Rank
290

Bootleggers

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7 su 10 - Basato su 78 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2004 • Num. giocatori: 3-6 • Durata: 120 minuti
Sotto-categorie:
Thematic Games
Famiglie:
Trucks

Recensioni su Bootleggers Indice ↑

Articoli che parlano di Bootleggers Indice ↑

Eventi riguardanti Bootleggers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Bootleggers Indice ↑

Video riguardanti Bootleggers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Bootleggers: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
4195
Voti su BGG:
3086
Posizione in classifica BGG:
1340
Media voti su BGG:
6,68
Media bayesiana voti su BGG:
6,30

Voti e commenti per Bootleggers

7

Gioco carino e divertente, ma solo se si entra nel'atmosfera dell'ambientazione. Il gioco e' molto basato sulla fortuna (parecchi tiri di dadi e certe molto importanti) quindi alla fine, per quanto i meccanismi siano simpatici, è difficile fare delle strategie.

7

... ci sono pochi uomini!

Madness
"...io sono un principe libero e ho altrettanta autorità di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare..."
Samuel Bellamy
(Pirata alle Antille nel XVIII secolo)

4

Orrendo. Tremendamente annoiante e tutto basato sul lancio di dadi, peraltro non mi piace nemmeno l'ambientazione.

"...vince chi fa più punti vittoria..."

8

Nessun commento

7

Giocato una volta sola, vorrei rigiocarlo per poter impostare qualche strategia. Merita

//esigarettaportal.it/sign/sign.php?n=rporrini&g=31&m=1&a=1981&d=30&c=0,75)
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.

6

Il gioco non mi ha particolarmente impressionato. Le meccaniche sono interssanti ma non particolarmente originali e l'ambientazione non mi ha colpito. Il materiale (mappa e pedine) e' certamente di alta qualita', ma non spettacolare. Nel complesso un gioco divertente ma nulla di piu'.

commento basato su una sola partita

7

Indubbiamente un bel gioco, dei componenti alla "Eagles" per intenderci. Purtroppo la partita che ho giocato mi ha un po' deluso, principalmente perchè ha vinto un giocatore che dall'inizio della partita alla fine ha preso il controllo del 3° spaccio (piccolino), non è mai stato scalzato via da quella posizione perchè le carte più bastarde, come se non bastasse, sono state prese tutte da quest'ultimo. Il resto dei giocatori (era una partita in 6) ha combattuto fino alla fine su tutti gli altri spacci, ma alla fine si sono ostacolati e basta senza raggiungere nulla di concreto. Ora la mia domanda è questa: si può vincere in un gioco come questo, arroccandosi in uno spaccio di terz'ordine (è proprio il caso di dirlo) ed andando avanti di fatto solo con quello?
Si tenga conto del fatto anche, che detto giocatore alla fine della partita ancora si domandava come sia potuto accadere questa vittoria così strana.
Ultimo appunto riguarda il problema di penuria di componenti: oltre al fatto che manchino i soldi, mancano delle carte di doppia influenza ed inoltre i dadi non sono mai abbastanza.
Non è ora per la Eagles di pianificare con cura i giochi che vende?
Per me sì.

8

Finalmente un gioco della Eagle che risulti giocabile, sia per un regolamento non bucato, sia per un tempo di gioco decisamente più contenuto del solito. Balza subito all'occhio la ricchezza della componentistica (fortunatamente non corrisposta da un prezzo altrettanto esagerato), ma già nel corso del primo turno si capisce che c'è anche parecchia sostanza.

Bootleggers è un sapiente mix di gioco con meccaniche alla tedesca, con notevoli influenze dei giochi di stampo classico americano (o inglese se preferite), che può quindi avvantaggiarsi di una buona solidità del sistema ed una consistente attinenza al tema trattato al tempo stesso. Risulta semplice da imparare anche se il turno di gioco è piuttosto articolato, e soprattutto diverte, cosa importante, senza eccedere con l'influenza del fattore fortuna che, comunque, è presente per via dei lanci di dado necessari per la produzione delle distillerie e la determinazione della domanda dei negozi. Ve detto a questo proposito, che tale componente fortuna è mitigato dalla possibilità di espandere sia le distillerie che i negozi nel corso del gioco, ottenendo più dadi o bonus ai risultati (rispettivamente), il che porta comunque ad aspetti e considerazioni più deterministici pur mantenendo un minimo di alea.

Il bilanciamento è più che buono, dal momento che le carte che determinano l'iniziativa sono distribuite ai giocatori con lo stesso assortimento di fasce di valori: se anche i numeri saranno diversi, si può essere sicuri che tutti abbiano lo stesso numero di carte "alte", "medie", "basse" e "scamuffe", rendendo quindi cruciale la loro scelta ed economizzazione turno dopo turno. Il meccanismo di influenza nei negozi, l'uso degli scagnozzi, le priorità nelle vendite, aggiungono componenti strategiche non indifferenti che pongono ai giocatori scelte difficili e non sempre ovvie, con un forte accento sull'interazione che può essere a tratti molto diretta e cattiva.

In sostanza, un ottimo gioco che consiglio caldamente a tutti. Non concordo sul fatto che sia definito "semplice" nella recensione, ma comunque non va oltre il livello medio di complessità. L'interazione diretta, i componenti e la grafica sono di ottimo livello, così come le meccaniche che risultano a mio parere solide e supportate da un regolamento che non lascia spazi a malintesi o situazioni ambigue.

THE GOBLIN JR v.2
Another (Real) Goblin Prince
If you don't like me, ask to my big brother...

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare