Rank
426

Sid Meier's Civilization: The Boardgame

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,39 su 10 - Basato su 73 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2002 • Num. giocatori: 2-6 • Durata: 180 minuti
Autori:
Glenn Drover
Sotto-categorie:
Strategy Games
Espansioni:
Civilization CHR

Recensioni su Sid Meier's Civilization: The Boardgame Indice ↑

Articoli che parlano di Sid Meier's Civilization: The Boardgame Indice ↑

  • Approfondimenti
    | 3 commenti
    Civilization è il gioco che fa per te!? Lo puoi scoprire solo documentandoti anche sull’ultima, notevolissima espansione: Guerra e Pace. Sulla falsariga di quanto già fatto con la prima espansione, tenterò di descrivere e soprattutto...
    Autore:
    tika
  • Approfondimenti
    Hai trovato i tuoi 10 motivi per giocare a Civilization? Spero proprio che sia così! In caso contrario hai letto il primo articolo della serie? Lo trovi qui. https://www.goblins.net/articoli/civilization-uno-sguardo-attento Oggi invece...
    Autore:
    tika
  • Approfondimenti
    10 buoni motivi per giocare a Civilization? Chissà se esistono! Proviamo a scoprirlo assieme: alla fine di questo articolo forse ti sarai fatto un’idea se Civ e il gioco che fa per te, ma andiamo con ordine!
    Autore:
    tika

Eventi riguardanti Sid Meier's Civilization: The Boardgame Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Sid Meier's Civilization: The Boardgame Indice ↑

Video riguardanti Sid Meier's Civilization: The Boardgame Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Sid Meier's Civilization: The Boardgame: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
4341
Voti su BGG:
2540
Posizione in classifica BGG:
15501
Media voti su BGG:
5,59
Media bayesiana voti su BGG:
5,48

Voti e commenti per Sid Meier's Civilization: The Boardgame

7

I componenti di questo gioco sono tanti e ben realizzati, necessita di un grande tavolo e della possibilita' di lasciarvi sopra tutto, si perche' il gioco si sviluppa in circa 9/12 ore ... che dire, e' la riedizione di un classicissimo per pc ed ha molti dei suoi limiti e pregi, consigliato a chi ha un buon budget ed e' appassionato della serie.
Agli altri consiglio altri wargame .

3

Uno scandalo di gioco! Lento, macchinoso, noiosissimo, e soprattutto lunghissimo!!! Un'altra cosa negativa è il fatto di avere le pedine (navi, guerrieri, ecc) dello stesso colore.
Poche idee interessanti.

Davvero una delusione...

Lo sconsiglio a tutti!!!

The busgat

4

Decisamente lunghissimo, viste le molte decisioni da prendere e le molte pedine in gioco diventa quasi impossibile finire una partita, anche spezzandola in piu' serate... se avete a disposizione tutto questo tempo libero, a mio parere sono in circolazione giochi del genere ma molto piu' entusiasmanti.

5

Componenti fantastici. Il gioco è pesante, lungo e poco controllabile.
Decisamente meglio il buon vecchio Civilization della Avalon Hill.!!!!!!!!!!!!!

8

Cominciamo con il dire che la componentistica è eccezionale (oltre 700 miniature), una mappa di gioco enorme ed una quantità impressionante di diversi tipi di carte!!!
Concordo con chi sostiene che le truppe potevano essere colorate in maniera diversa a seconda dell'Età storica di riferimento, ma probabilmente a quel punto le miniature sarebbero dovute essere UN migliaio, con inevitabile lievitazione del costo già piuttosto elevato!!!!

Il gioco è impegnativo; le scelte da effettuare molteplici (gestione delle risorse, accordi commerciali, accordi diplomatici, sviluppo delle tecnologie, ecc.) e collegabili a raffinate strategie economico/militari.

Certamente, la prima fase di gioco è la più coinvolgente ed avvincente perchè legata alla triade esplorazione/progresso evolutivo dei popoli/eventuali esigenze espansionistiche degli stessi; in un secondo momento chiaramente verrà meno la fase della scoperta.

I combattimenti sono risolti con l'impiego del dado tuttavia a mio parere organizzare l'esercito in una certa maniera può sopperire a tale fattore d'incertezza, dal momento che non esiste un'arma "ammazzatutti"!!!

La lunghezza di un gioco di per se stessa non è un difetto a meno che essa non sia inutile e del tutto gratuita (non è questo il caso)!!! Ripercorrere 6000 anni di civiltà umana in circa 10 ore, mi sembra tutto sommato accettabile. Non bisogna ostinarsi a volerlo terminare in un solo giorno o viceversa a spezzettarlo in troppe riprese.........due interi pomeriggi (a patto che ci sia tempo e voglia) sono più che sufficienti.

Va giocato con le regole avanzate per apprezzarlo a pieno!!!
Secondo me un bel gioco se affrontato con lo SPIRITO GIUSTO!!!!

Saluti
orsinidan

6

Ho un debole per i giochi della Eagle (li ho quasi tutti) ma questo è una delusione!! Non dal punto di vista dei materiali che sono eccezionali, anche il regolamento è ben fatto (ovviamente parlo solo di regole avanzate), tralascio i commenti sulla grandezza della mappa e sulla durata, perchè lo ripeto penso che chi compra un gioco è come un innamorato, deve pur aver visto qualcosa (qualche foto, le regole, il numero di giocatori, la durata, ecc..) prima della fatidica scintilla!! La mia delusione è sulla longevità che è mediocre, e sulle meccaniche, dove tutto o quasi è fortuna. Dallo scoprire i tasselli (le città sulle risorse giuste TRIPLICANO le entrate!), alle risorse critiche (scelte a caso), fino alla battaglia, tutto risente troppo del fattore fortuna. Solo le tecnologie e meraviglie bisogna sceglierle con oculatezza, ma sempre a patto che non se le accaparri il giocatore più fortunato delle primissime fasi di gioco. Infatti chi parte bene, cioè scopre i migliori tasselli, e becca le prime risorse, basta comprare le giuste tecnologie, un paio di risorse critiche e diventa con molta probabilità il dominatore incontrastato del gioco!!

L'importante non è vincere ma sapere quello che sta facendo il tuo nemico!

6

Il regolamento è una buona contrazione del gioco per PC ma come gioco in se stesso non spicca per qualità. Ha un'ottima componentistica ma è da considerare sufficiente solo per coloro che hanno tempo libero (e amici con tempo libero) a iosa. Noi abbiamo studiato il regolamento, l'abbiamo provato e l'abbiamo archiviato con l'etichetta "troppo lungo per essere utile".
Una componentistica utile per inventarci sopra qualcos'altro.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

6

Il gioco ha solo dalla sua una componentistica esagerata. Il sistema di gicoo non è originale e solo la fase commercilae ha del divertente. In realtà tutto e troppo è legato al caso. Il caso di trovare i posti migliori, le risorse milgiori, più risorse degli altri, insomma troppi elementi random che ovviamente rendono il gioco sbilanciato pesantemente già all'inizio e quindi poco godibile.

Inoltre è molot lungo, ma questo se non fosse tutto legato al caso non sarebbe un difetto, visto che ripercorre 5000 anni di storia dell'uomo....

Regole base: fate come non ci fosse vi irriterebbero soltanto e non ci giochereste più.
Regole avanzate: già cominciamo a ragionare ma necessità comunque di un playtester aggiuntivo per raffinarlo.

In realtà visto il prezzo, prenderei altro.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

7

PREGI: Materiale di altissima qualità. Mappa enorme. Una moltitudine di pedine. Molte carte.

DIFETTI: Troppo lungo. Troppo fattore fortuna iniziale. Si corre il rischio che nelle prime due tre ore (che divise per il tempo totale sono appena l'inizio) un giocatore domini incontrastato. (anche se la collaborazione degli altri giocatori potrebbe riposrtare l'equilibrio)

Lo consiglio agli appassionati, il materiale è veramente eccellente, meglio di axis e allies.

Gli amici si dicono sinceri, ma in realtà, sinceri sono i nemici

4

Sicuramente uno dei giochi che piu' mi hanno deluso negli ultimi anni. Avevo grandi aspettative visto i precedenti sia su computer che da tavolo ma alla fine il gioco, non so spiegare bene perche', non decolla ed e' nel complesso un po' noioso, ripetitivo e poco avvincente. I materiali (quantita' e tipo di pedine, dimensione della mappa) sono senz'altro di valore ma anche in questo caso le scelte grafiche non sono state secondo me azzeccate e il tutto e' un po' "spento". Peccato!

b>commento basato su solo due partite

6

C'è molto materiale ma ke palle....

3

Il gioco in sè meriterebbe ai miei occhi un 4, che può diventare 5, o con grande fatica 6, grazie ad adattamenti e house rules (ma chi ce lo fa 'ffa?) ma visto che infanga la monumentale geniale opera per computer di Sid Meier abbasso il voto.
Uno dei rari casi in cui mi sentirei di consigliare a qualcuno di giocare col pc piuttosto che ad un gioco da tavolo, se questo è il risultato...

Ogni sistema formale può provare la propria consistenza se e solo se il sistema stesso è inconsistente.

6

Sinceramente speravo meglio, tutto sommato lento, inoltre risente di un grosso handicap legato al piazzamento iniziale che purtroppo è difficilmente correggibile.

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=theclapofonehand&numitems=10&header=1&text=title&images=medium&show=hot10&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&showplaydate=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

10

Nessun commento

6

Miniature in numero inadeguato, il commercio per funzionare non deve essere fatto con persone ostili... con i nemici inoltre non conviene dividere i monopòli... l'albero delle tecnologie necessita secondo me di una riguardata....
globalmente un gioco molto bello ma che tende a tirare troppo per le lunghe

Regola delle 11 "P": Pensare Prima, Parlare Poi, Perchè Parole Poco Pensate Portano Presto Pentimento (in memoria di Carlo Madella, un mio vecchio prof di fisica)

5

Nessun commento

Corvaccio

5

Regole scritte male e tempo di gioco infinito. Belli i pezzi.

9

Nessun commento

8

Nessun commento - [Autore del commento: dakkon]

7

Bellissimo (in particolare la componentistica) e lunghissimo: Sarebbe da 8 ma convincere qualcuno a fare una partita di 8 ore è un'impresa titanica (non l'ho mai giocato in più di 2 e così perde molto).
Tuttavia è stato il mio primo gioco "serio", grazie al quale ho conosciuto la Tana..
Esiste qualcuno che è riuscito a chiudere la partita con la "Conquista dello Spazio"??

4

Nessun commento

7

Ben fatto, completo. Molto lungo, per veri amanti del gioco di strategia. Interessanti le varianti proposte su vari siti, forme di governo, combattimenti senza dadi, carte evento, carte strategia...

Dotazione fantastica. Se ci si organizza con un PC a lato del tavolo si possono fare i conti molto velocemente e il gioco scorre. Esiste un foglio Excel per automatizzare il tutto sul sito gameboardgeek.

Comprendo che possa non piacere affattp ma è troppo soggettivo. Chi ama questi giochi li ama a volte anche perchè durano parecchio, come se desse gusto alla partita. E' un gioco che ha bisogno di molto rodaggio comunque per prendere velocità e tutti i partecipanti devono essere "svegli" altrimenti si rischia di rallentare troppo.

Secondo me un "best buy" per questo genere di giochi.

7

Nessun commento

7

Nessun commento

Tolle

5

Gioco che sulla carta prometteva assai, ma... una delusione!

<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it

6

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Nessun commento

8

Nessun commento

6

Grossa delusione. Mi limito al 6 visto che lo abbiamo provato una sola volta.

Bato
http://www.myst.it
---------------------------
"La guerra è sempre stata il principale divertimento dell'umanità.
Gli altri divertimenti sono un surrogato della guerra."
Halldór Kiljan Laxness

6

Anche se il gioco per computer di Sid Meier è un capolavoro, questa trasposizione in board game non ne è assolutamente all'altezza. La scatola è imponente, il materiale di gioco ottimo e abbondante, ma non c'è nessun altro merito. Il regolamento è macchinoso e un po' noioso, è lunghissimo e non regala soddisfazioni.

*/\&#124;\&#124;\&#124;/\*

4

Troppo lungo e fortunoso, inoltre la mappa è esageratamente enorme (come tutti i giochi della eagle).
A discapito di una buona componentistica il gioco è una delusione, peccato perchè l'idea di base è interessante.

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

7

Estenuante, infinitamente lungo e lentissimo soprattutto se alto è il numero dei giocatori. Il gioco è sicuramente molto bello almeno nelle sue fasi iniziali proprio per la sensazione di gestione politico/militare/geografica. Alcuni salti temporali possono verificarsi troppo rapidamente e favorire un singolo giocatore. Davvero impegnativo, forse troppo... sarebbe un 6,5 ma la componentistica è davvero molto bella..

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

6

VOTO REALE: 6,2
Questo gioco avrebbe potuto sicuramente avere le carte giuste per diventare un grande classico, ma è invece finito rapidamente nel dimenticatoio a causa dei suoi innegabili difetti. Non a caso, infatti, la casa editrice ha prodotto la seconda edizione poco dopo l’uscita della prima. Per fortuna, questa nuova edizione si differenzia dalla precedente soltanto dal manuale delle regole, tuttavia pesantemente rivisto, ma scaricabile dal sito della casa editrice. Comunque una pessima pubblicità per il gioco.
Le meccaniche di gioco sono relativamente chiare, ma non sempre di rapida esecuzione.
Il combattimento, per esempio, richiede che i giocatori scelgano ad ogni round quale tipo di unità mandare in combattimento, tentando di prevedere la scelta dell’avversario, e tenendo in considerazione i possibili bonus e malus relativi al divario tecnologico ed alla combinazione di truppe combattenti. Metodo sicuramente d’effetto, ma che porta spesso al rallentamento del gioco, spesso con i giocatori più indecisi e/o inesperti.
Il calcolo della produzione, poi, già non rapidissimo, deve essere ripetuto ad ogni turno, diventando spesso lento e prolisso, ma necessario perché ogni volta potrebbero cambiare alcuni fattori della sommatoria.
Tutto questo senza che, comunque, si riesca a raggiungere il livello di dettaglio che ha reso famosa la versione per PC del gioco. Non che questo fatto sia di per se’ un male, ma penso sia bene sottolinearlo, onde evitare delusioni a chi volesse acquistare il gioco da tavolo convinto di ritrovare tutte le potenzialità del gioco per computer, perché ovviamente così non è.
Inoltre, il gioco tende spesso a diventare ripetitivo, specialmente in certi momenti, come quando i giocatori si alternano semplicemente a rinnovare il proprio “parco truppe”, per tenere il passo con le ultime scoperte, o come quando combattono accanitamente, utilizzando i propri turni principalmente per acquistare truppe e mandarle in combattimento.
La durata del gioco, poi, è a dir poco sconcertante. L’unico vero modo per vincere una partita è acquistare specifici sviluppi tecnologici, ma per farlo è necessario che i giocatori stanzino parecchie risorse per finanziare tale acquisto, cosa non sempre semplice quando si ha maggiormente necessità di utilizzare il proprio denaro per rimpiazzare le perdite o, come detto in precedenza, sostituire le truppe od i miglioramenti cittadini obsoleti con le relative versioni più moderne. Il risultato è spesso la stagnazione del gioco per decine di minuti di frenetica attività, senza che però, in effetti, il gioco avanzi verso la conclusione. E’ vero che esiste la possibilità di calcolare il punteggio in qualunque momento (facendo quindi terminare la partita quando si vuole), ma per arrivare nell’Epoca Moderna e “concludere” veramente il gioco, possono tranquillamente volerci diverse ore.
Questo sicuramente lede anche alla longevità del gioco, visto che difficilmente dopo una partita si ha voglia di ricominciarne un’altra prima che un bel po’ di tempo sia trascorso. Come già detto, alla lunga può facilmente risultare ripetitivo e noioso, se non per i più accaniti giocatori.
Se non altro, sia il sistema di combattimento interattivo che la possibilità di commerciare mantengono più o meno tutti i giocatori costantemente attivi, evitando fastidiosi tempi morti. In mezzo a tanti difetti, questo è sicuramente un aspetto positivo perché, anche se la partita dura ore, almeno la frenesia può in parte far dimenticare del tempo che passa.
Anche il bilanciamento non è dei migliori. La distribuzione totalmente causale delle risorse e delle tecnologie iniziali, infatti, può facilmente svantaggiare alcuni giocatori. Non è impossibile, per esempio, che un giocatore si ritrovi circondato da territori privi di risorse, rimanendo subito indietro e dovendo lottare accanitamente contro i vicini per qualche risorsa critica, mentre un altro giocatore si ritrovi per caso padrone di un ricco e prospero continente fin dall’inizio.
Ultima nota riguarda la componentistica. Tanto per cominciare, il gioco richiede sicuramente un bel po’ di spazio. Nulla di esagerato, ma la mappa è grande ed ogni giocatore ha bisogno di un posto relativamente ampio dove mettere le carte rappresentanti risorse, i miglioramenti cittadini e le tante carte tecnologia che devono rimanere ben visibili a tutti.
Le pedine, poi, sono fatte molto bene e ben definite, anche se non tutte sono immediatamente distinguibili al colpo d’occhio (cosa che provoca talvolta alcuni malintesi in combattimento).
Curiosa la scelta di fare quasi tutte le pedine di un unico colore. Vista la diversità di truppe previste nel gioco, questo solitamente garantisce che ogni giocatore abbia sempre a disposizione abbastanza pedine, senza preoccuparsi del relativo colore delle stesse, visto che l’appartenenza di un esercito ad un giocatore è garantito dal porre nello stesso territorio uno stendardo del proprio colore. Il problema è che, sebbene i territori siano relativamente grandi, talvolta si rischia comunque di fare confusione e non capire più a chi appartenga (cioè a quale bandierina sia più vicina) quella tale catapulta, visto che armate di più giocatori possono coesistere nello stesso territorio. Piccolo scotto da pagare, tuttavia, per evitare che il gioco possa pesare e costare di più (ed è già abbastanza pesante e costoso così).
Non si può infine ignorare il fatto che la scatola del gioco non includa alcun tipo di divisore interno, rendendo necessario ricorrere a soluzioni arrangiate, se non si vuole semplicemente riversare tutte le pedine e le carte in quell’unico spazio vuoto che è, appunto, la scatola.
Una sufficienza, quindi, per un gioco potenzialmente accattivante, ma spesso troppo lungo e non raramente troppo ripetitivo, che ha solo lontanamente a che fare con la versione per PC da cui prende il nome.

7

Adoro il videogame. Ma quello da tavolo ha in comune con la controparte elettronica soprattutto la durata (!). L'ho giocato alcune volte e abbiamo impiegato diverse ore per arrivare al medioevo...non oso immaginare quanto sia la durata (reale ) per chi lo vuole finire in maniera integrale. Alcune idee buone comunque ci sono: (gli sviluppi delle città, le meraviglie) e la presenza dell'effetto "fortuna" non ci ha infastidito più di tanto. Il vero problema è a mio avviso un regolamento ( invero non particolarmente complesso e spiegato molto bene): mi sembra pieno di errori di gameplay di svariato tipo (ad es: ci sono alcune scoperte che nessuno vuole comprare e il gioco stalla). Anche le battaglia non sono particolarmente emozionanti.Altro problema sono le miniature: l'averle fatte dello stesso colore non è stata un'idea geniale...anzi.
Ultimo appunto il tabellone... non è affatto facile trovare un tavolo che sia un metro di larghezza. Prima della scenografia sarebbe meglio pensare alla praticità

Qualcuno ha provato civilization chr???

"Non ci sono uomini come me. Ci sono io. E basta"

8

Nessun commento

5

materiali meravigliosi ma troppo basato sulla fortuna, davvero troppo, basta che uno dei giocatori abbia un po' di fortuna con i piazzamenti iniziali per staccare gli altri in modo quasi imprendibile.

\\//_ (lunga vita e prosperità)

7

Nessun commento

E' Bello incontrare qualcuno che usa il cervello e pensa razionalmente. E' un contrasto piacevole col mondo reale. - Bilbo Baggins -

5

Nessun commento

Bye
Joseph.

7

Non amo questo tipo di giochi ma civilization si distingue rispetto a tanti altri a partire dal materiale che mette a disposizione; non male anche le tecnologie che si evolvono durante il gioco;
alcuni aspetti del gioco comunque non convincono fino in fondo; in particolare non convince la diversa durata delle epoche e il blocco che alcune tecnologie hanno sullo sviluppo del gioco! anche la durata lunga può infastidire;
personalmente ho provato delle varianti che rendono il gioco più fluido e meglio bilanciato: dare un tempo limite per effettuare le proprie scelte (alcuni giocatori sono veramente lenti e spezzettano troppo il gioco) ed aumentare i costi delle tecnologie della terza epoca (del 50%) e della quarta (del 100%)! questo permette di godersi appieno tutte le epoche! e pazienza se il gioco dura di più.... quando si decide di giocare a civilization è meglio mettere in conto che servirà tutta la giornata (e la notte!!!!)

6

troppo lungo!!!!! 4-6 ore x finirlo se vi va bene

8

Una partita e mi è subito piaciuto, rispecchia molto il gioco pluridecorato per pc. Devi entrare nell'ordine di idee che, se ci giochi seriamente devi prendere ferie o dire a tua moglie che parti per il weekend!

Il fattore "K" è...Bandito!

9

Nessun commento

Tutto cominciò per colpa di Lord Fiddelbottom... chi l'avrebbe mai detto!
Poi la seduzione di Madame Zsa Zsa ed il rapporto con Colonel Bubble...hanno fatto il resto!

7

Longevità 1
Regolamento 2
Divertimento 1
Materiali 2
Originalità.1

Gioco rivisitato con una buona veste grafica direi accettabile

8

La mappa enorme e la quantità di miniature lo rendono il gioco con il migliore effetto scenico tra tutti i giochi quelli che conosco (insieme a Twilight Imperium 3"). E' L'UNICO "civ. da tavolo" che può farvi rivivere una esperienza simile all'omonimo gioco per PC "Sid Meier's Civilization II", ma a condizione di giocare con le regole avanzate (abbastanza chiare, che ho tradotto ed integrato con gli errata ufficiali, quindi pubblicatequi su La Tana). E' possibile migliorarlo grazie ad 'house rules' (per chi abbia tempo, segnalo la versione "CHR" che riscrive completamente il gioco), ma consiglio in ogni caso di sostituire le catapulte con miniature di arcieri come unità da tiro nella prima era (ne bastano 24 in scala 1:72 ed in questo modo si evita la "corsa all'accaparramento delle catapulte" subito prima che si scoprano i trabucchi ...); già che mi piaceva, ho elaborato e pubblicato alcune regole integrative ceh potete trovare qui su La Tana. NOTA: servono almeno 10 ore per terminare una partita con le regole avazate: arriverete stremati ma ne sarà valsa la pena ...

L'unico seguace di CC buono ... è quello bloccato senza scampo!

8

Se avete tempo è soldi e vi piace l'idea di portare una civiltà dalle origini fino al suo apogeo questo è il gioco che fa per voi.
Peccato solo che per vincere si sfrutti sempre la vittoria diplomatica per via della sua semplicità di ottenimento.

6

Troppo impegnativo per le emozioni che è capace di darti. Servono 5 amici davvero rodati per poter finire una partita, altrimenti tocca sempre interrompersi quando il gioco inizia ad essere interessante.

3

Da fan di Civilization II e IV su PC avevo enormi aspettative per questo titolo, ma posso dire di essere rimasto estremamente deluso. Troppo peso della fortuna, oltre ad un regolamento che definieri alquanto lacunoso, aggiungiamo anche alcune miniature fallate nella confezione.
La durata poi per me è davvero eccessiva, se tutte quelle ore per finire una partita fossero perlomeno divertenti potrei soprassedere, ma in realtà sono state ore di sofferenza.
Bocciato, meglio mettere in lan 2-3 PC e giocare a Civ IV.

4

Una delusione...

Alessandro Bordin

6

Che dire: un'occasione sprecata. A una grafica/componentistica stratosferica (per cui il voto è 6 e non 5) si affianca un regolamento assolutamente squilibrato: per un gioco di questa durata (più di 10 ore!) non è possibile che grazie a tiri/tessere fortunate un giocatore sia già in netto, irrecuperabile vantaggio dopo la prima ora!

3

Criminale. E' per giochi come questo che la Eagle Games si è meritata di fallire.
Non sono un fan del videogioco, ma l'ambientazione è indubbiamente affascinante. Peccato che questo gioco sia piagato da un regolamento scritto con i piedi, disorganico, caotico, brutto, brutto, brutto. Ogni aspetto del gioco è mal realizzato, a parte le miniature che sono carine. Decisamente sproporzionato in ogni cosa inclusa la componentistica e le dimensioni inutilmente roboanti. Che delusione, da evitare come la peste.

Componentistica: 1,5 - grandiosa, ma talmente esagerata da essere irritante a fronte del gioco in sè
Regolamento: 0 - ma vaff..
Longevità: 1 - chi ha lo stomaco per rigiocarci?
Divertimento: 0 - lunghezza spropositata + noia
Originalità: 1 - è uno dei vari fallimenti sul tema

S'i' fosse fuoco, arderei 'l mondo;
s'i' fosse vento, lo tempestarei;
s'i' fosse acqua, i' l'annegherei;
s'i' fosse Dio, mandereil' en profondo;

6

Carino, ma farraginoso, troppo !!!
Bel tentativo, in questo genere é ancora il più completo, ma distante dall'essere un gioco giocabile.

7

Nessun commento

9

Lunghissimo ,una partita intera non dura meno di una giornata,(7-8 ore)ma sicuramente bello,difficile però recuperare i Gap...il primo giocatore ha fare una combo avrà un vataggio non indifferente...se pure gli altri gli si alleano contro non so se riescono a riprenderlo....troppo importanti le tecnologie militari,il vero match winner è quello non permettete a nessuno di accentrarle tutte nelle sue mani.....

5

Gioco dalla lussureggiante componentistica, ma con meccaniche davvero fredde e poco innovative

10

10 con le creator house rules

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verita' e' un atto rivoluzionario...
George Orwell

4

Per me un'oscenità (gameplay, regolamento, componentistica plasticosa) indegna del nome illustre che porta. La mappa meravigliosa è l'unica che si salva

Se dico "seguitemi miei pugnaci", voi dovete seguitare et pugnare! (Brancaleone da Norcia) Flatulo

9

Nessun commento

"England expects that every man will do his duty" (H.Nelson)

5

Praticamente ingiocabile...

8

Devo fare una premessa: a me il gioco per PC (l'ho giocato fino alla 3a versione) non è mai piaciuto troppo, lo trovo pieno di tempi morti, lunghissimo e faticoso da seguire fino in fondo. Inoltre il gioco delle alleanze che dopo un po' ti si rivoltano contro mi ha sempre dato sui nervi.
Detto ciò, questo gioco è veramente un'altra cosa, non c'entra quasi nulla col gioco per PC, e forse anche per questo a me piace di più.
Anni fa l'avevo giocato un paio di volte in quattro, ma l'estrema lunghezza e l'inesperienza dei giocatori (occasionali) ne ha pregiudicato in entrambi i casi la conclusione.
Quest'anno invece l'ho riprovato in due con mio figlio, ed è stata una grande rivelazione: in due persone è un eccellente wargame strategico, si riesce a finire in un pomeriggio ed è molto coinvolgente. La corsa all'acquisto delle tecnologie diventa una sfida accanita (se non lo compro io, se lo prenderà lui); il riconoscimento delle proprie unità da quelle dell'avversario è più agevole (sono sempre dello stesso colore, ma ognuno sa quali sono le proprie, e di conseguenza anche chi sono i nemici); le fasi amministrative sono più veloci e talvolta si riescono perfino a fare commerci con l'avversario; le epoche si succedono a un ritmo incalzante, giungendo a una conclusione molto più rapida di quanto ci si aspetti all'inizio.
L'epoca antica è la più lunga, ognuno sta ancora scoprendo il mondo e costruendo le basi della propria civiltà; nel Medioevo iniziano le scoperte importanti, le unità militari diventano più forti, si naviga di più, si inizia a conquistare e a combattere; l'epoca industriale scorre via come un treno, con l'occhio già puntato sull'epoca moderna, che inizia e finisce in pochi turni, dato che a quel punto molte delle città sono arrivate al quarto livello e producono parecchi soldi. Di conseguenza appaiono alla svelta cannoni, fanteria moderna e gli aerei. Con differenti condizioni possibili di vittoria ciascuno punta verso il traguardo a lui più conveniente e chi vi arriva per primo chiude la partita.

10

Un gioco di enorme profondità strategica, adatto a giocatori davvero esperti ed amanti dei generi strategico, gestionale e di guerra. Richiede diverse ore di gioco anche a giocatori esperti e questo lo rende non adatto a chi ha poco tempo per giocare o a chi non può disporre di un intero pomeriggio da dedicare al gioco. Con il gruppo giusto, può regalare vere ore di piacevole divertimento.

6

Purtroppo riuscito male!

7

Bello ma non eccezionale... forse alcune scelte "obbligate" tendono a sbilanciare un po' troppo il risultato finale, privilegiando troppo alcune strategia rispetto ad altre.
Il mio giudizio si basa comunque su un'unica partita neanche teminata completamente, per cui va preso un po' con le molle...

10

Gioco molto bello soprattutto se giocato in più persone e con le 2 espansioni, diventa ancora più ricco di contenuti permettendoti di scegliere la strategia migliore per vincere, verament eun bellissimo gioco.

Salvatore La Greca

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare