita rispetto a ciò che dovrebbe essere per rendere il gioco veramente competitivo alzando l'interazione.
- L'idea di raggiungere il re è (perdonatemi) una ca**ta! Ho giocato una decina di partite cambiando più volte il numero di giocatori: non abbiamo MAI raggiunto il re, la partita è sempre terminata per fine delle carte. Ormai gioco ignorando il re e terminando la partita per fine del mazzo (e quindi ai punti): rende il gioco + competitivo e + strategico.
- Per essere uno strategico la pesca delle carte riveste troppa importanza: spesso ti trovi senza carte x giocare i bordi e sei costretto a fare altro x diversi turni non potendo chiudere i domini e rimanendo quindi indietro nella partita.
- Ritengo il gioco bilanciato solo in 3. E' bruttino in 2 (con quel dummy player veramente inutile) e troppo di c..o nella pesca delle carte in 4.
Da quel che leggo di Lowenherz non sembra che questa riedizione sia stata un miglioramento: ha reso il gioco effettivamente più semplice e breve, ma anche + sbilanciato e di fortuna.
In conclusione è un titolo simpatico (con dei bei materiali!) se dovete passare un'oretta con uno strategico che non sia troppo impegnativo.

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

7

Nettamente inferiore al suo predecessore Lowenhertz anche se comunque valido.
Giocato: molto
Grafica/Materiali: 4
Longevità: 2
Divertimento: 2
Originalità: 2
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

7

Non si può rieditare un gioco e farlo peggiore togliendo regole e stravolgendo il meccanismo. Non lo si può fare solo per aggiungere miniature e renderlo più accattivante per vendere meglio.

Il voto è solo per onestà sul sistema del suo illustrissimo predecessore.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

7

Un buono e ammirevole tentativo della EG di mettere in Grande Distribuzione in Italia un gioco che possa esser da ponte tra i giocatori esperti (pubblico della Tana) e la grande massa che ancora pensa esistano solo Monopoli e Risiko d aquel punto di vista e' un 9. Sono i tentativi piu' difficili in questo paese e quelli che secondo me meritano piu' rispetto. I materiali sono molto buoni e adatti anche per i bambini, decisivi per muovere i numeri dei giochi messi in GD qui da noi.

7

Non conosco il gioco da cui deriva questo. A me è piaciuto. Sicuramente un buon gioco.

8

Sono stato particolarmente colpito da Domaine. Bel gioco di buona valenza strategica ma allo stesso tempo di immediatezza e lunghezza non eccessiva. Ovvio, in questa sua edizione "light" è un po limitato, però a questo punto ho bisogno di provare Lowenherz!

Today is the greatest day i've never known.
Can't live for tomorrow, tomorrow is much too long...

7

I punti di forza:
- abbastanza semplice da spiegare a un novizio, ma non banale nell'esecuzione
- ottimi materiali (anche se le carte potevano essere un po' piu' resistenti)
- un tabellone modulare che rende sempre nuovo lo scenario
- possibilità di adottare strategie a lungo termine (magari conservando qualche carta in mano da usare al momento giusto).

Le pecche :
- come in tutti i giochi in cui si pesca, se proprio la carta che serve non esce... non c'e' niente da fare
e la cosa può essere stressante...
- la partita finisce praticamente sempre per esaurimento del mazzo

Nel complesso un bel giochino.

Morfeus

8

In 2 o 3 giocatori perde un po' per via della poca interezione iniziale tra i domini. Infatti, l'unica pecca che io darei a questo bel giochino sta nel fatto che i primi 10 turni servono solo a creare a propri domini e solo dopo inizia la vera guerra. Di conseguenza il gioco non dura abbastanza per pianificare una corretta espansione in ogni direzione, ma bisogna solo scegliere i punti deboli degli avversari. Comunque è un bel gioco in cui le scelte sono sempre difficili e diversificate ad ogni turno. Da avere

7

Un buong gioco.
Credo che l'equilibrio migliore si trovi in tre giocatori.
Per ora non mi è mai capitato di finire la partita per fine delle carte.
Non ho neanche avuto problemi con le pietre di confine, basta sfruttare al meglio i confini naturali esterni e della regione del re.
La cosa interessante è che il terreno è sempre diverso.
Div 1 (non può cmq competere con il trono di spade)
Reg 2 (le regole sono chiare e semplici)
Lon 2 (partite sempre diverse)
Mat 1
Ori 1
Purtroppo non conosco Lowenhertz...

7

Un gioco decente, ma senza spunti speciali. Il mio guidizio putroppo è influenzato dal fatto che sono un fan di Lowenhertz, e Domaine non è altro che un Lowenhertz purgato di alcuni elementi chiave.
Giocando a Domaine mi rimane squallido lo schema che si ripete spesso prendo la carta alta, la rivendo, etc.
Rimane un gioco carino, ma le aste per il controllo delle azioni sono molto più divertenti e avvincenti.

"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph

7

Giochino simpatico e ben realizzato, strategico al punto giusto, che però manca un po' di "profondità"

Dubitare di tutto o credere a tutto, sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano entrambe dal riflettere. (H. Poincaré)

6

Nessun commento

5

Gioco di piazzamento che non mi ha entusiasmato.

The Eagle Goblin

6

Nessun commento

7

Bello....un po' astratto forse. So che è la versione light di Lowenertz... avrei preferito quello. Ma perchè il gioco deve sempre finire per mancanza di carte?!? Ottimi componenti comunque...

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Hogweed&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

4

Nessun commento

7

Buon gioco. Perchè non trovo nessuno che voglia farci due partite di fila?
Nemo NemoN (il mio parametro per i giochi è nascondino, cui dò 10. Per i giochi da tavola è Puerto Rico, 8)

Pindus - un kobold nella tana dei Goblins

7

Bello soprattutto in due quando si ha più controllo di ciò che sta succedendo.

"...vince chi fa più punti vittoria..."

7

Nessun commento

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

8

Bel gioco, una riedizione del mitico lowercraft, si beh l'altro gioco simile, che ho avuto modo di giocare poche volte. Un peccato. Questa e' lunica edizione che trovo in commercio. E' importante comunque che il gioco si trovi anche ai grandi magazzini, assieme al monopoli ed al risiko... non sara il top, pero tra i giochi facilmente reperibili per la massa e' forse il meglio.

proporrei una variante, inserire cioe due o tre nuove aree di costa-mare, e upgradare il gioco inserendo anche le galee. Servirebbero un po di carte in piu, che permettano di piazzare barche. Si potrebbero inserire in mare delle riserve di pesca (due o tre tipi, che funzionano un po come le miniere) cosi da dare un senso alle nuove aree di mare. Aggiungere dei cippi blu o piu cippi per la nuova estensione del tabellone.
Una atra modifica che mi è vbenuta, e' la variante guerrafondai. Le carte con l'espansione allargano il territorio di 4 caselle invece che di due. Al proprio turno il giocatore inoltre puo espandere gratuitamente, tutti i suoi domini chiusi, di uno spazio verso ogni altro dominio chiuso non in pace con minor numero di cavalieri.

7

La maggior parte delle partite finisce perchè finiscono le carte... Forse il difetto di questo gioco è che le carte sono troppo poche e quindi le partite troppo brevi!

La teoria é quando si sa tutto ma non funziona niente.
La pratica é quando funziona tutto ma non si sa il perché.
In ogni caso si finisce sempre col coniugare la teoria alla pratica:
Non funziona niente e non si sa il perché.

Albert Einstein

7

Un ottimo gioco di controllo del territorio. Purtroppo diventa molto facile creare domini IMMENSI... però comunque veramente pregevoli i materiali

Until swords part... Athafil Oakleaf - Principe degli elfi Ambasciatore Elfico "Potrei sapere come si fa ad uscire di qui?" "Dipende in gran parte da dove tu vuoi andare"  FFFF ha ragione...

5

Gioco che non mi ha detto niente. Va detto però che non amo molto i giochi in cui si debba andare sempre contro gli altri, se vi piacciono i giochi "bastardi", questo è il gioco che fa per voi.

l'importante è vincere!

Partite recenti:

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=renard&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

10

Nessun commento

8

Molto bello.

9

Nessun commento

7

Nessun commento

Q: What happened then?
A: He told me, he says, "I have to kill you because you can identify me."
Q: Did he kill you?
A: No.

6

Un enorme gioco di scacchiera, forse un pò complesso da tenere completamente sotto controllo. Non paga ostacolare qualcuno perchè si rischia di lasciar vincere gli altri.

8

Giocato una volta. Prima impressione appena aperto, miniature ben curate ma tabelloni fini come per altri prodotti Editrice Giochi (vedi Futurisiko ed altri...) Altre case curano molto di piu' i materiali. Nel complesso un bel gioco di piazzamento, voglio giocarci nuovamente al piu' presto, la prima partita in 2 e' durata moltissimo, credo che normalmente possa durare oltre un'ora.

Kroll

( boardgame addiction isn't a disease ! )

9

Ho apprezzato molto questo titolo per vari motivi.
Pur essendo un gioco di piazzamento non mancano certo i colpi di scena, le liti, i furti dell'ultimo minuto che stravolgono la partita.
Regole semplicissime e meccanica avvincente.
Le partite tendono ad essere anche molto equilibrate perchè si preferisce attaccare chi sta avanti nel punteggio.
Componenti ben fatti.
Partite sempre diverse.

7

Carino, peccato per le poche carte

8

bello tatticamente intrigante aperto fino all'ultimo

7

Nessun commento

7

Un buon gioco, semplice ma 'cervellotico'. Non propriamente il mio genere preferito per via dell'astrattezza, comunque valido.

Non Cogito, Ergo Digito.

8

Nessun commento

7

Bel gioco, forse un po' freddo. Affetto dal king making: una mossa sbagliata di un altro può mandare in testa anche l'ultimo in classifica.

Pregi:
- niente dadi
- casualità minima
- tabellone componibile per variare le condizioni iniziali di gioco
- molto strategico
- molta interazione tra i giocatori
Difetti:
- partite brevi ma forse non è un vero difetto!
- molta interazione tra i giocatori..nel senso che un grave errore di uno può regalare la partita a un altro all'ultimo...

Giocato più di 10 volte

Materiali:2 (tutto impeccabile, dal cartone alla plastica)
Longevità:1 (il tabellone è componibile, quindi difficilmente si giocherà in due ambientazioni uguali però manca di mordente a mio avviso)
Regolamento:2 (chiarissimo)
Originalità: 1
Divertimento: 1 (come già detto manca di mordente: è un gioco da fare in silenzio a riflettere)

6

Nessun commento

Willy

7

Nessun commento

Gioco: qualsiasi attività liberamente scelta a cui si dedichino, singolarmente o in gruppo, bambini o adulti senza altri fini immediati che la ricreazione e lo svago.. (vocabolario online Treccani)

8

Nessun commento

7

Riedizione piu' efficacie e snella del precedente Lowenherz.
Mi piace: strategioco al punto giusto, non particolarmente lungo, facile da spiegare, la fortuna è presente ma assolutamente marginale, e in piu' e' stato pubblicato anche intermanente in italiano.

7

Sottoscrivo quanto detto da trilobit, anche se Lownherz è sicuramente più divertente per la maggior competitività tra i giocatori data dal contendersi le carte. Un buon gioco semplice ma non velocissimo.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

8

Nessun commento

Ci'a'tut, Abracadambra

8

Nessun commento

8

molto bello, bei materiali, chiaro e piacevole

8

Gioco semplice, veloce e strategico, non sempre farsi il proprio orticello paga... infatti rimane spazio a a volontà per gli altri domini!!
Divertente

7

Nessun commento

Il nostro futuro dipende dai nostri figli, curare la loro educazione è curare la società futura. Il gioco fa parte dell' educazione del bambino e lo forma, quindi cambiando il tipo di giochi che creiamo e diamo ai nostri figli pilotiamo la loro crescita i

8

Ottimo gioco, ben studiato e con componenti di buonissima fattura.

7

Non sono d'accordo sul fatto che debba essere giocato in 4 per essere divertente. Io spesso gioco in due persone (nella scheda si riporta 3-4 giocatori ma in realta' e' per 2-4) e rimane comunque un gioco piacevole.

8

Nessun commento

8

Bel gioco, strategico e ben fatto. Divertente nell'ambientazione e semplice nelle regole, Domaine si propone come gioco che si adatta a tutti.

"ludus est necessarius ad conversationem humane vite"

6

Belle le componenti e buono il regolamento.Purtroppo è un pò ripetitivo e la partita dura troppo poco a causa delle poche carte presenti.Carino da giocare ogni tanto.

Se scopri di stare scivolando nella follia, tuffati.
(proverbio Malkavian)

7

Bel gioco di piazzamento, dalla buona componentistica e dall'ottima giocabilità. è veloce e divertente e non manca di interazione, anzi ne abbonda! In due è un po' piatto, meglio in 3 ed ancor meglio in 4. A volte soffre di una fine troppo rapida, quando termina il mazzo di carte, come detto da altri.

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

7

Simpatico. La grande interazione aumenta molto il divertimento, ele partite sono sempre scorrevoli e veloci.

..perchè il sogno più vero è quello più distante dalla realtà,
quello che vola via senza bisogno di vele, nè di vento..
Hugo Pratt

www.ancestrale.it

7

Nessun commento

the master of puppets directs the game

8

buon gioco ma le carte sono poche finisce sempre cosi

8

Bel gioco: semplice, divertente, interattivo e bello da vedere. A mio giudizio giocabile anche in 2. Unico difetto il numero di carte limitato, e forse un po' meno di caselle-punti nel tabellone avrebbero reso il gioco un po' meno individualistico.

7

Nessun commento

6

Possiedo la versione per PC acquistata in Austria in una negozio della catena 'Libro' (costava solo 3 €!). Dopo parecchie partote sono contento di non aver mai ceduto e preso il gioco in scatola, anche se il mio giudizio non è del tutto negativo.

7

Strutturato bene. Preferisco giocarlo in 3, ma anche in 4 da ottime soddisfazioni

The angel that deserves to die

8

Gran bel gioco, ma spesso finisce troppo presto.

"Con le carte in mano, tutti gli uomini sono eguali."
Nikolaj Gogol'

6

Freddo e assolutamente privo di mordente,a mio parere.
Queste sono le pecche che abbassano il voto ad un gioco altrimenti abbastanza valido ed intrigante.
Peccato,perchè l'interazione c'è.

"Nella dorata guaina della compassione si nasconde talvolta il pugnale dell'invidia".
F.Nietzsche

7

Poco longevo, ma stuzzicante.

6

Versione semplificata e più lineare del fratello Lowenherz. Ora tutti i giocatori possono giocare, ma l'andamento della partita perde di mordente.

7

Forse preferisco Lowenherz a Domaine(li ho entrambi).
7,5 al primo.

7

Nessun commento

7

Premesso che ci ho giocato una volta sola, mi è sembrato un gioco veramente semplice e avvincente. Mi sono divertito parecchio, anche se ho avuto anche io da subito l'impressione che le carte finiscano troppo presto..
Andrebbe provato in 2 o in 3, comunque in 4 gira veramente bene. Se riesco a rigiocarlo mi piacerebbe alzare il voto a 8.

A lot of games become boring or simplistic once you’ve mostly "solved" them - a game that opens itself up to more strategy with repeated play is a rare treasure.

8

Ottimo gioco di strategia, con buoni materiali e notevole interazione e controllo tra i giocatori.
A volte può non uscire la carta che permetta di perfezionare la propria stategia ma se giocato in 4 (ma anche in 3) di solito questa componente aleatoria tende ad attenuarsi, visto che il gioco permette un discreto controllo su chi sta "momentaneamente" in vantaggio.
Il voto sarebbe un 8,5

7

Piazzamento, veramente intelligente, poca fortuna, molto intuito.

Il fattore "K" è...Bandito!

6

- [FAIR-VOTE] Commento basato su 1 sola partita

Bel gioco. Molto strategico. Da rigiocare più di una volta!

MECCANICA 1,6
STRATEGIA 1,6
AMBIENTAZIONE 0,9
COMPONENTI 1,3
LONGEVITA' 1,0

7

una partita ogn tanto no guasta, comunque manca quella scheggia di genialità che l'avrebbe reso migliore.

7

è un quasi-astratto piacevole per tutti. avvincente e piuttosto strategico. non rari i colpi di scena nel finale. tiene col fiato sospeso e non dura troppo. Qualche difficoltà nel coinvolgere i novizi...

8

Nessun commento

bimba con sorellina, mamma e papa'

7

Non ho mai giocato al predecessore. Di sicuro graficamente migliore, credo sia un peccato abbiano tolto la fase d'asta ma lo trovo cmq un bel gioco anche se poco longevo. Preferiamo giocare ad altro.

6

Nessun commento

Una volta eliminato l'impossibile, quello che resta, per quanto improbabile deve essere la verità. - S.H.

7

Rivisitazione di Lowenherz, in una forma più commerciale, semplice e meno strategica. Di per sé non è male, pur non reggendo il confronto con il predecessore, che è un capolavoro.

7

Bel gioco dalla ottima componentistica e dalle immediate meccaniche!
Sarebbe come voto un bel 7 e mezzo....ma cmq anche così è un 7 bello pieno!

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare