Reworld: anteprima Essen 2017

Reworld: copertina
eggertspiele

Gioco della premiata coppia Kramer-Kiesling per 2-4 giocatori, 50-90 minuti di durata, medio peso e che implementa meccaniche di gestione mano e piazzamento tessere. 

Anteprime
Giochi
Giochi collegati:
Reworld
Terraformare pianeti è stato il leitmotiv di una Essen ’16 che faceva di Marte un virtuale extra-padiglione, tanti erano i giochi a tema che lo avrebbero potenzialmente potuto occupare. Il 2017 accantona in parte le tematiche spaziali, ma Eggertspiele non è d’accordo e con il duo Kramer-Kiesling si prepara a portarci nuovamente su nuovi pianeti da colonizzare e terraformare con il nuovissimo Reworld. Peso medio che non dovrebbe superare l’ora e mezza, la nuova proposta della casa con la volpe punta un target di potenziali 2-4 giocatori dai 12 anni in su.

reworld-astronavi.jpg

Reworld: prototipo
Reworld: prototipo

Il gioco

Reworld ci mette alla guida di futuri colonizzatori spaziali che tenteranno di terraformare un imprecisato pianeta: per farlo, si dovranno avvalere di Terrabots per fondare nuove città e shuttle cargo che faranno la spola per portare materie prime e popolazione. Una volta seduti al tavolo, l’ambientazione passa per un’astronave che ogni giocatore avrà davanti a se e sarà chiamato, nell’arco di cinque turni, a caricare con tessere raffiguranti le attrezzature necessarie alla colonizzazione. 

Ogni turno verranno rivelate e disposte attorno ad un tabellone/nave madre 20 tessere a disposizione dei giocatori, i quali riceveranno una mano personale e segreta tra 7 e 13 carte, in base al numero di partecipanti. Queste carte hanno un numero in alto a sinistra, e verranno usate per acquisire ed equipaggiare le proprie astronavi con le tessere necessarie alla colonizzazione. Come si giocano le carte? Seguendo tre regole di piazzamento:

  1. Se il giocatore desidera una tessera, e nessuna delle tessere ad essa adiacenti è stata già reclamata, il giocatore deve giocare una carta dalla propria mano e posizionarla di fianco alla tessera desiderata, reclamarne l’acquisizione e giocarla nello spazio libero all’estrema sinistra della propria astronave, nel “piano” corrispondente al numero stampato sulla carta giocata;
  2. Se il giocatore desidera una tessera ed una tessera ad essa adiacente è stata già reclamata, il giocatore deve giocare una carta dalla propria mano il cui numero sia il medesimo della carta già presente (giocata dalla mano di un altro giocatore). Se non ha in mano una carta eleggibile per completare l’azione, dovrà giocare due carte qualsiasi una sopra l’altra e quella effettivamente visibile determinerà il piano dove si dovrà posizionare la tessera acquisita;
  3. Se il giocatore desidera una tessera, ed entrambe le tessere ad essa adiacente sono state reclamate grazie al gioco di due carte dello stesso valore, per reclamare la tessera desiderata il giocatore dovrà giocare carte dello stesso valore delle precedenti due e due carte extra del valore desiderato, oppure quattro carte a scelta.

Quando tutti esauriscono la mano di carte o non possono più acquisire tessere, le eventuali tessere rimanenti vengono rimosse e parte un nuovo round. Al termine del quinto round, le astronavi così caricate raggiungono il pianeta ed i giocatori iniziano la colonizzazione disponendo le proprie tessere: ogni round sarà possibile giocare da 1 a 3 delle proprie tessere partendo da quella all’estrema sinistra di ogni piano dell’astronave. Portare terrabot sul pianeta ci permetterà di fondare una città o estenderne una precedentemente fondata dal giocatore.

Le materie prime, in 5 colori, possono essere portate solo se caricate su di uno shuttle ed ogni città può ospitare shuttle che trasportano materie prime di un solo colore. Da ultimo, i satelliti danno punti bonus se messi in relazione ad una città e - insieme agli shuttle - contribuiscono alla formazione di scudi di protezione per la neonata colonia terrestre. Allo svuotamento delle astronavi, i giocatori calcolano il punteggio personale e determinano il vincitore.

reworld-andreas-resch.jpg

Reworld: particolare
Reworld: particolare

Prime impressioni

Un gioco diviso in due “tempi”, che fa di gestione della propria mano di carte e piazzamento tessere le sue meccaniche.

Al netto di un’ambientazione che non sembra far gridare al miracolo in termini di aderenza alle meccaniche, l’idea del duo K&K su carta sembra girare bene, con bastardate dirette ed indirette pronte ad arrivare tra capo e collo senza andar giù troppo per il sottile: gli insulti alla propria mano di carte ed agli avversari che pescano “proprio quello che mi serviva!” giocando “proprio quel numero!”, saranno all’ordine del giorno.

Le poche foto che abbelliscono la pagina del gioco su BGG danno un’idea di materiali essenziali ma funzionali, con una grafica a tema scientifico, più che fantascientifico.

Commenti

Interessantissimo

I suffer from a diagnosed medical condition: I'm allergic to bullshit.

When life gives you lemons, make lemonade for a profit. Then buy an assault rifle. Next time, life is in for a nasty surprise.

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare