Rank
193

La Città

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,40 su 10 - Basato su 177 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2000 • Num. giocatori: 2-5 • Durata: 120 minuti
Autori:
Gerd Fenchel
Sotto-categorie:
Strategy Games
Famiglie:
Country: Italy

Recensioni su La Città Indice ↑

Articoli che parlano di La Città Indice ↑

  • Goccia d'acqua
    Approfondimenti
    | 2 commenti
    Ambientazione e Meccaniche #2 di 3: come si può rendere i giocatori partecipi dell'esperienza che un gioco vorrebbe far loro provare? Semplice: scegli un tema adeguato, integralo con le meccaniche, bilancialo con il gameplay.
    Autore:
    Agzaroth

Eventi riguardanti La Città Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download La Città: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare La Città Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo La Città in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
vendo occasionissima Offro lotto di giochi indivisibile €50.00 No Spedizione €10.00 aringarosa 19/05/2017
Gioco di società "La Città" Offro gioco singolo €20.00 No Consegna a mano, Spedizione €9.00 Irene 24/04/2017
La Città Offro gioco singolo €13.00 No Consegna a mano bluedolphin 20/04/2017

Cercasi gioco: annunci con gioco disponibile per scambio o acquisto

Questo elenco contiene tutti gli annunci di utenti che cercano il gioco da tavolo La Città sia per acquistarlo che per scambiarlo con altri giochi.

Annuncio Tipo Consegna Utente Data
Cerco gdt Cerco Consegna a mano, Spedizione urusgob 26/02/2017

Video riguardanti La Città Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

La Città: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
5815
Voti su BGG:
4637
Posizione in classifica BGG:
483
Media voti su BGG:
7,10
Media bayesiana voti su BGG:
6,82

Voti e commenti per La Città

8

Benché molti siano usi definirlo il "Sim City" da tavolo, non vi è nulla di più falso.
Il gioco è molto interessante e consente un altissimo livello di interazione tra i giocatori. Particolarmente adatto per i "bastardi".
Giocato: abbastanza
Grafica/Materiali: 3
Longevità: 3
Divertimento: 4
Originalità: 5
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

8

Bellissimo gioco sul Rinascimento. I difetti di questo gioco tuttavia consistono nella durata eccessiva (se giocato in 4 o 5), e nel fatto che talvolta un giocatore può perdere le speranze di vincere già a metà partita..

8

Bel gioco, anche se un po' lungo. Ma perchè non hanno inserito un contapersone? Si passa un sacco di tempo a contarle per vedere se si ha abbastanza grano per sfamare tutti...

l'importante è vincere!

Partite recenti:

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=renard&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

8

Un titolo che sembra ispirato a qualche gioco gestionale per PC. Gioco di una certa complessità e che richiede un certo impegno per le moltissime implicazioni a cui portano le decisioni dei giocatori. Personalmente lo trovo molto valido anche in due o tre giocatori, non fosse altro perché in cinque si possono facilmente superare le 2.5-3 ore di gioco. Forse un po’ troppo per i miei gusti attuali.

8

Comprato di recente...
La prima partita è stata un incubo, forse perchè eravamo in 5!
ma già dalla seconda (in 4) sono emersi tatticismi e strategie degni di nota.
Consigliato a giocatori veterani, anche perchè la durata media di una partita supera abbondantemente le 2 ore (sempre in 4 giocatori).
I materiali sono di ottima fattura, ma 40€ sembrano comunque eccessivi...

7

Non male. Fondamentali e determinanti (o compromettenti) le scelte iniziali.

Dubitare di tutto o credere a tutto, sono due soluzioni ugualmente comode che ci dispensano entrambe dal riflettere. (H. Poincaré)

6

Un gioco discreto, che alla lunga però diventa noioso. Infatti trovo che la strategia da applicare sia sempre simile (espandere la città per limitare le espansioni delle città avverse ed avere sbocchi decenti nella propria) e più mirata al percorso da far compiere alle costruzioni che alle costruzioni vere e proprie.

Nel complesso ci sono giochi molto più appaganti.

9

Veramente molto bello, divertente e rapido in 2 anche se prima del terzo quarto anno le città difficilmente entreranno in contatto, ottimo in 4-5 giocatori, grafica buona e buoni i componenti.

9

Tipica situazione in cui il voto da uno a dieci senza decimali mi risulta limitante. Innanzitutto "La Città" è un bel gioco. Anzi, è proprio un gioco grandioso. Divertente, vario, strategico, quasi del tutto senza fortuna... Ha però dei difetti. E' un gioco creato da mille altre idee bene amalgamate e dopo aver capito qual'è la strategia più proficua (nei primi turni, quelli in cui non si è ancora a diretto contatto con le città avversarie) si finisce ad usare più o meno sempre quella. Ad ogni modo amo le mappe modulari, amo i gestionali sul pc, mi piacciono i materiali e il manuale/regolamento è ben fatto. 9 è tanto. Ho dato 9 a Roborally cavolo. Però 8 è poco. Senza 8 e mezzo propendo per il nove.

Today is the greatest day i've never known.
Can't live for tomorrow, tomorrow is much too long...

9

Ci ho giocato poche volte per ora, ma l'ho trovato molto coinvolgente, Anche se è abbastanza lungo, l'ho trovato molto scorrevole! Unica pecca troppo lungo da preparare e ritirare.

8

Realizzato con cura sia nella grafica (a parte i colori scelti!) che nelle meccaniche di gioco. Un bel gioco di sviluppo, che forse meriterebbe un voto migliore di quello che gli ho dato, ma credo di essere influenzato dalle mie abitudini "battagliere", per cui, nonostante l'interazione fra i giocatori sia di buon livello sia nelle scelte nel turno di gioco sia sul tabellone, mi sembra sempre che manchi di un po' di sana cattiveria.

9

Davvero un gran bel gioco...buoni i materiali, belle le miniature che non sono tutte uguali tra loro (scelta molto carina nonchè curata), si decisamente ogni partita dura mediamente più di 2 ore, ma ne vale davvero la pena...moltro strategico, finalmente un bel gioco che è fatto tutto di ragionamento, senza dover tirare il tanto agognato dado...è vero, ci sono le carte da giocare, ma la scelta tra carte azione e carte politica diminuisce di parecchio l'eventualità di un giro di carte sfortunato...e poi se non giochi le carte politica "sfortunate" poi se le ritrovano gli avversari :)
Il tabellone che cambia ad ogni partita è una scelta azzeccatissima, la longevità di questo gioco diventa davvero alta...il prezzo è un pò altino (ancora oggi la Tilsit lo vende a 39,90), ma se siete fortunati lo trovate a meno (io l'ho preso su ebay a 10 euro con le carte e le miniature ancora imballate!!!!) :) :)
Consigliatissimo!

8

La Città è un "Giocone".

E' un "giocone" prima di tutto perché è uno di quei giochi che riempie una serata. Una partita, soprattutto se giocata con molti giocatori, dura molto e forse troppo (per lo standard di un german game).

Ma è un giocone anche per lo spessore e la profondità delle meccaniche di gioco. La fortuna ha un peso molto limitato, le strategie da adottare sono molteplici e diversificate, richiede molto impegno e ragionamento.

I lati negativi pero' non sono assenti. E' un gioco "pesante", piuttosto complicato e macchinoso, sebbene non eccessivamente difficile nel regolamento. Indubbiamente non ha la stessa elenganza di titoli quali Puerto Rico o The Princes of Florence.

In questo senso mi trovo in disaccordo con il recensore sulla sua valutazione della difficoltà. Personalmente avrei classificato La Città come un titolo "impegnativo", per giocatori assidui. A parere mio è difficilmente si può proporre alla maggioranza dei giocatori.

In conclusione un buon titolo, interessante e intelligente, ma che richiede un certo impegno e un bel po' di tempo a disposizione.

9

Gioco molto bello, grafica eccellente, materiali molto belli, tabellone sempre diverso che sembra garantire buona longevità, regolamento con qualche incomprensione (leggi fattore contagrano... ma allora la tana a cosa serve???) ma nel complesso ben fatto e soprattutto ben illustrato e pieno di esempi. Premetto che ho giocato 5 o 6 partite e tutte in 3 giocatori. Il gioco in 3 rende bene e non è molto lungo. Ottima e impegnativa la parte gestionale senza fattore c@#o (ancora adesso rimango spesso "incartato" o "demetropolizzato" cioè senza poter costruire, ne mettere cittadini....), anche se in tre il contatto tra città avviene molto tardi, verso il quarto turno. Da lì in poi il gioco diventa veramente bellissimo, con una miriade di scelte da fare, e molti fattori da tenere d'occhio tra cui il menù di azioni possibili al momento. Inoltre la regola della mietitura vietata nel 6°anno e di conseguenza quella del malus di 5 PV in caso di morte per fame di qualche cittadino, rende il gioco sempre molto incerto nel punteggio finale (5 punti sono tantissimi...). Son sicuro che in 5 giocatori al prezzo di allungarne la durata, in cambio si ottiene un gioco sia più longevo (in tre giocatori come detto le mosse sono sempre quelle per i primi 3 anni) e sia più divertente (in tre l'attrazione fatale è minima, con una drastica riduzione di cattiveria...). Il punto al 10 lo perde nell'originalità che secondo me non è il massimo...

L'importante non è vincere ma sapere quello che sta facendo il tuo nemico!

8

Bel Gioco con la G maiuscola, lascia nelle prime partite un pò spiazzati per la molteplicità delle azioni consentite, finchè non si ritrova una strategia da adottare almeno nelle fasi iniziali.
La sua durata, almeno in 5, implica una buona organizzazione della serata: è gia capitato al nostro gruppo di cominciare una partita un pò più tardi del solito, e guardare l'orario a fine gara che segnava le 3 di notte...=P
Ho trovato notevolmente simpatica ed allo stesso tempo funzionale la meccanica che sta alla base della "Volontà del popolo", caratterizzata dall'utilizzo di apposite carte che permettono una sua sbirciatina.
Inoltre questo gioco lascia piacevolmente sorpresi dalla robustezza e dalla qualità dei materiali, ma un plauso va ai token ed il counter presenti nella sezione download del sito dei quali si sente la mancanza nella scatola originale!!
Consigliato agli smaliziati amanti di giochi basati sul Piazzamento di Tessere et similia, con fattore K molto ridotto e strategie in parte dipendenti dalle scelte degli altri giocatori, con quasi totale assenza di interazione propriamente detta tra i giocatori,sopperita in parte dal sistema delle migrazioni e che ha causato una riduzione del voto da 9 a 8.

8

Gioco ben fatto,buoni gli aspetti strategici i materiali e l'ambientazione. Rubare i cittadini alle città avversarie è veramente un azione infamante, mi piange il cuore quando commetto tali bastardate...ma è divertentissimo....ih...ih...ih...

(H)Ermes
Messagero degli dei e guida delle anime
La Terra-di-Mezzo©...per chi ama la letteratura Fantasy

8

Splendido concetto, funziona bene anche in due.
Tuttavia sistemare tutti i pezzi all'inizio e alla fine della partita è un inferno, e ciò può limitare di molto la longevità.

9

Bel gioco. Qualità grafica eccelsa, carte ben fatte, meccanismo veramente originale. Gioco sicuramente non facilissimo (secondo me non tutti i medi giocatori riescono a trovarsi a proprio agio per il tipo di motore di gioco). Ben congegnato il fatto di poter vedere le 4 carte voce del popolo, azione che non tutti i giocatori possono fare e quindi costruire e far progrediere la città nella maniera giusta. Se vogliamo trovare una pecca le pedine popolo un pochino troppo piccole. Da giocarsi sicuramente da 4 giocatori in su, in quanto le città avversarie arrivano a contatto in minor tempo ed il gioco acquista vivacità in termini di competizione e interazione, anche se a 4 o 5 player le partite superano abbondantemente le due ore.

6

Il gioco, all'inizio mi ha entusiasmato, mi sembrava originale, bei materiali, anche l'idea di fondo molto realistica mi ha colpito. Per questo gli darei anche un 8.
Giocandoci, però, mi sono resa conto che non è molto divertente, tende a essere ripetitivo, le strategie sono molto limitate, insomma non mi viene voglia di giocarci nonostante la bella impostazione. Per questi motivi gli darei un 4.
Facendo una media ecco il 6.

La via [...] mi piaceva, ma mi era ancora spiacevole passare per le sue strettoie.
- S. Agostino, Le Confessioni -

7

Giocone per componenstica e per velleità. Onestamente mi lascia dubbioso sulla sua reale longevità. In verità le strategie sono limitate e le scelte tattiche (benché diversificate) ripetitive.

Giocato saltuariamete da però molto gusto oltre una soddisfazione che pochi danno.

Resta comunque un titolo molto divertente (se preso in piccole dosi......)

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

9

Gioco abbastanza impegnativo e dall'esito, a mio parere, incerto fino alla fine della partita.
I materiali sono molto belli e il regolamento è chiaro, a perte forse per la produzione da parte delle fattorie del grano; in ogni caso il voto è più che meritato.

9

Spendido gioco che Ti tiene incollato fino all'ultimo. Al contrario di quanto affermato dal recensore non l'ho trovato particolarmente lungo, forse perché il tempo è passato veloce. In cinque diventa un pò caotico e le cose da controllare sono veramente molte. Comunque un giocone, che appaga anche la vista con dei materiali ricchi e piacevoli. Altro pregio, funziona molto bene e resta avvincente anche in due.

Perigastus
Non c'è niente che un uomo non possa fare usando la sua immaginazione.Heinrich Schliemann (1822 - 1890)

9

Un bellissimo gestionale. Certo, le tattiche possibili non sono infinite. Ma se è per questo, non lo sono neanche nell'osannato Puerto Rico.

Kingsburg feels like Caylus with dice rolls and goblin bashing. This will grant him some wariness from gamers who can’t stand the luck of the dice, from others tired of spending cubes to build a district, and of course from goblins.

8

Il gioco all'inizio mi ha entusiasmato per i materiali (belli e numerosi), perché la fortuna conta poco e per l’esito incerto fino alla fine della partita.
Giocandoci altre volte ho visto che tende ad essere ripetitivo (mi riferisco alle prime fasi di gioco) e le strategie sono limitate.
Da giocarsi sicuramente da 4 giocatori in su, in quanto le città avversarie arrivano a contatto in minor tempo ed il gioco acquista vivacità, anche se in 5 giocatori la componente fortuna è più evidente.

6

Lenta e lunga la fase iniziale di impilamento tessere, posizionamento, ecc....
Impossobile avere il controllo della sitazione senza essersi stampati sia il tabellone aggiuntivo che i token e il cibo. In 5 supera le due ore senza contare il tempi di preparazione.
Scorre e diverte sopratutto negli ultimi 2-3 anni.
Nei primi due anni si hanno scelte quasi obbligate da dover rispettare.
Non mi ha entusiasmato.

8

Davvero un eccellente gestionale, la componente fortuna è di fatto molto ridotta, la possibilità di avere il controllo sulle proprie scelte è altissimo, i ribaltoni non sono possibili e questo da modo di portare avanti le proprie strategie anche di lungo periodo. L'ambientazione è più che attinente ed i materiali di ottima fatturo: un giocone!

The (Real) Panda Goblin!
A Roma, la serata ludica è
//nuke.goblins.net/spaw/images/lib3/ilGoblinSulComo_banner.jpg)

7

Davvero un ottimo gioco.
I giocatori hanno a disposizione un notevole numero di azioni fra cui scegliere, tutte pertinenti, e in generale la partita rimane aperta sino all'ultimo turno.

Un gran bel gioco nel suo genere.

6

Positivo l'assenza di dadi, la complessità e l'interazione tra le città.... però il mio voto risente decisamente della lunghezza esagerata.... almeno la metà dei giocati non vede l'ora di finire ancora già da metà partita...
In alcune fasi mi diventa un po' caotico....
Spesso solo il pensiero di dover improntare una partita crea effetti di panico.... infine non riesce a strappare un sorriso neanche a pagare... trovo determinante l'aspetto divertimento nei giochi e a volte questo non diverte nemmeno il giocatore che ha vinto.
Infatti il voto è dovuto a 0, 2, 0, 2, 2.

7

Abbastanza lungo ma divertente, anche se chi rimane indietro rischia di essere tagliato fuori dalla vittoria senza possibilità di recupero. Le partite tendono ad essere lunghe, ma avvincenti, grazie all'alto livello d'interazione.
Voto 7,5

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

8

Uno dei giochi degli utlimi anni a cui gioco sempre volentieri. Complesso ma non troppo ha alcune idee e meccniche davvero originali (penso soprattutto al sistema di migrazione dei cittadini da una citta' all'altra). Per essere un gioco alla tedesca ha anche un buon collegamento con l'ambientazione. I materiali sono di buona qualita' e anche la grafica e' discreta. Il fattore fortuna non e' in pratica presente nel gioco ed ogni partita si sviluppa in maniera diversa anche se ci sono alcune strategie di fondo che vale la pena perseguire.

Nel complesso un gioco secondo me di valore che deve essere presente nella ludoteca di ogni gamer. certamente non adatto (non tanto per il regolamento ma per la durata e per la complessita' strategica) ai non addetti ai lavori

commento basato su un discreto (oltre 5) numero di partite

7

Molto bello.
Bella l'ambientazione e quanto vi è connesso : il dover costruire una città bella e funzionale per soddisfare la propria gente ed attrarre la popolazione dalle altre città.
Grafica curata.
Libertà di elaborare la propria strategia senza mosse obbligate.

The Eagle Goblin

8

Un gran gioco. Grande spessore e strategia. Purtroppo le dinamiche sono un pò fredde, e sporattutto il finale risulta pieno di calcoli.....

"Ebbene, si gioca per vincere ma giocando per vincere si impara a perdere. E io credo che questa sia la cosa importante, perchè se si è imparato a perdere si è imparato a vivere. E' tutto quello che volevo dire."
Alex Randolph

6

Nessun commento

8

Un bel gioco con meccaniche originali. Bellissimi gli omini lillipuziani scolpiti in 2 diversi modi: maschi e femmine (anche se ci vuole molta attenzione per capirlo). Temo che giocandolo spesso cominci a soffrire di ripetitività perchè le strategie possibili non sono poi molte.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

8

Uno dei giochi che preferisco nella mia collezione. Ottimi componenti e grafica. Molto bastardo in quanto costruendo le proprie città si preclude agli avversari il raggiungimento di risorse utili. Il sistema di migrazione dei cittadini poi è veramente ben studiato.

8

Massiccio, bella grafica e componenti, costruzioni, risorse, espansioni, statico, strategico, con danni agli avversari ma senza dadi.

Il gioco per me direi!

8

Arguto gioco di gestione risorse e pianificazione. Interessante il sistema di interazione fra i giocatori,

7

Un buon gestionale.

Molti uomini sono destinati a ragionare male, altri a non ragionare affatto e altri ancora a perseguitare coloro che ragionano. (Voltaire)

8

Nessun commento

10

Nessun commento

7

Nessun commento

LIKE

8

Titolo sottovalutato, ma consigliatissimo. E' fruibile da tutti ed fornisce un'esperienza ludica gratificante!Devo comprarlo!

"...vince chi fa più punti vittoria..."

8

Nessun commento

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

8

Un giocone. Bello, profondo, intelligente. Si lascia amare anche da chi non ha molta esperienza con i giochi da tavolo. Qualcuno ha scritto che si avvicina molto all'idea di un videogioco gestionale. L'accostamento mi pare azzardato, ma capisco il senso dell'affermazione: un gioco immediatamente coinvolgente. Da avere.

Vivo in un mondo dominato dall'informe, dall'improbabile, dal metafisico, dal surreale!

8

Buoni i componenti per quanto i colori siano abbastanza strani. La meccanica particolare rende il gioco intrigante, soprattutto per il bisogno di calcolare sempre le mosse degli altri. Lento ma soddisfacente.

..perchè il sogno più vero è quello più distante dalla realtà,
quello che vola via senza bisogno di vele, nè di vento..
Hugo Pratt

www.ancestrale.it

8

Nessun commento

<strong><em>So long, and thanks for all the fish.</em></strong>

7

Nessun commento

Wolflord
the
Rule’s Master

9

Nessun commento

8

Nessun commento

7

Molto bello,le regole sono studiate alla perfezione,i materiali eccellenti....ma molto lento e un pò ripetitivo.

Se scopri di stare scivolando nella follia, tuffati.
(proverbio Malkavian)

6

Devo rigiocarlo per avere più certezza, ma mi sembra un bel gioco. 6,5. Dopo qualche altra partita mi lascia un po' perplesso...

Uso dell'apostrofo: po', un altro, un'altra, qual è. Uso dell'accento sui monosillabi, solo in caso sia distintivo: su "so", "qui" e "fa", l'accento non va.

7

Non abbiamo giocato molto a questo gioco anche questo un pò lento nella dinamica.

6

Nessun commento

8

Nessun commento

6

Non mi piace, ma sicuramente è fatto bene.

The angel that deserves to die

8

Elegante!

7

Nessun commento

<< Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e... ludoscienza! >> [Il sommo Poeta]"

E.C.A.S.C.O. online: www.ecasco.it

7

Gioco molto impegnativo,
con una ottima componentistica. Soffre del fatto che chi è indietro non riesce a recuperare, sopratutto quando una sua città è schiacciata tra altre più forti degli altri giocatori. In questo caso non resta che annoiarsi fino a fine partita. Con gruppi equilibrati invece il giocao regge bene.

8

Nessun commento

7

Nessun commento

Dagon

Fu in quel Momento, credo, che caddi in preda alla follia
H.P. Lovercraft, Dagon

8

Nessun commento

8

interessante :)

frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!

7

Nessun commento

10

Gioco straordinario e sottovalutato, il migliore della scuola tedesca. E' vero, come dicono alcuni, che le strategie di partenza sono limitate, ma lo sviluppo della partita impone scelte tattiche spesso capaci di rovesciarle. Geniali le carte Contatto con il Popolo, che permettono di imbrigliare l'elemento più aleatorio del gioco, "spendendo" un'azione e, se proprio si vuole stare tranquilli, del denaro. L'alternativa è azzardare, comunque su basi statistiche sempre più solide man mano che la partita va avanti e la voce del popolo ha sempre più effetto sull'interazione tra i giocatori.
Assurda l'accusa di essere un gioco che richiede troppo tempo per la preparazione: basta lasciare gli esagoni nella scatola e si impiegano tre minuti.
Stressante, coinvolgente, rigiocabile all'infinito. E con un'ambientazione convincente.

6

Nessun commento

8

bel gioco! Nelle 3 partite che ho giocato però la tattica vincente è sempre stata la stessa ossia 2 città da combattimento che proteggono 2 città da punti vittoria... quindi forse un po' monotono ma ben articolato, vitale il posizionamento non solo delle città ma anche delle tessere degli edifici... La strategia iniziale deve essere molto accorta e ad esempio prevedere gli sbocchi delle proprie città che per espandersi al massimo devono arrivare all'acqua; ovvio che le tessere colorate uscite devono essere ben tenute a mente per qualsiasi strategia anche se non è inconsueto il colpo di scena, vedi legge di murphy

7

Nessun commento

7

bel gioco difficile forse un po' lungo

carlyns

10

Nessun commento

Un maestro dell'arte di vivere non distingue tra il lavoro e il gioco

7

Nessun commento

8

Davvero bello e impegnativo! Un gioco scacchistico in cui ogni mossa va ponderata attentamente. La fortuna c'è (le carte) ma è molto limitata e difficilmente posso pensare ad una partita in cui sia lalea a stabilire il vincitore. Materiali bellissimi e gioco molto profondo. Unico difetto: la lunghezza, soprattutto se giocato con pensatori. Consigliato.

8

giocato una sola volta, ma sembra molto carino.

7

Nessun commento

8

Un ottimo gioco gestionale, di notevole complessità: mi piace moltissimo l'idea di ascoltare le richieste del popolo. Per giocarlo occorrono più delle due ore scritte sulla scatola.

-Hey Prof, che cosa facciamo stasera ?
-Quello che facciamo tutte le sere, Mignolo, tentare di conquistare il mondo!

8

Gioco molto valido.Indubbiamente strategico.Molto interessante con la distribuzione random dei territori.In cinque tende tuttavia ad essere un po' troppo lungo e i giocatori che sono indietro possono avere grosse difficolta' per recuperare.Con due e tre giocatori gira sicuramente molto meglio.Interessante l'dea della voce del popolo.Necessario dotarsi di segnapunti omini e grano se no ogni volta si perde tempo e vista e contarsi tutti gli omini.

8

Gioco veloce e divertente, il regolamento non consente di trascinare la partita troppo per le lunghe come in altri giochi.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare