Come consigliare un gioco

sussurrare
tessere.org

Rabbrividendo per cose lette su Facebook, cerchiamo di chiarire qualche concetto.

Editoriale
Giochi

Quale gioco gestionale mi consigliate?

Non proprio in questi termini (l'utente medio non sa distinguere un gestionale da un tematico), ma possiamo partire da questa domanda generica, perché quelle fatte comunemente non cadono molto distanti.

Procediamo per punti, così è più chiaro e semplice.

Il target

Chiedetevi per prima cosa quale sia il livello di difficoltà di gioco cercato dall'utente. Cerca un piazzamento lavoratori, ok; ma di che peso. Vuole uno Stone Age per giocarlo con la sua famiglia, un'oretta dopo cena?

O vuole un Caylus con cui scannarsi con gli amici nella serata settimanale?

Chiarire i termini

“Cerco un piazzamento lavoratori” 
“Come ad esempio?” 
“Puerto Rico.”

Ok, quindi non cerca un piazzamento lavoratori. Cerca un gioco a ruoli/azioni condivise. Meglio chiarire cosa intenda l'interlocutore con quello che cerca, perché spesso c'è confusione e potreste mandarli in una direzione che non è quella che intendevano loro. 

Chiedere quali altri giochi sul genere siano piaciuti

punti interrogativi
Questo aiuta a circoscrivere genere, meccaniche, peso, eccetera – ovviamente se conoscete i giochi in questione.

Se uno cita Sulle Tracce di Marco Polo e Pulsar 2849, è legittimo consigliargli Troyes, che ha peso simile ed è un caposaldo di quel genere.

Ma se per l'uso dei dadi ti cita Machi-Koro o Quantum, forse fai meglio a consigliargli Kingsburg, invece di Troyes.

Chiedere cosa sia effettivamente piaciuto del gioco

“Cerco un gioco tipo Agricola.”
“Cosa ti è piaciuto di Agricola?”
“Avere tutte quelle carte diverse a ogni partita in mano e inventarmi una nuova strategia.”

Quindi di Agricola non lo ha colpito la meccanica di piazzamento lavoratori. Inutile consigliargli un Caylus (in cui comunque c'è anche varietà strategica) o peggio ancora uno Tzolk'in: il calendario maya o un Russian Railroads (in cui devi scegliere subito una strategia e seguirla pervicacemente per tutta la partita).

Il consiglio può in realtà vertere su giochi che non hanno nemmeno il piazzamento lavoratori come meccanica base, perché in fondo al giocatore è piaciuta un'altra cosa: la gestione mano. Potrebbero probabilmente piacergli più Concordia, o Terraforming Mars, o Seasons, che non sono piazzamento lavoratori.

Altre piccole cose

Quanti sarebbero a giocare abitualmente? Perché alcuni giochi scalano bene, altri no; alcuni reggono fino a cinque giocatori, altri no. Le Havre è un bellissimo gioco, ma per quattro o cinque persone non lo consiglierei mai. Viceversa Imperial 2030 è meglio proprio con quel numero di giocatori.

Altra cosa – purtroppo – capire quanto conta l'estetica per chi chiede: è un gruppo duro e puro che guarda solo alla sostanza? Allora possiamo azzardare anche Indonesia e Antiquity. Se invece la prima cosa che ti cita come pregio dei giochi che ama solo le illustrazioni di Wingspan, l'albero di Everdell o le miniature di Zombicide, occorre che il consiglio vada  – col cuore sanguinante – in quella direzione.

Infine il costo. Mica banale; ma, se non lo ha specificato lui, magari chiedere il tetto di spesa. Perché Age of Empires è un bellissimo piazzamento lavoratori con anche interazione diretta, ma l'edizione deluxe in commercio costa uno stonfo.

In conclusione, si sa che la tentazione di nominare sempre e comunque i giochi che ci piacciono sia forte e naturale in tutti noi. Al punto magari di consigliare Nemesis a chi cerca un gestionale col piazzamento lavoratori, perché in fondo sposti il tuo omino in una stanza e decidi che azione fare.

Pensiamo sempre che, se poi il nostro consiglio risulta sbagliato, facciamo un triplo danno: alla persona che lo ha ascoltato, perché comprerà qualcosa che non lo soddisfa; a noi stessi, perché non saremo ritenuti più così attendibili (e giustamente); al bellissimo gioco che abbiamo indicato, perché rischia di non essere apprezzato come speravamo, dato che è fuori bersaglio.

Commenti

Condivido tutto, anche se temo sia una battaglia persa. Ricordo ancora un paio d'anni fa una povera mamma che chiese consiglio per suo figlio di 7 anni e tra svariati titoli nominati dal pubblico sostanzialmente già fuori scala (Lords of Waterdeep e altro che ora non ricordo) qualcuno ebbe il coraggio di caldeggiarle Eclipse

Il problema principale è che molti giocatori quando devono consigliare un gioco a qualcuno non riescono ad immedesimarsi nei gusti di chi hanno di fronte. Vogliono convincere l'interlocutore che un gioco è bello perché è piaciuto a loro, e cercano di spiegargli con 1000 parole quali sono i suoi pregi. (A volte anche dopo che l'altro ha già giocato quel gioco e non gli è piaciuto, cercano lo stesso di convincerlo). Ed è una cosa deleteria, che finirà per allontanare l'interlocutore da se stessi oltre che dal mondo dei Giochi.

È un po come voler convincere qualcuno che la pizza con i funghi è buonissima dopo che quel qualcuno ha già detto: odio i funghi.. 

Articolo inutile, la gente prima compra il gioco , poi chiede i pareri :-)

Dovresti chiedere agli amministratori dei vari gruppi FB di fare un post con questo articolo e poi fissarlo in alto.

Kid22 scrive:

Il problema principale è che molti giocatori quando devono consigliare un gioco a qualcuno non riescono ad immedesimarsi nei gusti di chi hanno di fronte. Vogliono convincere l'interlocutore che un gioco è bello perché è piaciuto a loro, e cercano di spiegargli con 1000 parole quali sono i suoi pregi. (A volte anche dopo che l'altro ha già giocato quel gioco e non gli è piaciuto, cercano lo stesso di convincerlo). Ed è una cosa deleteria, che finirà per allontanare l'interlocutore da se stessi oltre che dal mondo dei Giochi.

È un po come voler convincere qualcuno che la pizza con i funghi è buonissima dopo che quel qualcuno ha già detto: odio i funghi.. 

Purtroppo l'empatia si ha o non si ha.

Nei gdt ho lavorato per un paio di dicembre per giochi uniti: "che gioco cerchi, cosa ti piace (se mi dice un gioco bene, altrimenti il tema fa la differenza), con chi lo giochi"; queste erano solo le prime domande. Così ho venduto molti giochi, ma consigliando e valutando che molto spesso poteva essere monopoli o risiko (ma almeno non quello elettronico con la cacca).

Insomma, se sei in grado di camminare 10 secondi nell'ombra di una persona, sarà lei a darti tutte le informazioni che cerchi per scegliere... Basta mandare un secondino l'ego a prendere un caffè e ricordarsi che non basogna fare i fenomeni per forza

Agli argomenti delicati aggiungerei la DURATA. Che è una delle cose che mi fa impazzire quando leggo certi consigli in giro. "Cerco un gioco sotto l'ora" e giù di consigli per roba che dura, MEDIAMENTE, due.

Tutto questo perchè chi sta consigliando magari ha 300 partite alle spalle e sempre con gli stessi compagni; e per giunta magari gioca in 3 a giochi da 5-6 nei quali la durata almeno in parte è proporzionale anche a quello. In linea di massima comunque rientra nel caso generale illustrato da Kid22: essere superfan porta anche a questo

Molto utile, ma a volte l'indagine conoscitiva lascia assai disarmati, un sacco di volte alla domanda "perché ti è piaciuto il titolo x" non sanno darti una risposta perché non ci hanno pensato proprio, a quel punto magari provi a farti elencare 4-5 titoli che sono stati apprezzati  sperando di poter individuare le caratteristiche comuni e lavorare di inferenze... e ti ritrovi una lista sconclusionata nella quale non riesci a trovare un filo conduttore, e se indaghi un po' più a fondo sei costretto ad andare un attimo più sul "tecnico" e a quel punto cominci a vedere il vuoto negli occhi e sai di stare perdendo l'interesse della persona che hai davanti.

Mi succedeva di continuo per lavoro nell'ambito videoluduco (dove una volta mi chiesero una perboper, lascio a voi capire cosa volesse il cliente, io e l'intera fila dietro di lui abbiamo brancolato nel buio per almeno due minuti ^^`), più raramente capita nel mondo dei GdT ma capita, soprattutto negli eventi pubblici "da piazza". 

Il focus del pezzo è totalmente errato: avrebbe dovuto essere "come chiedere consigli su un gioco".

 

Cioè, già tu non stai facendo il misero sforzo di usare Google, guardare video, insomma informarti per i fatti tuoi, ma la colpa del consiglio dato male è mia, che già spendo tempo ed energie risparmiandole a te?

Posso portatle altro, milord? Un Rocher, un calice di vino, una fetta di c...?

 

Edit: toni pessimi, scusate ma ero incacchiato con altri :D . Comunque l'articolo è pregevole :) ma resto dell'idea che deve fare attenzione soprattutto chi chieda, no?

 

 

a questo punto voglio la scheda da somministrare a colui che domanda consigli... "col cuore sanguinante" è il TOP 😂

Bell'articolo vorrei farti alcune domande:

1) dall'articolo si capisce che non tutti possono consigliare giochi, quanti giochi deve conoscere chi consiglia? (O come deve essere la sua conoscenza del gioco da tavolo)

2) con quel tipo di domnde è vero che si individuano i gusti ma bisogna essere in grado comunque di "osare". Non si rischia di consigliare solo doppioni?

3) chi legge gli articoli della Tana di solito non fa questi errori, perché non abbiamo scelto di pubblicare questo su Facebook? Hai riconosciuto qualche Goblin che diceva castronerie? 

4) Non ti sembra più saggio suggerire di verificare i consigli. Io ad esempio anche se mi consigliassi tu un gioco non lo comprerei mai senza aver letto il regolamento. Di solito i miei consigli sono corredati da un link ad un tutorial di regole (alkyla o Teooh principalmente).

In definitiva, non pensi che un consiglio ben fatto sia una pappa pronta che mette in luce solo le qualità di chi proferisce consigli? Con tutte queste pappe pronte e senza errori come può crescere la comunità ludica?

Grazie

"Ma potrò consigliare Mage Knight a chiunque?"
"E no! Se sono in 4 abituati a Labirinto Magico no!"
"Ah no?" [cit.]

Le parole di Agza grondano preziose come miele da una ciotola di giada, soprattutto perché propone di avere l'onestà di riconoscere che non possiamo consigliare sempre i nostri giochi preferiti, ma dobbiamo individuare un gioco che possa piacere alla controparte. Corollario: se un gioco non ci piace, non sempre è colpa del gioco ma può essere una questione di gusti.

Ecco perché in fiera è bene consigliare Vudù ai gruppi di ragazzini caciaroni anche se noi non lo toccheremmo con un dito.

...però se non vi piace Puerto Rico non potete essere veramente miei amici :p

@locompetitivo

1) non ne ho idea, ma come in tutte le cose, più conosci, più sai consigliare.

2) dipende da quanto è generica/specifica è la domanda e da quanto capisci che puoi osare. Sicuramente se quello che chiede ha già provato un po' tutto di un genere e ne vuole ancora, meglio osare che proporre un doppione.

3) su fb l'articolo passerà condiviso come tutti gli altri. E come gli altri, sarà inutile 😬

4) eh, questo andrebbe fatto sempre, ma è spesso questione di tempo. In ogni caso un consiglio giusto ti permette di non perdere tempo con la verifica di un consiglio sbagliato in partenza.

Che è quello che faccio sempre io nei gruppi fb. Domandare età, numero di giocatori, durata e gusti. Venendo puntualmente ignorato nel mare di nomi di titoli snocciolati senza nemmeno una riga di spiegazione.

 

il top è nei post dove di vuole un gioco per "intrappolare" consorte o figli. Qui addirittura si chiedono gusti terzi. 😂

Ok,ma cos'è "perboper"?🤣

Dopo essermi scervellato per due minuti buoni ho alzato lo sguardo e sopra la scaffalatura di fronte a me troneggiava la scritta "Xbox"... "X-bo-X"... D:

il vero errore è avere Facebook

@locompetitivo

Io quando ho iniziato avevo un solo consigliere, l'amico che mi ha introdotto in questo mondo.

Quando lui mi consigliava dei giochi, io comunque poi me li andavo a cercare, guardavo video, se possibile leggevo i regolamenti (fermo restando che la lettura di un regolamento senza il gioco davanti non sempre ti permette di capire bene il gioco)... Nonostante questo, un paio di acquisti sbagliati sono arrivati lo stesso.

Oggi, di questi errori ne commetto molti di meno, sono cresciuto in esperienza, ma la pappa pronta iniziale è stata comunque utile, se non necessaria.

Diciamo che la verità sta sempre un po' nel mezzo... Sono giuste le tue considerazioni così come quelle dell'articolo.

Chi consiglia dovrebbe essere più oggettivo e chi chiede dovrebbe approfondire un po' di più. E probabilmente così si cresce tutti.

FuturoMaestro scrive:

Dopo essermi scervellato per due minuti buoni ho alzato lo sguardo e sopra la scaffalatura di fronte a me troneggiava la scritta "Xbox"... "X-bo-X"... D:

🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Ottimo esempio di divulgazione assennata e, mi si passi il termine, "scientifica".

Mi permetterei solo di aggiungere una domanda:

ti interessa che il gioco sia ambientato?

In conclusione, se vuoi un consiglio/opinione su un gioco non chiedere su Facebook

Non amo troppo l'idea dei consigli "gioco fotocopia". Ma forse perché sono dell'avviso che poter variare è uno degli aspetti positivi di questo passatempo. (Se dovessi mangiare tutti i giorni sempre lo stesso pasto, dopo un po' mi verrebbe a noia. Poter variare è bello e arricchente).

Detto ciò, se uno chiede un gioco leggero, mi sembra scontato consigliare giochi leggeri. Ma non vedo perché limitarsi a giochi fotocopia e non spaziare un po' con altri consigli di giochi leggeri che risultano essere validi. Magari a uno li si apre un mondo, perché ignorava l'esistenza di certi titoli (come fa uno a chiedere qualcosa che non conosce?).

- Ciao. scusa, so che giochi ai giochi da tavolo..

- Si, sono un fottuto friky, mi piacciono un sacco.

- infatti, me l'avevano detto. Potrei farti una domanda? Ho giocato a Catan e mi è piaciuto un sacco. Vorrei approfondire. Cosa mi consigli?

- Aaaaahhh bella domanda. Purtroppo non ho una laurea in giochi di società, e quindi non posso consigliarti

- No ma dai, va beh, uno che ti è piaciuto a te dai... na cosa introduttiva...

- Bah, guarda, ci sono le recenti direttive Agzaroth che mi obbligano a fari alcune domande prima di darti il consiglio.

- ahahahah le direttive che?

- Ridi ridi, ma se vuoi un consiglio prima devi rispondere ad alcune domande

- Mazza se siete seri oh... va bene dai, spara

- Con chi lo giocherai?

- ???? che ? Boh, cazzo ne so... in generale con qualcuno, magari con te...

- No mi  spiace. O definiamo il gruppo tuo di riferimento, o non me la sento di darti consigli

- no va beh, ma te sei fuori, ma che cosa ne so, con gli stessi che mi hanno prorposto Catan suppongo...

- Peccato. Se gli piace Catan, l'unico consiglio che posso darti è Catan, giacchè di quella tipologia conosco solo Catan, e non ho master riconosciuto in simil catanologia.

- no ma sei scemo? Dai spara un cavolo di gioco che ti è piaciuto, uno diverso da Catan.

- impossibile. Le 5 leggi di Agzaroth dicono che se giochi a un tipo di gioco non ti si puó consigliare un altro tipo di gioco. Quindi, siccome stile catan conosco solo Catan, ti consiglio Catan

- ve beeene, ho capito, voi giocatori avete problemi seri... famo cosí, a te quale è un gioco che ti piace un casino?

- Purtroppo la prima legge di Agzaroth mi impedisce di dirti cosa mi piace a me, se si tratta di dare un consiglio a te. Ci sono interi libri scritti su come dare un consiglio a un altro giocatore senza che si rischi la delusione, che pare sia inaccettabile.

- Okkei. Ho deciso che non giocher'o nella mia vita a un gioco da tavolo. Mai piú.

- Perfetto. Quindi niente consigli.

.........................................................................................................

- Una curiosità, a te che gioco da tavolo ti piace un sacco?

- A me piace molto The Crew. Bellissimo. Bello tosto. Inserito anche nella classifica come milgior gioco dell'universo. Molto duro, difficile, però io sono un hard gamer. Non un havy gamer, non ancora, però hard si, cavolo.

- ....................................  mmmm ............. ho capito ............... prendi un caffe? 

- Perchè no, offro io... dove andiamo?

- al bar Lunette. Già che ci siamo facciamo una partita a boccete?

- andata, adoro boccette!!!

- (ma le boccette sono uguali a Catan?)

stock!!!!

https://www.bing.com/videos/search?q=il+mondo+non+si+%c3%a8+fermao+mai+u...

 

E sullo sofondo una balera .....

Ahahahah, don't feed the troll 😛

Sei a dieta?

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare