The Game: sei pronto a diventare... uno che gioca a carte?

The game: i componenti del gioco
Toshiyuki Hashitani, BoardGameGeek

Un gruppo di giocatori, un mazzo di carte con un teschio da finire, una manciata di minuti per decidere se i giocatori vinceranno o saranno stati "giocati dal gioco".

Giochi collegati: 
The Game
Voto recensore:
8,9
Copertina di The game
The Game
Oggi vi parlerò di un gioco di carte che è riuscito ad arrivare finalista per il teutonico premio dello Spiel Des Jahres, nell’edizione 2015. Infatti vi propongo The Game Spiele… so lange du kannst! (ovvero Il gioco: gioca finché puoi!), gioco di carte cooperativo di Steffen Benndorf da uno a cinque giocatori edito dalla NSV. Ne esiste una versione italiana a opera della DV giochi. Mentre scrivo ho sulla scrivania la versione tedesca del gioco.

Ambientazione

“Ti prego, facciamone un’altra.” [Chiunque a cui abbia fatto provare il gioco]

In The Game siamo violentemente scaraventati e fatti immedesimare in… giocatori che giocano a carte al gioco The Game. Ambientazione inesistente: non ce n'è una nemmeno di facciata: la scatola si presenta con un teschio rosso e nero e il nome del gioco, basta.

Il gioco

“Non toccare quella pila o ti ammazzo.” [Chiunque giochi una seconda partita]

Dentro la compatta scatolina troviamo un regolamento, 98 carte (dal 2 al 99), quattro carte mazzo (due crescenti e due decrescenti) e le sei carte dell’espansione On fire (dopo circa trenta partite ancora non ho sentito il bisogno di imbustare queste carte). Il gioco è molto semplice: le quattro carte mazzo vengono messe scoperte in tavola mentre ogni giocatore riceve sei carte (sette in due giocatori, otto in solitaria) e nel proprio turno deve giocarne almeno due, (tre in solitaria), rispettando il senso dei mazzi su cui gioca, ovvero su un mazzo crescente dovrò sempre giocare una carta maggiore, indipendentemente di quanto sia maggiore,  dell’ultima che ci era stata giocata, e viceversa. Alla fine del proprio turno si reintegra la mano di carte.

The game: esempio di gioco
Esempio di gioco
I giocatori vincono se riescono a finire il mazzo di carte, mentre il gioco vince se, in qualsiasi momento, un giocatore non può giocare le proprie carte. Le uniche altre regole da sapere sono che si può parlare tra giocatori (ma non dirsi che carte si hanno in mano) e che può contravvenire alla regola del senso del mazzo e quindi “tornare indietro” giocando una carta esattamente di 10 inferiore o superiore. Ad esempio, su un mazzo crescente posso giocare un 36 sopra un 46 per poi tornare a dover rispettare il senso di gioco del mazzo. Le regole sono davvero tutte qui e quindi lascio un po’ di spazio anche per la piccola espansione inclusa nella scatola, ovvero On fire.

In On fire si sostituiscono le carte 22, 33, 44, 55, 66 e 77 con le carte dell’espansione, che riportano gli stessi numeri ma sono blu - anziché rosse - e aggiungono la seguente regola: se si gioca una carta dell’espansione, essa deve essere “coperta”, ovvero si deve giocare sopra un’altra carta, entro la fine del turno del giocatore alla propria sinistra; se ciò non avviene la partita è immediatamente persa.

Considerazioni

“E allora non gioco e perdiamo?” [Risposta alla frase precedente]

Ho comprato The Game praticamente a scatola chiusa, più che altro per avere un giochino di carte, veloce e soprattutto cooperativo. Alla prima lettura del regolamento mi aveva lasciato abbastanza freddo, e poco interesse suscitò al tavolo mentre  spiegavo le poche regole. Facemmo tre partite di fila.

The Game è un gioco con una dinamica semplice dietro, ti frustra e tu ci vuoi rigiocare, è divertente e scala bene in qualsiasi numero: anche come solitario non è male. La vera sfida sta nel fare le scelte giuste comunicando con gli altri il minimo indispensabile; può non sembrare, ma più si parla più si facilita il gioco (stando in silenzio rasenterebbe l’impossibile), quindi starà al gruppo autodisciplinarsi per darsi il livello di rigidità più consono. Il fatto poi che ogni giocatore conosca solo le proprie carte ti obbliga a fidarti delle valutazioni dei compagni.

The game: carte per le pile crescenti e decrescenti
Le carte per le pile crescenti e decrescenti
Le prime partite sono difficili da vincere, poi lo saranno sempre meno e allora basta aggiungere le sei carte della mini espansione e per poter tornare felicemente a perdere. Se gli si vuole muovere qualche critica potremmo dire che verso la fine il gioco è sempre più stretto e si tratta solo di capire cosa hanno gli altri in mano senza dirselo; inoltre, la grafica forse non è indovinatissima per un gioco senza ambientazione, in quanto potrebbe rischiare di non attirare giocatori non abituali con quel teschio e i colori così cupi. A parte questo, The Game l’ho trovato adatto a qualsiasi gruppo di giocatori in cerca di un passatempo da pochi minuti ma non banale, ma anche i giocatori occasionali ne rimangono colpiti; la vera sfida è riuscire a limitarsi a una partita sola per sera.
Pro:
  • Coinvolgente
  • Ottima scalabilità
  • Adatto a tutti
  • Prezzo contenuto
Contro:
  • Grafica forse migliorabile
  • Finale un po' "stretto"
Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

sta cosa del: "potete parlare quanto volete ma non dire precisamente quello che avete in mano" trovo porti, almeno per la mia esperienza, a situazioni patetiche.

Premetto che non ho giocato al titolo recensito tuttavia a me ricorda tanto una specie di 6 nimmt cooperativo, non capisco quindi perché dovrei giocarlo. 

l'ho giocato ed esprimo una mia considerazione: è più un solitario che un cooperativo. In caso di più persone, si dovrebbero inserire nuove regole affinchè sia un giocatore (o una squadra) vs l'altra, così come è adesso ha ben poco senso

a me ha lasciato abbastanza freddo. L'ho trovato parecchio guidato, con poche possibilità di scelta reale. Stamani, più tardi, verrà pubblicata una seconda recensione: un altro utente ce l'ha mandata quasi in contemporanea con questa. 

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Anche io dopo la sola lettura del regolamento ero rimasto abbastanza freddo ma poi mi sono ricreduto giocandoci ..ogni volta che lo intavolo non si fanno meno di tre partite di fila .Mi sembra un evoluzione del classico solitario che tutti abbiamo fatto da bambini con le carte da briscola ,pero qui cerchiamo di completarlo in collaborazione con altre persone 

Visto il prezzo veramente basso penso che sia un  filler promosso a pieni voti 

È curioso che le 2 recensioni di The Game siano uscite in contemporanea. Sono davvero contento di poter leggere queste 2 ottime recensioni. Che altro dire? Un ottimo gioco di carte cooperativo in grado di offrire un bel livello di sfida. Finire tutte le carte è sempre una bella soddisfazione, specie se giocato in 5, visto che più si è, più è difficile coordinarsi. (Per par condicio scrivo lo stesso commento anche nell'altra recensione)

 

P.S. Perché il voto è 8,9 e non 9?

Se riconosci subito il mio nickname, significa che hai giocato al videogioco più bello di sempre.

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare