Tragedy Looper: tutti contro tutti Magnifico 2017

Tragedy Looper al Magnifico 2017
TdG

Il Tutti contro Tutti oggi mette sotto la lente uno dei giochi da tavolo più geniali degli ultimi anni, finalista tra gli otto del Goblin Magnifico 2017: Tragedy Looper. Vediamo come se la cava...

Approfondimenti
Giochi
Giochi collegati:
Tragedy Looper

Che tipo di giocatore sei e quante partite hai fatto a questo gioco?

[Moonelf] Abbastanza esperto e molto eclettico, gioco più volte a settimana spaziando dagli Splotter ai party game, da Through the ages a Time stories. In genere mi piacciono i titoli strategici di durata circa 3 ore. A Tragedy Looper ho fatto cinque o sei partite.

[Eurek] Gioco davvero a tutto. Ultimamente sono insofferente verso i nuovi german, che con poche eccezioni mi sembrano tutti uguali. Prediligo ibridi, bluff, deduzione, interazione diretta. Oggi. Domani pick-up and delivery, aste. Ma sempre possibilmente meccaniche che sposano l'ambientazione. A Tragedy Looper conto 15+ partite di cui 4 da protagonista e le rimanenti da mente suprema.

[Glokta] Credo di essere di bocca buona e comunque sempre pronto a provare qualcosa di nuovo, l’importante è divertirsi al tavolo. Credo d’aver fatto 5-6 partite.

[mechvigiak] giocatore versatile (dai gdr classici ai wargame, dai narrativi ai german passando dagli american). Ho fatto 3 partite, una quando era uscito ad Essen, e due a Play grazie alla dimostrazione di Nicola Montagner della tana di Venezia.

[monty_ratarsed] Sono un giocatore polivalente che preferisce i german e preferisce anche poterli giocare più e più volte, per apprezzarne davvero le caratteristiche. (sempre che il gioco meriti). Ho fatto solo 1 partita a Tragedy Looper a Modena.

[blackholexan] Amo gli Euro, annovero grandi American tra i miei giochi preferiti. Tragedy Looper andrebbe inserito nella categoria degli pseudo collaborativi con master vs giocatori, alla Case della Follia (1° edizione) o Descent / Assalto Imperiale MA senza miniature e mappe, con molta più deduzione e bluff in compenso. Ho giocato solo 3 partite purtroppo.

[s83m] Sono fondamentalmente una amichevole carogna, prediligo principalmente i giochi (German o American o Eklund) con un buon livello di interazione, possibilmente bastarda. Amo godermi la compagnia del tavolo e dimostrare il mio affetto con morsi alle caviglie e pugni al costato. A Tragedy Looper ho masterato una quindicina di partite, non so neanche cosa si provi nel fare l’investigatore.
Tragedy Looper giocatore distratto
"che stai a fa'? stai ar telefono mentre spiego?"

Quali sono secondo te i pregi di questo gioco?

[Moonelf] L'ho trovato originale nella struttura, riproponendo un motore classico (un master che gioca contro i giocatori) in un contesto di investigazione, in cui i giocatori devono analizzare e comprendere piuttosto che tirar dadi e combattere.
Rispetto a titoli come Sherlock Holmes Consulting Detective, qui l'investigazione prende una piega del tutto diversa, più immediata, basata sul confronto continuo fra la volontà del master e quella dei suoi avversari: c'è più tensione e si vive più il limite di tempo.
Il gioco riesce a trasmettere piuttosto bene il senso di pressione, sia sul master (come riuscire ad evitare che i giocatori capiscano tutto troppo in fretta? Come confondere le idee?), sia sui giocatori (cosa abbiamo imparato? Come evitare che capiti ancora?).

[Eurek] Il gioco *è* un pregio. Non ha ancora uguali come originalità e uno sviluppo così fresco nel panorama odierno è già una perla rara. Ma il vero punto di forza è, da un lato, la tensione palpabile che si crea durante la partita in un susseguirsi di bluff e controbluff tra mente suprema e protagonisti e, dall'altro, la silenziosa e strettissima cooperazione tra i protagonisti stessi. E la soddisfazione nel vedere i piani dispiegarsi come previsto o le risate per le situazioni inattese che si vengono a creare. Non appena scatta la scintilla, la partita ti tiene incollato e non ti molla sino alla fine. Uno tra i miei preferiti di sempre.

[Glokta] Innanzitutto, pur essendo costituito da appena un po’ di carte, qualche segnalino e un tabellone, Tragedy Looper è la dimostrazione di come, se l’idea è forte e originale, da poco si possa tirar fuori un signor gioco.
Il tema penso si senta tutto. Credo sia difficile prendere, che so, pecorelle, terreni e zucche e applicare cotanta bucolicità ai meccanismi del gioco. Anche la grafica la trovo molto azzeccata: non amo particolarmente i manga, ma in questa salsa dark mi pare la scelta faccia il suo.
È un deduttivo davvero sfidante, che impegna in primo luogo la mente suprema e, non appena i giocatori si sono ripresi da “ma cosa diavolo sto vedendo sul tavolo…. Non sto capendo nulla”, anche per loro la sfida diventa soddisfacente man mano che si fa luce sulla vicenda. Solitamente più facile per il mastermind all’inizio, dato che i giocatori non sanno proprio nulla se non che è accaduto qualcosa, e invece molto più stretta e intensa ad ogni loop successivo.

[mechvigiak] Lo schema originale alla risoluzione di un caso, i meccanismi di individuazione del colpevole nascono dall'iterazione delle scene e quindi dalla lettura di quanto successo, ma più in ottica mastermind che Sherlock Holmes. Il tema e la modalità sono sicuramente, soprattutto quando era uscito, gli elementi di originalità e interesse che l'hanno posto alla mia attenzione.

[monty_ratarsed]

  • Avvincente, forse più da giocatore che da Master. Anche se far perdere gli altri senza far capire loro nulla deve essere una bella soddisfazione.
  • Bella meccanica con il rewind (o loop temporale).
  • Alta interazione, viste le azioni che si intrecciano a vicenda.
  • Novità (per me) come tipologia di gioco. La prova fatta mi ha fatto davvero una buona impressione e mi ha lasciato sorpreso. Ho anche proposto al gruppo di pensare all'acquisto.

[blackholexan] Originalità e grafica (de gustibus). Il gioco non ha equivalenti nel panorama ludico (almeno in quello a me noto). L’aspetto grafico per gli amanti di manga e similari è ben fatto (ma è un gusto, come predetto, molto peculiare almeno nel campo dei giochi da tavolo)

[s83m] Il Climax della partita. Mi spiego meglio. I giocatori iniziano completamente spaesati. Al primo loop perdono non sapendo nulla del perché o come sia successo. E fin qui nulla. Durante il secondo loop cominciano a capire qualcosina ma perdono di nuovo e sale un po’ di veleno. Nuovo loop e nuova dose di veleno e così via fin quando arrivano agli ultimi giorni dell’ultimo loop con la bava alla bocca perché manca un ultimo incastro o perché il loro compare gioca una carta che non avrebbe dovuto. E tu sei lì che sai tutto e godì come un riccio durante la sagra della castagna. Il massimo dell’estasi si raggiunge con l’ultimo disperato tentativo di risoluzione dell’enigma finale; dopo aver trascorso buona parte della partita col capo chino sulla tabella guarderanno verso l'alto e grideranno: «Giusto?» e io sussurrerò... «No.» cit.
Tragedy Looper: Janko spiega il gioco
Janko spiega il gioco

Quali sono secondo te i difetti di questo gioco da tavolo?

[Moonelf] Su tutti, il manuale. Anzi, i manuali. Io ho la versione originale inglese, e i due manuali (uno per il master, l'altro "per spiegare al master come spiegare ai giocatori" !!!) sono in assoluto i peggiori che abbia mai letto. Confusi, riescono a confondere le idee facendoti pensare di non aver capito nemmeno quello che invece avevi intuito benissimo. Davvero pessimi, chi li ha scritti era ubriaco sotto acido.
Come forse tutti i titoli di questo genere, Tragedy Looper è molto legato al tipo di gruppo che si siede al tavolo. La stessa partita può così diventare un'esperienza molto divertente o molto noiosa, a seconda del carattere e dell'energia che i giocatori mettono in partita. È difficile pertanto valutarlo solo con una o due partite, e bisogna armarsi di pazienza e rimetterlo in tavola anche per fare un po' di esperienza, superando gli scogli posti dagli osceni manuali.
Infine inevitabilmente l'impossibilità di rigiocare gli scenari, anche se sinceramente credo che dopo un anno tutti abbiano dimenticato chi è cosa. In inglese sono anche già disponibili alcune espansioni con nuovi casi e nuove meccaniche.

[Eurek] Sebbene sembri impossibile, può non piacere. Normalmente è un gioco che o si ama o si odia. Ma veniamo ai difetti. Le illustrazioni non sono molto funzionali, molti personaggi sono un po' troppo simili tra loro. I tempi di preparazione per la mente suprema sono alti, per evitare il downtime vanno imparati a memoria in anticipo ruoli e abilità presenti in ciascuno degli scenari. Se presente una sola persona tra i protagonisti che non riesce ad "entrare" nel gioco, può facilmente rovinare la partita a tutti. Necessita del medesimo gruppo per progredire (scenari non rigiocabili), difficile iniziare un neofita del gioco in un gruppo di giocatori più esperti.

[Glokta] Il meccanismo del gioco è fantastico. Ma è anche uno scoglio enorme. Letto il manuale più volte, non capivo cosa bisognasse fare. Probabilmente limite mio, ma ho dovuto vedermi un paio di video per capire come si giocasse.
La mente suprema inoltre deve di fatto insegnare a giocare. Non la solita spiegazione: non basta dire “il meccanismo è questo”, ma occorre fare più esempi. In questo il manuale aiuta, ma pur essendo stato tradotto molto bene da Asterion… non è una cosa facilissima da digerire.
Inoltre la mente suprema deve conoscere a menadito il caso e aver assorbito alla perfezione tutto il regolamento: deve saper gestire in un attimo ogni singolo personaggio ed ogni abilità. Ne va della riuscita stessa del gioco.

[mechvigiak] Regolamento criptico, andava riorganizzato rispetto alle versioni giapponese prima e Zman inglese dopo. Invece è una semplice traduzione. E poi diventa presto arido, poco immersivo, riportando ad una semplice risoluzione di schemi, dipendendo molto da chi sta dietro lo schermo e da quanto riesca a depistare e rendere interessante la partita.

[monty_ratarsed] 

  • L'ambientazione non si sente molto. I personaggi e le vicende sembrano un po' buttate lì. Il foglio riassuntivo ne è un esempio. Andare lì a riprenderlo ogni volta ti riporta alla realtà e non ti lascia immergere totalmente nella vicenda.
  • Il Master deve esser molto bravo nel ricordare tutte le sue azioni altrimenti il gioco non risulterebbe fluido.
  • Graficamente un po' caotico.
  • Rigiocabilità bassa delle singole missioni (tranne che giocare da Master), ma mi dicevano che esistono molte altre missioni da affrontare.
  • Sarebbe sempre meglio giocarlo in 4. In tre non rende così come potrebbe rendere in 4. Anche per la difficoltà di più teste pensanti.

[blackholexan] Il master deve necessariamente “prepararsi” la sessione per dare un taglio più avvincente (e in qualche modo sensato) alla partita. Il gioco ha inoltre una curva di apprendimento (da entrambi i lati) e di perfezionamento non indifferente

[s83m] Principalmente due:

  • Scalabilità -  da 4 secco, non prendiamoci in giro; quel 2-4 è stato messo lì per vendere qualche scatola in più.
  • Grafica Cupa – o si gioca sotto i riflettori del San Siro o i segnalini Intrigo si confondono con i funghi della pizza boscaiola.
Tragedy Looper: spiegazione
si gioca ai tavoli del Magnifico 2017

A chi lo consiglieresti?

[Moonelf] A quelli che amano i titoli con master vs giocatori.
A quelli che apprezzano i giochi di investigazione, in cui è necessario analizzare tutto quello che succede per ricostruire e sventare il piano che il master sta cercando di mettere in pratica.
Ai gruppi di quattro giocatori ben affiatati, abituati a titolo collaborativi/semi collaborativi.

[Eurek] A tutti di provarlo almeno una volta, nessuno escluso. A nessuno di comprarlo senza averlo provato. Agli amanti delle novità, del bluff e dei deduttivi. A Marco 'S3em' invece non lo consiglierei, troppo complicato.

[Glokta] Come semplici giocatori al tavolo: a tutti. È un’esperienza da provare, perché, almeno io, non ho mai giocato a nulla del genere.
Come mente suprema: bisogna aver ben chiaro che non è un gioco che si improvvisa “che facciamo stasera?” “boh, proviamo tragedy looper”. La partita va ben preparata prima, anche per dare una buona esperienza ai giocatori al tavolo, oltre che per soddisfazione personale. E bisogna aver la capacità di far digerire tutto quanto a chi è seduto al tavolo. Credo non per tutti insomma.

[mechvigiak] Alla fine quasi più ad un gruppo di giocatori di giochi astratti che non german o american. Sicuramente ha il pregio della sfida mentale, ma il confronto nei primi scenari sembra piuttosto piatto.

[monty_ratarsed] Consigliabile a gruppi di giocatori affiatati, o anche a Ludoteche. Lo vedrei molto bene in una realtà simile.

[blackholexan] Volete un senso di sfida master vs giocatori? Volete uno scontro di bluff e intelletti? Vi piacciono le ambientazioni da manga / anime? Se questi ingredienti sono nelle vostre corde, il gioco è una scelta che vi potrebbe soddisfare.

[s83m] A chiunque sia provvisto di bile e/o deliri di onnipotenza.
Tragedy Looper: tavolo demo
in partita...

C'è un gioco che avresti visto bene negli otto del Magnifico e uno che avresti invece levato?

[Moonelf] Ultimamente seguo un po' meno del passato, e non mi vengono in mente giochi 'trascurati'. Non conosco minimamente diversi di quelli nominati, a partire dal vincitore, quindi non mi esprimo nemmeno su chi avrei voluto togliere.

[Eurek] Sono enormemente soddisfatto dalla selezione del Magnifico di quest'anno. Se dovessi togliere qualcosa, toglierei Great Western Trail. 

[Glokta] Non ho giocato altri contendenti, quindi non saprei cosa levare. Credo che Tragedy Looper, per la sua originalità, meriti però di essere lì.

[mechvigiak] Continuo a ritenere poco chiaro il target e l'obiettivo del Magnifico. Diciamo che se dovessi consigliare un gioco avrei pensato anche a generi diversi visto che mi sembra orientato ai gamers e forse un wargame manca. Great Western Trail a me non ha entusiasmato, ma è solo opinione personale e giusto perché devo sceglierne uno da togliere.

[monty_ratarsed] L'unico che non ho ancora provato è Terraforming Mars. Ma devo dire che la lista degli otto è davvero soddisfacente. Una Festa per Odino forse ? Ma l'ho giocato poco e niente per esprimermi al massimo.

[blackholexan] Non conosco Pax Renaissance e nonostante mi ritenga abbastanza aggiornato sulle uscite più deflagranti del mercato dei gdt, prima della nomination a candidato al Magnifico non l’avevo mai sentito. Detto questo se avessi potuto eliminarne uno sarei andato sull’unico a me del tutto sconosciuto*, ossia Pax. Con molta probabilità avrei inserito Lorenzo il Magnifico tra i migliori otto.
*Cry Havoc ho avuto occasione di provarlo proprio grazie all’area Magnifico allestita in occasione di Modena Play.

[s83m] Avrei tolto Scythe e messo North American Railways, amo Peer e come riesca con due semplici regole a creare giochi accattivanti, originali e dall’ottimo rapporto profondità/semplificità. Ma la lobby occulta rettiliana illuminata del Magnifico avrà di sicuro allungato i suoi tentacoli nel CDA della Stonemaier Games

Tragedy Looper: malvagio dimostratore
mo' ve concio come 'n'abbacchio...

Commenti

Un gioco non per tutti, ma che tutti dovrebbero provare almeno una volta!! 

Io me ne sono innamorato dopo una partita a Play , e ne ho fatte altre da master dopo, e ho sempre trovato gente (diversa) ma che si è sempre divertita al tavolo! 

 

[glow=red]Un Giorno Io Busserò Alla Tua Porta, e Tu Mi Aprirai !![/glow]

Disse il Postino

Ricorda, tu sei ad Una Spanna da me...
Ma Io, [glow=red]Sono Ad un Passo davanti a TE[/glow] !!!

un gioco per tutti... quelli che hanno voglia di cimentarsi in un rompicapo.

Bello!

un gioco che non conosco e che, fin dalla sua comparsa ad essen di un paio di anni fa (ad ottobre tre), mi incuriosice parecchio...ahimè però non sono riuscito ancora a provarlo (neanche alla Play di quest'anno - grrrrr)....

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare