AT-43 Tactics

Giochi collegati:
AT-43 Tactics
Voto recensore:
0,0
Ambientazione
"AT-43" è un gioco, ambientato in un prssimo futuro dove varie fazioni si socontano per la supremazia, che ha avuto forse meno del successo che meritava, ma uno degli svantaggi è che non gira affatto bene quando si giocano scontri con pochi punti.
Beh, da un'idea pubblicata su un numero di Cry Havoc (il magazine della Rackham), è stato tirato fuori questo AT-43 Tactics, che riporta come sottotitolo "Tactical RPG" e che invece permette di giocare con poche miniature per parte - una sorta di skirmish del mondo di AT-43.

Il Gioco
AT-43 Tactics.
Alla fine del libro c'è un foglio di cartoncino con i segnalini necessari al gioco.
Tutto il resto va preso da AT-43: miniature, dadi, misuratori, sagome, ed anche i tiles da usare per le missioni.

E veniamo alle regole. La maggior parte delle regole di gioco restano le stesse di AT-43. Solo che in Tactics un giocatore impersona il GameLeader (GL), che è il game master del gioco, e gli altri impersonano un soldato singolo preso dagli eserciti riportati sopra. Nel gruppo ci possono essere membri di tutti e quattro gli eserciti, che collaborano per forza di cose (perchè così gli è stato ordinato, perchè a loro conviene, o per qualsiasi altra ragione vi venga in mente), con la nota che un combattente Karman vale quanto due combattenti di altre razze quindi le avventure devono essere calibrate se ci sono uno o più Karman nel gruppo.
Il gruppo di giocatori si comporta esattamente come qualsiasi gruppo in qualsiasi gioco di ruolo, ed a differenza di AT-43 qui le singole miniature hanno abilità ed alcuni attributi diversi. Innanzi tutto, ogni personaggio ha 4 punti di Endurance, che rappresenta la resistenza psico-fisica del soldato e che viene ridotta quando si subiscono ferite o altri danni. Inoltre ogni soldato ha delle abilità, descritte sulla scheda, che permettono di effettuare molte azioni diverse: per esempio i medici hanno le abilità di cura laddove magari le TACArms UNA hanno la possibilità di fare da scudo ai loro compagni.
Nel gioco è necessario che il gruppo includa un ufficiale, un meccanico ed un medico, mentre se ci sono più di 3 personaggi gli altri possono scegliere liberamente. Questi tre ruoli sono fondamentali, anche perchè se il medico aumenta le possibilità di sopravvivenza della squadra, il meccanico ha abilità tecniche per svolgere molte azioni (come forzare serrature o riparare macchinari, e l'ufficiale ha i Punti Leadership (LP), già noti ai giocatori di AT-43, che permettono anche di dare ordini (come Overwatch o Take Cover).
I personaggi hanno anche equipaggiamenti speciali, alcuni già noti agli appassionati di AT-43 (che so, Triple lenses helmet, o G-Pack), mentre altri sono descritti nel manuale. Quasi sempre durante un'avventura si trovano equipaggiamenti, ma la capacità di carico dei personaggi è limitata.

Un'altra cosa interessante in Tactics è rappresentata dalle munizioni: ogni arma ha un numero finito di colpi, finiti i quali il personaggio deve ricaricarla se ha portato munizioni in più, o sperare di trovare altre munizioni durante l'avventura.

Tra le avventure è possibile acquisire esperienza: se il personaggio era stato atterrato (quindi ridotto a 0 o meno Endurance), riceve un punto di Endurance per la prossima missione (quindi parte da 1, attenzione), mentre chi è sopravvissuto può ricevere vari bonus utili alle prossime missioni (migliori capacità di combattimento o di recupero, portare più equipaggiamento, etc.).
Eccetto che per i Therian, i personaggi possono rinunciare al bonus e fare invece carriera nel loro esercito. In pratica il giocatore cambia scheda, secondo alcune regole ben precise (p.es. uno specialista lanciamissili non può diventare un medico, ma se è uno Star Trooper può diventare uno Steel Trooper). I Therian si limitano a cambiare "routines", ma gli overseer restano tali.

Il ruolo del GL naturalmente è quello di un master di gioco, che deve conoscere (e/o scrivere) le avventure, ed utilizzare in maniera imparziale i personaggi non giocanti. E' sempre importante notare che il GL non gioca contro i personaggi ma è un arbitro neutrale. I personaggi non giocanti di solito hanno un solo punto di Endurance, ma ci sono le eccezioni (p.es. i supercattivi dell'avventura).

Infine, nel manuale è presente una minicampagna su Damocles composta da sei avventure di difficoltà crescente.

Conclusioni
AT-43 Tactics mi ha lasciato impressioni miste. Da una parte lo trovo poco sviluppato (e molto scomodo perchè le schede sono stampate nelle pagine del libro e quindi devi avere accesso ad una fotocopiatrice a colori per usarle), dall'altra però riempie un vuoto che non stava bene in AT-43, cioè le azioni di piccole squadre di soldati - che in una guerra futuristica vedo molto molto bene, le SpecOps, come si chiamano oggi.
Il sistema di gioco è quello di AT-43, con le varianti del caso, però purtroppo si vede che si tratta solo di un'espansione tratta da un articolo e non di un gioco più complesso (come poteva essere per esempio Cadwallon per Confrontation). Naturalmente, Tactics è un bel sistema per usare le miniature di AT-43 e per giocare in gruppo, e le missioni possono essere divertenti, e tuttavia avrei preferito un sistema di RPG più complesso e sopratutto più dettagliato, oppure un sistema di skirmish che funzionasse, non un ibrido tra i due che privilegia gli aspetti peggiori e non i migliori di entrambe le cose.
Insomma, oggi è semplice trovarlo a poco prezzo, e quindi vale la pena prenderlo, ma se non avete almeno una scatola di Operation Damocles, non pensate di poterlo usare.
Il mio voto è un 6,5 perché l'idea è splendida ma implementata maluccio. Peccato.
Pro:
Possibilità di giocare a più giocatori.
Missioni divertenti.
Contro:
Non è né un gioco di ruolo né un sistema di skirmish.
Manuale concepito con poca accortezza.