Recensioni su Leonardo da Vinci Indice ↑

Articoli che parlano di Leonardo da Vinci Indice ↑

Per questo gioco non ci sono articoli abbinati, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un articolo collegato a questo gioco.

Eventi riguardanti Leonardo da Vinci Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Leonardo da Vinci: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Leonardo da Vinci Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Leonardo da Vinci in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Leonardo Da Vinci Offro gioco singolo €15.00 No Consegna a mano, Spedizione €5.00 turing70 07/11/2017
Leonardo da Vinci (Maestro Leonardo) Offro gioco singolo €18.00 Consegna a mano, Spedizione €10.00 Riwap 08/10/2017
vendo lotto giochi al PLAY Offro lotto di giochi indivisibile €175.00 Consegna a mano baddy 11/03/2017
Leonardo da Vinci - Play Modena Offro gioco singolo €23.00 No Consegna a mano baddy 05/03/2017

Video riguardanti Leonardo da Vinci Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Leonardo da Vinci: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
4376
Voti su BGG:
3249
Posizione in classifica BGG:
894
Media voti su BGG:
6,79
Media bayesiana voti su BGG:
6,48

Voti e commenti per Leonardo da Vinci

9

Questo gioco l'ho visto crescere e nascere da quando era un prototipo piccolo così.
Trovo eccellente la pianificazione del gioco, e molto bella la possibilità (nelle regole avanzate) di poter scegliere il propio setup iniziale.

Inoltre a mio parere la regola del consiglio avanzato è molto forte ed il gioco va sempre giocato in questo modo.

A mio parere un gioco che merita assolutamente di entrare nel gota dell'olimpo dei giochi da tavolo

Until swords part... Athafil Oakleaf - Principe degli elfi Ambasciatore Elfico "Potrei sapere come si fa ad uscire di qui?" "Dipende in gran parte da dove tu vuoi andare"  FFFF ha ragione...

8

Probabilmente uno dei giochi che più mi hanno colpito dopo l'uscita di Caylus. L'ho ancora giocato molto poco per poter esprimere un giudizio su un gioco secondo me dotato di grande profondità strategica.

L'ho provato in 2 e 3 giocatori e mi è piaciuto e credo che giocato in 4 o 5 non posso che essere migliore.

La grafica ed i materiali sono di buon livello e funzonali. Il regolaneto chiaro e ben scritto. Mi ripromtto di scrivere qualcosa di più sul gioco dopo averlo provato anche in 4 e in 5 ma ci sono tutte le premesse per un grande successo. Complimenti ad Acchittocca e daVinci

commento basato su poche (meno di 5) partite e solo in 2-3 giocatori

9

Ha la profondità di Caylus, ma ha più "thrilling". Ed è anche più fetente, se mi si passa la parola. E ciò e buono.

//esigarettaportal.it/sign/sign.php?n=rporrini&g=31&m=1&a=1981&d=30&c=0,75)
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.

8

Leonardo è certamente un titolo di eccezione. Il sistema di gioco è assolutamente organico e senza falle. Per portare avanti la partita decentemente è indispensabile una pianificazione a medio termine che rende il gioco molto interessante ed impegnativo. Certamente si tratta di un gioco per giocatori, ma il regolamento risulta semplice da comprendere e quindi non inarrivabile anche per giocatori occasionali. Sicuramente uno di quei giochi che fa fare una bellissima figura alla nostra nazione nel mondo dei boardgame in stile tedesco.
Unico difetto: per essere giocato al meglio richiede una certa memoria per le materie ed i fiorini posseduti dagli altri giocatori... comunque è questione di gusti: questo è un aspetto che potrebbe anche piacere molto.

In conclusione: uno di quei titoli che non può mancare in una ludoteca di spessore!

The (Real) Panda Goblin!
A Roma, la serata ludica è
//nuke.goblins.net/spaw/images/lib3/ilGoblinSulComo_banner.jpg)

8

Dopo una partita è forse un pò prematuro fornire un giudizio completo ma un idea si riesce ad avere.
Secondo me il gioco è ottimo, ben bilanciato, con un interessante numero di opzioni ad ogni turno e un ottima interazione.
Un pò innervosente con grandi pensatori ma quello non dipende dal gioco.
Certamente da riprovare

Perigastus
Non c'è niente che un uomo non possa fare usando la sua immaginazione.Heinrich Schliemann (1822 - 1890)

8

Veramente un gran bel gioco.
Profondo, bilanciato, bastardello, semplice da giocare ma difficile da giocare bene, non troppo lungo.....
Che dire: lo trovo un gioco all'altezza dei più grandi (caylus, Puerto Rico....).
Unici difetti:
-una scelta sbagliata può compromettere tutta la partita, grafica dei materiali non eccelsa secondo i miei gusti....
Da avere ASSOLUTAMENTE
Dopo diverse partite si evidenzia una tendenza alla ripetitività che non lo rende particolarmente longevo.....voto sceso a otto....

9

Salve, e scusate se mi intrometto, ma volevo puntualizzare su due dettagli di questa (peraltro ottima) recensione:

>>"Ultima nota: nel gioco è presente il manuale stampato in ben 5 lingue
(Italiano, Inglese, Francese, Tedesco ed Olandese). Se da un lato questo contribuirà alla diffusione all'Estero del gioco (l' Italiano chi lo conosce?), dall'altro fà inevitabilmente lievitare i costi di produzione."

Au contraire, mon ami!
In realtà, le 5 lingue il costo... lo hanno abbassato! La tiratura altissima ha permesso di dare
materiali al massimo standard possibile (legno a profusione! carte! tabelloncini!), in abbondanza e a un ottimo livello artistico (perché pure chi disegna i materiali va pagato, altrimenti bastava scippare le immagini dai tanti libri di Leonardo...!).
Per dire, il gioco costa quanto una scatola di CAYLUS in italiano.
Ora, l'obiezione sarà: PUERTO RICO costa meno. Vero. Ma non è il caso di affrontare per l'ennesima volta la questione del costo dei giochi in base all'ampiezza del mercato e ai costi di distribuzione...

>>Difetti: grafica non eccelsa. De gustibus...

E' vero che a un "de gustibus" non si può rispondere, ma l'impressione è che mancasse qualcosa da aggiungere alla lista dei difetti... :)
Personalmente, non riesco a concepire che il recensore consideri non eccelsa in TUTTI i particolari la grafica del gioco, quando ha avuto complimenti da ogni parte del mondo, costringendoci ad aprire anche - primi al mondo? - una "galleria d'arte" dedicata al gioco.
(si veda: http://www.davincigames.com/art-of-leonardo/index.htm)
Personalmente (de gustibus!) considero le carte, i fiorini, la scatola e il tabellone un capolavoro ineguagliato. I lettori potranno giudicare, dando un'occhiata alla suddetta galleria.
Se poi qualcosa IN PARTICOLARE della grafica non è piaciuto, allora alzo le mani. Ma una cosa sarebbe dire, per esempio, "Le icone delle carte non sono all'altezza del resto della grafica" - per riportare una critica giunte da BGG - un conto è dire "grafica non eccelsa". Ammazza, che standard alti!

Spero non ci sia bisogno di aggiungere un "senza offesa, eh?" alla fine: come molti sapranno, ho un passato da recensore abbastanza corposo (su GiocAreA, GAOL, Kaos, eccetera), e in certi momenti ciò mi costringe a scendere in campo... :)

8

Eccellente gioco gestionale dalle dinamiche ben collaudate e ben calibrate.
Sarà il nuovo Caylus? Secondo me gli è leggermente inferiore dal punto di vista strategico: a caylus si può vincere in 3/4 maniere diverse a Leonardo solo con una: fare le invenzioni.
adrenalinico e bastardo al punto giusto.

7

Un buon prodotto italiano, la strategia è varia ma non troppo, perché si punta ad un unico obiettivo: concludere le invenzioni possibilmente prima degli altri. E' un gioco molto mnemonico e questo a me non è che piaccia molto, ma il gioco è ben strutturato e merita veramente.
A prima vista e giocandoci si ha subito l'impressione che gli autori hanno giocato spesso a Princes of Florence (chi di noi non lo ha fatto?), ma poi il gioco assume delle connotazioni originali. E' un gioco da pensatori e questo può non piacere a qualcuno.

Da provare sicuramente!

5

Nessun commento

7

Gran bel gioco....sono contento che gli autori siano Italiani.
Il materiale è ottimo e il gioco è veramente interessante nella meccanica e nella strategie che si possono sviluppare.
Consigliato!!!

La fortuna è sola una scusa usata dai giocatori mediocri!

7

un gioco carino. unisce molte idee preesistenti con una meccanica interessante.
non risulta particolarmente entusiasmente (almeno per me) ma di certo è un buon titolo dato che ha un buon regolamento e non è pesante come caylus...

8

Basato su due partite.
Pregi: meccaniche solide, con una discreta varietà di opzioni, evolutivo e tattico e un buon equilibrio.
Difetti: Grafica monotona. Le invenzioni coperte lo rendono molto basato sulla memoria e, a volte, anche un pò sulla fortuna (in alcune occasioni è impossibile prevedere quale invenzione faranno gli avversari). In più tutto si concentra sugli ultimi turni. Beccare un'invenzione già in lavorazione o prendere i componenti per un'invenzione che verrà realizzata al 6-7 turno (a volte solo per sfortuna)può ribaltare una partita giocata benissimo per i primi 6 turni. Credo sia molto meglio se giocato con turni "veri" fino alla fine.

"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph

8

Buona sintesi di strategia, pianificazione tattica. PEccato sia un po noioso, i disegni non siano accattivanti ed io leverei gli ultimi due turni.
Comunque sia, il primo vero Board Game che tiene alto il nome dell'Italia in Europa

Da qualche parte del mondo c'è qualcuno come te che prepara un nuovo viaggio....

8

Un buon gioco, il meccanismo funziona molto bene, un titolo italiano di cui andare fieri, tra i molti validi titoli di autori italiani che stanno facendo onore al nostro ambiente ludico.

La grafica al contrario di altri la trovo gradevole ed in tema, le "invenzioni" di Leonardo disegnate molto bene.

Personalmente, preferisco la regola del consiglio base rispetto a quella del gioco avanzato. Ma questo perchè a me in un gioco di grande ragionamento come questo, le regole "bastardelle" piacciono proprio poco. Diciamo che come voto la media è tra il 9 ed il 7 a seconda di quale delle due regole si decida di applicare.

In ogni caso, complimenti agli autori.

8

Gioco divertente e relativamente vario. Mi ricorda un po' Caylus per il modo di farsi giocare, ma un pochino sotto come bellezza.

Sempre cialtronamente e ludicamente vostro.
Fiburga
Eh si.. la vita è dura...
(sdp)

10

Nessun commento

Allora....Vince chi ottiene più punti vittoria....

7

Gioco che delude parzialmente le aspettative.
Iniziamo dall'aspetto grafico: finora la grafica non è piaciuta a nessuno di quelli a cui l'ho fatto provare (me compreso), e vedo che non siamo i soli, leggendo i commenti in giro per la rete. I simboli dei materiali sulle carte Invenzione sono troppo piccoli e dai colori difficilmente distinguibili, e più volte hanno confuso i giocatori nelle invenzioni da realizzare. Non parliamo dei riassuntini delle varie Invenzioni, per i quali è necessaria una lente d'ingrandimento. Le carte non mi sembrano di qualità eccelsa, considerando il prezzo del gioco e il fatto che vanno tenute continuamente in mano, mi sarei aspettato la qualità delle carte di Bang!.

Passiamo al gioco: qui nulla da dire, il gioco è strategico e interattivo, e si presta molto a "cattiverie" tra i giocatori, specialmente se si usa la variante del Consiglio Potenziato. Ho qualche riserva sugli ultimi due turni, nei quali non è più possibile scoprire nuove carte Invenzione... ma devo farci qualche altra partita per sciogliere la riserva.
Un ultimo appunto: il fatto di mettere i materiali necessari per la realizzazione delle Invenzioni sotto i laboratori è scomodo e poco funzionale; sovente capita di dover ricontrollare le carte che abbiamo nascosto e bisogna risollevare il laboratorio e tutti i segnalini piazzati sopra... molto scomodo. Gli altri giocatori capiscono facilmente se si tratta di un'invenzione da 1 o da 3 o, peggio, da 4 materie, basta guardare lo spessore del mazzetto che si trova sotto il laboratorio (capita, giocando in 2 o 3, che ci siano solo Invenzioni da 1 e 3 materie, tra quelle richieste). Avrei preferito delle carte "bianche" da combinare alle carte delle Materie Prime, in modo da comporre sempre un mazzetto di Materie Prime di 4 carte, da piazzare accanto al laboratorio.

Longevità: 2
Regolamento: 2
Divertimento: 1
Materiali: 1
Originalità: 1

Totale: 7

9

Nessun commento

8

Un bel gioco molto profondo e veramente ricco di strategie possibili ed applicabili che portano a raggiungere la vittoria in diversi modi (così mi pare ora e spero sarà anche dopo più partite, in caso opposto modificherò il commento).
La grafica non l'ho trovata ne eccellente ne eccezionale: il tipo che si è disegnato tutto a pastelli facendosi un mazzo tanto non sarà un artista di primo livello ma ha creato un'amalgama che non disturba. Più che altro avrei dato più spazio alle illustrazioni di Leonardo invece che schiacciarle così tanto all'interno delle carte. Ma non siamo qui a giudicare la grafica.
L'unico difetto delle meccaniche risiede negli stessi pregi sopra citati. La varietà delle possibilità strategiche è così vasta che si può decidere se mettersi a calcolare tutte le possibilità allungando i tempi di attesa dei giocatori a dismisura oppure a giocare d'istinto compiendo scelte vincenti o sbagli stroncapartita a caso. Il problema è pompato dal fatto che le interazioni fra i giocatori sono molteplici, ad ogni livello, e le proprie scelte d'istinto influenzano le partite altrui portando alla vittoria un giocatore piuttosto che l'altro. Inoltre per cercare di prevedere in qualche modo le scelte altrui bisognerebbe tenere a mente le loro mosse precedenti e questo, quando giochi in tanti, non è alla portata di tutti (mia in primis che sono in genere concentrato sulle mie scelte future).

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

10

Che dire...a me piace un casino...divertente e fattibile in un tempo "umano".Inoltre la grafica a me non dispiace proprio!

5

Il gioco è valido e lascia subito la sensazione di gioco corposo. Le meccaniche ricordano Princes Of Florence e in parte Caylus.
La grafica non è particolarmente curata.
E' un pò troppo accentuata la parte mnemonica del gioco, è opportuno ricordare buona parte delle mosse degli altri giocatori.
Dopo qualche partita non mi lascia una gran voglia di rigiocarlo.

The Eagle Goblin

8

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Il rinascimento italiano senz'altro è un'ambietazione suggestiva e anche in questo caso le invezioni del maestro di Vinci contribuiscono non poco al fascino di un bel gioco che, scusate la boutade, è più machiavellico che leonardesco.
Difatti il gioco è un equilibratissima lotta in cui si cerca di prevalere nel raccogliere le risorse, e dotarsi degli strumenti per realizzare prima degli altri le idee proposte dal maestro; il gioco è molto impegnativo tuttavia alcune dinamiche po' macchinose ne smorzano le potenzialità.
I materiali sono buoni anche se l'organizzazione grafica del tabellone e le icone risorse delle carte progetto, piccolissime, possono creare un po' di confusione.

8

Belle meccaniche e ben bilanciato. Molto "tedesco".
Giocato: moltissimo
Grafica/Materiali: 2
Longevità: 3
Divertimento: 2
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

7

Il gioco è bello e impegnativo, molto meno "banale" di quello che può sembrare a una prima lettura del regolamento! Ci sono molte scelte da prendere e molte cose da valutare. Personalmente non mi piace che negli ultimi 2 turni di gioco si è obbligati a costruire invenzioni senza poter fare altro. Alla fine della partita si ha l'impressione che "manchi qualcosa"...

La teoria é quando si sa tutto ma non funziona niente.
La pratica é quando funziona tutto ma non si sa il perché.
In ogni caso si finisce sempre col coniugare la teoria alla pratica:
Non funziona niente e non si sa il perché.

Albert Einstein

7

Nessun commento

8

Nessun commento

carlyns

8

Nessun commento

8

Modello Caylus, non può sbagliare. L'idea è molto carina, il materiale è ottimo e lo stile di gioco è perfetto. Da non perdere.

7

è un gioco "difficile"...nel senso che per essere apprezzato occorre diventare bravi a giocarci....per ora il mio voto è 7 ma potrebbe salire...

"...vince chi fa più punti vittoria..."

7

Nessun commento

8

Bello! La partita è sempre sul filo del rasoio...

7

Si tratta di un gioco ben congegnato ed equilibrato; scorre tutto sommato in modo abbastanza fluido e con giocatori esperti non dura più di un'ora e mezza.
E' abbastanza divertente, ma secondo me soffre di un grave problema: quando si sceglie l'invenzione da mettere in lavorazione, è difficile avere un'idea di quelle che gli altri hanno in mente di fare, perciò capitano sia le partite in cui non si riesce a portarne a casa una, sia quelle in cui magicamente si è sempre gli unici a "tentare" un'invenzione; se non fosse per questo aspetto meriterebbe un voto in più.

A lot of games become boring or simplistic once you’ve mostly "solved" them - a game that opens itself up to more strategy with repeated play is a rare treasure.

8

mi è piaciuto molto... non condivido la critica alla grafica che, pur non essendo bellissima, è passabile; in compenso aggiungerei come difetto lo scarso numero di turni che impedisce di fare buone strategie...

Disse Caino al Signore: «Troppo grande è la mia colpa per ottenere perdono! Ecco, tu mi scacci oggi da questo suolo e io mi dovrò nascondere lontano da te; io sarò ramingo e fuggiasco sulla terra e chiunque mi incontrerà mi potrà uccidere». (Gen.4,13-14)

6

Ambientato
nel rinascimento, il giocatore è un maestro a cui sono
commissionate delle invenzioni. Il giocatore ha a disposizione
degli aiutanti che manda alla ricerca di componenti, di altri
lavoratori oppure li adopera nella propria bottega per
costruire effettivamente queste opere. Ogni giocatore a turno
mette uno o più ometti sugli spazi del tabellone: chi alla fine
ha la maggioranza in un dato spazio potrà fare l'azione associata
gratuitamente
mentre i successivi dovranno pagare per fare l'azione. Ciascuna
invenzione ha bisogno di un certo numero di risorse e di punti
lavoro e da proporzionalmente più denaro a seconda delle quantità
richieste. Alla fine del gioco si prendono punti a seconda del
tipo di invenzioni inventate. Vince chi ha più denaro.
Bel gioco, che scorre bene, con poche regole ma non banale. Il
giocatore ha un buon controllo su quello che accade mentre è
impegnato ad acquisire le materie prime che gli servono in quel
momento ed anche pianificare l'azione per i turni successivi.
Sebbene il gioco abbia una certa somiglianza a Die Saulen der
Erde, preferisco il gioco della daVinci per eleganza del
regolamento. Quello che invece il gioco della Kosmos ha di
superiore è la veste grafica: la daVinci ci ha da tempo abituato
a giochi dalla grafica ottima (Viva il Re, Bang) a giochi dalla
grafica poco curata (Palatinus, Oriente). In questo caso
l'immagine del tabellone è un "naif" orribile e spigoloso,
disegnata con mano piuttosto incerta anche se fortunatamente
viene nascosta dal layer dedicato al gioco vero e proprio. Non si
possono nascondere però i disegni delle materie prime che oltre
ad essere non sempre funzionali (ad esempio l'immagine del legno
sulle carte materia prima è diversa dalla relativa icona sulle
carte invenzioni) sono disegnate anche peggio del tabellone.
Visto che il gioco non richiedeva che poche illustrazioni (1
scatola, 1 tabellone, 5 risorse, le invenzioni non le ho nemmeno
guardate ma da alcune foto su bgg sembrano meglio riuscite visto
lo stile schizzo & seppia) perchè non curarle meglio visto poi
che è un gioco, il primo, in formato scatola grande della
daVinci? Nel tavolo vicino
Roads & Boats rivaleggiava in bruttezza.
Voto 6.5/10 (sfortunatamente a me la meccanica del gioco, per
quanto oggettivamente bella, non piace)

9

Il gioco , provato ieri per la prima volta, ci e' piaciuto davvero tantissimo. Pura strategia, spazio per migliorare le proprie partite di volta in volta, gestione del denaro oculata, la fine quasi mi vedeva vincitore con 2 sole invenzioni dello stesso tipo prodotte contro giocatori con 5-6 invenzioni create a testa. Veramente un gran bel gioco, poco spazio alla fortuna qui, chi ama il fattore C o il tiro del dado cambi gioco. Complimenti alla daVinciGames

Plus ca change
Plus c'est la meme chose - Rush / Circumstances - 1978

10

Nessun commento

6

Nessun commento

8

Nessun commento

7

Il gioco è bello ed interessante, ma dopo qualche partita si nota che la strada per la vittoria (o la miglior strada per la vittoria) è una, e le altre non reggono il confronto. Inoltre, a volte, sul finire, la fortuna può avere un certo peso, cosa che per i miei gusti non lo fa entrare nella classifica dei migliori giochi gestionali. Rimane un buon titolo con una grafica piacevole ed azzeccata.

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

7

Mi è piaciuto quando una cara ragazza a VerCon ci spiegò il regolamento. Mi è piaciuto ancor di più quando ho scoperto cosa "la cara ragazza" aveva pensato bene di omettere: tutto un altro gioco! :(
Spero di provarlo presto con l'espansione e che il piacere di giocarlo aumenti ulteriormente.

La vita è un grande bel Boardgame...peccato avere le regole solo in tedesco! -MartyParty-

6

Gioco di maggioranze e worker placement. Notevole il contrasto fra la casualità di alcuni aspetti e la notevole pianificazione che richiedono altre parti del gioco. Il risultato lascia perlpessi.

8

9 turni (7 normali + 2 speciali) sono pochi. Il bello che si vorrebbe fare di più, ma i turni limitati obbliga i giocatori a fare delle scelte oculate.

8

Nessun commento

"Qualunque cosa un uomo può immaginare, altri uomini possono rendere reale."

[Jules Verne]

5

Ci sono tre difetti che gli abbassano una valutazione tutto sommato positiva:
- Setup straordinariamente troppo lungo, elaborato e macchinoso! Se non fosse così lunga la fase di preparazione si potrebbero fare 2 partite in una serata, ma l'odioso setup scoraggia un secondo tentativo.
- La fortuna è presente nella scelta delle prime invenzioni da fare, scelta che spesso ti può compromettere una partita.
- Manca un pò di "mordente": è poco attaccato all'ambientazione, la quale rimane alla fine solo un pretesto per mosse meccaniche.. Non si "sente" molto la competizione tra inventori. Peccato.

Rimane comunque un titolo abbastanza piacevole, anche se forse poco longevo..

PS> la grafica non mi dispiace: non è eccelsa ma è funzionale.

7

divertente e gradevole...

SVATTOLO

7

Lo trovo troppo lungo,per essere giocato bene richiede una discreta
memoria,cosa che non gradisco in un gioco strategico.E poi,l'aspetto
grafico non è un granchè,secondo me.Comunque,pur non essendo
un capolavoro è sicuramente valido.Commento basato su tre partite.

7

Nessun commento

7

Personalmente reputo il gioco un buon titolo in tutte le sue parti.
Sicuramente gli riconosco il pregio di avere uno dei segnalini più inutili della storia: non so gli altri giocatori, ma io non ho bisogno di spostare un pezzo di cartone con stampato un omino per ricordarmi che fase sto risolvendo...
A parte questo consiglio vivamente il setup avanzato, quello standard è davvero troppo macchinoso e poi è sempre meglio lasciar i giocatori liberi di scegliere la tattica che preferiscono.
Parlando di tattiche il gioco ne offre diverse e questo sicuramente tende a "spaesare" alla prima partita. Sicuramente lo si apprezza più giocandolo più volte.
Personalmente gli attribuisco due difetti:
1- 9 turni sono davvero troppo pochi. Capisco il bisogno di costringere i giocatori a mirare la propria tattica, ma non riesco a togliermi la sensazione che il gioco mi finisca in mano proprio mentre entra nel vivo la partita. Oltre a questo la possibilità di recuperare se si sbagliano uno o due turni è assolutamente preclusa.
2- L'azione di guardare le invenzioni che verranno avvantaggia troppo chi la fa.

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

7

Grafica essenziale, gioco molto facile da imparare, adatto anche a giocatori non molto evoluti, una volta entrati nelle meccaniche ha dei lati piacevoli. Nella versione avanzata si possono anche fare notevoli bastaxxate, e le cose migliorano molto. Carino il sistema dei punti/soldi che ti costringe a fare delle scelte su cosa fare e cosa no. Decente.

TopoMaster, L' Eterno Apprendista
____________________________
That which is not dead can eternal lie, And with strange aeons even death may die." (Lovecraft)

7

Nessun commento

7

Nessun commento

8

Variabilità e strategia sono i punti forti del gioco. La fortuna può decidere le sorti nelle fasi finali.

6

Nessun commento

8

Bisogna fare veramente i complimenti al team italiano. Gioco eccellente in tutto anche se concordo sul fatto che l'ambientazione non si percepisce durante il gioco. Ottimo strategicamente, anche se io avrei fatto un numero di turni maggiore. Solo la longevità mi rende perplesso..
Comunque da avere.

7

le invenzioni dell'ingegnosissimo Leonardo da Vinci sarebbero una bellissima ambientazione...ma il gioco non mi ha entusiasmato...è freddo e l'ambientazione non si avverte.
un 7 molto scarso....
e ... x il gran "mistero" dell'invenzione segreta....
....chissà quale mai potrà essere...."difficile" scoprirlo Eh?

frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!

5

I giochi di piazzamento proprio non mi appassionano: una sola partita, per altro vinta non so come, ma mi sono annoiato a morte durante la fase di piazzamento degli apprendisti... non molto originale dopotutto. materiale discreti, tabellone di gioco assolutamente freddo e poco affascinanate: anche l'occhio vuole la sua parte!!! io non lo comprerei nè comprerò.

Fabrino81

7

Graficamente scandaloso.
Un pò stoppaccioso.
7.5

6

sarebbe anche carino... ma lo trovo abbastanza inutile. non ho mai la voglia di giocarlo e dopo averlo giocato non mi rimane nulla.

6

Non mi è piaciuto molto. Ha qualcosa di buono ma che non mi cattura. Ci posso fare una partita ogni tanto, ma non sono io a proporlo.

..perchè il sogno più vero è quello più distante dalla realtà,
quello che vola via senza bisogno di vele, nè di vento..
Hugo Pratt

www.ancestrale.it

8

A me questo gioco piace, tutte le partite che ho fatto ho vinto o ho perso al photo finish, (e per 1-3 punti) il che assicura suspence e tensione.
Ha delle meccaniche interessantissime, inoltre ad ogni turno ci sono delle scelte ardue da fare: un gioco molto combattuto!

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

7

Buon gioco. Strategicamente un po' troppo "meccanico", una volta entrati nella logica di gioco diventa molto divertente. Un peccato che si usino le invenzioni sempre in ordini simile: gli esperti del gioco ad un certo punto partono avvantaggiatissimi.

6

Le meccaniche non sono affatto innovative, così come le strategie applicabili. L'ambientazione da buon giocoalla tedesca è al solito molto astratta mentre i componenti sono di gradevole fattura. Un fattore estremamente penalizzante è a mio avviso la necessità di ricordare perfettamente le invenzioni che stanno realizzando gli avversari, come pure le materie prime necessarie per realizzare ciascuna invenzione. Insomma più stressante di una partita a scopa.
Una po' una delusione.

Meccanica: 1
Strategia: 1
Ambientazione: 1
Componenti: 2
Longevità: 1

7

Il gioco non è male, setup iniziale un po' macchinoso ma poi il gioco scorre bene. Forse è un po' sbilanciato verso la fine, si ha come l'impressione che finisca troppo bruscamente senza avere realizzato tutto il potenziale acquisito nel corso della partita.

6

Nessun commento

Paolor meglio conosciuto come P.Ruffo.

7

Nessun commento

7

[FAIR-VOTE] Commento basato su poche (meno di 5) partite
Inizio subito col dire che la grafica non mi è dispiaciuta. Il gioco in sé funziona bene ma ancora non sono riuscito a concludere bene la partita (prendendo le risorse giuste e sufficienti per le ultime invenzioni) in quanto ho sempre chiuso con risorse in mano inutilizzate. Ok, ci vuole un po' più di pratica...

RòmeNdil (goblin chierico), ultimamente ho giocato a:
//goo.gl/163wiY)
"L'importante non è né vincere, né partecipare: è divertirsi, davvero!"

6

Ho apprezzato tantissimo la nostranità del prodotto e la veste grafica pregevole. Mi è sembrato un po troppo macchinoso in alcune operazioni. Il problema è che ci ho giocato 7/8 volte e nonostante lo spessore strategico sia tangibile, non mi sono mai divertito

La vita è una partita a Coyote...
--------------------------------------------------
"Gli sfortunati sono soltanto un metro di riferimento per i fortunati, tu sei sfortunato, così io so di non esserlo."

8

Bella grafica, gioco di astuzia e strategia è possibile giocare anche tranquillamente in due.

7

Nessun commento

8

troppo sottovalutato

7,2

03/01/2008

Lo trovo un titolo dalla meccanica elegante, il cui livello di complessità si attesta tra Caylus e Arkadia. Putroppo per Leonardo, questo nel mio gruppo è uno svantaggio: di solito la scelta ricade su uno dei due precedenti titoli! :) Ciò non deve andare a detrimento del gioco in questione, la cui validità è riscontrabile anche nella qualità dei materiali sopra la media (anche se personalmente non apprezzo l'artwork del tabellone, ma de gustibus...). Le espansioni, infine, garantiscono la varietà necessaria ad innalzare la longevità del titolo. In definitiva, vorrei giocarci di più. ;) Longevità: 1 (2 con le espansioni) Regolamento: 2 Divertimento: 2 Materiali: 2 Originalità: 1

15/12/16

Rivedo il voto al ribasso (da 8 a 7,2)  per adeduamento all'offerta odierna

Commento basato su meno di 10 partite

7

Nessun commento

8

Nessun commento

8

Nessun commento

Dagon

Fu in quel Momento, credo, che caddi in preda alla follia
H.P. Lovercraft, Dagon

7

Idea di base non male anche se non del tutto originale.... il gioco ha alcne scelte quasi obbligate per via delle carte, ad ogni modo carino (ma quella freccia fa un po' ridere)

7

Nessun commento

The angel that deserves to die

8

Si vede l'impronta di Caylus, per nulla togliere all'originalità di questo titolo che reputo uno dei migliori della produzione italiana. Il concetto di tempo di lavoro, per esempio, mi sembra alquanto originale.
Peccato che non si posa giocarlo online da qualche parte, penso che sia il gioco ideale da fare online.

8

Nessun commento

7

Uno dei primi worker placement a piazzamento multiplo con gerarchia posizionale... sarebbe molto bello ma ha anche vari difetti:
1) la durata del gioco non permette quasi mai di arrivare a realizzare le opere migliori;
2) quesi segnalini con la freccia per ricordare che si sta realizzando la stessa opera di un altro giocatore potevano essere studiati meglio...

10

Nessun commento

8

Leonardo da vinci è un gioco strutturato molto bene, offre molte possibili startegie variabili di partita in partita poichè legate anche alle scelte degli altri giocatori. Infatti l'interazione fra i giocatori è alta. Mi piace giocare con la variante degli editti, mentre quella del mercato non mi sembra molto utile. L'esito della partita è incerto fino all'ultimo turno per via dei bonus che si ottengono variegando i tipi di invenzioni.

7

Indubbiamente un gioco per giocatori, non privo di profondità. Personalmente non mi piace la modalità con cui si nascondono le carte sotto i propri laboratori, l’avrei resa più pratica con l’aggiunta di alcune carte neutre. E’ un gioco, a mio avviso, un po’ freddo, in cui l’attenzione ad evitare l’errore pesa eccessivamente.

5

Gioco di piazzamento che non mi convince!...forse perchè troppo corto!
Bho...non mi convince proprio...conta molto di più fare un maggior numero di invenzioni di valore medio, che 1 o 2 di valore alto.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare