D&D: Libro delle Fosche Tenebre

Giochi collegati:
Book of Vile Darkness
Voto recensore:
9,0

Descrizione
Il "Book of Vile Darkness" o "Libro delle fosche tenebre" rappresenta la vera e pura essenza del male nel mondo di Dungeons & Dragon (D&D).
Infatti questo libro vi permetterà di creare personaggi o luoghi corrotti dalle forze oscure del male; in parole povere sia il master che i giocatori avranno la possibilità di interpretare il male in ogni sua forma.

Il Gioco
Il manuale, come tutti i libri di D&D, viene suddiviso in capitoli e alla fine di esso troviamo due appendici, di cui una serve per adattare questo manuale della 3a edizione al regolamento della 3.5.
I capitoli in questione sono: "La natura del male", "Varianti alle regole", "Equipaggiamento malvagio", "Talenti", "Classi di prestigio", "Magia", "Signori del male" e per finire "Mostri malvagi".
Nel primo paragrafo, di questo magnifico libro, c’è “l’introduzione”, che vi darà un assaggio del contenuto malevolo che troverete all’interno del manuale.

Successivamente troviamo “La natura del male”, che vi spiegherà il concetto del male nel mondo di D&D. Inoltre questo capitolo introduce le “azioni malvagie” come: vendetta, barare, stringere patti con gli immondi, dannare le anime e tante altre ancora. Non mancano neanche pratiche feticistiche, nuove razze, come lo Jerren e il Vashar e il culto di divinità infami, con relative spiegazioni sui comportamenti che un personaggio deve adottare. Inoltre c’è una breve introduzione sui luoghi maligni, la creazione di personaggi malvagi ed esempi che possono essere sfruttati per creare nuove avventure.

Nel secondo capitolo ci sono le variazioni alle regole, che si possono applicare al posto delle regole tradizionali di D&D. In questa parte del "Libro delle fosche tenebre" si introducono i concetti di Possessione (il mio preferito, in quanto si possono anche creare oggetti posseduti), Sacrifici, Maledizioni e Malattie. Non mancano i relativi esempi e tabelle, che aiuteranno il master a gestire più facilmente questi nuovi concetti.
“Varianti alle regole” inserisce nuovi metodi per migliorare i non morti, grazie al “Canto Oscuro” e la famosa “Lingua Oscura”, che può essere usata solo da malvagi. In più, ci sono effetti che influenzano addirittura il tempo atmosferico: “Tempo atmosferico malvagio”. Alla fine del capitolo abbiamo gli “Effetti permanenti del male”, che vi daranno tutte le indicazioni necessarie sui cambiamenti dei luoghi, oggetti e creature causati dalle grandi gesta malvagie.

Uno dei paragrafi più interessanti di questo libro è il terzo: “Equipaggiamento Malvagio”. Finalmente si passa alle regole relative alla tortura, che può essere utile anche per i non malvagi (ovviamente si escludono i buoni). Abbiamo anche l’inserimento degli strumenti di tortura, come la Vergine di ferro, gli aghi, la gogna, i legacci e tanto altro ancora. Il terzo capitolo aggiunge utili informazioni sui comportamenti del torturatore e del torturato con i relativi tiri salvezza e abilità da utilizzare. Sicuramente troverete interessanti le argomentazioni riguardanti i veleni e le droghe: quest’ultime sono più interessanti, perché parla dell’assuefazione e degli effetti collaterali provocati da esse. Ci sono anche i componenti alternativi (focus) per gli incantesimi, ma possono essere usati solo dai malvagi più puri.

Il quarto capitolo del libro è il più breve e aggiunge i talenti infami. Vi basta solo sapere, che se saputi utilizzare sono molto potenti e vi daranno la possibilità, se volete, di utilizzare la “Lingua Oscura”.

Seguono i capitoli “Classi di prestigio” e “Magia”. Il primo vi permette di studiare e utilizzare 18 nuove classi di prestigio: alcune sono utilizzabili solo dal master. Il secondo è dedicato quasi esclusivamente alla magia, ma sono presenti anche oggetti magici, artefatti e nuove capacità magiche per costruire armi, armature oppure artefatti malevoli.
Ovviamente i giocatori possono usufruire di tale materiale per realizzare personaggi notevolmente potenti e spietati.
Ho trovato molto interessante l’inserimento degli incantesimi corrotti, che sono molto potenti: hanno un prezzo per essere utilizzati e a volte si rischia la vita nel “lanciarli”.
Tuttavia si deve avere il consenso del Master per poter accedere al contenuto del Libro.

Il “Signori del male”, il mio capitolo preferito, introduce i 5 demoni maggiori e 10 Diavoli di notevole potenza, tanto da essere giudicati delle semidivinità. Avrete tutto lo stretto necessario per conoscere queste terribili entità, i loro servi e alcune descrizioni planetarie sui Nove inferi e sull’Abisso (già descritti nel manuale dei Piani). Comunque la mia entità preferita rimane Demogorgon.

L’ultimo capitolo, i “Mostri”, aggiunge nuove creature, che il master può utilizzare e dà la possibilità di realizzare creature cadaveriche (scheletriche o zombi) oppure corrotte (fisicamente modificate dai poteri malvagi).
Dopo il capitolo troviamo alcune utili indicazioni per giocare una campagna di soli malvagi e, come citato già in precedenza, c’è l’appendice per la conversione del manuale alla regolamentazione per l'edizione 3.5 di D&D.

Considerazioni
Il Libro delle fosche tenebre si dimostra molto corposo e soprattutto dà nuova linfa vitale ai malvagi, sia dal punto di vista interpretativo che dal punto di vista combattivo.
C’è veramente di tutto e lo si può utilizzare anche per avventure epiche e/o planari.
Questa espansione si dimostra molto utile anche dal punto di vista scenografico: il master avrà a disposizione tutto il necessario per realizzare ambientazioni fortemente tetre.
Elogio anche i disegnatori, perché hanno realizzato dei disegni veramente molto belli ed evocativi.
Sicuramente il libro delle fosche tenebre è la migliore espansione per Dungeos & Dragons 3 e 3.5: spiegazioni ben fatte e realizzazione tecnica quasi eccellente.
Purtroppo, spulciandolo in continuazione, ho trovato degli errori di battitura, come ad esempio la bacchetta di Orcus (proposta in due capitoli differenti): nel capitolo della “Magia” la "CD" per salvarsi dal suo tocco mortale è di 25, mentre nel capitolo “Signori del male” è di 20. Nonostante tutto, il mio apprezzamento personale per questo bellissimo tomo non viene alterato e auguro a chi ce l’ha un buon divertimento.

Pro:
Per chi ama D&D non può far altro apprezzare l’ottimo lavoro degli sviluppatori su questa espansione. Abbiamo una “mole” incredibile di informazioni sul “Male”, che interferiscono piacevolmente sul mondo fisico, spirituale e mentale di Dungeons & Dragons.
Segnalo, inoltre, la notevole duttilità nell’utilizzo del tomo e l’ottima realizzazione artistica del Libro.
Contro:
Personalmente il libro merita 10 e l’ho giocato con la terza edizione, ma gli do un 9 a causa degli errori di battitura, che potrebbero dare noia.
Se avessi avuto la 3.5 gli avrei dato tranquillamente un 8,5: l’appendice è troppo sintetica e può risultare noioso convertire tutte queste informazioni con i nuovi dati della nuova edizione di D&D; inoltre ci sono i famosi errori di battitura.