[Dalla parte delle Goblinesse] Perché ti voglio bene

Seguendo la tendenza creatasi con gli articoli precedenti, parto con qualche stralcio di esperienza personale.

Sono stata cresciuta ed educata in una famiglia prevalentemente femminile, con metodi e principii lievemente diversi da quelli dominanti intorno a noi. Conosco il modo in cui alle bambine italiane veniva e viene praticato il lavaggio del cervello (sei buona, sei bella, sei dolce, sei educata, sarai una buona moglie e una buona madre), ma più grazie alla lettura di Gianini Belotti (1972, Lipperini 2007) e all’analisi critica dei circoli che frequentavo con la mamma, che non alla mia educazione diretta. enlightened

Approfondimenti
Giocatori

  *

 

Seguendo la tendenza creatasi con gli articoli precedenti, parto con qualche stralcio di esperienza personale.

Sono stata cresciuta ed educata in una famiglia prevalentemente femminile, con metodi e principii lievemente diversi da quelli dominanti intorno a noi. Conosco il modo in cui alle bambine italiane veniva e viene praticato il lavaggio del cervello (sei buona, sei bella, sei dolce, sei educata, sarai una buona moglie e una buona madre), ma più grazie alla lettura di Gianini Belotti (1972, Lipperini 2007) e all’analisi critica dei circoli che frequentavo con la mamma, che non alla mia educazione diretta. enlightened

Dopo un’infanzia passata a leggere, studiare e giocare – e picchiare i coetanei che mi prendevano in giro angry – scelsi di lavorare un poco sulla dolcezza, e scoprii la forza del sorriso, dimenticando man mano i metodi spontanei di reazione infantile e coltivandone di nuovi – più carini e affabili, ma non per questo, all’occasione, meno incisivi. heart

Così, mi sono ritrovata a un certo punto a scoprirmi solita evitare mosse molto cattive durante le sessioni di gioco da tavolo, a non fare le azioni decisive che – di quando in quando – vedevo lì pronte per sbaragliare gli altri giocatori e offrirmi la vittoria.

Perché, mi sono chiesta? frown

In parte, perché per un certo periodo è stato così raro incrociare qualcuno disposto a giocare da tavolo, che volevo godermi il più possibile le partite e speravo non finissero mai: perché fare la mossa che ti fa vincere, se questo vuol dire perdere minuti preziosi di gioco? Sì, è evidente che una parte di me ama i giochi infiniti (Carse 1987), ma come spiegazione non mi basta. blush

In parte, infatti, ero contagiata dal meme donna-gentile. Non aggredivo i compagni di gioco con mosse che li avrebbero danneggiati (non oltre un certo limite), perché sentivo che non sarebbe stato educato, carinofrown

Ma non ero per niente soddisfatta. crying

 

Poi, finalmente, incontrai Suits (1978) e il sublime volumetto che scrisse in risposta alla domanda “Cosa vuol dire giocare?

Fu lì che scoprii l’essenza dell’attività ludica. Quando giochiamo, scegliamo di affrontare volontariamente ostacoli non necessarii.

 

Nessuno ci obbliga a passare la serata chini su un tabellone. Se il nostro vero scopo per la serata fosse di posizionare per primi un cilindretto rosa (*) sulla casella col 100, potremmo metterlo direttamente lì e andare poi a guardare un film, senza stare tutto quel tempo a spostare un sacco di altri oggettini sul tavolo seguendo regole astruse. Le regole però ce lo impediscono: se vogliamo giocare, dobbiamo seguirle, ed esse sono fatte apposta per complicarci le cose.

Una delle grandi soddisfazioni del giocare da tavolo sta nel riuscire a superare tutte le difficoltà imposte dalle regole e dall’ostracismo dei nostri avversari. wink

Giocare contro qualcuno che non si oppone può farci vincere, sì, ma ci toglie tutto il gusto. no

 

Ecco quindi un messaggio alle Goblinesse (attuali e future): giocate con i vostri amici e con i vostri cari, e siate spietate. devil Giocando, non solo potete permettervelo, ma più cattive sarete più soddisfacente sarà la partita per voi e per loro. yes Lasciate pur perdere la bontà, la gentilezza e la dolcezza. Poiché volete bene al vostro compagno di giochi, volete rendergli la partita più intensa e bella possibile, e quindi dovete essere ostili. Andate di massacro, angry e siate serene :-)  smiley

 

Ho un messaggio anche per i Goblin: non cercate di essere buoni con le vostre avversarie, se ne accorgerebbero e si sentirebbero offese. broken heart Siate spietati, indipendentemente da quanto puccettoso è il gioco. wink Se invece di apprezzare la vostra cattiveria, lei se la dovesse prendere, vorrà dire che ancora non apprezza la dolcezza del fiele ludico. Se sia o no possibile farla diventare (o scoprirsi) una giocatrice, questo non so dirlo. blush

 

(*) così magari mi faccio perdonare il veto all’evidenziatore rosa nell’articolo ;-)

 

Ehi, quello lo voglio leggere, come si intitola?

 

Carse, P.J. (1987) Giochi finiti e infiniti. La vita come gioco e come possibilità, Mondadori

 

Gianini Belotti, E. (1973) Dalla parte delle bambine, Feltrinelli

 

Lipperini, L. (2007) Ancora dalla parte delle bambine, Feltrinelli

 

Suits, B. (1978) The Grasshopper. Life, Games and Utopia, Broadview

 

* logo realizzato da Micenea

Commenti

Interesante analisi.. un punto di vista diverso, ho apprezzato.

Volley e Boardgame, cocktail perfetto

Questo articolo devo farlo leggere a un'amica giocatrice che chiede sempre scusa e si fa condizionare "ma no, dai non puoi farmi questo?" e lei cambia mossa... :(

Se saprai sognare, senza fare del sogno il tuo padrone... Tua sarà la terra e tutto ciò che è in essa (R. Kipling)

Grazie, grazie, grazie!
Ho una bambina di 8 anni e questo articolo mi sarà prezioso. Ma non solo: è proprio BELLO.

Esistono persone che, con la scusa dell'elitarismo, vorrebbero livellare tutto verso il basso.
E tu innalzati, invece.

Bell'articolo, come sempre! E per nulla banale! Brava!

ho recentemente giocato a //boardgamegeek.com/jswidget.php?username=ottobre31&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1) 

Mi è piaciuto molto perché mi ha dato spunti di riflessione su dinamiche che mi capita di vedere con una certa frequenza durante le partite..... grazie !

Siver
_________________
"When playing a game, the goal is to win, but it is the goal that is important, not the winning."
Reiner Knizia

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare