Paths of Glory

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 8,49 su 10 - Basato su 43 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 1999 • Num. giocatori: 2-2 • Durata: 480 minuti
Autori:
Ted Raicer
Categorie gioco:
WargameWorld War I
Sotto-categorie:
Wargames

Recensioni su Paths of Glory Indice ↑

Articoli che parlano di Paths of Glory Indice ↑

  • Sulle tracce di Marco Polo
    Approfondimenti
    | 11 commenti
    Proviamo a capire quali sono i giochi da tavolo più belli. Data l’impossibilità di una risposta oggettiva, il tema si presenta come uno spunto per una salutare sbirciata ai piani alti delle classifiche dei giochi da tavolo italiane e...
    Autore:
    Signor_Darcy

Eventi riguardanti Paths of Glory Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Paths of Glory Indice ↑

Video riguardanti Paths of Glory Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Paths of Glory: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
6568
Voti su BGG:
3582
Posizione in classifica BGG:
81
Media voti su BGG:
8,03
Media bayesiana voti su BGG:
7,49

Voti e commenti per Paths of Glory

8

Nessun commento

9

Giocato solo una volta. Per prima cosa una osservazione rivolta alla GMT, capace di scrivere regolamenti intricati scrivendo nel modo meno intuitivo concetto decisamente semplici. Per il resto tutta la serie "card based" è geniale. Permette partite sempre diverse e divertenti. Una carta al momento giusto è devastante. Esiste però qualcuno per cui la fortuna della "carta giusta" è troppo rilevante e non sopporta di compromettere una partita strategicamente perfetta per delle carte sbagliate. Io non sono tra quelli e mi diverto.

9

Nessun commento

9

Nessun commento

9

Nessun commento

Ogni sistema formale può provare la propria consistenza se e solo se il sistema stesso è inconsistente.

7

bellissimo ma solo per appassionati del genere.

"...vince chi fa più punti vittoria..."

4

Nessun commento

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

8

Non e' assolutamente il mio genere, ma e' uno dei migliori di questo genere.

7

Nessun commento

9

Wargame strategico di ampio respiro, con numerose strategie possibili, non complesso e molto avvincente. Finora il migliore della serie 'Card driven' della GMT. Consigliato!

9

Un ottimo wargame. Ben bilanciato, relativamente semplice, sempre divertente.

Baba Yaga Dungeon Club

8

Nessun commento

9

Nessun commento

"Non mi fido molto delle statistiche, perché un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media" (Charles Bukowsky)

9

Il primo gioco Card Driven che abbia mai fatto.Veramente bello, anche se in alcuni punti le regole erano oscure e contraddittorie ( da qui l' alto numero di errata e faq che hanno sistemato la maggior parte dei problemi ).

Ave atque vale

Alessandro

9

Card-driven da avere assolutamente in casa. Materiali adeguati e ben fatti.
Ottima ricostruzione del primo conflitto mondiale.
Coinvolgente, una volta apprese le regole il gioco fila che è una meraviglia.
Assolutamente un "must" !

Persegui la méta, ma abbi cura anche degli incontri e delle amicizie che accadono nel mentre percorri il cammino !

10

Un capolavoro. Rende interessante anche un conflitto ludicamente "noioso" come la prima guerra mondiale. Da giocare assolutamente almeno una volta nella vita (e dopo la prima, sicuramente si vuole rigiocarlo ancora).

8

Per ora fatta solo una mezza partita ma sembra essere davvero un bel gioco!

7

gran bel gioco. il migliore sulla prima guerra mondiale? credo di si sebbene sia moderatamente complesso per un non-wargamer e viene apprezzato al massimo da quest'ultima categoria. non adatto a giocatori occasionali, richiede molto tempo per finire la partita, si presta bene a partite via mail online o via posta.

8

Nessun commento

9

Nessun commento - [Autore del commento: Chromaline]

8

premetto che ho fatto solo 2 partite: mi è piaciuto un sacco! naturalmente la durata lo pone come un gioco per veri appassionati di simulazioni storico/militari più che di giochi da tavolo, infatti io fatico a trovare partners di gioco che abbiano voglia di condividere qualche ora in più per giochi come questo... penso che sia un gioco perfetto per avere un primo approccio verso i wargames più complessi

9

Uno dei migliori card-driven mai pubblicati per profondità, accuratezza storica e bilanciamento

8

Nessun commento

"non si smette di giocare perchè si diventa vecchi, ma si diventa vecchi perche si smette di giocare!!!" - di..non ricordo :)

9

Sicuramente un capolavoro. Bilanciamento, ricostruzione storica notevolmente fedele, altissimo tatticismo e aleatorietà contenuta ne fanno un titolo da non perdere!

Alcune piccole lamentele sono però dovute:

Il difetto più grande è il manuale che tende a rendere complicatissimo un regolamento che, a conti fatti, una volta capito il gioco, ci si rende conto essere molto semplice.

I segnalini di conquista sono davvero troppo pochi (sto cercando il modo di crearmene di miei).

Le situazioni di OOS (out of supply) nel corso del gioco possono diventare in alcuni casi paradossali ed eccessivamente penalizzanti. Di fatto, una piccola distrazione può portare un misero Corpo avversario ad annichilirti numerose Armate, rovinando in un sol colpo partite anche fin lì perfette. Ad esser sinceri non so se questo possa essere considerato un vero e proprio difetto (alcuni esaltano questa caratteristica del gioco, altri la aborrono). Sicuramente l'OOS influenza ogni mossa e contribuisce a portare il lato tattico del gioco a livello altissimo.

In ogni caso... un MUST!

10

Pregevole, titoli di punta della GMT secondo solo a Twilight Struggle.

Tutto gira perfettamente anche se l'unica minuscola nota dolente può essere rappresentata dall'obbligo di giocare carte in sequenza per attivare i due macroeventi della storia: entrata in guerra degli USA e caduta della Russia.

7

Gioco molto bello sulla prima guerra mondiale. Peccato manchi un po' di storicità (è quasi impossibile che entrino in gioco gli USA e che avvenga la rivoluzione russa).

9

Un bellissimo card driven bellico, per un setting storico accurato e appassionante. Non era facile rendere dinamico un conflitto apparentemente "di posizione" come la prima guerra mondiale. Il meccanismo collaudato (ma il gioco fu pioniere in questo) del Card Driven centra questo obiettivo. Un mirabile compormesso tra wargame di vecchia data e giochi più moderni (quindi più corti). Veramente notevole

Se dico "seguitemi miei pugnaci", voi dovete seguitare et pugnare! (Brancaleone da Norcia) Flatulo

8

Nessun commento

L'esperienza è l'insegnante più difficile: prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione!

7

Al termine della mia terza partita (le prime due finite nei primi turni causa collasso precoce degli straccioni austriaci, bellamente aggirati e privati dei collegamenti dai russi, la terza terminata al penultimo turno con la vittoria delle potenze centrali), mi sento in grado di dire la mia su questa pietra miliare dei giochi di simulazione storica: mi sembra che tanto entusiasmo sia un po' esagerato. Il gioco è sicuramente molto interessante, le molte eccezioni hanno lo scopo di renderlo il più possibile aderente alla realtà storica e non mi pesano affatto, il gioco di carte mette di fronte a scelte sempre difficili sul loro utilizzo....la molteplicità dei fronti su cui si combatte impone grande attenzione e insieme rende il gioco sempre vario....tuttavia un gioco storico sulla 1. guerra mondiale in cui la rivoluzione russa e l'intervento americano non si realizzano se non in rari casi ( perchè giocandolo mi sono reso conto che questa diffusa critica appare verosimile)...inoltre le regole sui rifornimenti (supply) sono veramente un po' troppo punitive... un errore può costare la perdita definitiva di due-tre armate, che in un gioco dagli equilibri così fragili significa sconfitta quasi certa...
...certo, sapendolo, uno si attrezza: prestare la MASSIMA attenzione a non avanzare troppo o ai movimenti avvolgenti dell'avversario e alla posizione dei velocissimi corpi d'armata!!...resta il fatto che storicamente le centinaia di migliaia di prigionieri catturati ora dall'una ora dall'altra parte sul fronte orientale non risultarono di per sè decisivi sull'esito del conflitto, mentre qui il primo che riesce a fare una "retata" ha la vittoria in tasca...

9

Eccellente. Grandissima profondità per essere un point-to-point, sebbene non sia avvezzo ai wargame puri e completi.
Unica pecca (se di pecca si può parlare) , l'eccessivo approccio scacchistico soprattutto per ciò che concerne
i tentativi di taglio/aggiramento. Una mossa sbagliata può essere un end game.

Mi trovate anche su BGG. ^_^
Ho visto qualcuno impedire un Runaway Leader ed essere travolto da una Snowball

//encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQcbJHLVC6wNcuQXy5stVxG24LzqUgldtt96BXMMPA6-fcr_0PC)
http://www.noferplei.it

10

Nessun commento

"In guerra non ci sono vincitori e perdenti ma solo morti e sopravvissuti"

9

Nessun commento

Ia mayyitan ma qadirun yatabaqa sarmadi
Fa itha yaji ash-shutahath al-mautu qad
yantahi

CTHULHU FHTAGN

7

Nessun commento - [Autore del commento: obelix]

9

Il capolavoro di Ted Racier che è riuscito nell'impresa di rendere interessante da un punto di vista ludico la prima guerra mondiale: bravissimo.

Ho giocato questo gioco tantissimo più di 60 partite, lo tiro fuori sempre volentieri ma tra giocatori esperti le strategie "antistoriche" sono la norma, ma soprattutto alla fine si ripete per cui ... si rigioca sempre volentieri ma meno del passato.

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare