The Mind: vediamo quanto è fonda la tana del coniglio

copertina the mind
Rosengald

Un mazzo di carte, un gruppo di persone in silenzio, un'idea nuova. Basteranno solo questi elementi a permetterci di elevare le nostre menti e fonderci in un'unica coscienza?

Giochi collegati: 
The Mind
Voto recensore:
7,5

Dopo aver parlato del vincitore dello Spiel des Jahres 2018 mi accingo a scrivere la mia opinione – decisamente meno autorevole rispetto a quella dei Giullari – sull’altro finalista del premio tedesco che ho in collezione. Perché? Direte voi, beh sono bloccato nell’ufficio di un’associazione di reduci e vi posso assicurare che il primo di agosto non c’è molto da fare. Anche questo titolo rientra nella serie dei miei acquisti dell’ormai troppo lontana Play 2018 e anche questo acquisto è stato fortemente voluto dalla mia dolce metà; ma aveva dannatamente ragione, a me sono servite un paio di partite post fiera per entrare nell’ottica del gioco, ma poi lo abbiamo consumato. Ovviamente sto per scrivere di The Mind, un (forse) gioco di Wolfang Warsch del 2018, edito da NSV games e portato nel nostro stivale da DV giochi, per 2-4 giocatori che si terranno impegnati per un quarto d’ora circa. Mentre sto scrivendo ho sulla scrivania la versione multilingua che era disponibile a Modena.

Ambientazione

È la tua ultima occasione, se rinunci non ne avrai altre. Pillola azzurra, fine della storia: domani ti sveglierai in camera tua, e crederai a quello che vorrai. Pillola rossa, resti nel paese delle meraviglie, e vedrai quant'è profonda la tana del Bianconiglio. Ti sto offrendo solo la verità, ricordalo. Niente di più. (Morpheus dal film Matrix)

In The Mind vestiremo i panni di conigli mentalisti in lotta contro terribili forze oscurantiste che cercano di impedire a questa razza di roditori asceti di risvegliare le proprie menti. Tutto questo per impedirgli di comprendere che la realtà in cui vivono è una neuro simulazione interattiva creata da macchine che si sono ribellate e sono entrate in guerra contro i conigli dai quali hanno imparato a produrre energia. Per portare avanti questa battaglia voi prodi conigli avrete a disposizione solo la vostra fermezza mentale e…. delle stelle ninja.

No, ok, il gioco non ha un’ambientazione e non ho ancora capito il legame tra i conigli e gli shuriken, ma mi sembrava una bella storia, o forse è solo il caldo che mi fa impazzire.

Il (non) gioco

I legami più profondi non sono fatti né di corde, né di nodi, eppure nessuno li scioglie. Lao Tzu 

The Mind - Scatola
The Mind - Scatola
Nella scatolina troviamo un mazzo di carte dall’1 al 100 in singola copia, dodici carte “livello” e le carte vita e shuriken, tutto qui. Ma vediamo come si può arrivare ad essere candidati ad uno dei premi più importanti del mondo ludico con solo questi elementi.

Il gioco è totalmente cooperativo: i giocatori dovranno affrontare un numero di livelli variabile – da otto a dodici – a seconda del numero dei partecipanti, meno si è più livelli si dovrà affrontare. Ogni giocatore riceve tante carte pari al livello in corso, quindi una nel primo livello, due nel secondo e così via.

Poi tutti i giocatori poggiano la mano aperta sul tavolo per creare una connessione mentale, no, non sto scherzando, questo passaggio è obbligatorio, se non lo fate non potete giocare a The Mind!

Poi i giocatori, senza che ci sia un ordine di turno, quando se la sentono, giocano la carta più bassa che hanno in mano, per superare il livello è necessario giocare tutte le carte che i giocatori hanno in mano in un’unica pila crescente al centro del tavolo. Il vincolo è che i giocatori non possono parlare ma nemmeno comunicare in nessun modo, nemmeno a gesti.

Per finire la parte dedicata alle regole c’è da dire che, ogni volta che si fa un errore, si perde una vita e all’inizio della partita se ne hanno tante quanto il numero dei giocatori. In più è possibile giocare una carta shuriken per permettere a tutti i giocatori di scartare la carta più bassa che hanno in mano.

Alcuni livelli danno come ricompensa per averli superati una vita o uno shuriken seguendo lo schema nessun premio-shuriken-vita che si ripete fino al nono livello, dopo il quale non si ottengono più ricompense. Se si consuma l’ultima vita, si perde, se si superano tutti i livelli richiesti, si vince.

Considerazioni

La mente non è un vaso da riempire, ma un fuoco da accendere. Plutarco

Sappiate che qui sopra non ho descritto il gioco, ho spiegato tutto il regolamento, infatti le regole del gioco sono tutte qui.

The Mind - Carte
The Mind - Carte
Sicuramente The Mind è il candidato di quest’anno più discusso a causa della sua natura: non è propriamente un gioco; ma è sul regolamento stesso che veniamo avvisati che quello che stiamo per affrontare è più un esperimento che un gioco vero e proprio. Io sono un amante di The Game, in tutte e tre le sue vesti, gioco al quale viene spesso accostato, e approcciarlo con lo stesso spirito con cui si gioca al gioco delle carte con il teschio è un errore bello e buono. Qui siamo davanti a qualcosa di diverso nonostante il concetto di gioco sia così simile e, anzi, non stenterei a credere che l’autore si fosse ispirato a the Game, ma riuscendo – a mio avviso – a trasformarlo in qualcosa di diverso.

In the Game i conti si devono fare eccome, le carte che passano si vedono, qui alla fine di ogni livello si rimischia tutto il mazzo, inoltre in The Game la comunicazione verbale è fondamentale - «preferite che gioco su questa pila o su un’altra» oppure «non toccate questa pila» e cose così – mentre The Mind va giocato e si apprezza nel totale silenzio del tavolo, con sguardi tesi e cercando di captare informazioni anche solo dalla distanza della mano libera dalle carte che i nostri compagni hanno in mano.

The Mind ha saputo dividere il pubblico in maniera abbastanza netta, lo si ama o lo si odia: io rompo gli indugi ammettendo di essere nel primo schieramento.

Il gioco sicuramente spiazza e il primo pensiero è che non si possa fare a meno di giocare a caso, non avendo nessun modo di far passare informazioni sulle proprie carte, ma in realtà non è proprio così. The Mind è un gioco dove si deve imparare a barare, e a farlo bene, cosa intendo? Che è un gioco che più si gioca e più si apprezza, ma anche che più lo giocate con le stesse persone più diventa facile superare i primi livelli – non vincere sia chiaro – perché si impara a leggere le informazioni non dette negli altri, ci si sincronizza sulla velocità di gioco di quelli che sono al tavolo con noi, e diventa un interessante esperimento per imparare a prendere informazioni anche dove non ci sono. Dopo una trentina di partite con la mia ragazza, ormai quando giochiamo è difficile che non arriviamo almeno a livello undici, perché abbiamo creato un ritmo di gioco di coppia; tutto diventa più difficile quando si unisce Capitan S – il compare per le serate di giochi – perché bisogna riuscire ad allineare i nostri tempi di gioco con altre due persone, anziché una.

livello dodici in situazione disperata
livello dodici in situazione disperata
Inizialmente mi aveva disturbato il fatto che le carte uscite venissero rimischiate nel mazzo, togliendo l’unica possibilità che il gioco concederebbe di fare calcoli, ma nel gioco non servono calcoli, è un gioco che va giocato sulle sensazioni. Sicuramente la difficoltà è estremamente variabile, in due – nonostante ci siano più livelli – il gioco è sicuramente più facile, ma anche meno appagante; inoltre, anche la difficoltà del singolo livello può variare enormemente a seconda delle carte che si hanno in mano, pensate ad un livello 2, dove un giocatore ha un 10 e un 12 mentre l’altro un 89 e un 95: quanto risulta facile da superare senza perdere vite rispetto allo stesso livello, dove in mano si hanno un 45 e un 50 e l’altro un 44 e un 49. Le cose si complicano enormemente.

Gli shuriken se usati con attenzione possono essere armi importanti ed è molto intrigante e consigliato giocare in silenzio e proporre l’utilizzo degli shuriken – come da regolamento – alzando una mano.

La parte dove si mette la mano sul tavolo e ci si concentra, nonostante sembri una scemenza, in realtà per me è fondamentale affinché il tavolo entri nella giusta ottica del gioco.

Ho letto a giro alcune critiche al gioco, ma quella che più mi ha sorpreso sostiene che il gioco sia rotto perché se si utilizza un cronometro sul tavolo e si gioca la carta al secondo corrispondente, ovvero dopo quarantacinque secondi giochi la carta 45, si vince sicuro.

Beh, grazie a questa felice intuizione posso dire che anche Pandemic è rotto, basta non aggiungere i cubetti alle città in fase di contaminazione.

Il gioco non è sicuramente un gioco classico come lo si intende, ma è davvero un esperimento, che a volte potrebbe risultare frustrante dato che le partite vinte saranno infinitamente meno di quelle perse, io personalmente ho vinto solo due volte e solo in due giocatori.

In un paio di occasioni il gioco si è anche rivelato un ottimo rompighiaccio con persone sconosciute, il che è paradossale visto che è un gioco dove non si parla, ma la tensione del dover giocare per un obbiettivo comune crea una forte sensazione di complicità e sinergia, almeno per la durata della partita.

Un neo che mi sento di segnalare è che è un gioco che richiede a tutti i partecipanti di essere coinvolti, altrimenti non funziona. Mi è capitato qualche volta che qualcuno si sedesse al tavolo tanto per passare dieci minuti ma senza realmente voglia di partecipare, il risultato è stato tragico, siamo morti al secondo livello, perché nonostante non sia un gioco vero e proprio, questo the Mind richiede una certa dose di concentrazione.

Mi avvio a concludere dicendo che comprando questa scatolina non troverete un gioco classico, non troverete una sfida alle vostre capacità tattiche o strategiche e nemmeno meccaniche simulative di qualcosa. Però troverete dentro un modo diverso dal solito di aprire o chiudere una serata con i vostri amici, dove la caciara e le risate ci saranno, ma solo dentro la vostra testa, e nonostante tutta la frustrazione che il gioco vi darà facendovi perdere in continuazione vorrete riprovarci, magari anche subito perché avete capito che per il vostro amico una distanza di dieci numeri è più alta – e quindi richiede più attesa – rispetto a quello che pensavate voi.

Ripeto che è un gioco che o lo si ama o si odia e quindi potrebbe non piacere a tutti, ma secondo me è davvero un’esperienza di gioco diversa che merita di essere provata, quindi vi invito ad almeno una partita di prova a The Mind.

Pro:
  • Idea di base brillante
  • Esperienza di gioco diversa dal solito
  • Coinvolgente come pochi
Contro:
  • Può risultare frustrante
  • Non è propriamente un gioco
  • Difficoltà estremamente variabile
Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Ahahah, quella del cronometro me l'ero persa. Ma che si fuma la gente? 

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

C'è chi invece ha detto di usare il metronomo... il metronomo!!!

Ultimamente ho giocato a...
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Rosengald&numitems=20&header=1&text=title&images=medium&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

la storia del cronometro nasce cosi:

ad una presentazione del gioco (in USA ma so per certo che la stessa cosa è successa a Play) ti facevano provare il gioco 2 volte, visto che alla prima perdi male quasi sicuramente.

Arriva sto gruppo di 4 ragazzi; si siedono e devastano il gioco la prima volta. quindi gli fanno provare la versione "avanzata" (quella con le carte giocate coperte) e niente la devastano di nuovo.

Sgomento generale attorno a loro........i tizi si mettono a ridere e rivelano il trucco. Si sono messi d'accordo prima di giocare (e secondo me si sono allenati pure) di contare da 1 a 100 nella loro testa. Isi Win asd.

La configurazione tattica eccellente, dal punto di vista strategico, consiste nell’essere privi di configurazione tattica.
Quando si è senza forma, neanche gli agenti segreti sono in grado di spiarci, né gli uomini più intelligenti di tramare progetti.

la storia del cronometro nasce cosi:

ad una presentazione del gioco (in USA ma so per certo che la stessa cosa è successa a Play) ti facevano provare il gioco 2 volte, visto che alla prima perdi male quasi sicuramente.

Arriva sto gruppo di 4 ragazzi; si siedono e devastano il gioco la prima volta. quindi gli fanno provare la versione "avanzata" (quella con le carte giocate coperte) e niente la devastano di nuovo.

Sgomento generale attorno a loro........i tizi si mettono a ridere e rivelano il trucco. Si sono messi d'accordo prima di giocare (e secondo me si sono allenati pure) di contare da 1 a 100 nella loro testa. Isi Win asd.

Beh la storia non la sapevo, ed è divertente, ma da lì a definire per questo il gioco rotto il passo è lungo

Ultimamente ho giocato a...
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Rosengald&numitems=20&header=1&text=title&images=medium&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

A chiamarlo rotto più che passo lungo si fa salto triplo carpiato arrotato con caduta libera nella vasca della stupidità.

La configurazione tattica eccellente, dal punto di vista strategico, consiste nell’essere privi di configurazione tattica.
Quando si è senza forma, neanche gli agenti segreti sono in grado di spiarci, né gli uomini più intelligenti di tramare progetti.

Dalle tue tante partite come giudichi la sfida (collaborativa) in due giocatori?

Giocare fa bene!

Dalle tue tante partite come giudichi la sfida (collaborativa) in due giocatori?

Ho giocato circa 35 partite di cui almeno 20 in 2 giocatori. La sfida C'è ma onestamente si esaurisce più velocemente proprio perché si deve prestare attenzione agli indizi non detti solo di un altra persona, si fa prima a sincronizzare i tempi, specialmente se come me ci giochi molto spesso. A me diverte un po' meno in due, anche se la sfida c'e tutta visto che le partite vinte sono molte meno di quelle perse. Comunque anche se lo preferisco in 3 o 4 giocatori mi sentirei di consigliarlo anche per il gioco a due, perché (soprattutto all'inizio) secondo me se approcciato con il giusto spirito può regalare momenti di divertimento 

Ultimamente ho giocato a...
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Rosengald&numitems=20&header=1&text=title&images=medium&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

Gioco per me geniale e nuovo. Forse la cosa più innovativa uscita negli ultimi anni (più dell'osannato Vast).

Il gioco poi è tutto nell'idea ma funziona, e dannatamente bene

Perdonatemi per quello che sto per scrivere. Questo gioco è una Cagxxta pazzesca. Ma daiiii. Ci stanno vendendo le boccette con l'aria pura delle hawaii. Orrendo. Se proprio volete provarlo fate come noi. Lo giochiamo con il mazzo di The Game. Assolutamente sconsigliato. Rovinatore di Ludoteche e Collezioni. 

J'ai pensé à une variante solo. Vous avez 2 piles qui commencent à 100 sur lesquelles vous ne pouvez placer que des cartes en ordre décroissant. 2 piles qui commencent à 0 et vous ne pouvez placer que des cartes en ordre croissant. Vous tirez une main de 8 cartes du paquet et vous devez jouer au moins 2 avant de pouvoir en redessiner jusqu'à 8. Ici, je vais ajouter une touche supplémentaire. Si une carte se trouve exactement au-dessus ou au-dessous de la carte du dessus sur l'une des 4 piles, vous pouvez la jouer pour revenir à ce nombre en fonction de la pile sur laquelle elle a été placée, par ex. Si vous êtes sur 68 sur une pile en descente, vous pouvez placer un 78 au-dessus, ce qui irait à l'encontre de la règle descendante. Cependant, vous devez continuer à descendre de 78 ... à moins que vous ayez un 88 etc. à travers le pont entier, vous gagnez. Je ne peux pas être dérangé de penser à un nom pour cette variante, alors je vais juste l'appeler paresseusement The Game.

 

____________________________________

ShowBox Tutuapp Mobdro
 

 

J'ai pensé à une variante solo. Vous avez 2 piles qui commencent à 100 sur lesquelles vous ne pouvez placer que des cartes en ordre décroissant. 2 piles qui commencent à 0 et vous ne pouvez placer que des cartes en ordre croissant. Vous tirez une main de 8 cartes du paquet et vous devez jouer au moins 2 avant de pouvoir en redessiner jusqu'à 8. Ici, je vais ajouter une touche supplémentaire. Si une carte se trouve exactement au-dessus ou au-dessous de la carte du dessus sur l'une des 4 piles, vous pouvez la jouer pour revenir à ce nombre en fonction de la pile sur laquelle elle a été placée, par ex. Si vous êtes sur 68 sur une pile en descente, vous pouvez placer un 78 au-dessus, ce qui irait à l'encontre de la règle descendante. Cependant, vous devez continuer à descendre de 78 ... à moins que vous ayez un 88 etc. à travers le pont entier, vous gagnez. Je ne peux pas être dérangé de penser à un nom pour cette variante, alors je vais juste l'appeler paresseusement The Game.

Aussi ici in Italie il y a beaucoup de personnes qui dit que The Mind et The Game sont des jeux avec des similitudes mais je pense que sont très différents. Le gameplay donne des émotions qui se ne peut pas comparer

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare