Fresko: recensione

Giochi collegati:
Fresco
Voto recensore:
7,3

Ambientazione
E' un gioco di piazzamento che ricorda come meccaniche i pilastri della terra, anche se le regole di piazzamento sono più composite e tra loro dipendenti, in quanto spesso un piazzamento influenza in parte o integralmente tutto il turno successivo, mentre alcuni piazzamenti comportano la possibilità di risolvere dei piazzamenti successivi nello stesso turno.

Il gioco ha lo scopo di realizzare il restauro di un affresco all'interno del duomo. I giocatori rivestono il ruolo di pittori, che dirigono un atelier e che per svolgere il loro lavoro possono contare su degli aiutanti per procurarsi le materie prime le relative miscele di colore, per poter svolgere l'incarico affidato dal vescovo: restaurare il dipinto.

Il Gioco
Il gioco si svolge in varie manche. Ogni manche è costituita da 2 fasi
1) Scegliere l'ora della sveglia e quindi modificare lo stato d'animo
2) Pianificare e svolgere le azioni

L'ora della sveglia viene fatta nella parte del tabellone chiamato locanda. Questa influenza 3 cose per ogni giocatore e cioè può modificare lo stato d'animo che equivale ad avere un aiutante in più di colore neutro per svolgere la fase successiva delle azioni se la casella dello stato d'animo indica +1, oppure giocare con un aiutante in meno se la casella indica -1 oppure con i cinque di dotazione negli altri casi. L'aiutante in più alla fine del turno va restituito e quello scartato va ripreso. Influenza poi il prezzo al mercato dei colori, infatti a fianco dell'ora della sveglia è presente il costo di ogni tessera al mercato; infine influenza l'ordine di gioco, infatti la seconda fase viene giocata a partire da chi si sveglia prima.

La seconda fase si svolge inizialmente dietro le mascherine di protezione, dove sul cartoncino delle azioni vengono pianificate le stesse inserendo i 5 aiutanti negli appositi spazi. Una volta assegnate le azioni i giocatori rimuovono simultaneamente le mascherine di protezione e svolgono le azioni secondo l'ordine della sveglia. Il giocatore di turno svolge tutte le azioni relative ad un luogo del tabellone, prima che le svolga il giocatore successivo, cioè risolve tutte le azioni dello stesso tipo a cui è stato assegnato uno o più aiutanti.

Le azioni
Mercato acquisto dei colori o chiusura di una bancarella. Il giocatore di turno sceglie una bancarella e per ogni aiutante può acquistare una tessera di colori, che equivale a pagare il prezzo indicato dalla sveglia e prende i relativi cubetti di colore. Quindi al termine del turno chiude la bancarella, rimuovele tessere della stessa e le rimette nel sacchetto di stoffa.

Duomo: restauro dell'affresco e dell'altare. Il restauro del dipinto consiste nello scegliere 1 delle 25 tessere, pagare i cubetti dei colori riportati sulla tessera, prendere i relativi punti, girare la tessera e incassare i soldi dell'incarico svolto e posizionare il vescovo nello spazio appena liberato. Prima del restauro di una tessera si può spostare il vescovo di una casella in qualsiasi direzione pagando un tallero. Se la tessera da restaurare è quella dove si trova il vescovo si riceve 3 punti bonus se è su una casella confinante se ne riceve 2. Invece del dipinto si può procedere al restauro dell'altare con i colori base (rosso, blu e verde) o con combinazione di colori derivati, ottenendo punteggi diversi a seconda della combinazione.

Atelier: esecuzione dei ritratti. Per ogni aiutante nell'atelier il giocatore riceve 3 talleri

Laboratorio: miscela dei colori. Per ogni aiutante si può preparare due miscele riponendo i cubetti dei colori che le costituiscono e prendendo quelli delle miscele prodotte.

Teatro: Miglioramento dello stato d'animo. Per ogni aiutante situato al teatro il segnalino dello stato d'animo avanza di due caselle verso il punteggio positivo.

Al termine di tutte le azioni, si ricostituisce le bancarelle del mercato pescando le tessere nel sacchetto, ogni giocatore riceve un tallero per ogni tessera del dipinto restaurata nel turno, i pittori vengono riposizionati nella locanda partendo dal giocatore con il punteggio inferiore procedendo verso quello con il punteggio maggiore.

Se all'inizio di una manche rimangono 6 tessere affresco o meno, questa è l'ultima da giocare. Si gira sul retro la tessera delle azioni, dove naturalmente ora manca il teatro. Al termine della manche si conta il denaro assegnando 1 punto per ogni 2 talleri. Il pittore con maggior punteggio vince.

Le regole delle espansioni sono delle semplici modifiche a quanto sopra descritto e quindi non vengono riassunte, visto che sul sito della Queen Games si trova il regolamento tradotto in italiano sia per il gioco base che per le espansioni.

Pro:

Il gioco è interessante specialmente per le meccaniche di piazzamento che influenzano il turno successivo, e le espansioni già contenute insieme al gioco base che lo rendono sicuramente più longevo.
Inoltre il gioco è realizzato con tutti materiali biologici come dichiarato anche sulla scatola (a parte le bustine di plastica).

Contro:

Nelle partite effettuate non ne ho trovati, forse una certa ripetizione dovuta alle azioni da svolgere, ma è il problema che caratterizza tutti i giochi di piazzamento e quindi più che un difetto è una caratteristica.