Recensioni su ChurchillIndice ↑

Articoli che parlano di ChurchillIndice ↑

Eventi riguardanti ChurchillIndice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Churchill: Scarica documenti, manuali e fileIndice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare ChurchillIndice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Churchill in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Churchill Offro gioco singolo €70.00 No Consegna a mano, Spedizione €8.00 SilverXXX 16/03/2017

Video riguardanti ChurchillIndice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotograficheIndice ↑

Churchill: voti, classifiche e statisticheIndice ↑

Persone con il gioco su BGG:
2109
Voti su BGG:
1190
Posizione in classifica BGG:
525
Media voti su BGG:
7,77
Media bayesiana voti su BGG:
6,77

Voti e commenti per Churchill

Sarebbe interessante conoscere la competenza del recensore verso i giochi della GMT quando argomenta che "sono di solito molto buoni... quando si ricordano di montare le mappe". Per la cronaca, per chi conosce davvero i wargames, è evidente che i GMT sono perlopiù sempre di ottima fattura: la mappa montata ha pro e contro e non è certo per "dimenticanza" che quasi sempre NON si usa. Questo è quel che capita a voler parlare di wargames venendo dagli euro, purtroppo.

Ma per fortuna questo non è assolutamente un wargame, nonostante i trascorsi di Herman; è invece, dopo aver creato capisaldi come i CDG (We the People) e la serie GBoH (Alexander, SPQR), un nuovo sistema storico-geopolitico molto più vicino a Twilight Struggle ed al sistema SoS della VPG che ad Unconditional Surrender, per capirsi.
La parte geniale è che l'asimmetria è totale: Stalin conduce una partita molto diversa dall'asse inglese-americano, ed a loro volta tutti e tre i big devono perseguire interessi personali a breve e lungo termine. L'aspetto storico è ottimamente curato e, come nei migliori consim, è necessaria una certa cultura pregressa per godersi le sottigliezze e la narrativa (che è presente e, insieme all'aspetto concreto del dibattito tra i giocatori, ne rappresenta la parte migliore). Nessun problema con il manuale per chi è abituato ai wargames ed allo stile dell'Autore.

Sicuramente avete visto arrivare un "Ma..." a questo punto, e purtroppo la congiunzione avversativa qui è grossa come una casa. Primo, per un meccanismo così astratto, Churchill è davvero troppo lungo. Ben vengano le 6 ore di Empire of the Sun cercando di strapparsi il dominio del Pacifico a vicenda, ma per un gioco che è sostanzialmente combo di carte e singoli DR su monotracks è un po' troppo (quelli della VPG hanno almeno il pregio di scorrere entro 60'!)
Due, il meccanismo finale di scoring è abbastanza "stretto" e chiude gran parte delle (altrimenti presenti) molte possibilità di score; il tiro di dado dopo 8 ore di gioco è, francamente, agghiacciante; e l'intero sistema è talmente "gamey" da poter arrivare ad infischiarsene della guerra e vincere ugualmente il gioco.
Tre, non è un gioco scalabile: in solitario il bot è decisamente penoso, in due l'intero gioco è meno interessante di altre proposte (tipo TS) e sono necessari tutti e 3 i giocatori per rendere al meglio, specie considerando una (necessaria) strategia a lungo termine che il bot non ha. Siamo insomma lontani anni-luce dalla solidità dei COIN, soprattutto considerando l'eccellenza assoluta dell'ultimo Fire in the Lake.
Quattro, conseguenza del tre, il tenere costantemente sotto controllo gli altri giocatori significa che con giocatori portati ad analisi paralisi questo gioco è la morte in una scatola.
Cinque, qualcuno insiste a dire che il gioco è broken - no, non lo è. Procedurale, si. Con tagli storici (convogli nell'Artico? Hello?), si. E' richiesta competenza per giocarci (e nonostante tutto non è facile, ma comunque interessante, acquisirla), si. Ma broken proprio no. Certo, dato che a differenza di altri giochi questo viene veramente giocato (combo GMT+Herman non delude mai), è probabile che nel futuro serviranno delle "messe a punto", ma davvero questo è l'ultimo dei problemi qui.

In definitiva, personalmente apprezzo moltissimo Herman ed ovviamente - per chi ci capisce qualcosa di wargames - è una leggenda. Ma questa volta non ci siamo. Il sistema riproduce abbastanza bene la tensione tra gli Alleati, ha mille potenzialità da esplorare, è affascinante dal punto di vista storico (chi avrebbe mai scommesso su un gioco che parla di Potsdam e Yalta?!), ma non giustifica nè la durata, nè la ripetitività, nè il prezzo (Empire of the Sun, versione 3.0, costa 20 euro in meno... For the People edizione 2015 ne costa 30 in meno...) per me.

Giudizio personale: sufficiente. Aspetto con interesse il sistema applicato a Pericle e la guerra del Peloponneso, ma "passo" graziosamente su questo primo interessantissimo (ma ahimè non abbastanza) esperimento.

"Do not infer or imagine more to a rule than is stated in it. When in doubt, interpret strictly."
Alan Emrich

Ritratto di Agzaroth
Voto gioco:
7,5

ottimo e particolare gioco card driven a metà tra un wargame e un gioco diplomatico.  Per un commento più esteso e completo vedi la mia recensione.

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare