[PREVIEW] PLUNDER

Giochi

ATTENZIONE! La seguente anteprima è ricavata dalle impressioni successive alla sola lettura del regolamento senza prova su strada del gioco


PLUNDER


Di Jonathan Franklin


ATTENZIONE! La seguente anteprima è ricavata dalle impressioni successive alla sola lettura del regolamento senza prova su strada del gioco


PLUNDER


Di Jonathan Franklin



Da 2 a 6 giocatori<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" />


R & R Games


Nessuna dipendenza dalla lingua


Difficoltà: 2/5 (per tutti/famiglie)


 


La R&R in questo gioco ha cercato di ricreare l’atmosfera di una locanda frequentata da pirati che fanno a gara a chi ce l’ha più grosso (il tesoro intendo, cosa avete pensato?)


E’ un gioco di deduzione basato sull’esclusione delle possibilità. Ad ogni giocatore vengono date tre carte (una carta isola, una carta punto di riferimento e una carta trappola) che indicano dove ha sotterrato il proprio tesoro. Ovviamente vanno tenute segrete. Ad ogni turno vengono girate tre carte (una per tipologia) ed ogni giocatore (tranne quello di turno) devono dire (con voce piratesca) “Aye!” se una delle tre carte rivelate coincide con una delle proprie tre (senza dire quale, ma solo se ce n’è almeno una) o “Nay!” se invece nessun indizio è corretto.


Gli altri, su una apposita lavagnetta riscrivibile segnano le risposte. Se durante il gioco uno dei giocatori pensa di avere individuato la combinazione che indica il tesoro di uno degli avversari, compila una apposita carta (anche questa riscrivibile) che posiziona in segreto in un forziere centrale (nell’economia del gioco rappresenta uno dei miei scagnozzi che va a cercare il tesoro del pirata nemico). Di queste carte ne abbiamo un numero limitato, pari al numero di giocatori e non possiamo quindi andare troppo per tentativi. Alla fine di 15 turni si apre il forziere e si verificano le ipotesi. Ogni giocatore parte con 6 punti (il proprio tesoro) che può perdere se qualcuno ne indovina l’esatta posizione o può conservare in caso contrario. A questi si sommano tutte le proprie ipotesi che si verificano corrette. Si guadagnano punti in base a chi per primo ha fatto l’ipotesi corretta (gli altri prendono sempre meno punti). Chi ha più punti … indovinate un po’ … vince!



Un gioco semplice e veloce (durata prevista 30-45 minuti) da fare in relax e possibilmente facendo anche un po’ di scena. I componenti riscrivibili mi piacciono molto di più dei blocchetti di fogli da buttare, anche se speriamo i pennarelli durino un po’.

Scheda su Boardgamegeek| Link al regolamento italiano