[Approfondimenti] Hard Fun

  Il seguente articolo è la libera traduzione dall'originale ad opera di Donna Sapolin: 2 Magic Words That Can Change Your Life: Hard Fun

Traduzione a cura di The_Lonewolf

Approfondimenti
Giochi

Il seguente articolo è la libera traduzione dall'originale ad opera di Donna Sapolin: 2 Magic Words That Can Change Your Life: Hard Fun

Traduzione a cura di The_Lonewolf

Due parole magiche che cambieranno la tua vita: hard fun (divertimento difficile)

Vuoi continuare a sviluppare il tuo senso di soddisfazione? Allora non essere timido/a di fronte alle sfide.

Le persone spesso mi dicono che i migliori aspetti del secondo stadio dell'età adulta sono il suo ritmo più lento e tutti gli svaghi che il tempo libero concede — da una camminata sulla spiaggia all'addormentarsi mentre leggiamo intensamente un libro (non giusto un paio di pagine per prendere sonno) fino ad iscriversi a diversi corsi.
Capisco cosa intendono. Per buona parte della mia vita adulta sono stata impegnata in onerosi lavori di editoria a tempo pieno mentre intanto scrivevo articoli indipendenti, tre ore al giorno da pendolare quando ero in città, crescendo due bambini da sola, mandando avanti una casa, etc. Nonostante tutto continuo a fare un lavoro impegnativo con tanti fattori da considerare, la vita ha un po' rallentato da quegli anni di gioventù, quando la mia idea di relax era un volo per un meeting in una località lontana con una pila di riviste.
Ora che i miei figli vivono per conto loro e sto in un piccolo appartamento dove concilio vita e lavoro (basta fare la pendolare!), riesco più facilmente a concentrarmi su una cosa alla volta invece di, vediamo, dieci. E riesco a fare spazio per attività non-lavorative senza avere la sensazione che mi sto dimenticando qualcosa di importante.
Durante gli anni più frenetici in cui mi districavo come un giocoliere, pensavo che l'obiettivo di "avere tutto" fosse più che rispettabile, non avevo mai creduto quello che molti dei miei coetanei avevano accettato serenamente: tutte le palle del giocoliere durante l'esecuzione restano a mezz'aria.
Ovviamente, come molti di noi, ho fatto del mio meglio per evitare che una di queste cadesse, ma inevitabilmente in qualche caso è capitato. Ciò nonostante, ho tratto grande soddisfazione da tutte le cose che sono riuscita ad affrontare e compiere, alle quali ho dato priorità. 


La chiave del successo: Profondo, Concentrato Impegno

Gli esperti del settore ci dicono che le chiavi di un alto livello di soddisfazione e continua crescita sono una mentalità che accetta l'intelligenza e il talento come attributi non statici, l'abitudine di impegnarsi costantemente e allenarsi. Le distrazioni interferiscono con la catena di accorgimenti che creano la strada per successo e alla gratificazione.
Poiché, per molti figli del boom economico, buona parte delle cose che una volta significavano tanto ora sono cambiate, i bambini, un partner, il lavoro o degli amici — ora stanno cercando nuovi scopi nelle loro vite. Impegnarsi costantemente per un obiettivo può portare a nuove scoperte e senso di soddisfazione, massimizzando il beneficio di avere meno distrazioni. Un concetto con cui mi sono imbattuta ormai da tempo e che forse può aiutare coloro che si trovano a questo punto.


La Formula Magica per Imparare

Negli anni 80, scrissi un articolo per la rivista Child a proposito di Nintendo subito dopo la sua nascita e di come stava iniziando a rivoluzionare il modo di giocare e socializzare dei bambini (e degli adulti). Nel corso della mia ricerca, ho intervistato Nicholas Negroponte, il direttore del M.I.T. Media Lab al tempo, per riassumere i suoi pensieri a proposito della "rivoluzionaria nuova tecnologia" e il suo forte richiamo. Sottolineò il suo potenziale educativo in relazione all'intenso impegno dei bambini durante la loro interazione con "l'universo" Nintendo.
I giochi che praticano non sono per niente facili, mi disse, proprio per niente. Ma i bambini si divertivano e come risultato, disse, la macchina e i suoi futuri seguiti ne usciranno rafforzati e migliorati in modi che non possiamo immaginare. Negroponte condivise due parole magiche che un suo collega, Seymour Papert, scrisse più tardi in un articolo del Bangor Daily News.


Hard Fun

Papert diceva:

...non è facile trovare le giuste parole per spiegare com'è cambiato il mio pensiero riguardo all'educazione, dall'approccio delicato ... al rendilo divertente e rendilo facile. Tempo fa a metà degli anni 80 un bambino delle elementari mi aiutò a capirne qualcosa di più. La Gardner Academy (una scuola elementare in un quartiere sottosviluppato di San Jose, in California) fu una delle prime scuole ad avere un numero sufficiente di computer per permettere agli studenti di spenderci abbastanza tempo ogni giorno. La loro introduzione, ogni anno, era imparare il programma, nel linguaggio informatico Logo, ad un appropriato livello. Un insegnante sentì un bambino utilizzare queste parole per descrivere il funzionamento di un computer: "È divertente. È difficile. È Logo." Non ho dubbi sul fatto che questo bambino appellò il lavoro come divertente poichè era difficile e stimolante piuttosto che essere difficile per dispetto.
Da quando mi accorsi del concetto di "divertimento stimolante" ho iniziato a farci caso e lo sentii più e più volte. Si esprime in tante forme, ognuna delle quali si riduce alla conclusione che chiunque apprezza una sfida impegnativa. Ma è necessario che siano i giusti stimoli per il determinato individuo rapportati alla cultura del periodo corrente. L'attuale rapida evoluzione delle cose sfida gli educatori a trovare aree di lavoro che sono impegnative nel modo giusto: devono connettersi con i bambini ma anche con le varie aree di conoscenza, con le abilità e (non dimentichiamocelo) con l'etica di cui questi adulti avranno bisogno nel mondo futuro.


Il divertimento stimolante non è solo per i bambini

Queste due parole non mi hanno mai lasciata. Il divertimento stimolante è diventato il mio modo di pensare della mia vita adulta, parte 2. Quello che ho preso dalla mia conversazione con Negroponte e dalla lettura dell'articolo di Papert è che il divertimento stimolante potrebbe semplicemente essere la via migliore per mantenere lo spirito fanciullesco nelle persone adulte, nel corso della loro vita.
Combinando la nostra nuova trovata libertà con il nostro abituale dinamismo verso cose che comportano la giusta tipologia di sfida, possiamo sostenere la nostra vitalità in modo significativo: stimolando e affinando le nostre menti, ampliando i nostri orizzonti e trovando soddisfazione. 
Quindi, in questa seconda parte di età adulta, suggerisco di analizzare attentamente un selezionato insieme di imprese piene di ostacoli e di impegnarsi con tutto il cuore a superarle. Tale impegno vi farà capire da quali particolari stimoli siete attratti — ricordate, la vostra dedizione dev'essere più che passeggera affinchè vi appassioni seriamente.
Per essere sicuri, dovremmo anche fare movimento, fare camminate notturne, letture ai nostri figli, coltivare le amicizie e visitare posti in cui non siamo mai stati — riposo e relax, ovviamente, anch'essi fondamentali per il benessere e l'integrazione del sapere.
Ma nel caso in cui stiate pensando che l'età adulta si basi sul prenderla con filosofia, potreste voler considerare di prenderla seriamente.

COMMENTO DEL TRADUTTORE

Scusate se mi permetto, due righe tanto per parlare.

Cosa pensate di questo articolo? Hard Fun sembra adattarsi perfettamente al mondo dei GDT, al punto che mi domando abbiamo bisogno di Donna Sapolin che ci venga a dire queste cose?

Cosa ci dice di nuovo questa lettura? Qual è la novità sensazionale?

Al giorno d'oggi siamo subissati di stimoli da ogni fronte, letteralmente bombardati, ci sarebbero da passare vite intere su Nmila campi diversi. Tant'è che oggi parliamo di hobby, quand'è nata questa parola? Quanti "stimoli impegnativi" ci sono potenzialmente? La famiglia, il lavoro, i rapporti, sono le cose "primarie" perché ci permettono direttamente di sopravvivere, ma sono tanto importanti anche le nostre passioni, che vanno coltivate e perseguite, oltre che scoprirne di nuove, per mantenerci dinamici.

È ovvio che non esistono solo gli hobby, si parla in generale del modo in cui si affrontano le cose, in modo intelligente e stimolante appunto (le parole chiave dell'articolo sostanzialmente).

Questa categoria può servirci a parlare meglio del nostro hobby, a spiegare perché, almeno io, mi vedo a 70 anni massacrarmi con i miei amici a Mage Wars?

Fateci sapere la vostra opinione!