[Editoriale] Il Fosbury dei segnalini

 Lo stile Fosbury, o semplicemente Fosbury, è una tecnica utilizzata nel salto in alto, che si differenzia dalle precedenti per il fatto che l'atleta esegue il salto con la schiena rivolta verso l'asticella. 
La caratteristica principale è che il centro di massa rimane sotto l'asticella, per cui lo sforzo è minore rispetto allo scavalcamento verticale. Tale risultato si ottiene grazie a una rincorsa con traiettoria semicircolare, che ha la capacità di ottenere nel momento dello stacco, eseguito volgendo il dorso all'asta, una combinazione di energia centrifuga ed elevazione in un movimento che risulta obliquo all'ostacolo, rispetto al classico scavalcamento verticale ad angolo quasi retto.
 
La tecnica fu inventata da Dick Fosbury, che vinse la medaglia d'oro alle Olimpiadi del 1968.
Articoli
Giochi
Lo stile Fosbury, o semplicemente Fosbury, è una tecnica utilizzata nel salto in alto, che si differenzia dalle precedenti per il fatto che l'atleta esegue il salto con la schiena rivolta verso l'asticella. 
La caratteristica principale è che il centro di massa rimane sotto l'asticella, per cui lo sforzo è minore rispetto allo scavalcamento verticale. Tale risultato si ottiene grazie a una rincorsa con traiettoria semicircolare, che ha la capacità di ottenere nel momento dello stacco, eseguito volgendo il dorso all'asta, una combinazione di energia centrifuga ed elevazione in un movimento che risulta obliquo all'ostacolo, rispetto al classico scavalcamento verticale ad angolo quasi retto.
 
La tecnica fu inventata da Dick Fosbury, che vinse la medaglia d'oro alle Olimpiadi del 1968.
 
 
Un segnalino è un pezzo di cartone pressato di spessore variabile, utilizzato nei giochi da tavolo per gli scopi più disparati. Viene incubato in fustelle, dalle quali è chiamato alla vita tramite le abili dita di ostetrici/giocatori. Passa gran parte della sua vita in compagnia dei suoi simili in un habitat costituito da bustine di materiale plastico, dette ziplock. Occasionalmente presta la sua attività lavorativa su un tabellone, in pile più o meno ordinate su di un tavolo, più raramente su carte o tra le dita dei giocatori. 
 
Il segnalino può avere varie forme: circolare, quadrato, rettangolare, esagonale, ecc. Quello che non gli manca mai è una faccia con gli angoli smussati e un'altra con angoli taglienti.
 
Un tempo la faccia tagliente era bianca e comunemente indicata come retro del segnalino. La natura aveva portato a considerare la faccia stondata come il fronte e il segnalino era posto con tale lato in evidenza, sul tavolo. 
Ma, come ci insegna Darwin, l'evoluzione non sta a guardare. I segnalini assunsero ben presto una doppia colorazione, venendo stampati fronte/retro per maggiore comodità. 
 
É a questo punto che si pone il dilemma del giocatore moderno. Da quale lato utilizzare il segnalino, quello stondato o quello tagliente? La pratica e la consuetudine ci insegnano lo stondato. Il salto con scavalcamento ventrale. 
Ma già la selezione naturale ha fatto sempre più numerosi proseliti tra i giocatori che, preferendo la pragmaticità alla tradizione, la funzione all'estetica e la razionalità all'abitudine, scelgono invece di poggiare i segnalini col lato tagliente in evidenza. 
 
 
Il perché è ovvio, a ben guardare. Anzi, a ben toccare. Le unghie.
Prendere il segnalino dal lato smusso ne causa inevitabilmente il progressivo logoramento, con segni più o meno evidenti ma in costante incremento con l'uso e col tempo. 
Il lato tagliente offre resistenza immediata al polpastrello, morbido e rispettoso, e nessuna necessità di ricorrere all'onicocaptazione. 
 
Il fosbury dei segnalini è già iniziato: convertitevi e non ve ne pentirete; convertitevi in nome della pragmaticità; convertitevi prima di estinguervi come dinosauri. 
 

 questa foto, gentilmente fornitaci da Miki76, è l'esempio lampante di questa tesi. Il lato del tondo verde è tagliente, il lato della X rossa è stondato. È stato raccolto lo stesso numero di volte da entrambi i lati per regolamento di gioco e si nota come quello stondato sia molto più rovinato. 

Qualcuno potrebbe dire che anche l'angolo in alto a destra del tondo verde a destra è rovinato, ma lo è perchè avendolo raccolto dal lato rosso stondato è venuta a mancare la presa ed è scivolato cadendo per terra e rovinandosi. :p

Commenti

Ahimè i pionieri dell'evoluzione dello stondo verso il basso sono ancora troppo pochi.
Continuo a vedere gente che al tavolo perde tempo per girare i segnalini nel verso sbagliato, ovvero lo stondo verso l'alto.
Per lo più, mentre lo fanno, manco se ne accorgono. Sono schiavi dell'abitudine. Alla gente non piace il cambiamento e resta arenata al passato quando ancora i segnalini avevano il retro bianco.
Continuo a vederli mentre grattano e grattano il tabellone e il segnalino stesso nel tentativo di raccoglierlo, spesso mentre lo fanno hanno la mente impegnata nello scegliere una mossa, non accorgendosì così dello scempio che stanno facendo e che continua, e continua, e il segnalino non sale. Nel caso di segnalini particolarmente sottili (es: The Castles of Burgund) l'operazione può diventare frustrante, a seconda della forma delle dita del giocatore (affusolate o a salsicciotto), i più avveduti notando di non riuscire nell'impresa dopo un pò fanno scivolare il segnalino sul tabellone fino al bordo per raccoglierlo più agiatamente....
Ma perchè non evitare tutto questo? Stondo verso il basso e il segnalino vi salta in mano.
E allora... evolvetevi! Passate al lato giusto! Stondo verso il basso! Le vostre partite saranno più piacevoli e scorrevoli.

VENDO:-Masmorra(kickst)-RailroadRevolution-Thunderstone+esp-CastlesOfMadKingLudwig-Raja-Drako-MiTierra(kickst)-TheseusTDO+Esp-Navegador-Uppsala-Flick'emUp-Kanban-Martinique-La Isla-LeHavreAncoraInPorto-Runewars-SignoreDegliAnelliLaSfida ecc.

Voi non siete mica a posto..

L'importante è vincere o partecipare??? Nessuna delle due... L'importante è giocare con le regole giuste...

taci eretico! ti aspetta il rogo di scatole :P

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Io rimango legato alla tradizione!
La tradizione è l'insieme degli usi e costumi, e dei valori collegati che ogni generazione, dopo aver appreso, conservato, modificato dalla precedente, trasmette alle generazioni successive. La tradizione è particolarmente sentita dalle comunità minoritarie come i giochi da tavolo che, attraverso di essa, tendono a conservare la propria identità.
Seguire le idee del divino Agzaroth o dell'eccentrico Miki ci porterebbe a perdere la nostra identità!
Fermatevi! E tramandiamo alle future generazioni la tradizione dei token rigorosamente ordinati in pile dal verso giusto!

ho recentemente giocato a //boardgamegeek.com/jswidget.php?username=ottobre31&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1) 

Da amante dell'ergonomia prima ancora della bellezza e del pensiero laterale invece dell'omologazione a ciò non avevo mai pensato. Un plauso a chi ci è arrivato :)
(anche se a me i giochi "vissuti" non dispiacciono affatto, quindi è proprio una questione di non perder tempo a sollevare segnalini: quanti minuti risparmiati che possiamo reinvestire in chiacchiere avrei potuto recuperare! Mai più tempo perso, da ora in poi!)

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

Qua un fervente sostenitore del segnalino con lo stondo verso il basso! Passo il tempo a convincere/pressare anche agli altri giocatori se oppongono resistenza!

Trovi le mie entusiasmanti e mirabolanti Recensioni Minute su YouTube!

:D

Io stondo verso l'alto, perché da quella parte i segnalini sono più belli. Ma ammetto che all'ergonomia non c'avevo mai pensato (nonostante tessere di Puerto Rico ormai consunte ai bordi).

Comunque Vlaada sarà un successo.

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare