Big Manitou

Giochi collegati:
Big Manitou
Voto recensore:
6,3
Big Manitou è un gioco di piazzamento, in cui ogni giocatore rappresenta una tribù degli Indiani d’America. A vostra disposizione avete 2 Capi Indiani, 2 Squaw, 1 Uomo della Pioggia, 1 Stregone, 1 Scout (i Grandi Guerrieri) e 10 Cacciatori, tutti rappresentati dalle carte splendidamente illustrate da Corrado Mastantuono.
E' bene sapere che si tratta comunque della riedizione (con alcune aggiunte) del gioco Manitù del 1997.

I giocatori gareggiano, su tre diversi territori di caccia, per i Bisonti, i Cavalli, i Totem e i Tomahawk.
Al proprio turno, ogni giocatore piazza una carta in uno dei tre territori di caccia, cercando di trarne vantaggio per aggiudicarsi le tessere Bottino migliori.
In ciascun territorio ci potrà essere solo un Grande Guerriero! Gli altri, infatti, verranno eliminati attraverso una “prova di forza”. Il proprietario del Guerriero rimasto avrà diritto di prima scelta e prenderà una Tessera Bottino. Il giocatore con il maggior valore numerico di Cacciatori sceglierà, poi, altre due tessere Bottino. Il secondo giocatore con il valore numerico maggiore di Cacciatori prenderà la restante tessera.

Alcune tessere fanno guadagnare punti vittoria, altre tessere concedono degli speciali privilegi: il Totem permette a un giocatore di piazzare un’ulteriore carta, Il Cavallo consente di spostare un Cacciatore da un territorio all’altro. Ogni Tomahawk, invece, aumenta di +1 il valore dei propri Cacciatori. Alla fine, la tribù che avrà più punti vittoria sarà quella che avrà dimostrato di essere la più abile e forte…con l’aiuto di Manitou!

Le illustrazioni del gioco sono state realizzate da Corrado Mastantuono e Mauro Laurenti, due fra i più importanti disegnatori italiani di fumetti, che lavorano per la Walt Disney e la Bonelli Editore (la casa editrice di Tex, Zagor e Dylan Dog).
Pro:
Sicuramente le carte sono di un'altra categoria, il gioco è particolare, veloce e ben strutturato ed equilibrato
Contro:
Per quanto mi riguarda non ce ne sono, ma magari chi non ama molto i giochi di piazzamento con molte carte può non apprezzare.