Ilôs: l'arcipelago perduto

Ilos: copertina
La Boite de Jeu

Nei panni di avidi mercanti raggiungiamo l'appena ritrovato arcipelago di Ilôs con le nostre navi per ottenere preziose risorse, scoprire templi ricchi d'oro, costruire fortificazioni contro i pirati e influenzare il mercato.

Giochi collegati: 
Ilos
Voto recensore:
8,0

La casa editrice francese La Boite de Jeu ha presentato alla scorsa Essen Ilôs, titolo di Frédéric Guérar per 2-5 giocatori della durata media di circa trenta minuti. Il gioco, tramite un sistema di gestione mano, ci permette di navigare nell'arcipelago di Ilôs con le nostre navi, di esplorarne le rovine, di coltivare piantagioni, costruire stazioni commerciali e fortezze per proteggersi dai pirati - il tutto focalizzato verso l'unica via per fare punti vittoria: il mercato, che viene influenzato dagi stessi giocatori.

Il gioco

ilos-partita-a-due.jpg

Ilos: partita a due giocatori
Ilos: partita a due giocatori
Ilôs dura un numero imprecisato di turni, fino a quando un giocatore non ha collocato sulla mappa tutti i propri esploratori. All’inizio del gioco ogni giocatore riceve cinque carte, dopodichè si inizia la fase di esplorazione preliminare, durante la quale ogni giocatore sceglie uno dei tre esagoni rivelati e lo posiziona al centro del gioco, a creare l’arcipelago. Le tessere vanno posizionate rispettando i collegamenti - mare con mare, terra con terra - e assicurandosi di espandere sempre almeno un’isola. Ogni giocatore può quindi posizionare una delle proprie barche su una delle isole presenti sulla tessera appena posizionata.

Al proprio turno ciascun giocatore può giocare quante carte azione vuole dalla propria mano, pagando il costo indicato scartando altre carte. Le azioni ci consentono di:

  • posizionare una nuova barca su una nuova tessera che aggiungiamo sull’arcipelago o spostandola su una tessera già posizionata;
  • darsi alla pirateria: si occupa uno spazio pirati su una tessera già rivelata. Tutte le isole adiacenti a questo spazio sono considerate sotto attacco dei pirati per tutti gli avversari, che dovranno pagare un numero di carte maggiore per svolgere le azioni su quelle isole;
  • avviare una piantagione: se si ha una barca sull’isola si può posizionare un proprio esploratore su uno dei campi presenti, ottenendo un segnalino produzione corrispondente;
  • lavorare in una miniera: se si hanno due barche sull’isola si può posizionare un esploratore sulla miniera e ottenere un segnalino produzione oro;
  • costruire un edificio: se si hanno due barche sull’isola si può costruire nello spazio dedicato un edificio a scelta tra la fortezza, che consente di ignorare il malus dato dai pirati, o un centro di commercio, che ci consente di copiare la produzione di un avversario dall’isola e prendere il segnalino produzione corrispondente;
  • esplorare le rovine: se si ha almeno una nave sull’isola si può mandare un esploratore nelle rovine e ottenere immediatamente tre risorse oro da posizionare dietro il proprio schermo;
  • manipolare il mercato: questa è l’unica azione che si può fare una sola volta per turno (e otto in tutta la partita) e consente di spendere una risorsa in nostro possesso, per far aumentare il valore di quella risorsa al mercato.

Quando si decide di terminare il proprio turno si ottengono risorse pari ai segnalini di produzione in nostro possesso da posizionare dietro al nostro schermo e si pescano nuove carte - tre, più una per ogni propria barca e fortezza nell’arcipelago. Il gioco prosegue fino a quando un giocatore non ha posizionato tutti i propri esploratori sulla mappa e tutti i giocatori hanno svolto lo stesso numero di turni, dopodiché si ottengono punti per le risorse dietro agli schermi dei giocatori, in base al valore che le merci hanno al mercato.

Considerazioni

ilos_essen.jpg

Ilos: partita in corso
Ilos: partita in corso
Lo avevamo già detto durante il nostro report da Essen che Ilôs ci è piaciuto molto e siamo felici di poter dire che ha mantenuto le ottime promesse anche una volta arrivati a casa.

Il titolo ha dalla sua due caratteristiche che ci piacciono molto: una durata contenuta (in due giocatori si gioca in venti minuti) e delle regole molto semplici che si assimilano in fretta. Ilôs è comunque un gioco tutt’altro che banale, perché pone i giocatori di fronte a scelte interessanti; per esempio la mano di carte, specialmente dopo i primi turni di espansione, fornisce ai giocatori ogni tipo di azione: starà alle abilità del singolo riuscire a sfruttarle nel miglior modo possibile.

Non abbiate paura del fattore fortuna: ovviamente si pescano carte coperte da un mazzo e si dovranno fare degli aggiustamenti alla propria idea di strategia, ma è sempre possibile ottimizzare il proprio turno e la casualità della pesca non va ad inficiare sull’esito della partita.

L’interazione del titolo è molto sentita: non c’è modo di scacciare gli avversari con attacchi diretti; ma una nave pirata posizionata al momento giusto può dare più che fastidio agli avversari, i quali dovranno sprecare più carte del dovuto, oppure tempo e azioni per costruire una fortezza - il tutto in aggiunta all’interazione data dal posizionamento sulle isole e, chiaramente, dalla modifica del mercato. Quest'ultimo è l’aspetto che abbiamo preferito maggiormente, perché modificarlo richiede la spesa di una risorsa su cui noi stiamo puntando: nel compiere tale azione ci stiamo impoverendo e il valore è intanto aumentato per tutti, motivo per cui è un’azione sempre rischiosa e da valutare con attenzione.

Un difetto del gioco lo segnaliamo sulla scalabilità, perché giocato a pieno regime aumenta il downtime e il tutto diventa leggermente più incontrollabile: in due o tre giocatori si riesce a leggere meglio la mappa, capire a quali risorse gli avversari hanno accesso e ci si può pestare i piedi in modo più “ragionato”, mentre in cinque si tende a separarsi tra le isole dell’arcipelago e si perde di vista la totalità della mappa. I materiali sono molto belli, il cartone spesso, i pezzi di legno sagomati e le carte ben illustrate; avremmo preferito però che le icone sulla mappa fossero di più facile lettura: specialmente in partite a cinque giocatori, con la mappa affollata, non si riesce bene a capire cosa sia ancora disponibile e cosa no.

In conclusione, Ilôs è un ottimo titolo nel suo segmento; forse non ha grandi picchi di originalità, ma offre una bella sfida per giocatori alle prime armi ed è un ottimo riempitivo per quei giocatori già scafati che scopriranno un gioco davvero appagante.

 

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Sembra un gioco simpatico; è che ormai di giochi così se ne vedono forse troppi.

Comunque Vlaada sarà un successo.

Sembra un gioco simpatico; è che ormai di giochi così se ne vedono forse troppi.

Ma guarda, facessi punti per ogni cosa... Ti daremmo ragione.

Invece l'avere un'unica via per fare punti sulla quale si crea parecchia interazione e soprattutto per modificare la quale ti devi inpoverire... Lo differenzia dai tanti titoli medi che si trovano in giro

l'avere un'unica via per fare punti sulla quale si crea parecchia interazione e soprattutto per modificare la quale ti devi inpoverire... Lo differenzia dai tanti titoli medi che si trovano in giro

Questo è vero: è anzi una cosa che apprezzo molto nei giochi.

Comunque Vlaada sarà un successo.

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare