[Biografie] La Tana dei Goblin: chi siamo - Lobo

Articoli
Tana dei Goblin

La biografia che vi presentiamo oggi è quella di Lobo, membro del consiglio direttivo de La Tana dei Goblin e responsabile degli Italian Maters.

Buona lettura!

La biografia che vi presentiamo oggi è quella di Lobo,  membro del consiglio direttivo de La Tana dei Goblin e responsabile degli Italian Maters.

Buona lettura!

 

    Nome: Valerio

    Appellativo: Lobo Gilderoy Zoolander, Lobo per tutti. Il nick deriva del personaggio DC noto per la sua pazienza ed il suo fine incedere dialettico, Gilderoy Hallock personaggio della saga di Harry Potter vanesio e sborone e infine Derek Zoolander (vedere il film please) per la sua "Blue Steel".

    Nato il: frega a qualcuno? Comunque nell'anno rivoluzionario... il '68.

    In Tana dal: uah uah uah... da sempre!

    Posizione in Tana: demiurgo, deus ex-machina, oligarca immortale.

    Professione: poliedrico garzone: bancario specializzato in finanziamenti strutturati e (ora) recupero crediti, giornalista cinematografico, Mr. Wolf (risolvo problemi) ovvero coordinatore attività stampa sul territorio nazionale, talent profiler.

    Residenza: Urbe.

    Gli inizi: al di là degli ovvi titoli come Risiko, Cluedo, Brivido, inizio il cammino con i giochi dell'International Team in primis "Kroll e Prumni" seguito poi da "Zargo's Lords" e poi tutti gli altri. Ad anni 11 vengo quindi "folgorato". Siamo nel '79. Dall''81 una pausa ormonale e poi un nuovo inizio: i GdR ovvero Lui: D&D.
    Nel frattempo prima CON da Nando nella famigerata location dei frati, era l'87 credo... da allor mai mancata una tranne l'ultima del 2014!

    La Storia: abbandonato il primo gruppo di D&D avviene l'incontro con Guido (The Goblin), Silvio (SdP), Marco (Xarxus) e Lamberto (Lambo). I GdR passano in secondo piano -causa il tentativo da parte loro di giocare un nuovo sistema inventato da zero- ed inizia l'era del boardgame. Tiro fuori dalla naftalina "Dune" e da li si parte.
    I 3 fondatori si erano incontrati, l'idea stava germogliando, Paolo (Cippacometa) si era aggiunto al gruppo insieme a Simona (Cicciamostro) e le nostre compagne. Lamberto ha avuto il pregio di farmi conoscere Ernesto (Raven) ed Enrico (Wolflord) e così ho abbracciato "Warhammer 40K" che gioco dal 90!
    In quel periodo si annovera lo storico scambio di convenevoli con uno del gruppo che dopo l'ennesimo tiro sfigato [un d6 per la cronaca] a "Block Mania" disse:
    "Va beh, ora però ritiro..."
    "Non esiste!"
    "Ma ho fatto di nuovo 2 e prima ancora 3..."
    "'La vita è dura, 'sti ca**i!"
    "Allora me ne vado!"
    "Ciao."
    ed è sparito per 12 anni. Sarà così che mi sono fatto un brutto nome?

    Magic prese quindi piede per un triennio, ma poi di nuovo boardgames.
    Oggi giochiamo ognuno per conto suo ma siamo sempre lì, nonostante tutto, compresi cambi di compagne vari.

    Io ogni settimana ho il: "quality game" con Gjmbo, Capitano, StarmanFF e Omopelo, una serata dove giocare è bellissimo, ma prendersi per i fondelli è fantastico.

    Titoli preferiti: notoriamente "Titan" (l'originale) anche se fa cagare, "Civilization" anche se è interminabile, "Puerto Rico" anche se mia moglie è più forte (o ce la faccio crede'), "Caylus" anche se non mi diverto perché sono troppo forte, "Struggle of Empires" anche se picchiano sempre me perché sono troppo forte e "Taboo" che non è un gioco, ma dato che parlo più veloce di chiunque altro al mondo basta che c'è uno in grado di capirmi e ce la portiamo a casa facile e poi.... anfora (chi sa capisce).

    Gusti e tattiche: gioco con i rossi, alternativa i neri, mai i verdi e gialli (noti colori da pippe). Amo i "gioconi", ma anche i gestionali tedeschi e... Warhammer (gioco schifoso e sbilanciato, ma con i "soldatini"). Al tavolo sono amabile e simpatico, odio stare zitto e posso essere un filino "aggressivo" se occorre.

    Caratteristiche psicofisiche: Sono un dio dorato. Notoriamente l'uber-campione di qualsiasi gioco appena spacchettato grazie alla mie versatilità e alla capacità di coglierne l'essenza in pochi attimi. Essendo un giocatore istintivo -e che giocatore- vengo travolto dai maniaci delle meccaniche e non tollero gli affetti da PdA (Paralisi da Analisi).

    Interessi collaterali: il cinema, sempre. I fumetti da Topolino alle BD passando per i supereroi (dai quali mi sono semidisintossicato da una 15ina d'anni).

    "Vi ho fatto salire sulle mie spalle di gigante per farvi vedere più lontano!"  - parafrasando Newton