Everdell: anteprima Essen 2018

Everdell_Visione d'insieme

Se vi attira l'idea di mettervi nei panni di roditori avveduti che gestiscono sassolini e legnetti per costruire le loro casette intorno allo stagno, qui troverete noci per i vostri incisivi.

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Everdell

La seguente anteprima è basata solo sulla lettura delle regole e, in nessun modo, ha valore di recensione.

Le ambientazioni con animaletti antropomorfi o grafica fiabesca in questi ultimi anni mi attirano sempre di più. Ho l’impressione che la casa editrice possa aver avuto un occhio di riguardo verso l’utente nell’usare grafica ed illustrazioni per comunicare i concetti usati nel gioco come se parlassero a bambini (quello che parrebbe il target delle illustrazioni), rendendoli facilmente assimilabili e ricordabili. E spesso non serve che dietro ci sia un regolamento semplice per riuscirci.

Piazzamento animaletti

Everdell è un tipico gioco di piazzamento lavoratori e gestione risorse per 1-4 giocatori (sì, ha pure le regole per il solitario) con durata 20-40 minuti.

Piazzi l’animaletto, raccogli le risorse e/o peschi/scarti carte. Queste carte, tutte contenute in un unico mazzo comune, possono rappresentare edifici oppure roditori e possono essere giocate al nostro turno (invece di piazzare l’animaletto) davanti a noi, pagando le risorse indicate (di quattro tipi nel gioco: tre per costruzione più le bacche) e ottenendo in cambio un effetto.

Le carte così giocate possono:

  • produrre risorse appena piazzate e in due momenti specifici della partita;
  • diventare un nuovo posto per piazzare lavoratori per ottenere effetti vari o risorse (se lo fanno gli avversari otteniamo un punto);
  • concedere un effetto solo immediato; 
  • concedere punti a fine partita a determinate condizioni;
  • concedere bonus o sconti in determinate situazioni.

Le solite cose, insomma, anche se l’impressione che danno gli effetti non è quella di sterilità e freddezza assoluta, quanto di… familiarità. Ogni carta fa quello che ci si aspetterebbe faccia ciò che vi è rappresentato, con qualche pizzico di originalità qua e là.

Una cosa particolare di questo sistema sta nel costo delle carte roditore: possono essere calate senza costo se avete precedentemente costruito l’edificio che lo ospita. Il giudice insomma potete giocarlo liberamente se avete costruito voi il tribunale. Se vi manca l’edificio adeguato, invece, il roditore va pagato in bacche.

Queste carte poi possono essere giocate dalla vostra mano oppure da uno “stagno” comune che ne contiene sempre 8, rimpiazzando la carta scelta con una nuova dal mazzo, aumentando un poco scelta e interazione fra giocatori.

Considerazioni finali

Non c’è molto altro da dire, a parte un incremento del numero di animaletti lavoratori da usare automatico col passare delle stagioni e la presenza di carte obiettivo, sempre comuni ma stavolta poste sull’albero a cui attingere. Il titolo punta sulla semplicità e indubbiamente sulla presentazione estetica, come potete intuire dalle foto. Ciò non toglie che mi ha dato l’impressione di essere curato anche nelle regole e pare piacevole da giocare per chi non cerca l’originalità a tutti i costi.

 

Commenti

Impatto estetico indubbiamente d'effetto. Il gioco sarà altrettanto valido?

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Concordo. L'estetica è favolosa e mi attira moltissimo. Lo comprerei anche solo per questo motivo e lo proporrei ai miei piccoli goblin. Aspetterò però valutazioni in merito al gioco e alle sue meccaniche dopo che sarà stato giocato più volte dopo l'anteprima di Essen. Intanto rosico...

I giochi dei bambini non sono giochi e bisogna considerarli come le loro azioni più serie. (Michel De Montaigne)

Se lo vedono i miei figli è acquisto sicuro ! Cmq tra Grafica, Effetto scenico, Materiali e Tipologia di gioco rientra sicuramente anche tra i miei preferiti ...sento la scimmia scalpitare....;-)

"L'uomo non smette di giocare quando invecchia , ma invecchia quando smette di giocare"

Immagino che il setup sia un casino... almeno è bello a vedersi.

Onestamente l'albero da solo fastidio, non ti da la completa visuale su tutto e spesso devi prendere le carte o spostarlo per leggere gli obiettivi o altro sul tabellone. Il gioco a me ha ricordato moltissimo Seasons, con le debite eccezioni, ma in pratica è un continuo creare combizioni di poteri tra le carte e giocare le carte giuste tutte con poteri vari. Interessante la differenziazione tra personaggi e edifici i primi si pagano coi mirtilli i scondi con le risorse, imponendo quindi sempre una scelta difficile su cosa raccogliere. Onestamente no mi ha entusiasmato più di tanto, ma è la tipologia di gioco che non mi ispira. Sicuramente è di durata contenuta, la parte german del piazzamento è importante, ma sul finire del gioco diventa o inutile o le risorse date sono troppo poche per essere funzionali. Gli obiettvi sull'albero sono importanti ma non danno poi così tanti punti rispetto soprattutto a certi personaggi. In generale piacevole, ma molto poco german (causa anche carte micidiali che distruggono edifici o personaggi giocati da altri, chiudono uno spazio costruzione e danno punti negativi... in una partita ho visto cattiverie senza senso che hanno affossato un giocatore senza appello), e tanta fortuna specie nella pesca delle carte. Se ne hai di buone vai, altrimenti devi attendere e alcune volte se gli altri hanno quelle giuste non li recuperi più. Carina la parte grafica e la componentistica come gli animaletti. Prevista già una espansione.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

A me interessa se è prevista una traduzione in italiano.

ne ho letto abbastanza da capire che fa per me, ma il solo giocare in solitario non ne giustifica l’acquisto. Per proporlo a casa serve che sia ita.

Non ho affatto capito se è un gioco per bambini o anche per adulti.. mi sapete dare ragguagli per favore?

Non ho affatto capito se è un gioco per bambini o anche per adulti.. mi sapete dare ragguagli per favore?

per adulti.

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare