Rank
290

Bootleggers

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,00 su 10 - Basato su 79 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2004 • Num. giocatori: 3-6 • Durata: 120 minuti
Sotto-categorie:
Thematic Games

Recensioni su Bootleggers Indice ↑

Articoli che parlano di Bootleggers Indice ↑

  • Il parco giochi a tema The Wizarding World of Harry Potter (Orlando)
    Approfondimenti
    | 2 commenti
    Oggi parliamo dei giochi tematici, di cosa sono e di quali siano quelli più rappresentativi, immancabili e moderni per i giocatori, secondo il nostro punto di vista. E secondo voi, quali sono i giochi che meglio sviluppano un'ambientazione?
    Autore:
    Agzaroth

Eventi riguardanti Bootleggers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Bootleggers Indice ↑

Video riguardanti Bootleggers Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Bootleggers: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
4020
Voti su BGG:
2928
Posizione in classifica BGG:
1020
Media voti su BGG:
6,70
Media bayesiana voti su BGG:
6,39

Voti e commenti per Bootleggers

8

Finalmente un gioco della Eagle che risulti giocabile, sia per un regolamento non bucato, sia per un tempo di gioco decisamente più contenuto del solito. Balza subito all'occhio la ricchezza della componentistica (fortunatamente non corrisposta da un prezzo altrettanto esagerato), ma già nel corso del primo turno si capisce che c'è anche parecchia sostanza.

Bootleggers è un sapiente mix di gioco con meccaniche alla tedesca, con notevoli influenze dei giochi di stampo classico americano (o inglese se preferite), che può quindi avvantaggiarsi di una buona solidità del sistema ed una consistente attinenza al tema trattato al tempo stesso. Risulta semplice da imparare anche se il turno di gioco è piuttosto articolato, e soprattutto diverte, cosa importante, senza eccedere con l'influenza del fattore fortuna che, comunque, è presente per via dei lanci di dado necessari per la produzione delle distillerie e la determinazione della domanda dei negozi. Ve detto a questo proposito, che tale componente fortuna è mitigato dalla possibilità di espandere sia le distillerie che i negozi nel corso del gioco, ottenendo più dadi o bonus ai risultati (rispettivamente), il che porta comunque ad aspetti e considerazioni più deterministici pur mantenendo un minimo di alea.

Il bilanciamento è più che buono, dal momento che le carte che determinano l'iniziativa sono distribuite ai giocatori con lo stesso assortimento di fasce di valori: se anche i numeri saranno diversi, si può essere sicuri che tutti abbiano lo stesso numero di carte "alte", "medie", "basse" e "scamuffe", rendendo quindi cruciale la loro scelta ed economizzazione turno dopo turno. Il meccanismo di influenza nei negozi, l'uso degli scagnozzi, le priorità nelle vendite, aggiungono componenti strategiche non indifferenti che pongono ai giocatori scelte difficili e non sempre ovvie, con un forte accento sull'interazione che può essere a tratti molto diretta e cattiva.

In sostanza, un ottimo gioco che consiglio caldamente a tutti. Non concordo sul fatto che sia definito "semplice" nella recensione, ma comunque non va oltre il livello medio di complessità. L'interazione diretta, i componenti e la grafica sono di ottimo livello, così come le meccaniche che risultano a mio parere solide e supportate da un regolamento che non lascia spazi a malintesi o situazioni ambigue.

THE GOBLIN JR v.2
Another (Real) Goblin Prince
If you don't like me, ask to my big brother...

7

Bel gioco anche se il fattore fortuna mi sembra abbastanza forte. Inoltre alcune cose hanno un peso molto elevato (distilleria clandestina). Un bel gioco.
Giocato: molto
Grafica/Materiali: 4
Longevità: 3
Divertimento: 2
Originalità: 3
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

7

Indubbiamente un bel gioco, dei componenti alla "Eagles" per intenderci. Purtroppo la partita che ho giocato mi ha un po' deluso, principalmente perchè ha vinto un giocatore che dall'inizio della partita alla fine ha preso il controllo del 3° spaccio (piccolino), non è mai stato scalzato via da quella posizione perchè le carte più bastarde, come se non bastasse, sono state prese tutte da quest'ultimo. Il resto dei giocatori (era una partita in 6) ha combattuto fino alla fine su tutti gli altri spacci, ma alla fine si sono ostacolati e basta senza raggiungere nulla di concreto. Ora la mia domanda è questa: si può vincere in un gioco come questo, arroccandosi in uno spaccio di terz'ordine (è proprio il caso di dirlo) ed andando avanti di fatto solo con quello?
Si tenga conto del fatto anche, che detto giocatore alla fine della partita ancora si domandava come sia potuto accadere questa vittoria così strana.
Ultimo appunto riguarda il problema di penuria di componenti: oltre al fatto che manchino i soldi, mancano delle carte di doppia influenza ed inoltre i dadi non sono mai abbastanza.
Non è ora per la Eagles di pianificare con cura i giochi che vende?
Per me sì.

8

Il materiale sicuramente meriterebbe un bel 9, c'è un pò di tutto e il tutto fatto a regola d'arte (va beh a parte le "famose" 2 carte "Double Influence" mancanti! un pò di "art attack" e tutto si risolve anche perchè se ne può fare a meno, speriamo comunque che la Eagle provveda). Le miniature, i dadi, le banconote (finalmente fatte bene!), le tabelle delle varie distillerie, le carte e le casse di whiskey che entrano perfettamente nei 20 camion...niente da dire! La fortuna naturalmente ha un ruolo fondamentale essendoci i dadi e le famigerate "Thug Cards" a volte sono veramente molto potenti e possono sbilanciare le cose e soprattutto mettere in discussione le amicizie...del resto in un gioco sul contrabbando di alcolici al tempo del proibizionismo è il minimo che può succedere! Sconsigliato a chi non ama tirare i dadi ma vi assicuro che può diventare estremamente divertente.

6

Il gioco non mi ha particolarmente impressionato. Le meccaniche sono interssanti ma non particolarmente originali e l'ambientazione non mi ha colpito. Il materiale (mappa e pedine) e' certamente di alta qualita', ma non spettacolare. Nel complesso un gioco divertente ma nulla di piu'.

commento basato su una sola partita

5

Nessun commento

7

Giocato una volta sola, vorrei rigiocarlo per poter impostare qualche strategia. Merita

//esigarettaportal.it/sign/sign.php?n=rporrini&g=31&m=1&a=1981&d=30&c=0,75)
Calcolo fatto sul prezzo di 1500 lire a pacchetto.

8

Nessun commento

4

Orrendo. Tremendamente annoiante e tutto basato sul lancio di dadi, peraltro non mi piace nemmeno l'ambientazione.

"...vince chi fa più punti vittoria..."

7

Finalmente un regolamento che funziona dalla Eagle Games che si è sempre distinta per la qualità dei materiali abbinata a regolamenti poco testati e/o eccessivamente lunghi.
Il gioco scorre veloce senza troppe pause e il tema scelto facilita ricatti espliciti fra giocatori per rendere le carte pericolose per gli altri anche, se ben gestite, vantaggiose per chi le usa (al contrario di altri giochi dove fare del male agli altri non porta bene a chi lo fa).
Ho dei dubbi sulla validità meccanismo della rendita degli spacci: mi è parso difficile arrivare alla maggioranza assoluta in uno spaccio che non sia il più piccolo...
Verificherò e, nel caso, cambierò voto e commento. Per ora ho volgia di rigiocarlo.

- Commento basato su una sola partita. -

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

7

... ci sono pochi uomini!

Madness
"...io sono un principe libero e ho altrettanta autorità di fare guerra al mondo intero quanto colui che ha cento navi in mare..."
Samuel Bellamy
(Pirata alle Antille nel XVIII secolo)

7

La componentistica è molto buona, secondo gli standard Eagle Games.
Il meccanismo di scelta delle carte azione ad inizio turno è qualcosa che mi piace sempre.
Forse risulta un pò statico, se non escono le carte giuste all'inizio è impossibile cambiare i proprietari dei bar.
Se giocato con lo spirito giusto è estremamente divertente.

The Eagle Goblin

7

Gioco carino e divertente, ma solo se si entra nel'atmosfera dell'ambientazione. Il gioco e' molto basato sulla fortuna (parecchi tiri di dadi e certe molto importanti) quindi alla fine, per quanto i meccanismi siano simpatici, è difficile fare delle strategie.

7

Nessun commento

Il pessiminsta è colui che trova sempre delle difficolta nelle opportunità.L'ottimista è colui che trova sempre delle opportunità nelle difficoltà.

6

Gioco simpatico, ma che non mi ha impressionato molto. Abbastanza bella la componentistica, anche se le merci cadono sempre dai camion. Il tema è abbastanza attinente al gioco. Non mi è piaciuto molto perché troppo "cattivo", le carte saranno sicuramente motivo di battibecchi tra i giocatori. Inoltre se si inizia male e non si ha la maggioranza in nessun bar, è molto difficile recuperare.

l'importante è vincere!

Partite recenti:

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=renard&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

5

Gioco noioso perchè basato molto sul lancio dei dadi e di conseguenza sulla fortuna. Poi, per quel poco di strategia, se si inizia male è molto difficile recuperare. L'unica cosa di buono è la componentistica.

- Commento basato su una sola partita -

10

molto divertente.
certo poi si rischai di perdere delle amicizia ;o)
la contrattazione è tutto, le carognate imperversano.
spettacolare.
il regolamento è semplicissimo.

REFERENTE TdG ROMA

Collericamente Vostro The (Real) Un-Goblin!! "Fear God, and dread nought"
http://www.legiocapitolina.it
LUDOTECA LEGIO CAPITOLINA A ROMA info 3488879558

7

Gioco divertente anche se la fortuna pesa, ma non lo nasconde. L'iniziale asta cieca può creare qualche impiccio, ma non manca di avere strategia (in realtà più intuizione). Da giocare in 4 o più perché in 3 perde moltissimo. Tra bastardate e colpi di fortuna/sfortuna c'è sempre un buon motivo per farsi qualche risata. Ottimi i materiali, e non troppo lungo.
Voto 7,5

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

8

Nessun commento

7

Belle le componenti,carino il gioco,ma troppo aleatorio e privo di strategie.Molto bello il fattore bastardate che vivacizza le pertite,sono il punto di forza del gioco.

Se scopri di stare scivolando nella follia, tuffati.
(proverbio Malkavian)

6

Se vuoi fare il bastardo con i tuoi amici, questo è il gioco adatto. Perfetto per cattiverie e ricatti, fattore che fa sentire parecchio l'ambientazione, così come i materiali molto belli. Meglio giocato in tanti, in 3 non ha quasi senso, mentre in 6 da il meglio. Dopo qualche partita annoia.

..perchè il sogno più vero è quello più distante dalla realtà,
quello che vola via senza bisogno di vele, nè di vento..
Hugo Pratt

www.ancestrale.it

7

Gioco potenzialmente molto divertente, impreziosito da ottimi materiali, e con un'interazione tra giocatori ai massimi livelli.

Purtroppo pero' risente anche di alcuni difetti non trascurabili:
1- problema delle carte Double Influence mancanti (sebbene facilmente risolvibile con un pennarello, questo problema incide sulla valutazione finale).
2- quantita' di banconote decisamente limitata (in una partita a sei giocatori, le banconote sono terminate del tutto, costringendoci ad auto-tassarci tutti per ripristinarne un certo quantitativo in banca)
3- durata un po' troppo elevata per un gioco del genere.

L'elemento fortuna, considerando il tipo di gioco, non lo reputo necessariamente un difetto ma, anzi, un piacevole elemento di imprevedibilita'.

6

Gioco potenzialmente divertente per la grande possibilità d'interazione che offre ai giocatori ma estremamente lungo, fino a diventare noioso.
E' decisamente ben poco strategico perchè totalmente in balia della sorte (carte e dadi). Siccome nelle contrattazioni e nelle minacce tra giocatori riuslta piacevole, se la sua durata fosse contenuta in 30-40 minuti sarebbe sicuramente un discreto filler.

Mancano le carte double influence e si è dovuti ricorrere a tassazioni collettive per ovviare anche l'insufficienza dei soldi. Il primo errore di stampa è grave, il secondo errore è molto seccante.

Voto vero 6,5 ma solo se, ripeto, fosse ridotto nella sua durata davvero eccessiva

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

8

Nessun commento

7

prima:gioco molto bello e per quello che mi è sembrato anche ben bilanciato.
ora:gioco carino ma che non mi va di rigiocare dopo averci fatto due o tre partite

7

Veramente un bel gioco!
Componentisticha eccezzionale, ambientazione ben fatta e divertente (impagabili le miniature dei gangster con la custodia del violino ai piedi e il mitra in mano).
Il gioco funziona bene, è strategico, permette rimonte e svariate possibilità di vittoria.
Non gli do nove a causa dell'eccessivo peso della fortuna nel lancio dei dadi e nelle carte asta distribuite all'inizio.
Ottimo anche il fatto di poterlo giocare in sei. Divertentissimo se giocato con la compagnia giusta (minacce da veri gangster e bastardate all'ordine del giorno).

Dopo qualche altra partita abbasso a sette il gioco perché alla fine qualsiasi strategia si applice la fortuna decide in modo preponderante. Un lancio di dadi sbagliato compromette in modo irrimediabile una partita ben fatta e sempre al comando. Alcune carte poi sono assolutamente devastanti e i giocatori hanno la possibilità di decidere chi vince accanendosi in modo arbitrario sugli altri.

7

Un gioco divertente con componentistica ottima, l'ambientazione è ricreata molto bene.Game play originale e godibile. Unico neo la lunghezza delle partite troppo esagerata che puo'compromettere il diverimento nella sua globalità.

6

Solito gioco della Eagle in cui conta più l'impatto iniziale del gioco. Le meccaniche non sono perfette e il gioco da l'impressione di sbilanciarsi facilmente. le carte sono sgravone, basta comprare quella giusta che in un turno si fanno 50000 dollari ovvero la metà di quello che serve per vincere il gioco.
Componenti belle e non molto funzionali: perchè il poliziotto ha lo stesso colore di uno dei giocatori? non si poteva fare, che so, bianco? i furgoncini pure si confondono e i numeri sopra non si leggono.
La plancia di gioco non mi gusta.

8

Ecco un bel gioco della ormai defunta Eagle Games...materiali sempre eccellenti (come era nel suo standard), regole e meccaniche piuttosto semplici rendono questo gioco decisamente accattivante.
Troppo sbilanciato a favore della fortuna (è praticamente un gioco di dadi), costruire una propria strategia è possibile solo se gli altri giocatori non ostacolano o giocano male.
A condire il tutto ci sono le carte azione che mettono un pò di pepe al gioco.
A livello di interazione con gli altri giocatori si passa dagli accordi alle bastardate più infami, rendendo questo gioco davvero divertente.
Se lo trovate a buon prezzo prendetelo perchè vi farà passare ore piacevoli.
Consiglio: come tutte le carte della Eagles, imbustatele perchè si sciolgono al solo sguardo.

7

Gioco molto divertente dominato al 50% dalla sorte ai dadi. Interessanti meccaniche di posizionamento e aste sull'acquisizione di azioni speciali.

The angel that deserves to die

6

Parere basato sulla prima partita (e dubito ce ne sarà una seconda, non per difetto dal gioco ma per gusto personale dell'ambientazione): trovo la meccanica del turno un po' ripetitiva, e quindi il gioco nel suo complesso - benché si avvantaggi di un'ottima grafica e di componenti di altissimo livello - un po' noioso...

Mi si assicura che, giocato in maniera diversa, assume uno spessore di contrattazione e minaccia non indifferente, ma l'impressione è quella del "molto rumore per nulla"

8

Che gioco!
Interazione ai massimi livelli! Incertezza! Colpi bassi! Calcoli, diplomazia, bluff!! Materiali da urlo!

Materiali: 2
Longevità: 1
Regolamento: 2
Originalità: 1
Divertimento: 2

6

Le meccaniche del gioco sono piuttosto carine (asta/iniziativa, controllo, carta evento) ma non sono perfette e il gioco si sbilancia facilmente, per colpa di un tiro di dadi sfigato o per una carta evento presa al momento giusto. le carte sono sgravone, basta comprare quella giusta che in un turno si fanno 50000 dollari ovvero la metà di quello che serve per vincere il gioco, o puoi riuscire a far saltare "gambe all'aria" un giocatore avversario.
Componenstistica non male, non perfetta ma su uno standard piuttosto alto...

In conclusione lo trovo uno strano mix frà un gioco molto "strategico/riflessivo" in cui bisogna pensare bene a quali mosse fare, dove andare e cosa fare, ma una ottima strategia può essere nullificata da un paio di mani di dadi partciolarmente sfigate...

gli dò solo 6, il fattore aleatorio è troppo pesante in un gioco del genere...

7

Devo ancora provarlo bene, ma so che di sicuro questo è uno dei giochi più cattivi mai creati
Poi la componentistica è davvero bella!

Until swords part... Athafil Oakleaf - Principe degli elfi Ambasciatore Elfico "Potrei sapere come si fa ad uscire di qui?" "Dipende in gran parte da dove tu vuoi andare"  FFFF ha ragione...

8

Ottimo gioco!
La componentistica merita (bellissimi i gangster con thomson in mano e custodia del violino ai piedi!!!)
Giocato con le persone giuste è divertentissimo!
Si procede attraverso minacce, ritorsioni e bastardate varie per raggiungere la vittoria!!!
La durata non è eccessiva e non risulta difficile da spiegare!
Cosa non da poco è il fatto che si possa giocare in 6 (e devo dire che gira molto bene).
Da provare

7

divertente e "cattivo" al punto giusto, rischia però di essere troppo dipendente dalla predisposizione o meno dei giocatori a compiere "bastardate", cosa assolutamente indispensabile per la valorizzare il gioco!

6

Gioco ambientato nel periodo del proibizionismo, certo non caratterizzato dall’equilibrio, ma dai colpi di scena. Belli e funzionali i furgoncini, per trasportare le casse di whiskey .

Il Mago

9

Nessun commento

Tutto cominciò per colpa di Lord Fiddelbottom... chi l'avrebbe mai detto!
Poi la seduzione di Madame Zsa Zsa ed il rapporto con Colonel Bubble...hanno fatto il resto!

7

Nessun commento

8

7,5, arrotondato a 8.
Finalmente provo qualcosa marchiato Eagle Games che non mi faccia pentire di aver gettato soldi al vento. Carine le meccaniche che interagiscono pienamente con l'ambientazione, anche se troppo spesso un colpo di fortuna al momento giusto può inesorabilmente proiettare un giocatore verso la vittoria o il declino, nonostante i 12 turni di gioco (un po' troppi a mio avviso).
Ottima la componentistica, anche se il problema della scarsità delle banconote è davvero snervante... sembra quasi che non abbiano mai testato il gioco prima di immetterlo sul mercato.
In sostanza, un buon gioco di cui consiglio l'acquisto.

L'esperienza è l'insegnante più difficile: prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione!

7

Un gioco fortemente ambientato, la componentistica è ottima e le regole complesse nella giusta misura.
Se giocato con loschi figuri che non sanno dove sia la loro coscienza può essere estremamente cattivo e divertente.

Winter is coming.

5

Totalmente guidato dal caso, si tirano tanti dadi che qualunque aspetto strategico viene vanificato.
Sarebbe stato carino, se non fosse che dura quanto un gioco serio.

A lot of games become boring or simplistic once you’ve mostly "solved" them - a game that opens itself up to more strategy with repeated play is a rare treasure.

4

La componente di fortuna ci può stare, ma in questo gioco sempra stata completamente tralasciata nella fase di testing.
Un accurata pianificazione delle vendite è completamente vafinificata da un tiro basso di dadi.
Le carte sono squilibratissime.
Durà quanto un gioco serio ma non lo è.

Non si discosta troppo da Monopoli a mio avviso

Draskar - Vice Capitano Dei Grand Openings

7

Nessun commento

La supposizione è la madre di tutte le ca**ate!

6

Difficile valutare questo gioco: è divertente, non c'è dubbio, ma già al 9° turno della prima partita l'abbiamo sentito un pò 'pesantino'.
L'ambientazione è resa molto bene per alcuni aspetti, ma un pochino meno per altri.
Le Carte Evento sono squilibrate e -assieme ai dadi- rappresentano una componente di alea che è difficile non sentire!
Infine: le contrattazioni 'selvagge', senza limiti, senza alcun rispetto per i patti (anche manifesti) rende il tutto un pò instabile.
Per me è un 6.5, ribassato a 6 perchè -nonostante stessi vincendo- verso la fine ho atteso con noia la conclusione della partita.

8

secondo me è il classico prodotto che va giocato con le persone e lo spirito giusto. In tal senso è perfetto per una scanzonata serata con amici di vecchia data. Ottimi i materiali e l'ambientazione, certo il gioco è guidato parecchio dalla sorte e una strtegia di lungo periodo è vanificata in un attimo ma l'interazione e le carognate lo rendono dannatamente divertente!!! Per i tedescofili integralisti c'è ben altro a cui attingere... ;)

8

Nessun commento

9

La componentistica eccelsa,come da tradizione della cara vecchia Eagle Games ed un regolamento ben congeniato fanno di Bootleggers un gioco ben fatto,di semplice apprendimento,che scorre via liscio con meccaniche azzeccate e permeando quella atmosfera 'noir' tipica dei film sul proibizionismo.Il fattore fortuna non è trascurabile,benchè a me non abbia assolutamente infastidito,anzi,e la formula dadi-carte lo rende americanissimo.Il gioco risulta sufficiente in 3,buono in 4,ottimo in 5 o 6.A me è piaciuto...

N.ro di partite : Abbastanza (meno di 10).

Non vergognarti di dimostrare la tua ignoranza,ma vergognati di insistere in una sciocca discussione che la rivela. Jocelyn Eliz

9

Gioco molto divertente e simpatico e sopratutto molto particolare, a volte le carte eevnto sono troppo potenti ma a me a a tutti i miei amici è piaciuto. Consiglio comprate unset in più di banconote perchè in tanti c'è il rischio che finiscono subito oppure scaricate nella sezione apposta del gioco su questo sito la banconota da 50.000$ cosi potete farne delel copie e incrementare il gioco.

---THE SUPER GUARD, TO YOUR SERVICE--- ---DELLA MIA COLLEZIONE DI GIOCHI NON VENDO NULLA---

9

Dopo anni di partite mi sento tranquillamente di poter assegnare un meritato 9 a questo titolone delle Eagle Games. Sicuramente molti storceranno il naso di fronte a quanto sto per dire, ma per quello che mi riguarda è uno dei migliori mix di meccaniche tedesche e americane che abbia mai visto!
Nel gioco c'è tutto: componentistica di lusso, ambientazione calcata, asta, posizionamento, bluff, compravendita e, soprattutto, minacce feroci!!

Non mi dilungo sulla meccanica del gioco in sè, leggete la recensione o gli altri commenti, quello che voglio sottolineare è che tutte le "signorine" che si sono lamentate qui in precedenza della cattiveria del gioco evidentemente non hanno mai giocato a Junta o hanno sbagliato tavolo: il gioco è CATTIVISSIMO!! E' fatto per essere così, è obbligatorio essere bastardi, fetenti, non mantenere la parola e minacciare gli altri se volete vincere. Se non ve la sentite allora cambiate perché non fa per voi!

L'unico difetto non è la fortuna, è giusto che ci sia, ma la scarsa quantità di soldi: giocando seriamente, cioé senza la sciocca regola opzionale dei 100.000, vi accorgerete che al 7/8 turno finiscono i soldi in banca. Fortunatamente per sopperire potete munirvi dei "goblons" o delle bancononte apposite da 50.000 ad opera di Elgamoth che trovate qui sulla Tana!

L'importante non è vincere: è far perdere gli altri!

4

Tremendo. E' davvero dura trovare qualcosa di buono in questo gioco.
Ha più o meno la stessa profondità del Gioco dell'oca (strategicamente è insulso), dura un esagera_
zione, è pesantemente influenzato dal fattore fortuna e dal caso ed è incredibilmente noioso e mono_
tono.
Anche il regolamento è mal fatto e onestamente dopo aver giocato Age of Mithology e questo ancor
più brutto Bootleggers comprendo il fallimento della Eagle Games, buona soltanto a curare l'aspetto
estetico dei suoi (fortunatamente pochi) titoli.

7

Bastardissimo gioco di alta interazione!
Diviene molto divertentente se giocato in tanti anche se così mancano veramente i soldi per tutti i giocatori!
Ottima l'ambientazione e la quantità di carognate presenti!

5

Mah... "americanata" lunga e piuttosto dadosa; unico pregio: si gioca in 6

Voto 5,5

Uso dell'apostrofo: po', un altro, un'altra, qual è. Uso dell'accento sui monosillabi, solo in caso sia distintivo: su "so", "qui" e "fa", l'accento non va.

6

Nessun commento

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verita' e' un atto rivoluzionario...
George Orwell

7

Nessun commento

8

Trovo che molti commenti fatti a questo gioco siano troppo ingenerosi.
E' vero, per la sua natura potrebbe anche non piacere e non voglio discutere questo, ci mancherebbe!
Ma mi chiedo: perchè molti (troppi?) fanno riferimento "ad un tiro di dado sfortunato"? Come se potesse capitare solo a loro...
I dadi, come la vita riservano belle e brutte sorprese... ma la vita bisogna viversela, e questo gioco andrebbe "vissuto" così com'è, senza troppe paranoie sulle strategie e le meritocrazie.
In molti dicono che alla fine è divertente... quasi come se questo fosse un difetto! Se ti diverte il GIOCO, per sua natura, ha fatto centro! no?!
Lasciamo ai capolavori tedeschi la piena eleganza delle meccaniche, con tutto quel che ne comporta in termini di tattiche, cervelloticismi ecc, e godiamoci questo "ignorante" americano così com'è, aderente all'ambientazione, bello da vedere, selvaggio, caciarone... coi suoi pregi, secondo me tanti, ed i suoi difetti, secondo me pochi.

Longevità 1
Regolamento 2
Divertimento 2
Materiali 2
Originalità 1.5
Bonus 0,5

EDIT: dopo molto tempo tolgo il "bonus" ed arrotondo per difetto. Senz'altro un titolo molto valido, ma sono un po' più "composto" nella valutazione...

8

Tanti pezzi ben fatti e un gioco di strategia e finta collaborazione che sa render bene la storia proposta

A volte si aprono nuove porte e portoni solo tirando un dado e giocando due carte...

6

Nessun commento

7

Nessun commento

..no bimba, ha detto : " ..è tutto un paradosso"

7

Voto provvisorio, perchè ho fatto una sola partita e mi è rimasta voglia di giocarci. Gioco simpatico e caciarone, che porta ad immedesimarsi e sentirsi gangster nel periodo del proibizionismo. Possibilità di bastardate a volontà. Credo non possa piacere a chi ama i giochi alla tedesca.

Recently played:
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=kikki&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

7

Nessun commento

7

Nessun commento

7

Voto influenzato dalla forte presenza del fattore K. Per il resto, la meccanica è piacevole e interessante.
Una partita è da fare per forza!

"Quelli come te, quando ero alle superiori, mi andavano a prendere il panino giù alle macchinette, non scordarlo caro"...

6

Nessun commento

8

Bello e graficamente accattivante ed appagante, mi è piaciuto.

8

Leggero e divertente se giocato con le persone giuste. Dipende parecchio dalla fortuna, vedi dadi produzione e Carte "Men of Action". Sono queste ultime però che determinano il livello di interazione tra i giocatori e quindi il maggiore o minore divertimento. Giocando in 5/6 girano più carte e le azioni di disturbo, ovvero le "bastardate", sono più probabili ed il divertimento ne guadagna parecchio!
Dimenticavo, il regolamento secondo me è stato scritto proprio male: da l'impressione di un gioco piuttosto articolato mentre invece è molto semplice.

10

Nessun commento

Emanuele
Playbazar.it

9

Gioco splendido e sottovalutato!
Il metagioco che riesce ad evocare vale da solo l'acquisto e, indipendentemente da questo, le meccaniche sono comunque fluide e coinvolgenti!
Altissimo il livello di interettività!

6

Grandi materiali ...andrebbe preso solo per i furgoncini ma come gioco scarseggia...non mi ha fatto una grande impressione...

da riprovare

8

Il mio primo GdT: mai regalo è stato più gradito :)

Di grande impatto, dalla portata scenica non indifferente (i camioncini, le casse di birra in legno e i gangster con tanto di thompson sono una goduria per gli occhi) è un gioco che si lascia benvolere per l'immediata comprensione delle regole e le meccaniche fluide ma non per questo noiose. A valle di un'ambientazione ottimamente resa e di un plot comunque semplice troviamo un'interazione altissima ("quasi quanto" il numero di dadi!), divertimento dato dalle bastardate a pioggia e un pizzico di strategia che nella confusione generale potrebbe farla da padrone. A mio parere è un gioco divertentissimo, visivamente spettacolare, originale il giusto e da provare almeno una volta. Difetti? Certo: una durata forse eccessiva ed una certa ripetitività a lungo andare!

Vendo: Assault on Doomrock + espansione - Posthuman KS - Die Handler - Axis & Allies Revised - Speed Circuit - Machi Koro + espansione - Samara KS - Matterhorn - Redacted +
espansioni
- Iberian Rails KS pledge
Compro: Twilight Imperium 3 - Dune

6

Nessun commento

Vendo con RIBASSI, The Foreign King Kickstarter 15€, American Rails 15€, Britannia FFG 50€, Loony Quest ENG 15€, Il tesoro della giungla 10€

6

Nessun commento

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare