Eldritch Horror: Cities in Ruin

illustrazione scatola Cities in Ruin
fotografia di phalanx, illustrazione di proprietà di Fantasy Fligth Games

Cities in ruin è la settima di otto espansioni dell'ormai rodato Eldritch horror. Vediamo com'è.

Giochi collegati: 
Eldritch Horror
Voto recensore:
7,5

Fantasy Flight Games propone una nuova espansione di piccolo formato per Eldritch horror, in cui dovremo fronteggiare cataclismi che spazzeranno via intere città. Riusciremo a non impazzire vedendo Arkham o Roma ridotte ad ammassi di macerie fumanti?

Premessa: l'articolo si riferisce al gioco (base ed espansione) in lingua originale, per cui la traduzione di alcuni termini di gioco, potrebbe differire rispetto alla versione italiana del gioco base edita da Giochi Uniti.

Quali sono le novità di questa espansione?

Oltre ad offrire la consueta dose di carte per aumentare la variabilità dei mazzi, Cities in ruin porta finalmente lo scontro a Defcon 0 su scala mondiale.

Nuovi investigatori di Cities in Ruin
Nuovi investigatori di Cities in Ruin
Se prima gli investigatori andavano in giro per il mondo a cercare indizi in vecchi negozi di articoli magici o polverose biblioteche, ora è possibile che questi luoghi siano stati spazzati via da un meteorite, sommersi da un’alluvione o distrutti da una delle sette piaghe d'Egitto.

Disastri e devastazioni

Scegliendo Shudde M'ell o pescando una specifica carta preludio,  è possibile inserire in gioco due nuovi mazzi di carte chiamati rispettivamente disastro e devastazione.

In questo caso durante la preparazione dovremmo mettere dei segnalini eldritch su alcune posizioni della doom track, quando il l’indicatore raggiunge uno degli spazi occupati da un segnalino eldritch, gli investigatori dovranno pescare e risolvere una delle carte disastro.

Le carte disastro scatenano un cataclisma su una città con nome, gli sventurati investigatori che si trovano nel luogo su cui si abbatte il disastro solitamente soffrono una grande quantità di danni, spesso sufficienti ad eliminarli dalla partita. Questo purtroppo non è il peggio che può capitare, infatti la città potrebbe essere ridotta ad un ammasso di cenere fumante.

In termini di gioco una città devastata perde il suo status di città, guadagna un segnalino Devastazione mantiene il nome per alcuni effetti di gioco, ma non è più possibile:

  • svolgere le azioni tipiche delle città (prepararsi a viaggiare, svolgere incontri in città, acquisire risorse);
  • generare segnalini indizio.

sarà invece ancora possibile:

  • incontrare e combattere mostri;
  • attraversare portali;
  • esplorare le rovine della città.
carte disastro e devastazione
carte disastro e devastazione
Per svolgere quest’ultimo tipo di incontro si pesca una carta dal mazzo devastazione, spesso si tratta di incontri a test multipli come avviene per le carte portale. L'incontro è, infatti, diviso in un'introduzione con relativo test e con una seconda parte differente a seconda del risultato.

Ci potrebbe capitare di soccorrere feriti o di essere assaliti dagli sciacalli che popolano le rovine.

Il mazzo è unico per tutte le città devastate, per cui non sarà possibile avere un incontro dedicato ad un luogo iconico della città in rovina, restano comunque carte molto tematiche.

Una città devastata rappresenta un grosso problema per l'economia generale del gioco, ad esempio io mando sempre un personaggio mistico a fare il pieno di incantesimi a Buenos Aires o in altre città con funzioni simili. All'inizio è stato frustrante, ma ora posso dire che la cosa mi entusiasma, perché rimescola le poche certezze che avevo sul gioco.

La plancia era uno dei pochi se non l'unico punto fisso, l'unica cosa immutabile comune a tutte le partite, venendo a mancare questo punto di riferimento il gioco si rinnova proponendo un nuovo tipo di  sfida.

Nuovi modi per perdere

set di carte di Shudde M'ell
Set di carte di Shudde M'ell
Se una città distrutta rappresenta comunque un problema arginabile con un po' di sorzo, lo sarà meno averne nove infatti questa espansione introduce una nuova condizione di sconfitta, come se non bastassero quelle esistenti, una volta distrutte tutte e nove le città la partita viene persa automaticamente.

Shudde M'ell é il grande antico di questa espansione ed arriva corredato dei consueti mazzi mistero e ricerca ed otto carte speciali per gli incontri a G’harne e un paio di mostri epici.

Nonostante parta da un valore di quindici sulla doom track, la partita rischia di accelerare notevolmente grazie all’abilità speciale dei cultisti che, in caso di cometa rossa durante la fase miti, hanno il 30% di possibilità ciascuno di far avanzare l’indicatore, inoltre ogni investigatore perde due punti, distribuiti a scelta tra salute e sanità. In una delle ultime partite una sequela di comete combinate con la condizione avvelenato ha falcidiato metà del gruppo [La condizione non permette di recuperare vita e sanità mentale con l’azione di riposo/rest, NdA]. Bisogna anche stare attenti a non lasciare gli investigatori troppo a lungo nelle città per evitare di subirne gli effetti letali in caso di distruzione.

 

Pro:
  • Introduce una nuova variante di gioco (distruzione delle città);
  • Aumenta la variabilità dei mazzi esistenti.
Contro:
  • Attualmente disponibile solo in lingua inglese
Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Sembra una delle espansioni più interessanti.

speriamo asmodee la traduca, prima o poi.

Bella recensione Phalanx. per i motivi che sai, lo posso giocare soltanto in modalità solo. Infatti ho preso come unica espansione Forsaken Lore. Questa la consigli per aggiungere pepe al gioco? 

Si, ma ti consiglio di usare anche una regola supplementare comparsa in ancient remenants: FOCUS.

trovi la regola sul pdf dell’espansione sul sito ffg.

in pratica aggiunge focus alla lista delle azioni possibili. Focalizzare ti da un token (max 2 a investigatore) da spendere per un reroll al posto dei clue.

molto utile se non puoi muoverti.

la prossima volta lo porto e giochiamo (mik lo leghiamo come in arancia meccanica) 

Delle espansioni non ancora tradotte in italiano (le ultime quattro uscite quindi), in teoria dovrebbe essere la meglio riuscita, anzi l'unica che varrebbe la pena di acquistare, almeno secondo BGG.

Purtroppo non è molto chiaro se e quando la vedremo tradotta. Personalmente avendo tutto quanto il resto in Italiano, mi secca fare un mescolone, quindi provo ad attendere....

Cristiano

Ho il presentimento che vederle tradotte in ITA sara' difficile, un vero peccato perche' Eldrich e' un gran bel gioco.

Non saprei dire nulla sulle localizzazioni, anche se la chiusura della linea italiana di elder sign non é un bel segnale

Per Elder Sign ho provato a chiedere a Giochi Uniti e mi pare di avere capito che se FFG è disposta a ridare a loro la licenza sarebbero felici di riprenderla, lo stesso vale se Asmodee dismettesse anche Eldritch.

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare