Spazio Miniature: Carnevale

TTCombat

Wargame skirmish di miniature ambientato nell'Italianissima Venezia edito dalla TTCombat

Voto recensore:
9,6

Venezia, 1795

Una grande catastrofe ha colpito il mondo. Mentre civiltà cadono e imperi collassano, un singolo barlume di luce splende nell’oscurità.

La Serenissima, la Città galleggiante, Regina dell’Adriatico. In questi tempi oscuri quello che una volta era il potente stato di Venezia ritorna in tutto il suo sfarzo e gloria. Da tutto il globo mercanti, politici e contadini sono attratti nella Città dei canali in cerca di fortuna. Risorgendo dalle onde che hanno sommerso gran parte dell’Europa, i Veneziani sono pronti nuovamente a comandare il destino delle nazioni distanti.

Mercanti commerciano durante il giorno mentre maschere tumultuose risuonano nei palazzi dei nobili. Visitatori si stupiscono delle mercanzie che gli artigiani espongono ai lati dei canali e nelle piazze. I pescatori trascinano le loro barche e i cittadini svolgono le loro comuni attività con risate forzate e finti sorrisi.

Venezia non è il gioiello luccicante che può sembrare all’inizio. Non certo immeritato l’altro titolo che gli si attribuisce: la Città delle maschere.

Nella notte il nefasto barlume proveniente dallo squarcio nel cielo sfida ogni sonno. La musica della parata cresce rumorosa e si avvicina mentre la celebrazione prende una piega sinistra e sanguinaria. In fuga da questa depravazione chiunque potrebbe cercare rifugio nei quartieri più tranquilli. Nei vicoli bui il rumore dei passi ed il suono del metallo contro la pelle può facilmente simboleggiare una morte rapida. Il ridacchiare o un’ombra fugace inseguono gli incauti, e qui anche le inquiete acque del canale svelano un pericolo ancora più mortale.

I canali si tingono di rosso.

Troverete questo e molto di più nella storia di Carnevale, gioco skirmish di miniature ambientato nell’italianissima Venezia di fine 700. Scopriamo velocemente come si gioca o scorrete in basso per le considerazioni finali.
Carnevale

La meccanica di gioco è estremamente interessante e si basa su dadi a 10 facce D10; i profili dei modelli ci andranno a dire non tanto il numero da ottenere con il dado ma quanti D10 andremo a tirare nel test su quella determinata caratteristica e avremo un successo (che in questo gioco sono chiamati “Ace”) per ogni “7+” ottenuto.
Quindi per esempio se dobbiamo eseguire un test di destrezza e il nostro modello ha destrezza “4” tireremo 4 D10 e cercheremo di ottenere quanti più successi possibili (Aces) al 7+.

A questo si aggiunge il divertente concetto di dado del destino un D10 di colore diverso che sostituisce uno dei dadi che si tira, quindi nell’esempio precedente se si doveva tirare 4 dadi 3 saranno di un colore e uno di un altro a indicare il dado del destino. Se otteniamo un “10” sul dado del destino e si ha almeno un successo negli altri dadi allora abbiamo ottenuto un critico che vedremo ci permetterà di fare delle cose straordinarie in funzione dell’azione che si stava cercando di eseguire, mentre se si ottiene “1” sul dado del destino e soprattutto nessun altro successo negli altri dadi si ha un risultato di “fumble” o insuccesso critico che avrà delle conseguenze nefaste.

Infine alcune azioni richiederanno test opposti ed in questo caso ci sono due possibilità a seconda se si vuole utilizzare le regole base o quelle suggerite successivamente nell’Errata. La regola base ci dice che entrambi i giocatori tirano il numero di dadi indicato dalla loro caratteristica sulla quale si stanno confrontando e chi ottiene più successi (7+) vince lo scontro. Mentre nelle regole avanzate (e più divertenti) è richiesto che il difensore tiri per primo e conti il numero di successi che equivale al numero di dadi che l’attaccante sottrae al proprio tiro, se così facendo il numero di dadi da tirare si riduce a 0 allora l’attacco è un fallimento automatico.

Ma ora veniamo al bello di questo gioco, le azioni che i nostri personaggi possono compiere sono innumerevoli e aprono la partita ad incredibili scelte tattiche, si potrà:

- muovere, il che include scalare edifici calarsi in acqua e nuotare!
- saltare, si possono eseguire salti acrobatici da tetto a tetto, da riva a riva, giù da un alto palazzo per cadere sopra un proprio avversario!
- cadere, se si viene spinti da un’altezza qualsiasi;
- immergersi sott’acqua! Per nuotare mentre si rimane nascosti in profondità! Particolarmente vantaggioso per le creature acquatiche;
- disingaggiarsi;
- combattere in corpo a corpo o a distanza anche mentre si è in acqua;
- afferrare, forse la più importante azione di combattimento in questo gioco. Si possono prendere e spostare di peso modelli giù da un tetto o da un ponte dentro uno dei canali!
- affogare, spesso molto efficace;
- lanciare Magie o cercare di annullare incantesimi, in questo gioco ci sono cinque discipline magiche che in funzione del modello possono essere utilizzate in gioco ognuna con la loro specialità;
- mettersi in guardia, per essere pronti a controbattere quando un personaggio nemico ci si para davanti o entra in contatto di basetta.

Gifted Faction
Come potete vedere dalle azioni la tridimensionalità in questo gioco è tutto ed è anche quello che rende i tavoli da gioco stupendi da vedere, avremo edifici di vari livelli, scenici vari come casse, barili e fontane ma soprattutto i canali veneziani che sono una meccanica importante nel gioco, infatti, in acqua ci si muove di metà movimento se non si è una creatura acquatica. Vi lascio qualche foto per farvi capire di cosa parlo. Ovviamente in un gioco ambientato a Venezia non potevano mancare le gondole! Che possono essere utilizzate per spostarsi in acqua con l’azione “Remare” nella quale ovviamente il gondoliere è particolarmente bravo.
Tavolo di carnevale

Ancora qualche piccolo doveroso cenno su come avviene un’azione di attacco e saltiamo alle conclusioni finali: l’azione di tiro è molto semplice si dichiara il bersaglio si tira il numero di dadi indicato nella caratteristica di attacco del modello e in questo caso non si cercano i “7” (Aces) ma si deve ottenere il valore di destrezza del modello che si cerca di colpire e questo viene modificato dal valore di evasione dell’arma con cui si spara (se presente) a indicare quanto l’arma sia precisa. Ogni successo ottenuto è un danno che eventualmente si somma ai danni inflitti dall’arma con cui si è sparato (se presenti) a questo punto il modello colpito effettua un test di salvezza utilizzando la propria caratteristica di “Protezione” che gli dice quanti dadi tirare e di nuovo dovremo cercare di ottenere più “Aces” possibile, infatti ogni successo cancella un danno. Eventuale eccedenza infligge ferite sulla salute del modello.

Ma veniamo alla parte più entusiasmante ovvero quando si entra in contatto di basetta con un modello nemico! In questo caso si genera un attacco di opportunità ovvero un attacco gratuito; in questo caso si potrà sempre scegliere se eseguire un regolare attacco, un’azione afferrare o annegare a propria discrezione. Se si esegue un normale attacco la dinamica di gioco segue quella del tiro descritta prima, mentre annegare o afferrare seguono la dinamica del tiro opposto discussa in precedenza. Quando si afferra si può spostare un modello in qualsiasi direzione anche ignorando il proprio modello, quindi il numero di successi dirà quanti pollici più “2” poter spostare il modello e questo è spesso cruciale per allontanare personaggi da obiettivi o spingere personaggi in acqua per poi successivamente annegarli e così via.


Il manuale base ci presenta alcuni scenari, volendo anche giocabili in modalità campagna uno dietro l’altro, ognuno con condizioni di vittoria e numero di punti diverso e un altro aspetto importante degli scenari è l’utilizzo delle carte agenda che si pescano da un mazzo o possono essere sorteggiate con un tiro di dado utilizzando le tabelle sul manuale, che ci faranno fare ulteriori punti se si soddisfa una serie di condizioni descritte dalla carta, diciamo una sorta di obiettivi secondari. Questi, di volta in volta, hanno ulteriori caratteristiche importanti descritte dallo scenario come, per esempio, essere segreti all’avversario o essere necessari per poter conteggiare gli obiettivi principali, ma vi rimando al manuale per ulteriori dettagli.

Mi fermo qui con le regole ma ovviamente sarebbe necessario approfondire alcune cose, seppur non molte, prima di essere in grado di affrontare una partita. Vi rimando al manuale piccolo che a dicembre la TTCombat ha pubblicato sul sito del gioco e vi lascio qui il link per riferimento:
https://www.carnevalegame.com/assets/erratafaq/Rulebook.pdf
Nonché sul solito sito troverete tutti i riferimenti per le bande e addirittura gratuitamente tutti le carte profilo dei vari personaggi usciti fino a ora:
https://www.carnevalegame.com/

Patricians
Carnevale è un gioco skirmish quindi si controllerà tra i 5 e i 10 modelli sebbene si possano giocare partite con un maggiore numero di punti una standard va sui 100/125 Ducati. Si gioca su un campo di massimo 3x3 piedi ma anche 2x2’ per partite a 75Ducati. Il numero di turni è variabile ed è indicato dallo scenario che va generalmente da 4 ad 8 turni e quindi anche il tempo di gioco varia moltissimo, ma ci si attesta normalmente nelle 3 ore di gioco per partite su 3x3’ e sulle 2 ore per partite su 2x2’.
Fazioni

Stupende tutte le sette fazioni di gioco estremamente caratterizzate con modelli bellissimi che ti fanno sentire tutta la storia che si trova descritta nel manuale compreso nel set base di gioco, ci sono:
- La Gilda, associazione mafiosa che include i vari lavoratori tra i quali troviamo i gondolieri, il barbiere, il macellaio, gli assassini, le prostitute, i normali cittadini e altro ancora;
- I rashar, un antico popolo emerso insieme allo squarcio dimensionale nel cielo che adesso domina le acque dei canali estremamente forti in acqua;
- I dottori, all’ospedale di san servolo cercano il modo per ottenere l’immortalità attraverso la magia scaturita dallo squarcio nel cielo facendo esperimenti sulle loro cavie impazzite che utilizzano in battaglia per attingere potere, non poteva mancare il dottore della peste;
- I Patrizi, ovvero i nobili veneziani con i loro vestiti sfarzosi intenti a dare sfogo alle loro perversioni sadiche si mascherano per poter uccidere senza essere riconosciuti forti nelle armi da tiro ma anche abili spadaccini;
- Il Vaticano, non poteva mancare la chiesa in un gioco ambientato in Italia ha un ruolo fondamentale nella storia del gioco fazione assolutamente bella da giocare;
- Strigoi, ebbene sì anche il conte Dracula in persona ed i suoi annessi vampiri;
- I Gifted, ovvero una sorta di super eroi creati dai poteri che vengono dallo squarcio nel cielo, sono mercenari assoldabili da qualsiasi squadra ma anche una fazione per conto loro, individui estremamente forti e divertentissimi. Tra i loro ranghi le principali maschere del carnevale come arlecchino, pantalone, pulcinella il dottore ma anche mostri o perfino Geppetto con il suo burattino!

Tratto importantissimo, che dà al gioco una caratteristica unica è l’uso dei punti volontà e punti comando, i primi permettono di tirare fino ad un massimo di due dadi in più dadi su una qualsiasi azione e spesso sono cruciali per ribaltare un tiro che sarebbe stato altrimenti sfortunato. Ma ancora più cruciali i punti comando che permettono due cose fondamentali ovvero dare un’azione aggiuntiva ad un modello in linea di vista fino ad un massimo di tre azioni o addirittura interrompere un’azione di un modello nemico per attivare un nostro modello! Questo spesso ribalta drasticamente l’esito dello scontro portando ad inaspettati fuori sequenza come un modello che viene ucciso ancora prima di poter sferrare il proprio attacco; usare i punti comando con attenzione è parte fondamentale della strategia di gioco e non tutti i modelli ne possono beneficiare.

Se non vi ha ancora entusiasmato potrete vedere alcuni degli ottimi video su YouTube per scoprire di più sulla storia e vedere come giocare una partita ma sono sicuro che ne verrete catturati. Io lo trovo uno dei giochi di miniature provati negli ultimi anni che più emoziona durante una partita ricreando a ogni turno delle situazioni estremamente cinematografiche e in grado di raccontare con facilità la storia di quello che sta succedendo. Insomma, quale altro gioco fa saltare un normale cittadino su una ringhiera e rimbalzare addosso ad un nobile veneziano per poi trascinarlo in acqua dove viene inesorabilmente affogato?!

Infine, se vi aiuta a convincervi a provarlo, l’anno scorso ho collaborato con la TTCombat per portare il gioco in italiano. Purtroppo il Covid e i problemi che l’azienda ha avuto negli ultimi mesi con le severe restrizioni adottate nel Regno Unito non ne hanno permesso ancora la pubblicazione, ma vi garantisco che il lavoro di traduzione è pronto e non appena la TTCombat potrà impaginarlo lo vedremo disponibile gratuitamente come nel formato in inglese.

Se vogliamo trovare dei difetti, le miniature prodotte dalla TTCombat sono in resina e seppur molto dettagliate necessitano di molto lavoro per essere pulite ed assemblate; si spera che nel tempo la qualità possa migliorare. Invece per quanto riguarda eventuali partite a campagna ufficialmente non c’è una vera e propria progressione dei personaggi ma esistono delle regole suggerite non particolarmente bilanciate.

L’entry price del gioco non è particolarmente alto. Si può scegliere tra due starter set. Il primo contiene assolutamente tutto il necessario per giocare, perfino degli edifici fatti a scatoline per poter subito fare pratica senza dover per forza possedere degli scenici specifici, manuale completo token e due ottime fazioni per il prezzo di 65£. Il secondo tipo di starter set uscito recentemente ancora più economico 35£ contiene tutto il necessario ma per una partita su 2x2ft a 75Ducati quindi per partite ufficiali andrebbe per forza integrato con qualche ulteriore modello; inoltre contiene solo la versione ridotta del manuale anche disponibile in formato digitale gratuitamente.

starter 35£
Starter 65£
Pro:

- Meccanica di gioco innovativa;
- Molta strategia in gioco;
- Azioni varie e cinematografiche;
- Ambientato in Italia!
- Fazioni molto caratterizzate.

Contro:

- Miniature in resina richiedono molto lavoro per assemblaggio e pulizia;
- Modalità campagna non molto soddisfacente.

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Per curiosità, cosa giochi in genere?

bellissimo.

Rubrica interessantissima, mai al mondo avrei scoperto questo gioco.

 

Azy01 scrive:

Per curiosità, cosa giochi in genere?

Ciao Intendi di fazione per questo gioco? o che gioco in generale?

adamatio87 scrive:

Azy01 scrive:

 

Per curiosità, cosa giochi in genere?

 

 

Ciao Intendi di fazione per questo gioco? o che gioco in generale?

no intendevo cosa in genere mastichi come giocatore, volevo capirlo per contestualizzare la recensione

Azy01 scrive:

 

adamatio87 scrive:

 

Azy01 scrive:

 

Per curiosità, cosa giochi in genere?

 

 

Ciao Intendi di fazione per questo gioco? o che gioco in generale?

 

 

no intendevo cosa in genere mastichi come giocatore, volevo capirlo per contestualizzare la recensione

La domanda sarebbe allora cosa non gioco :)  Non gioco eserciti, solo skirmish e non gioco tornei, quindi giochi votati esclusivamente all'ambiente competitivo non mi fanno impazzire. Mi divertono i giochi molto narrativi. Ad oggi Carnevale e' senz'altro il mio gioco preferito, ogni partita racconta una storia diversa...almeno nella mia mente.

Ad ogni modo non lo vedrei male neanche a livello torneistico perchè' ad oggi le fazioni non mi sono sembrate per niente sbilanciate semplicemente alcune fazioni sono più' difficili di altre da giocare come in molti altri giochi.

Se vuoi sapere qualcosa di più specifico fammi sapere.

Ciao

volevo chiedere se il momentaneo sold out di quasi tutte le miniature è dovuto al Covid o altro.

il gioco mi sembra bellissimo con una tematizzazzione fortissima. Spero che esca presto il manuale in Italiano perchè la scimmia mi è salita al massimo

Bello il gioco e bella la recensione.

Mammifero scrive:

Ciao

volevo chiedere se il momentaneo sold out di quasi tutte le miniature è dovuto al Covid o altro.

il gioco mi sembra bellissimo con una tematizzazzione fortissima. Spero che esca presto il manuale in Italiano perchè la scimmia mi è salita al massimo

Si esatto la TTCombat ha avuto una grossa espansione a fine anno che si è scontrata con le nuove procedure Covid li in Inghilterra, a dicembre avevano smesso di produrre kit in MDF che è la loro attività primaria per rimodernare il reparto di taglio laser e in quell'occasione vendevano solo miniature mentre adesso fanno la stessa cosa con il reparto di stampa miniature io penso nel breve riprenderanno senza problemi. Detto questo però ti consiglio di cercare altri distributori in Europa perchè a causa del maledetto Brexit adesso si paga la dogana per la roba che viene da loro, in molti hanno avuto brutte sorprese purtroppo. Uno stockista per esempio in Francia è Philibert o questo qui in germania www.fantasywelt.de magari le spedizioni non sono facili da azzerare ma almeno non ci sono sorprese extra.

Per la traduzione finchè le cose alla TTCombat non si assestano ci sarà da aspettare ma arriverà senz'altro!

mamma mia che votone!..quindi questo è il gioco di miniature skirmish che ti è piaciuto di piu? fammi qualche esempio con altri giochi che possiedi per capire dove li posizioni.

RigorMortis scrive:

mamma mia che votone!..quindi questo è il gioco di miniature skirmish che ti è piaciuto di piu? fammi qualche esempio con altri giochi che possiedi per capire dove li posizioni.

Eh si, Carnevale è senz'altro il gioco che mi è piaciuto di più, come detto per la molta scelta di gioco molto variabilità e terribilmente ambientato.

Ammetto che sono sempre di manica larga nei voti perché i giochi di miniature mi piacciono un po tutti ma questo se lo merita poi ovvio che i voti sono molto soggettivi è sempre difficile mettere un voto, a me piacciono un po tutti infatti se cerchi le altre mie recensioni sono tutte intorno all'otto.

Intorno al 7 lo darei a kill team e warcry, ma non perché sono brutti giochi ma solo perché la gw li ha distrutti squilibrando le fazioni a favore delle vendite.

Oppure giochi particolarmente semplici come hardwired, last days zombie apocalypse, draculas America potrebbero essere un 7.5 (tra qui e l'8 potrebbero esserne elencati altri)

Tra 8 e 8.5 ne metterei molti, per esempio malifaux e infinity sempre per citare i più famosi.

Di giochi pessimi ce ne sono pochissimi e sono solo quelli che sono così complessi da compromettere il divertimento il primo che mi viene in mente è all things zombie per esempio.

Fammi sapere che ne pensi sono curioso, un saluto!

Bella recensione, trovo il gioco molto interessante e vado a vedere miniature e fazioni.

Tempo fa mi hanno parlato bene di Malifaux ma Carnevale, a sensazione, forse perche vedo uno starter set completo di mappa ed edifici, mi ispirerebbe di più. Tra i due quale suggeriresti ad un giocatore che ha apprezzato Mordheim ?  

Malifaux lo giocano da me in associazione. Il paragone mi interessa.

siver scrive:

Bella recensione, trovo il gioco molto interessante e vado a vedere miniature e fazioni.

Tempo fa mi hanno parlato bene di Malifaux ma Carnevale, a sensazione, forse perche vedo uno starter set completo di mappa ed edifici, mi ispirerebbe di più. Tra i due quale suggeriresti ad un giocatore che ha apprezzato Mordheim ?  

Hai citato Mordheim che seppur abbia una meccanica ormai molto vecchia introduceva qualcosa di totalmente innovativo  al tempo ovvero la verticalità! Chi ha costruito tavoli per mordheim sa benissimo quanto sia importante che ci siano un sacco di edifici e molti livelli (buche, muri, passaggi sopraelevati) questo è ciò che caratterizza Carnevale che riesce a portarne l'importanza ad un livello ancora maggiore e ne fa una grossa parte della trategica. Si vive il tavolo di gioco come parte integrante dell'esperienza, su quale tetto saltare o in quale canale nuotare, fa molta differenza riuscire a saltare da una riva all'altra di un canale o cadere miseramente in acqua. Tutto questo non c'è in malifaux che si svolge vecchio stile quasi esclusivamente al livello del suolo (non che non si possa salire sugli scenici ma non è fondamentale). Malifaux di contro ha una meccanica di gioco che rimane la più innovativa sul mercato. Altro punto importante di differenza tra malifaux e carnevale è la curva di apprendimento malifaux ha un regolamento lungo e denso non esattamente intuitivo e anche quando lo hai capito bene sei solo all'inizio della curva perché il grosso è lo studio della fazione dei mille mila modelli e combinazioni inoltre le carte dei personaggi sono densissime di scritte regole addizionali ed abilità che se non sai a memoria compromettono il divertimento. Carnevale anche ha abilità sulle carte ma sono pochissime e facili da ricordare le regole si spiegano con facilità, tutti quelli a cui l'ho fatto provare si sono divertiti già alla prima partita Senza dover continuamente consultare le carte perdonaggio!

In ultimo ma non da poco l'entry price, malifaux per avere un paio di fazioni complete ci vogliono svariate centinaia di euro a causa dell'innumerevole numero di modelli sul mercato che non sono per niente economici (belli per carità), mentre carnevale con il set base (soli 65£) intanto ti puoi divertire senza annoiarti per decine di partite vivendo sempre un esperienza diversa, include veramente tutto perfino gli scenici seppur non bellissimi ma veramente funzionali. Se poi uno volesseestpandere per completare le due fazioni del base la spesa è assolutamente ragionevole i modelli della ttcombat non sono economici ma hanno prezzi più in linea con il mercato.

Infine i punti comando e volontà in carnevale aggiungono tantissimi strategia in più al gioco rispetto a malifaux che usa le soulstone in maniera piu simile ai tradizionali punti comando.

Oh poi uno non esclude l'altro XD io finisco sempre per giocarlo tutti!

Agzaroth scrive:

Malifaux lo giocano da me in associazione. Il paragone mi interessa.

Alla fine mi è uscita la recensione nella recensione, ci si poteva fare un articolo dedicato XD

adamatio87 scrive:

 

Agzaroth scrive:

 

Malifaux lo giocano da me in associazione. Il paragone mi interessa.

 

 

Alla fine mi è uscita la recensione nella recensione, ci si poteva fare un articolo dedicato XD

avoglia: penso che Malifaux meriti una recensione tutta sua

Agzaroth scrive:

 

adamatio87 scrive:

 

 

Agzaroth scrive:

 

Malifaux lo giocano da me in associazione. Il paragone mi interessa.

 

 

Alla fine mi è uscita la recensione nella recensione, ci si poteva fare un articolo dedicato XD

 

avoglia: penso che Malifaux meriti una recensione tutta sua

 

Assolutamente si! Pero ci devo giocare ancora un po di partite prima di poterne fare una accurata

Grazie per la delucidazione, sei stato chiarissimo. Uno skirmish che fornisce uno starter set completo e che si puo' giocare senza dover affrontare un lungo periodo di "studio & apprendistato" e' l' ideale sia per me che per il mio gruppo di gioco e Carnevale queste caratteristiche le ha. Lo terrò d'occhio.

adamatio87 scrive:

siver scrive:

 

Bella recensione, trovo il gioco molto interessante e vado a vedere miniature e fazioni.

Tempo fa mi hanno parlato bene di Malifaux ma Carnevale, a sensazione, forse perche vedo uno starter set completo di mappa ed edifici, mi ispirerebbe di più. Tra i due quale suggeriresti ad un giocatore che ha apprezzato Mordheim ?  

 

 

Hai citato Mordheim che seppur abbia una meccanica ormai molto vecchia introduceva qualcosa di totalmente innovativo  al tempo ovvero la verticalità! Chi ha costruito tavoli per mordheim sa benissimo quanto sia importante che ci siano un sacco di edifici e molti livelli (buche, muri, passaggi sopraelevati) questo è ciò che caratterizza Carnevale che riesce a portarne l'importanza ad un livello ancora maggiore e ne fa una grossa parte della trategica. Si vive il tavolo di gioco come parte integrante dell'esperienza, su quale tetto saltare o in quale canale nuotare, fa molta differenza riuscire a saltare da una riva all'altra di un canale o cadere miseramente in acqua. Tutto questo non c'è in malifaux che si svolge vecchio stile quasi esclusivamente al livello del suolo (non che non si possa salire sugli scenici ma non è fondamentale). Malifaux di contro ha una meccanica di gioco che rimane la più innovativa sul mercato. Altro punto importante di differenza tra malifaux e carnevale è la curva di apprendimento malifaux ha un regolamento lungo e denso non esattamente intuitivo e anche quando lo hai capito bene sei solo all'inizio della curva perché il grosso è lo studio della fazione dei mille mila modelli e combinazioni inoltre le carte dei personaggi sono densissime di scritte regole addizionali ed abilità che se non sai a memoria compromettono il divertimento. Carnevale anche ha abilità sulle carte ma sono pochissime e facili da ricordare le regole si spiegano con facilità, tutti quelli a cui l'ho fatto provare si sono divertiti già alla prima partita Senza dover continuamente consultare le carte perdonaggio!

In ultimo ma non da poco l'entry price, malifaux per avere un paio di fazioni complete ci vogliono svariate centinaia di euro a causa dell'innumerevole numero di modelli sul mercato che non sono per niente economici (belli per carità), mentre carnevale con il set base (soli 65£) intanto ti puoi divertire senza annoiarti per decine di partite vivendo sempre un esperienza diversa, include veramente tutto perfino gli scenici seppur non bellissimi ma veramente funzionali. Se poi uno volesseestpandere per completare le due fazioni del base la spesa è assolutamente ragionevole i modelli della ttcombat non sono economici ma hanno prezzi più in linea con il mercato.

Infine i punti comando e volontà in carnevale aggiungono tantissimi strategia in più al gioco rispetto a malifaux che usa le soulstone in maniera piu simile ai tradizionali punti comando.

Oh poi uno non esclude l'altro XD io finisco sempre per giocarlo tutti!

Grazie per la delucidazione, sei stato chiarissimo. Uno skirmish che fornisce uno starter set completo e che si puo' giocare senza dover affrontare un lungo periodo di "studio & apprendistato" e' l' ideale sia per me che per il mio gruppo di gioco e Carnevale queste caratteristiche le ha. Lo terrò d'occhio.

Bella recensione, titolo interessante ma io giocando da solo o con i figli sono più indirizzato verso quei titoli giocabili in solitario e/o coop; per questo a tema zombie mi diletto con the Walking Dead  - All Out War che reputo più adatto ai  neofiti date le regole semplici (seppur con il twist per me ottimo dall'attivazione alternata tra i giocatori dei vaganti) e le carte che descrivono l'equipaggiamento più user friendly e appetibili rispetto ai classici foglietti scritti a mano e dalla componente narrativa predominante data anche la possibilità di  prendere a pieni mani dal fumetto o dalla serie Tv per l'ideazione degli scenari. A tema futuristico mi sono perso in Core Space dopo aver letto la tua entuasmante review ( set base ed espansioni Gangers e Galactic Corps) trovando un titolo che incarna pienamente i miei desideri: regolamente non inutilmente complesso ma comunque sfaccettato, tanti elementi randomici da rendere ogni partita un esperienza unica e memorabile, componente sandbox unita a quella da gioco di ruolo che permete un altissima immedesimazione e coinvolgimento. Tutto questo preambolo per arrivare alla domanda: quale gioco di miniature ad ambientazione fantasy mi consiglieresti dati i miei gusti che puoi estrapolare dal wall text precedente? Grazie mille

Gabba73 scrive:

Bella recensione, titolo interessante ma io giocando da solo o con i figli sono più indirizzato verso quei titoli giocabili in solitario e/o coop; per questo a tema zombie mi diletto con the Walking Dead  - All Out War che reputo più adatto ai  neofiti date le regole semplici (seppur con il twist per me ottimo dall'attivazione alternata tra i giocatori dei vaganti) e le carte che descrivono l'equipaggiamento più user friendly e appetibili rispetto ai classici foglietti scritti a mano e dalla componente narrativa predominante data anche la possibilità di  prendere a pieni mani dal fumetto o dalla serie Tv per l'ideazione degli scenari. A tema futuristico mi sono perso in Core Space dopo aver letto la tua entuasmante review ( set base ed espansioni Gangers e Galactic Corps) trovando un titolo che incarna pienamente i miei desideri: regolamente non inutilmente complesso ma comunque sfaccettato, tanti elementi randomici da rendere ogni partita un esperienza unica e memorabile, componente sandbox unita a quella da gioco di ruolo che permete un altissima immedesimazione e coinvolgimento. Tutto questo preambolo per arrivare alla domanda: quale gioco di miniature ad ambientazione fantasy mi consiglieresti dati i miei gusti che puoi estrapolare dal wall text precedente? Grazie mille

Ammetto che non sono preparatissimo sui giochi fantasy perché mi piace meno l'ambientazione, però senz'altro ti so indicare qualche titolo che so essere valido seppur non ho avuto ancora il tempo di provarli:
-nigthwatch https://www.amazon.it/dp/B08FBRL1FC/ref=cm_sw_r_cp_awdb_Y2GDSJN6PF9ECZ6VH824 sistema stra semplice (forse troppo) ma sicuramente carino per una serata spensierata senza pesanti regolamenti, puoi usare qualsiasi miniatura tu voglia essendo open model
-frostgrave ti ci vuole sia il manuale base che l'espansione per il gioco in solitario, molto molto famoso con mille mila espansioni...molta roba in inglese nonostante le regole siano semplicissime potrebbe essere una lettura durima se non si conosce l'inglese ( il manuale base forse si trova tradotto da qualche appassionato ma non ricordo) è appena uscita la seconda edizione e l'autore con lo stesso sistema ha prodotto uno a tema scifi (stargrave ancora non pubblicato ma in uscita questo mese, sarà stupendo) 

-ranger of shadow deep sistema simile a frostgrave anche questo molto famoso

Ho dato per scontato che mi chiedessi di wargame di miniature, se invece ti interessano boardgame sicuramente si apre un mondo vasto ma al cui sono ancora meno preparato. Il primo che mi salta in mente è zombicide black plague ma immagino che tu lo consoca.

Mentre di wargame sicuramente ce ne sono altri ma al momento non mi vengono in mente soprattutto per gioco in solo/coop, se mi viene in mente qualcos'altro te lo scrivo.
Ah dimenticavo che i titoli che ti ho scritto sono tutti open model quindi le miniature ce le devi mettere te sono solo manuali di gioco

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare