Alla ricerca dell'onda perfetta

Sage Erickson
WSL / Morris

Basta coi cooperativi, altrimenti Sava73 mi tira le orecchie! Stavolta si compete per diventare il miglior surfista della spiaggia ed eseguire perfetti floater, off the lip e rail grab.

Approfondimenti
Giochi collegati:
Tavarua

Jim Carrey in The Truman Show parlava così delle Figi: "non puoi spingerti più lontano senza dover tornare indietro". Proprio su un'isoletta di questo arcipelago così remoto per noi è ambientato il gioco che vi propongo oggi: Tavarua (2016, 1-6 giocatori), che usa gestione mano e push-your-luck per ricreare nelle meccaniche la scelta delle azioni per cavalcare l'onda perfetta e rimanervi in equilibrio.

Vado subito alla nota dolente: il gioco risulta al momento esaurito ed è quasi introvabile eccetto nell'usato, però ho contattato l'autore ed editore Cody Miller (la Far Off Games è lui) che mi ha risposto che a breve dovrebbe essere pubblicata una nuova edizione.

Ogni giocatore ha a disposizione un meeple e due mini tavole da surf del proprio colore, una lunga e una corta, una plancetta con il disegno delle due tavole, una sul fronte e una sul retro, e un segnalino per indicare il punto di equilibrio su codesta tavola.

Il tabellone mostra in basso la zona "Shore", il punto di partenza, a destra la parte "Channel", dove pagaieremo spostandoci in avanti o indietro sulle caselle e aspetteremo che l'onda raggiunga il point break, al centro la parte "Wash", dove finisce chi non riesce a mantenersi in equilibrio sulla tavola da surf, a sinistra la parte "Break", dove le tessere onda si muoveranno di turno in turno verso riva e i meeple cavalcheranno l'onda che ha raggiunto il punto di rottura.

Potremo scegliere se usare di volta in volta la tavola lunga o quella corta, quest'ultima più difficile perché presenta meno punti di equilibrio; avremo una mano di cinque carte azione con un valore numerico e un indicatore di direzione che in alcuni casi ci farà sbilanciare sulla tavola da surf, fino a farci cadere e finire in wipeout.

Il flusso di gioco in breve:

  • fase advance/play: le onde si muovono verso la riva e si scelgono le azioni in simultanea, giocando le carte a faccia in giù ai lati della plancia (ad ogni lato corrisponde un'azione);
  • fase resolve: si girano le carte e si risolvono le azioni;
  • fase wave/score: si gira la prima carta del mazzo onde e tutti quelli che stanno surfando spostano il segnalino dell'equilibrio di conseguenza. Chi ha completato un'onda segna il punteggio sulla relativa plancetta e, se rimangono carte nel mazzo onde, comincia un altro round, altrimenti la partita termina. Al che si determinano i campioni della tavola lunga e di quella corta in base al miglior punteggio e chi di loro ha il punteggio migliore sull'altra tavola, è dichiarato il Grand Champion e vince la partita.
Devo dire che ho trovato particolarmente aderenti al tema le onde che si spostano a poco a poco verso riva con la cifra sul dado che indica se l'onda ha raggiunto il point break o non ancora (ovvero se la cifra corrisponde a quella sul tabellone) e l'elemento di push-your-luck dato dalle carte onda, reso comunque prevedibile dal fatto che tali carte rechino sul retro una vaga indicazione su quanto l'onda ci sbilancerà.

Segnalo che esiste la variante in solitario con una modalità carriera, in cui avremo un calendario di eventi a cui partecipare virtualmente.

Il mondo dei surfisti è stato poco esplorato anche dal cinema, cito il superclassico Un mercoledì da leoni (Big Wednesday, Milius, 1978); Soul Surfer (id., McNamara, 2011) che racconta la storia vera di Bethany Hamilton, che nonostante un braccio amputato a causa di un attacco di uno squalo, è diventata una delle migliori surfiste; il film d'animazione sul pinguino che vuole andare ai tropici per partecipare a una gara di surf Surf's Up – I re delle onde (Surf's Up, Buck/Brannon, 2007); Lords of Dogtown (id., Catherine Hardwicke, 2005) che trovo interessante in quanto racconta del gruppo di surfisti che reinventò lo skateboarding negli anni Settanta a Santa Monica; non dimentico i documentari View From a Blue Moon (id., Florence/Kueny, 2015) che vi mostra le spiagge più belle del pianeta e Under An Arctic Sky (id., Weiland, 2017) per chi preferisce vedere surfisti in condizioni estreme nel freddo mare d'Islanda.

Mi concentro però su Point Break - Punto di rottura (Point Break), diretto nel 1991 da Kathryn Bigelow, prima donna dietro la macchina da presa di film ad alto contenuto di adrenalina e testosterone; per gli amanti del gossip riporto che all'epoca era ancora moglie di James Cameron.

Il regista all'origine avrebbe dovuto essere Ridley Scott, gli attori Charlie Sheen nel ruolo di Bodhi e qualcuno a caso tra Johnny Depp, Matthew Broderick, Val Kilmer nel ruolo di Johnny Utah. Per fortuna il progetto venne accantonato da Scott e ripreso da Bigelow, la quale lottò per avere il semi-sconosciuto Keanu Reeves nel ruolo principale, rivelando le sue doti da star del cinema d'azione, e Patrick Swayze - noto per i ruoli romantici in Dirty Dancing e in Ghost - in quello dell'antagonista.

La storia è imperniata su un ex quarterback diventato agente dell'FBI, Johnny Utah, il cui compito è quello di infiltrarsi in un gruppo di surfisti rapinatori di banche, che agiscono col volto coperto dalle maschere degli ex presidenti USA, guidati dalla filosofia zen del loro carismatico leader Bodhi.

Sembra un film da guardare senza pensieri, in realtà ci sono molti aspetti degni di nota.

Primo, la regia è eccellente e innovativa: addirittura le scelte di regia si apprezzano già dai titoli di testa, in cui i nomi del protagonista e dell'antagonista si fondono, a preannunciare quello che succederà, inoltre per le scene di azione sono state usate per la prima volta delle pogo-cam con lente snorkel lunga, sviluppate dalla regista e da un collaboratore e posizionate direttamente addosso agli attori, così da mostrarne al meglio le prodezze atletiche.

Poi ci sono diversi generi cinematografici che si intersecano: il buddy movie, nelle battute di Reeves con il suo capo Gary Busey, che dirige l'operazione; il caper movie, con l'idea dei rapinatori mascherati che verrà copiata più volte, anche di recente, come nella fortunata serie La casa di carta (La casa de papel, 2017); il western, la stessa Bigelow definì il film come un wet-western, dove la terra da esplorare è la vastità dell'oceano, in cui Keanu Reeves è lo sceriffo con la stella (non posso fare spoiler, dico solo: guardate bene la scena finale), dove alla fine c'è una resa dei conti epica.

In ultimo, Point Break è innovativo anche per la concezione di genere decisamente fluida per essere all'apparenza un film tutto muscoli: Keanu Reeves è stato scelto per il suo aspetto delicato e Swayze per le sue movenze da ballerino, il personaggio di Utah è sì attratto da Tyler (nome abitualmente maschile), sua insegnante di surf interpretata dall'androgina Lory Petty, però è evidente il fatto che subisca il fascino di Bodhi e del suo stile di vita libero e anticonformista, accettando le sfide che costui gli propone incondizionatamente, anche quando giocano a carte pericolosamente scoperte. L'erede riconosciuto di Point Break infatti è Fast and Furious (The Fast and the Furious, Rob Cohen, 2001), con il poliziotto Paul Walker, che si infiltrerà nel giro delle corse clandestine di Los Angeles e verrà attratto dal mondo e dal carisma di Vin Diesel... ma questo, è un altro film.

Colonna sonora consigliata: qualsiasi cosa dei Beach Boys o dei The Mamas & the Papas a coprire gli anni Sessanta e Settanta, Melissa Auf der Maur Followed the Waves del 2004; MGMT Electric Feel del 2007; Xavier Rudd Follow the Sun del 2012.

Commenti

Gran film Point Break la scena del paracadute fu una figata colossale. La storia del cinema di Keanu inizia qui e su questo attore ed il suo modo di porsi ci sarebbero tante cose da dire e da raccontare. In assoluto uno dei miei preferiti (insieme a Brad Pitt che tu non apprezzi). 
Brava IJ anche il gioco è molto interessante. 

sava73 (goblin Cylon) ultimamente ha giocato a:
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=sava%2073&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

@Sava73

Ma come non apprezzo Brad Pitt? È dai tempi di Thelma & Louise che lo apprezzo, ha sempre dimostrato di essere un valido attore e non solo un bel faccino. Mi fa oltremodo piacere che abbia ricevuto l'Oscar per il film di Tarantino.

@Figlio_di_Griffin 

Come sempre, grazie! Mi sa che Tavarua in Italia ce l'abbiamo solo io e il tuo collega Fabio (non il capo, l'altro Fabio).

 

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

giusto per collegare tutti i puntini, l'unico altro gioco della Far Off Games è il celebre sandbox Xia, appunto di Miller. 

questo per dire che il gioco lo conoscevo solo per questo. Per curiosità, gira bene in solo e in 2 giocatori? difetti eventuali?

@Thegoodson

Inizio dai difetti: regolamento scritto in maniera inutilmente complicata; alea presente, però è aderente al tema. Conteggio dei punti un filo complicato alla prima partita. Però personalmente i difetti vanno tutti surclassati dai pucciosissimi meeples sulle tavole da surf!

In 2, come nella maggior parte dei giochi, è più largo, tieni conto che però fino a 4 giocatori ci può essere solo un meeple per onda, in 5 o 6, ce ne possono essere 2.

Mod. solitario: è appunto a campagna annuale, ogni "mese" hai una sfida diversa, non solo contro AI, anche eseguire un certo numero di "figure" specifiche. È molto varia.

 

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

ok messo in wishlist, mi hai convinto

Infinitejest scrive:

@Sava73

Ma come non apprezzo Brad Pitt? È dai tempi di Thelma & Louise che lo apprezzo, ha sempre dimostrato di essere un valido attore e non solo un bel faccino. Mi fa oltremodo piacere che abbia ricevuto l'Oscar per il film di Tarantino.

@Figlio_di_Griffin 

Come sempre, grazie! Mi sa che Tavarua in Italia ce l'abbiamo solo io e il tuo collega Fabio (non il capo, l'altro Fabio).

 

Ho chiesto, dovreste essere in 7 e se si aggiunge Thegoodson che lo ha messo in Wishlist, sarete in 8 a surfare su di un tavolo da gioco in Italia. 😉

A proposito di mare, di cinema e di GDT, da amante dei collaborativi, non credi che l'Isola Proibita possa accostarsi bene a tanti film noir o d'avventura? Potresti scriverne in futuro?

Standing Ovation 

Cerco: esp. Air Marshals per Quartermaster General & The Golden Ages

 

Figlio_di_Griffin scrive:

Ho chiesto, dovreste essere in 7 e se si aggiunge Thegoodson che lo ha messo in Wishlist, sarete in 8 a surfare su di un tavolo da gioco in Italia. 😉

A proposito di mare, di cinema e di GDT, da amante dei collaborativi, non credi che l'Isola Proibita possa accostarsi bene a tanti film noir o d'avventura? Potresti scriverne in futuro?

Apperò, ha addirittura tenuto il conto? 

Sui film noir "classici" ho un articolo in coda.

L' isola proibita ce l'ho, tra l'altro ci gioco spesso con mia figlia, lo tengo presente per il futuro, grazie del suggerimento. 

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

Come sempre: PAZZÈSKA.

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Fedow&numitems=10&text=none&images=medium&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

cmq ho già pronto Surfin bird nello stereo

Come sempre gran pezzo, pieno di spunti interessanti e note curiose, grande Elena! Tavarua mai provato, Point Break film TOP!

Per chi si fosse perso le "puntate precedenti" di questa serie di articoli belissimi di  Infinitejest
La ferrovia sottorranea
Attraversando lo specchio
 

@kopalecor 

Grazie, ti assumo come segretario! 

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

brava mashuppata con forte!

In diretta dal paese delle streghe!

Intanto ho fatto una ricerca e il gioco è veramente introvabile, a meno di non lasciarci 900 dolla. Tienilo in cassaforte 😬

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Agzaroth scrive:

Intanto ho fatto una ricerca e il gioco è veramente introvabile, a meno di non lasciarci 900 dolla. Tienilo in cassaforte 😬

Che investimento, l'ho comprato da un inglese l'anno scorso per 45 sterline!

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

Complimenti per l'articolo! Devo dire che queste commistioni cinema/ambientazioni gdt sono sempre molto interessanti da leggere. Non conoscevo il gioco, e adesso sono intrigato parecchio.

Aggiungo ai film suggeriti 3 ottimi documentari sul surf, i suoi atleti e il loro mondo:

The endless summer, documentario degli anni 60, datato certo ma ancora bellissimo;

Dogtown and the Z-boys, documentario pluripreniato sul quale si basa il film The lords of dogtown;

Riding giants, documentario di Stacy Peralta (regista di Dogtown and Z-boys) sui surfisti che cercano e cavalcano le impressionanti onde giganti...passò al cinema ma credo che in Italia l'abbiamo visto in 10...

I giochi non si leggono; si giocano.

Esiste una sola storia. La più antica. Un signore oscuro contro un barbaro, un nano, un elfo ed un mago.

non escluderei l'opzione di venderlo per 900 dolla 

@themanwhosoldthewhole 

Grazie delle integrazioni e dei complimenti.

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

Wow!
Ero straconvinto di essere praticamente l'unico proprietario di Tavarua in tutta l'Europa (partecipai al KS ormai un lustro fa, o qcosa del genere) ed invece me ne ritrovo addirittura una recensione in Tana! Chapeau!
I miei due limitatissimi cents (ho giocato solo in solo - perdonatemi il bisticcio linguistico - poiché non sono [ancora?] riuscito a farlo digerire al mio gruppo...): gioco davvero originale, componentistica di buona fattura ed il cui "feel" (grafica, plancia, scelte cromatiche,  etc. - fino ai surfmeeples) si sposa alla grande col tema; regolamento non chiarissimo, concordo, e soprattutto che porta un po' di macchinosità nelle prime partite per seguire a dovere il flusso di gioco. 
Una nota secondo me dolcissima (l'Autore lo ha inserito non mi ricordo se nel regolamento (ora non ho la scatola sotto mano) o nei commenti al KS): uno dei due lati della plancia rappresenta un posto realmente esistente ma non dichiarato, poiché era il "secret spot" in cui appunto il padre dell'Autore andava a surfare. Respect.

Cheers.

@LordJonSnow

Hai visto, non sei solo! Anche tu tienilo in cassaforte!!!

Scherzi a parte, grazie delle aggiunte. Ho controllato, sul regolamento non c'è la nota di cui parli, quindi immagino fosse sulla pagina KS (che io non ho sostenuto, come scrivevo poco sopra nei commenti, l'ho comprato usato).

PS: ci tengo a precisare che i miei sono articoli, non recensioni, altrimenti poi il capo mi cazzia ;)))

Cercate di vedere voi stessi nei vostri avversari. Vi porteranno a capire il Gioco. Ad accettare il fatto che il Gioco riguarda la gestione della paura. D.F. Wallace, Infinite Jest

Infinitejest scrive:
@LordJonSnow

Hai visto, non sei solo! Anche tu tienilo in cassaforte!!! 

Hahah!
Certamente lo farò...

Infinitejest scrive:

Ho controllato, sul regolamento non c'è la nota di cui parli, quindi immagino fosse sulla pagina KS (che io non ho sostenuto, come scrivevo poco sopra nei commenti, l'ho comprato usato).

Sono tornato al link del vetusto KS (la campagna era effettivamente del 2015, poi il gioco vide la luce nel 2016), dato che mi è stato più facile che accedere ai miei BG in questo momento: la nota che ricordavo era in effetti tra i commenti / note circa il procedere della produzione, la riporto perché - ripeto - a me parve una bella cosa, l'omaggio di un autore al proprio papà:

[My dad] really liked the idea of this secret spot on the Oregon coast - that would visually be more impressive than the Nelscott Reef, but still have the same north-west vibe. I can't tell you exactly where it is, because local surfers like to keep these things to themselves, haha! But it's on the Oregon Coast and it's a special place to my Dad.

Infinitejest scrive:
PS: ci tengo a precisare che i miei sono articoli, non recensioni, altrimenti poi il capo mi cazzia ;)))

HAHAHAHA! Giusto, giusto.... :-)

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare