Fjords

Giochi collegati:
Fjords
Voto recensore:
7,1
Gioco carino, davvero carino, ma onestamente mi aspettavo di più. Mi intrigava l'ambientazione e il posizionamento dei tasselli a formare un fiordo, era davvero un bel colpo d'occhio. In realtà il gioco è ben fatto, ma non mi fa impazzire.

In una prima fase, ogni giocatore dovrà posizionare un tessera pescata dalla riserva comune e posizionarla sul tavolo da gioco, in modo da metterla adiacente ad almeno 2 tessere già sul tavolo ed in modo da rispettare scrupolosamente l'andamento del terreno. Non è possibile creare una seconda terra, quindi posizionare il mare col mare non è di fatto permesso. Se una tessera non può essere messa, allora se ne pesca un'altra finché non se ne pesca una che possa essere posizionata. La o le tessere scartate vengono messe da parte e, nel corso della costruzione del terreno, è possibile prenderne una da qui e posizionarla invece che pescare (ovvero è possibile pescare un tessera e scartarla se non può essere posizionata e quindi sceglierne un'altra dagli scarti). Nel corso della costruzione del terreno i giocatori possono posizionare, nella tessera appena messa in gioco, una loro capanna. Ne hanno 4 e l'importante è che la capanna venga messa su terreno arabile e non su mare o montagne.

Conclusasi questa prima fase si passa alla seconda: la colonizzazione. Ognuno pone un proprio contrassegno in legno sui terreni, ma solo su quelli arabili e solo in modo che sia adiacente o ad un altro contrassegno già messo o ad una capanna. Posizionati i contrassegni, il gioco finisce e vince la manche chi ha messo più contrassegni. Il gioco richiede 3 manches ed alla fine si fa il calcolo del totale dei punteggi ottenuti.
Pro:
La prima fase ha la finezza del posizionamento delle tessere scartate e una sorta di scelta tattica per isolare le capanne avversarie.
Bel colpo d'occhio finale.
Contro:
La seconda fase dà i punti del gioco e mi è capitato più volte di riuscire a mettere un numero di contrassegni pari a quello del mio avversario, tanto da far finire in parità poco meno della metà delle partite.
Gioco scialbo e poco accattivante.