Terramara: anteprima Essen 2019

Terramara cover

Un piazzamento lavoratori ambientato in una Terramara dell'età del bronzo: riuscirà a conquistare un posto sui nostri scaffali?

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Terramara

Tema e ambientazione

I giocatori sono capi di clan che vivono all’interno di una Terramara, un villaggio appartenente ad una civiltà sviluppatasi durante l'età del bronzo media e recente (ca. 1650 - 1150 a.C.), i cui villaggi furono chiamati appunto Terramare. Ogni giocatore deve far fiorire il proprio clan, sviluppando il commercio, il potere militare, le tecnologie e raggiungendo gli avamposti.

Componentistica e preparazione

Il tabellone è modulare: c’è una cornice esterna fissa, che presenta alcuni tracciati con relativi bonus, e una parte interna che viene formata con delle tessere da scegliere casualmente all’inizio della partita. Vi sono poi delle tessere risorsa di vario tipo a doppia faccia (la risorsa grezza e il prodotto derivato), le tessere lavoratore, un mazzo di carte artefatto, un mazzo di carte personaggio e altre tessere varie.

Sul tabellone vengono posizionate casualmente alcune tessere bonus e una fila di carte artefatto. Ogni giocatore riceve un set di pezzi di varie forme, alcuni dei quali vanno posizionati sui tracciati presenti nel tabellone, e una carta capanna. I giocatori sceglieranno a turno una carta personaggio a doppia faccia (il personaggio da giovane e da vecchio) e una carta che mostrerà loro le risorse iniziali di cui disporranno.

Terramara setup
Terramara setup

Struttura del turno

I giocatori a turno posizionano il capo clan oppure un esploratore oppure uno dei guerrieri, che hanno eventualmente a disposizione, su uno degli spazi azione presenti sul tabellone e attivi fino al round in corso, rispettando alcuni vincoli di piazzamento. La risoluzione degli spazi azione è immediata. In seguito al piazzamento è possibile svolgere alcune azioni gratuite.

Riassunto di gioco

Il gioco si sviluppa in cinque round, all’interno dei quali i giocatori compiono le loro azioni a turno, posizionando sugli spazi azione i membri del clan, il capo clan o dei guerrieri, rispettando i vincoli di piazzamento:

  • alcuni spazi azione sono esclusivi e possono essere occupati da 1 solo pezzo (capo clan, esploratore, guerriero);
  • se uno spazio azione (non esclusivo) è già occupato, è possibile posizionare il capo clan gratuitamente oppure un esploratore al costo di una tacca sul tracciato militare, a patto che la forza militare del proprio clan sia superiore a quella degli altri giocatori presenti sullo spazio azione;
  • se uno spazio azione (non esclusivo) è occupato da un capo clan, non è possibile posizionare ulteriori pezzi;
  • non è possibile occupare uno spazio azione in cui sono già presenti pezzi del proprio clan;
  • i guerrieri sono considerati come dei capi clan, ma possono essere posizionati in uno spazio azione dove è già presente un proprio esploratore;
  • gli esploratori possono essere messi su spazi azione “futuri”, ma resteranno sul tabellone per il turno successivo.

In seguito al piazzamento si può svolgere 1 delle seguenti azioni gratuite:

  • creare un artefatto;
  • riservare un artefatto tra quelli scoperti sul tabellone.
Terramara tabellone
Terramara tabellone

Gli spazi azione consentono le seguenti azioni:

  • guadagnare risorse, trasformare risorse da grezze a finite, guadagnare punti;
  • prendere tessere lavoratore (di 3 livelli) che consentono di trasformare le risorse da grezze a finite;
  • salire sui tracciati militare, fiume, strada, sbloccando i relativi bonus;
  • diventare primo giocatore;
  • compiere un’incursione (al costo di una tacca sul tracciato militare, gli altri giocatori devono darvi delle risorse in base alla differenza relativa di potere militare tra voi e loro);
  • alcuni spazi azione danno bonus in base ad alcune condizioni da soddisfare.

La partita si conclude al termine del quinto round. Ogni giocatore somma i punti guadagnati in partita, quelli dati dagli artefatti costruiti e dai loro poteri, dal tracciato militare, dal tracciato della strada, dagli avamposti visitati, dalle risorse avanzate. A questi si sottraggono 5 punti per ogni artefatto non costruito. Chi ha più punti sarà proclamato vincitore.

Commenti

Personaggio giovane e vecchio
Personaggio giovane e vecchio
Si tratta dell’ennesima variante del piazzamento lavoratori. I diversi vincoli di piazzamento, la gestione delle risorse, i poteri degli artefatti e i vari bonus disseminati negli spazi azione e sui tracciati caratterizzano il gioco come un german per giocatori esperti.

L’interazione è indiretta, anche quando si effettuano le incursioni, ed è la tipica interazione dei giochi di piazzamento lavoratori. Carina la variante del piazzamento lavoratori, ma forse il twist più interessante è la carta personaggio a doppia faccia. Su un lato è presente il personaggio da giovane, che generalmente fornisce un potere che permette uno sviluppo più rapido in certi ambiti, mentre sull’altro lato il personaggio da vecchio fornisce punti vittoria durante la partita per quelle stesse azioni in cui è specializzato il personaggio da giovane. Il giocatore dovrà quindi decidere se mantenere il personaggio giovane e migliorare rapidamente il suo motore di gioco oppure se girare la carta e usare il prima possibile lato da vecchio per ottenere punti.

Il gioco appare ben amalgamato e necessita di una una buona programmazione, con scelte spesso sofferte.

L’originalità è scarsina e tutto ha un’impostazione molto classica. La grafica è di ottimo livello e i materiali sembrano adeguati. Il regolamento non è scritto molto bene ed è un po’ disorganizzato.

Commenti

Dalla descrizione fatta mi attira: in fondo è quasi un gioco di civilizzazione alla Trough the ages che devia verso la gestione risorse e con qualche elemento di novità nelle carte doppia faccia. Se non ci fosse quella foto del setup e del tabellone che mi indispone per quantità di icone...

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

A me invece da proprio l'impressione di essere l'ennesimo WP senza brio, senza originalità e nessuno spunto degno di nota.

Come tutti i WP sul mercato, se capiterà, lo proverò.. Ma ultimamente mi deludono quasi tutti.. Da questo mi aspetto poco e niente..

Di recente ho giocato a....

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=traico7&numitems=10&header=1&text=title&images=medium&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&showplaydate=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

Condivido i dubbi di traico.

Giocati di recente
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=bobanick&numitems=5&text=title&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=left&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)//i.imgur.com/5SjyfAa.jpg)//i.imgur.com/DNaBGri.jpg)
//i.imgur.com/3MPHSkP.jpg)

Dalla descrizione fatta mi attira: in fondo è quasi un gioco di civilizzazione alla Trough the ages che devia verso la gestione risorse e con qualche elemento di novità nelle carte doppia faccia. Se non ci fosse quella foto del setup e del tabellone che mi indispone per quantità di icone...

Dopo aver letto il regolamento, direi che con TTA c'è poco in comune. E' proprio un gestionale WP con mille bonus sparsi qua e là. Il WP ha le sue peculiarità, ma secondo me niente che lo faccia brillare davvero rispetto alla massa, poi magari giocandoci cambierò idea.

Diciamo che letto il regolamento mi viene da dire che si potrebbe anche abbandonare sto tentativo di trasformare ilpiazzamento lavoratori inserendo imporbabili twist. Tra l'altro si twist, come ogni meccanica, acquisiscono, credo, senso, se sono figli di un'ambiantazione, di un'idea. Non fine a se stessi. Oa, se agzaroth crtiticava, giustamente, il twist dell'azione o in orbita o sulla superficie in On mars (che diavolo significa in effetti? Una civiltà che arriva su marte e lo colonizza, solo puó fare azioni o sulla superficie o in orbita?), cosi in terramara sta cosa che il lavoratore lo puoi piazzare su un'azione di un turno a  venire, però poi lo vedi bloccato fino a quando non ci arrivi, che cosa rappresenta? Infine posso dire che la civis dei terramara, se non erro, aveva come peculiarità quella di essere la prima civiltà conosciuta a bruciare i suoi morti. Ora, che in ambientazione non ci sia praticamente traccia di sta roba, mi sembra un poco eccessivo. Se proprio vuoi fare un gioco sui terramara, beh, inventati na cosa sui morti e sulla cremazione. E che sia abbastanza centrale nel gioco. Dico io. 

Ho avuto l'opportunità di playtestare molte volte questo gioco nelle sue ultime fasi di sviluppo insieme agli autori (Acchittocca, ovvero Gigli, Brasini, Luperto e Tinto, che non hanno bisogno di presentazioni visti i numerosi prodotti di successo da loro realizzati negli anni sia in gruppo che singolarmente).

Le mie impressioni su Terramara, avendoci appunto avuto la fortuna di giocarci molto e non solo di averne letto il regolamento, sono decisamente positive.

Il principale elemento di tensione del gioco è proprio il peculiare metodo di piazzamento dei lavoratori: in primo luogo gli spazi azione nel gioco sono distribuiti su 6 fasce che rappresentano tematicamente la "distanza" del luogo di arrivo dal villaggio di partenza (con spazi azioni fissi sulla parte alta del tabellone). Più lo spazio azione è "distante" dal villaggio (parti basse del tabellone) più le azioni dei 4 territori tipo risultano "forti" (ciascuno fornisce azioni connesse con una particolare tipologia delle 4 risorse grezze/lavorate disponibili). Lo scotto da pagare però per inviare un proprio lavoratore in questi spazi è quello di non averlo disponibile per uno o più turni successivi (il lavoratore è andato troppo "lontano" dal suo villaggio) in quanto alla fine di ciascun round verranno ritirati solo i lavoratori della fascia più alta simulando il tempo di "viaggio" di ciascun lavoratore.

Ad ogni round le azioni della fascia più alta vengono infatti "ribaltate" e sono sostituite da nuovi spazi azione che rappresentano "l'espansione" del villaggio principale. Tali spazi saranno disponibili ai soli giocatori che nel frattempo avranno spinto in avanti le loro carovane sul tracciato del viaggio rappresentato in verticale sulla sinistra del tabellone.

Da tutto questo (ed altro che non faccio in tempo a descrivere qui) deriva una serie di scelte estremamente appagante, in quanto mentre il posizionamento sulle azioni relativamente "deboli" garantisce il mantenimento della propria quota di lavoratori da piazzare, è fondamentale per vincere capire quando è il momento di spingere i propri lavoratori più distanti dal villaggio (anche accettando di non averne disponibilità per uno o più round) per eseguire alcune azioni in grado di combinarsi con la strategia che si sta percorrendo (moltissime possibili: militare / viaggio / cultura e varie combinazioni possibili). Più estrema ed originale la strategia che si sta perseguendo, più potrebbe essere opportuno azzardare un viaggio più lungo.

Questa tensione rimane viva di partita in partita, in quanto un originale sistema di set-up modulare sia degli spazi azione che dei bonus ottenibili lungo le track obbliga i giocatori a "interpretare" ogni partita in modo differente cercando di ottimizzare i piazzamenti "in avanti" e di combinarli con il proprio specifico motore e strategia di gioco.

Più che di una "variante" alla meccanica di piazzamento lavoratori, parlerei proprio quindi di una aggiunta dimensionale inedita nel panorama dei giochi riconducibili a tale meccanica, che rendono tale gioco tra quelli indispensabili da provare per chi è alla ricerca di sfide originali sia in termini di gioco che di design.

Oltre che alla vicina Essen credo che sia possibile provarlo anche prima in questi giorni in Italia perchè ho saputo dell'arrivo a Roma di varie scatole demo (non vedo l'ora di ri-provarlo nella veste grafica definitiva).

a breve attendiamo qualche commento di Gigli-Brasini su quanto è estremamente appagante e originale divide et impera

risposta geniale (come geniale è barrage)!

cmq se devo dire la mia (devo, non resisto), secondo me degli apprezzamenti così forti per giochi di colleghi rischiano di avere un effetto contro-producente; magari a te è davvero piaciuto a manetta il gioco, però io da esterno vedere un elogio così intenso, a fronte anche di quanto espresso nell'anteprima.. non so.

PS [per Scelto dai Goblin] TEAM BARRAGE TUTTA LA VITA!

Sinceramente trovo il pezzo molto superficiale. In primis non è stato capito il regolamento (i pezzi sono solo due e non tre) e poi non si sono colti i due elementi (io ci ho giocato e nln al prototipo) fondamentali del gioco:

- puoi piazzare lavoratori avanti nel tempo "bloccandoli" ma ottenendo un bonus concreto;

- per piazzare in territori pccupati devei essere militarmente più forte;

- puoi attaccare i giocatori con la "razzia", alla faccia della non interazione

 

Tra l'altro anche la plancia "mutabile" è interessante.

 

Gioco stretto e duro, quindi effettivamente un german per giocatori esperti (qui ci ha preso).

 

Se poi vogliamo dire che i piazzamento lavoratori sono tutti ugualia prescindere, uno si teneva Caylus e non comprava più nulla... anzi ora vado a cestinare i miei 50 giochi di piazzamento che ho a casa

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

Risponde Brasini! A parte tutto l'appagamento di  Divide et impera,  su cui mi riservo di scrivere a breve (:-)), posso proporre a chi volesse provare Terramara (in modo da formarsi un'opinione personale, giocando una partita vera) di venire a Roma Est in gioco domenica pomeriggio. Se siete interessati potete scrivermi un MP su FB per prenotare un posto al tavolo.

Sinceramente trovo il pezzo molto superficiale. In primis non è stato capito il regolamento (i pezzi sono solo due e non tre) e poi non si sono colti i due elementi (io ci ho giocato e nln al prototipo) fondamentali del gioco:

- puoi piazzare lavoratori avanti nel tempo "bloccandoli" ma ottenendo un bonus concreto;

- per piazzare in territori pccupati devei essere militarmente più forte;

- puoi attaccare i giocatori con la "razzia", alla faccia della non interazione

 

Tra l'altro anche la plancia "mutabile" è interessante.

 

Gioco stretto e duro, quindi effettivamente un german per giocatori esperti (qui ci ha preso).

 

Se poi vogliamo dire che i piazzamento lavoratori sono tutti ugualia prescindere, uno si teneva Caylus e non comprava più nulla... anzi ora vado a cestinare i miei 50 giochi di piazzamento che ho a casa

Non mi sembra che il pezzo sia superficiale. Tutto ciò che citi è scritto nell'anterpima.

I pezzi sono 3: capo clan, esploratori e guerrieri. I 2 punti sul piazzamento, che descrivi, sono descritti anche nell'anterpima e anche le razzie sono citate (nell'anteprima le ho chiamate incursioni), inoltre anche il tabello modulare è descritto, quindi credo di aver capito bene il regolamento e di non aver scritto un'anteprima senza citare le peculiarità del gioco.

Per quanto riguarda il mio commento, sottolineo che le mie sono impressioni personali basate su poco, perché non ho giocato al gioco (infatti è un'anterpima e non una recensione), ma ho solo letto il regolamento, tuttavia nell'anteprima un commento lo devo pur scrivere e naturalmente non pretendo che sia assoluto né del tutto corretto, dal momento che potrei ricredermi dopo aver giocato al gioco.

Riguardo al commento sui piazzamento lavoratori, lascio perdere perché non ho scritto questo ed è la classica situazione in cui ti mettono in bocca parole non dette (tra l'altro ho anche scritto che è carina come variante, perciò davvero non so che anterpima tu abbia letto). 

Mannaggia  a qusto anteprima. Avevo mollato l'idea di acquistare questo gioco. Leggendo l'anteprima mi e' passata per la mente l'idea di guardare il video di johngetsgames...ora mi e venuta la tentazione di preordinarlo. Finisco il video e poi lo so...quello che succedera'...

 

Non ci arrabbiamo con l'autore dell'anteprima perche' a me ha fatto l'effetto opposto.

Non ci arrabbiamo con l'autore dell'anteprima perche' a me ha fatto l'effetto opposto.

in realtà chi scrive ha il dovere morale di esprimere quello che pensa, a prescindere dal fatto che possa spingere o meno all'acquisto. 

anteprime, recensioni, editoriali (ecc.) non sono televendite

Non ci arrabbiamo con l'autore dell'anteprima perche' a me ha fatto l'effetto opposto.

in realtà chi scrive ha il dovere morale di esprimere quello che pensa, a prescindere dal fatto che possa spingere o meno all'acquisto. 

anteprime, recensioni, editoriali (ecc.) non sono televendite

 

 

Certamente, era solo una battuta per alleggerire. Figurati leggo sempre con piacere piu' le  critiche negative che le positive :-)

anzi molte volte le cerco per capire quali lati deboli possa avere un gioco e se questi sono importanto o no per me.

 

 

[quote=emanueles]

E allora andiamo nel dettaglio.

 

NON lo hai giocato, i lavoratori sono due e non tre, te lo ribadisco.

La razzia/incursione l'hai citata così  "...le incursioni, ed è la tipica interazione dei giochi di piazzamento lavoratori." tipica, tipica de che, rubi cose agli altri in ragione della forza militare, nel piazzamento lavoratori non esiste una cosa simile. Il gioco che lo fa è Through the Ages...

Il tabellone: "Il tabellone è modulare: c’è una cornice esterna fissa, che presenta alcuni tracciati con relativi bonus, e una parte interna che viene formata con delle tessere da scegliere casualmente all’inizio della partita." applausi hai detto che è modulare (vero), ma io ho detto che soprattutto lo ribalti dopo le azioni (il che lo rende cangiante se vogliamo).

Commento "L’originalità è scarsina e tutto ha un’impostazione molto classica." a tuo parere forse, secondo me assolutamente no e non è proprio una "caccola".
 

Ora è una tua anteprima e ci può strare, ma ci deve stare anche la correzione quando una visione di fondo negativa può affossare un gioco in uscita (io la vedo così). 

Non è una crociata contro di te, ma contro l'imperante superficialità delle letture e dei giudizi.
 

Poi la redazione mi può crocefiggere serenamente

Sinceramente trovo il pezzo molto superficiale. In primis non è stato capito il regolamento (i pezzi sono solo due e non tre) e poi non si sono colti i due elementi (io ci ho giocato e nln al prototipo) fondamentali del gioco:

Non mi sembra che il pezzo sia superficiale. Tutto ciò che citi è scritto nell'anterpima.

I pezzi sono 3: capo clan, esploratori e guerrieri. I 2 punti sul piazzamento, che descrivi, sono descritti anche nell'anterpima e anche le razzie sono citate (nell'anteprima le ho chiamate incursioni), inoltre anche il tabello modulare è descritto, quindi credo di aver capito bene il regolamento e di non aver scritto un'anteprima senza citare le peculiarità del gioco.

Per quanto riguarda il mio commento, sottolineo che le mie sono impressioni personali basate su poco, perché non ho giocato al gioco (infatti è un'anterpima e non una recensione), ma ho solo letto il regolamento, tuttavia nell'anteprima un commento lo devo pur scrivere e naturalmente non pretendo che sia assoluto né del tutto corretto, dal momento che potrei ricredermi dopo aver giocato al gioco.

Riguardo al commento sui piazzamento lavoratori, lascio perdere perché non ho scritto questo ed è la classica situazione in cui ti mettono in bocca parole non dette (tra l'altro ho anche scritto che è carina come variante, perciò davvero non so che anterpima tu abbia letto). 

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

Emanueles, grazie comunque per l'attenzione al gioco. Il giudizio spero sia sospeso almeno fino alla prova effettiva delle dinamiche che si sviluppando durante una partita e che non sono facili da immaginare solo leggendo le regole.

Segnalo giusto qualche video o recensione che suppongo siano successivi a una partita, tra cui quello già segnalato da Delia, che è in inglese:

https://boardgamegeek.com/video/236156/terramara/terramara-tutorial-play...

In francese:

https://boardgamegeek.com/video/232793/terramara/terramara-ega

https://boardgamegeek.com/video/232656/terramara/vin-djeu-dvideo-la-degu...

In italiano:

https://www.staynerd.com/terramara-nomen-omen/

Permettetimi infine di dire che, mentre sono fastidiosi ma accettabili alcuni commenti superficiali sul gioco, non sono accettabili commenti irrispettosi dal punto di vista personale tipo:

"Se proprio vuoi fare un gioco sui terramara, beh, inventati na cosa sui morti e sulla cremazione. E che sia abbastanza centrale nel gioco. Dico io" non capisco il motivo del tono arrogante, ma peggio è:

"a breve attendiamo qualche commento di Gigli-Brasini su quanto è estremamente appagante e originale divide et impera" che coinvolge anche Tommaso Battista e che vorrebbe sottendere che noi e lui siamo costretti a recensirci con vicendevole benevolenza i nostri giochi per dare loro un po' di respiro; ecco, per fortuna, non è così.

 

In realtà io trovo inaccettabile ben altro, e cioè il fatto che qui qualcuno pare abbia scambiato il sito della Tana dei Goblin come un posto dove farsi pubblicità.

A ogni modo, con un mio precedente commento, intendevo semplicemente dire che a mio parere è inopportuno che tra autori ci si sostenga in un modo come quello manifestato più sopra.

 

 

Lobo scrive:

"La razzia/incursione l'hai citata così  "...le incursioni, ed è la tipica interazione dei giochi di piazzamento lavoratori." tipica, tipica de che, rubi cose agli altri in ragione della forza militare, nel piazzamento lavoratori non esiste una cosa simile. Il gioco che lo fa è Through the Ages..."

Forse mi sbalgio, ma in Wendake (worker placement su BGG) non c'è un'interazione diretta con cui mandi via omini degli altri giocatori? Se è così (come credo che sia), non cambia molto dal rubare le risorse agli altri, posto che sempre di interazione diretta si tratta.

Aggiungo un'altra cosa, e cioè una domanda  per @Virginioachitocca: per caso trovi inaccettabile anche il tono di Lobo, o solo il mio e quello di Fabioz69? Grazie per la risposta

Lobo scrive:

"La razzia/incursione l'hai citata così  "...le incursioni, ed è la tipica interazione dei giochi di piazzamento lavoratori." tipica, tipica de che, rubi cose agli altri in ragione della forza militare, nel piazzamento lavoratori non esiste una cosa simile. Il gioco che lo fa è Through the Ages..."

Forse mi sbalgio, ma in Wendake (worker placement su BGG) non c'è un'interazione diretta con cui mandi via omini degli altri giocatori? Se è così (come credo che sia), non cambia molto dal rubare le risorse agli altri, posto che sempre di interazione diretta si tratta.

Aggiungo un'altra cosa, e cioè una domanda  per @Virginioachitocca: per caso trovi inaccettabile anche il tono di Lobo, o solo il mio e quello di Fabioz69? Grazie per la risposta

Rileggendo bene, solo il tuo e quello di Fabioz69.

il che la dice lunga.

[quote=Lobo]

 

 

E allora andiamo nel dettaglio.

 

NON lo hai giocato, i lavoratori sono due e non tre, te lo ribadisco.

La razzia/incursione l'hai citata così  "...le incursioni, ed è la tipica interazione dei giochi di piazzamento lavoratori." tipica, tipica de che, rubi cose agli altri in ragione della forza militare, nel piazzamento lavoratori non esiste una cosa simile. Il gioco che lo fa è Through the Ages...

Il tabellone: "Il tabellone è modulare: c’è una cornice esterna fissa, che presenta alcuni tracciati con relativi bonus, e una parte interna che viene formata con delle tessere da scegliere casualmente all’inizio della partita." applausi hai detto che è modulare (vero), ma io ho detto che soprattutto lo ribalti dopo le azioni (il che lo rende cangiante se vogliamo).

Commento "L’originalità è scarsina e tutto ha un’impostazione molto classica." a tuo parere forse, secondo me assolutamente no e non è proprio una "caccola".
 

Ora è una tua anteprima e ci può strare, ma ci deve stare anche la correzione quando una visione di fondo negativa può affossare un gioco in uscita (io la vedo così). 

Non è una crociata contro di te, ma contro l'imperante superficialità delle letture e dei giudizi.
 

Poi la redazione mi può crocefiggere serenamente

Sinceramente trovo il pezzo molto superficiale. In primis non è stato capito il regolamento (i pezzi sono solo due e non tre) e poi non si sono colti i due elementi (io ci ho giocato e nln al prototipo) fondamentali del gioco:

Non mi sembra che il pezzo sia superficiale. Tutto ciò che citi è scritto nell'anterpima.

I pezzi sono 3: capo clan, esploratori e guerrieri. I 2 punti sul piazzamento, che descrivi, sono descritti anche nell'anterpima e anche le razzie sono citate (nell'anteprima le ho chiamate incursioni), inoltre anche il tabello modulare è descritto, quindi credo di aver capito bene il regolamento e di non aver scritto un'anteprima senza citare le peculiarità del gioco.

Per quanto riguarda il mio commento, sottolineo che le mie sono impressioni personali basate su poco, perché non ho giocato al gioco (infatti è un'anterpima e non una recensione), ma ho solo letto il regolamento, tuttavia nell'anteprima un commento lo devo pur scrivere e naturalmente non pretendo che sia assoluto né del tutto corretto, dal momento che potrei ricredermi dopo aver giocato al gioco.

Riguardo al commento sui piazzamento lavoratori, lascio perdere perché non ho scritto questo ed è la classica situazione in cui ti mettono in bocca parole non dette (tra l'altro ho anche scritto che è carina come variante, perciò davvero non so che anterpima tu abbia letto). 


Ho riletto il regolamento e c'è una chiara differenza tra capoclan, esploratori e guerrieri (che sono solo 4 e sono viola): i 3 tipi di meeple hanno regole diverse di piazzamento, anche tra capoclan e guerrieri c'è una differenza (io mi baso sul regolamento inglese che c'è su BGG). Se ho sbagliato, chiedo scusa a tutti, ma, rileggendo il regolamento, non mi pare ci siano errori. Forse non sto capendo la tua segnalazione.

La frase che citi sulle incursioni è una frase sull'interazione in generale che, dalla lettura del regolamento, a me è sembrata nel complesso quella tipica dei piazzamenti lavoratori, nonostante la presenza delle incursioni che ovviamente danno qualcosa in più ma non credo siano così rilevanti. Sono sensazioni.

Per quanto riguarda il tabellone, non ho descritto tutti i minimi dettagli. Non posso scrivere un trattato, ma devo essere sintetico, cercando di far emergere un po' tutto. E' chiaro che alcuni dettagli possono risultare poco chiari, ma ribadisco che si tratta di un'anteprima e credo che la stessa cosa avvenga per gran parte delle altre anteprima di Essen, inoltre non mi pare si stia parlando di una grande innovazione, con tutto il rispetto per il gioco e gli autori. Sono spazi azione che si girano e cambiano col passare dei turni.

Il commento sull'originalità è un commento personale (è ovvio, come sempre nei commenti) e me ne assumo la responsabilità. E' chiaro che si tratta di un commento scritto in un anterpima e tutti lo dovrebbero considerare come tale, cioè con una valenza limitata. C'è bisogno di sottolineare anche questo? Io non ho certo la volontà di affosare il gioco e non mi sembra nemmeno di averlo fatto. Cosa ne guadagnerei? E poi è un gioco che voglio provare, se mi capita.

Non è una crociata contro di me, dici, ma sentirmi dire che la mia lettura è superficiale mi scoccia, visto che ci ho perso parecchio tempo a leggermi 2 volte il regolamento e a scrivere l'anteprima cercando di tagliare il tagliabile per non renderla troppo lunga e quindi illegibile. Alcune cose restano inevitabilmente in ombra: è un gioco con un sacco di roba, come la spieghi tutta nel dettaglio in poche righe? Ho cercato di mettere ben in evidenza tutta la parte del piazzamento lavoratori, che è comunque il vero nucleo del gioco, dove c'è la meccanica vera.

Emanueles, grazie comunque per l'attenzione al gioco. Il giudizio spero sia sospeso almeno fino alla prova effettiva delle dinamiche che si sviluppando durante una partita e che non sono facili da immaginare solo leggendo le regole.

Segnalo giusto qualche video o recensione che suppongo siano successivi a una partita, tra cui quello già segnalato da Delia, che è in inglese:

https://boardgamegeek.com/video/236156/terramara/terramara-tutorial-play...

In francese:

https://boardgamegeek.com/video/232793/terramara/terramara-ega

https://boardgamegeek.com/video/232656/terramara/vin-djeu-dvideo-la-degu...

In italiano:

https://www.staynerd.com/terramara-nomen-omen/

Permettetimi infine di dire che, mentre sono fastidiosi ma accettabili alcuni commenti superficiali sul gioco, non sono accettabili commenti irrispettosi dal punto di vista personale tipo:

"Se proprio vuoi fare un gioco sui terramara, beh, inventati na cosa sui morti e sulla cremazione. E che sia abbastanza centrale nel gioco. Dico io" non capisco il motivo del tono arrogante, ma peggio è:

"a breve attendiamo qualche commento di Gigli-Brasini su quanto è estremamente appagante e originale divide et impera" che coinvolge anche Tommaso Battista e che vorrebbe sottendere che noi e lui siamo costretti a recensirci con vicendevole benevolenza i nostri giochi per dare loro un po' di respiro; ecco, per fortuna, non è così.

 

Ribadisco che io non ho affossato il gioco e che lo proverò di sicuro se mi capiterà l'occasione. Ammetto anche che non mi ha fatto saltare sul divano dalla gioia, però non mi pare affatto un brutto gioco.

Quando dici "sono fastidiosi ma accettabili alcuni commenti superficiali sul gioco" spero non ti riferisca alla mia anteprima, perché non ritengo affatto di essere stato superficiale. Potrei aver scritto delle inesattezze e aver fatto degli errori, che per ora però non ho ancora capito dove stanno, ma mi sono sbattuto per scriverla, perché tra l'altro il gioco mi interessava.

Attenzione che tutti gli altri commenti che riporti e ritieni inaccettabili non sono miei. Citiamo bene chi li scrive perché nel tuo post ti rivolgi a me come se li avessi scritti io.

Emanueles, mi spiace, forse mi sono espresso male. Il mio messaggio era di ringraziamento a te per l'attenzione verso il nostro gioco e per l'impegno che è sottinteso, tanto da volerne scrivere.

I commenti superficiali a cui mi riferivo con fastidio sono alcuni che seguono l'anteprima e di cui mi sembra superfluo citare gli autori (ma sono evidenti).

Spero di aver chiarito l'equivoco e spero che il gioco ti possa, infine, fare un'impressione migliore a giocarlo che a leggerlo.

Buongiorno a tutti. Premetto che è un pezzo che non partecipo attivamente ad una discussione su questo forum, da cui mi sonoo allontanato diversi anni fa prorpio per l'arroganza e la presunzione di alcuni interventi.
Mi permetto di dire la mia, perchè ho avuto il piacere di provare il gioco in questi giorni.
Non sono amico, parente, conoscente degli autori e non ho interessi diretti nella pubblicazione del titolo in oggetto.
Terramara è uno di quei pochi titoli di prossima uscita (Essen è ormai alle porte) su cui avevo puntato.
Quando un amico mi ha proposto di provarlo, ho accettato più che volentieri, cogliendo l'occasione per verificare se avevo puntato su un cavallo vincente o meno.
Non trovo che l'anteprima sia particolarmente negativa e non mi sento di definirla superficiale, proprio in quanto frutto di una semplice lettura del regolamento.
Rilevo anch'io però come Lobo qualche possibile imprecisione, tipo il fatto che le figure coinvolte siano 2 e non 3 (ossia capi ed esploratori) quantomeno nella versione da me provata.
Su discorsi tipo "Si tratta dell’ennesima variante del piazzamento lavoratori.", "L’originalità è scarsina" rientriamo nell'annoso tema di "le note sono sette" per cui si presuppone che la musica ormai sia stata tutta scritta.
Io sono solito fare un parallelismo con il cinema.
Il fatto che esistano dei "generi" non significa che visto un film, tutti gli altri appartenenti allo stesso genere siano simili.
Avranno sicuramente degli elementi in comune, tant'è che in alcuni casi si arriva a parlare anche di clichè, ma cio non toglie che esistano film "belli" e film "meno belli".
Ecco Terramara è un gioco appartenente alla categoria "piazzamento lavoratori" di quelli "belli".
Scusate se ho un po' banalizzato, ma quello che mi preme far capire è che il gioco mi ha impressionato favorevolmente.
Vi sarete resi conto, nell'ambito delle vostre esperienze di gioco, che a volte basta una piccolissima modifica ad una regola, per passare da un gioco estremamente bilanciato ad uno sbilanciato.
Le sensazioni che restituisce un gioco bilanciato da uno non, direi che sono totalmente diverse.
Ecco se allora basta una piccola "modifica" al regolamento per cambiare un gioco, come si può dire che un gioco con una identità propria, sia uguale agli altri, solo perchè appartenete ad un genere o ad un dato insieme.
Fatta questa lunga premessa, Terramara, come già è stato detto, è un piazzamento lavoratori di quelli stretti.
Vorresti fare mille cose, ma le restrizioni sul piazzamento ti pongono di fronte a difficili scelte.
All'inizio le opzioni non sono tantissime, ma a mano a mano che le sezioni della plancia si sboloccano le possibilità crescono.
L'interazione è ottima, non solo nella lotta per accappararsi gli spazi azione o le carte migliori, ma anche nella possibilità diretta di rubare risorse agli avversari.
Questo costringe costantemente a non sottovalutare la track militare, fornendo tensione al gioco.
Scelte chiave del gioco risiedono nella capacità di programmazione "in avanti", ossia capire quando "impegnare" un lavoratore rinuciando ad azioni nel turno in corso per prenotarne di più forti nei turni successivi e nel timing di utilizzo dei capi.
I capi sono molto forti perchè non tengono in considerazione il livello militare ed è fondamentale capire quando utilizzarli, visto che ogni spazio azione può ospitare al massimo due pezzi.
A livello di risorse abbiamo ben quattro "categorie merceologiche" che diventano otto, in funzione dello stato di merci lavorate o meno.
Per la trasformazione occorrono azioni o l'utilizzo di aiutanti (appositi token con un valore di forza lavoro) recuperabili in appositi spazi azione.
L'avamzamento nel tracciato esplorazione è davvero difficile, ma fondamentale per la possibilità di piazzare le bandierine che daranno punti a fine partita.
Nota interessante il percorso è disseminato di token coperti che possono essere "scoperti" a patto di allungare il percorso, ma con assicurazione di una buona remunerazione.
A volte la curiosità non è solo donna... ;)
Non meno importante il percorso fluviale, fondamentale per l'acquisto delle carte artefatto, che fra le ricompense vede anche l'assegnazione di un lavoratore extra.
Insomma il gioco è un piazzamento lavoratori "classico" se volete, ma con diversi "twist" che lo rendono davvero interessante.
La rigiocabilità dovrebbe essere assicurata dai tanti elementi variabili, quali plancia modulabile, uscita delle carte, ecc...
Il fattore aleatorio molto contenuto, se escludiamo l'ordine di uscita della carte, direi che il resto è tutto decisamente controllabile.
Personalmente è uno dei giochi migliori che ho avuto modo di provare nell'ultimo periodo e non vi nascondo che iniziavo anche ad essere un po' annoiato da tutti questi solitari multigiocatore che tanto vanno di moda ultimamente, dove ognuno gioca sulla propria plancia e poco importa cosa fanno gli altri.
Per quello che mi riguarda assolutamente promosso ed acquisto sicuro (sperando in un prezzo non eccessivo visti i tempi che corrono...).
Come sempre buon game a tutti!
 

@polloviparo

potresti gentilmente specificare cosa intendi per presuntuoso e arrogante?

se ti riferisci a:

1) aggredire chi ha in buona fede scritto un'anteprima quasi come se ti avesse insultato la madre;

2) sostenere di non frequentare un sito perché non si respira una bella aria e poi comunque intervenire, quasi come ad illuminare la gente con il proprio intervento;

3) provare un gioco una o due partite e avere la certezza granitica di essere davanti a un ottimo titolo;

4) autoincensarsi per quanto sub 3

5) ritenere inaccettabili solo le critiche e non le opinioni espresse a proprio favore;

ecco, se intendi da 1 a 5 mi trovi perfettamente d'accordo 

 

 

@polloviparo

potresti gentilmente specificare cosa intendi per presuntuoso e arrogante?

Sai che me lo sono chiesto pure io, perché non ricordavo topic particolarmente accesi in cui fosse coinvolto polloviparo. Così ho fatto una ricerca e l'unica cosa che ho trovato è questa https://www.goblins.net/phpBB3/viewtopic.php?t=73779 

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Strano che proprio tu ti sia sentito chiamato in causa, non trovi?

1) Non mi sembra che ritenere che un argomento sia stato trattato con superficialità sia l'equivalente di insultare la madre.

2) Non ho detto che non frequento il sito. Ho detto che solitamente non intervengo per gli elencati motivi che
questo tuo post non fanno altro che confermare. Questa volta ho deciso semplicemente di fare un eccezione perchè ho provato un gioco che mi è sembrato valido, cosa che magari dall'anteprima non emergeva particolarmente (anche perchè giustamente è stata scritta a seguito della sola lettura del regolamento).
Se trovi che esprimere le proprie opinioni sia l'equivalente di voler illuminare la gente è un problema tuo, ma d'altronde visto che trovi che tacciare di superficialità sia l'equivalente di insultare la madre...

3) Ho semplicemente condiviso le mie impressioni a seguito di una partita, sperando potessero essere utili a chi il gioco non ha avuto modo di provarlo. Non serve forse a questo la sezione delle anteprime? Poi scusami ma anche questa è sempre una di quelle cose che non ho mai capito. A me è sufficiente una partita per capire se un gioco mi piace o meno. Poi il giudizio potrà leggermente migliorare o peggiorare, ma sicuramente non ne uscirà stravolto.

4) "autoincensarsi" definizione da vocabolario = v. rifl. (comp. di auto e incensare) – Incensare sé stesso (nel sign. fig. di lodarsi esageratamente). Ho parlato del gioco non di me stesso.

5) Le critiche sono sempre utili quando costruttive. Detto questo, almeno personalmente, non c'è nulla che io trovi inaccettabile se non i toni che spesso sono utilizzati.

@Agz, come sai purtroppo le discussioni si erano un po' esacerbate al di fuori del forum. Quello che al tempo mi dispiacque, fu che alcuni elementi di spicco della TdG, invece di intervenire in un certo modo presero altre posizioni o si limitarono semplicemente al silenzio. Il post che hai linkato è semplicemente l'apice del tutto.

@polloviparo

evitiamo giochini dell'asilo: io sono chiamato in causa sia da te che altri più sopra. Per cui, ecco la mia risposta:

1) mi riferivo alla reazione di Lobo, che è esagerata, sembrava che l'avessero punto sul personale;

2) a parte che eccezione si scrive con una z (e non c'è correttore che tenga), per quello cho ho scritto io sul mio sub 2) la distinzione tra frequentare e intervenire è irrilevante, dato che il senso era quello per cui se non intervieni mai perchè è un brutto posto, non intervenire nemmene adesso (urge un ripasso non solo di grammatica, ma anche di logica);

3) il tuo commento non ha l'aria di impressione, ma pare più una micro recensione visto il tenore con cui sostieni le tue argomentazioni (forse anche le tue recensioni su un altro famoso sito si basano solo su una singola partita?);

4) è inutile che citi il dizionario e poi scrivi "eccezione" con 2 zeta; ma, a parte questo, tutto il discorso di aver puntato sul cavallo giusto ecc. mi pare proprio autoincensarsi;

5) mi riferivo soprattutto a Virginioacchittocca, non a te.

Per quello che riguarda la tua risposta ad Agzaroth, dal forum pare che tu ti sia spacciato per il rappresentatnte di un'affiliata, senza esserlo, per otteneredegli sconti, e che quando ti è stato fatto notare sei sclerato e te ne sei andato (così ho capito da quanto linkato da Agzaroth). Se è così, ti faccio i miei complimenti.

@niconiglio

1) Avevo capito perfettamente che ti riferivi all'intervento di Lobo, che io non ho trovato così sopra le righe.

2) Eccezione si scrive con una "z" sola, su questo hai assolutamente ragione. Ho scritto di getto e mi è sfuggito, nessun intervento del correttore, semplicemente un errore di battitura. Pensa che non lo sopporto nemmeno io, quindi ti ringrazio della segnalazione.

Non trovo che la distinzione fra frequentare passivamente e intervenire attivamente sia così irrilevante, ma se lo  dici tu, che a quanto pare sei campione di logica e probabilmente anche membro onorario dell'Accademia della crusca, non posso che prenderne atto.

3) Se preferisci chiamarla micro recensione, ok ho provato un gioco e ho cercato di trasmettere quello che mi ha restituito, non ho altro da aggiungere.

Quello che ho scritto sul famoso sito (sarebbe più corretto chiamarlo blog, ma non siamo qui a mettere i puntini sulle i, giusto?) è sempre stato fatto in modo piuttosto trasparente.

Quando il feedback era frutto di più partite si parlava di recensione; quando di una sola partita nel titolo trovavi scritto “prime impressioni” o “prova su strada”.

4) Hai esordito scrivendo “evitiamo i giochini dell’asilo” quindi non penso di dover giustificare ulteriormente un errore di battitura. Se trovi rientrare nella definizione di autoincensarsi l’ammettere di aver trovato di proprio gradimento un titolo sul quale si era puntato… secondo me non ti è chiara la definizione, ma sei tu quello forte in grammatica, quindi…

5) Ok, se non era riferito a me ti risponderà il destinatario in questione. Vedo che entri nel merito anche di quanto linkato da Agz, pur essendo totalmente estraneo ai fatti. Posso limitarmi a dire che quanto è stato scritto non corrisponde assolutamente al vero. Le cose sono andate in modo totalmente diverso da come sono state scritte, ma non ho bisogno di stare qui a giustificarmi, sei liberissimo di credere a quello che leggi.

E con questo chiudo, dato che conosco modi migliori di investire il tempo che non perdermi in discussioni sterili.

Penso che accoglierò il tuo suggerimento di non intervenire ulteriormente (a proposito se rileggi quanto hai scritto, ti accorgerai che anche tu hai commesso un errore di battitura, ma non per questo ti dirò che sei carente in grammatica).

Avevo deciso di fare un eccezione (stavolta dovrei averlo scritto correttamente) dopo diversi anni, ma evidentemente i tempi non sono ancora maturi per poter scrivere “serenamente” su un forum che tratta di “giochi da tavolo”.

@polloviparo

un errore di battitura è una cosa, eccezione con 2 zeta è una bestemmia in chiesa, ma chi se ne frega, in fin dei conti. L'ho rimarcato perché ho visto che non esiti a sfoderare il dizionario, per cui ti consiglio di sfogliarlo più spesso.

Sulla faccenda citata da agzaroth, cavoli tuoi.

Sul tuo ultimo sub 2, ho scritto che, nel senso che aveva il mio discorso, la differenza fra i due termini era irrilevante, non che in assoluto gli stessi vogliano dire la stessa cosa.

Detto questo, per me puoi scrivere come quando e dove vuoi, ti pare che io ti dica di non scrivere più su questo sito.. non scherziamo. Sei te quello che si chiama fuori, affermando di essere talmente turbato da non poter scrivere serenamente.

Certo, a me non mancherai, ma è soggettivo.. Saluti e auguri per ristabilire la tua serenità turbata.

 

 

Avevo deciso di fare un eccezione (stavolta dovrei averlo scritto correttamente) dopo diversi anni, ma evidentemente i tempi non sono ancora maturi per poter scrivere “serenamente” su un forum che tratta di “giochi da tavolo”.

in realtà no, perchè ci vuole l'apostrofo... ma fa niente

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare