La Famiglia: una cosa nostra

La Famiglia: copertina
GateOnGames

Riviviamo la lotta per il potere tra i gruppi malavitosi della New York degli anni '40 con un gioco di carte dai bei disegni, ma che pecca con le meccaniche di gioco.

Giochi collegati: 
La Famiglia
Voto recensore:
6,0

Dal retro della scatola

New York degli anni '40 è una città meravigliosa, piena di opportunità per chi sa coglierle. Vesti i panni di un Capofamiglia e costruisci il tuo covo di malviventi per dimostrare al Boss che può fidarsi di te.

Dati tecnici

Il regolamento del gioco La Famiglia, stampato come un giornale dell'epoca
Istruzioni
  • Contenuto: 55 carte, 8 cubetti, 1 plancia segnapunti, 1 regolamento (il regolamento è stampato su un foglio che riproduce l'edizione di un quotidiano dell'epoca);
  • Design: Thomas Mazzantini, Samuele Sai;
  • Illustrazioni: Valeria Favoccia
  • Giocatori: 2-4
  • Durata: 45 minuti
  • Età: 14+

Come si gioca?

Il gioco si articola in 3 round. La preparazione del gioco, all'inizio di ogni round, si articola nelle seguenti fasi:

  • si attribuisce la carta "Primo giocatore" a un giocatore a caso nel primo round e, successivamente, sempre al giocatore con il punteggio minore;
  • si mescola la carta "Retata" insieme ad altre 5 carte del mazzo che sono poi sistemate in fondo al tallone di pesca;
  • si scopre una delle 4 carte del mazzo "Prima della retata" (che dà condizioni di accumulo punti per chi soddisfa certe condizioni subito prima di risolvere la "Retata");
  • si scopre una delle 4 carte del mazzo "Dopo la retata" (che dà condizioni di accumulo punti per chi soddisfa certe condizioni subito dopo aver risolto la "Retata");
  • ad ogni giocatore (da 1 a 4) si danno 3 carte dal tallone;
  • si scoprono 3 carte dal tallone (personaggi da assoldare).
La Famiglia: tavolo di gioco
Tavolo

Ogni giocatore può creare, di fronte a sé, due "covi", cioè due insiemi di carte incolonnate che rappresentano i propri gruppi di gangster. Al proprio turno ogni giocatore:

  • gioca una carta dalla propria mano su uno dei suoi due covi e ne applica subito l'effetto. Ci sono carte di 3 colori (giallo, blu, rosso): sulle carte gialle possono essere poste, nello stesso covo, solo carte gialle o rosse; sulle blu possono essere giocate solo carte blu o gialle; sulle rosse possono essere giocate solo carte rosse o blu (la carta stessa ricorda tale regola indicando, nella sua parte inferiore, i colori che ci si possono giocare sopra);
  • se non può giocare una carta (perché non si rispettano le regole di posizionamento) ne scarta una dalla propria mano;
  • pesca una carta fra quelle da assoldare e rimpiazza questa carta con una presa dal tallone.

Le carte giocate su ogni covo danno punti vittoria (indicato in alto a sinistra) e punti polizia (in alto a destra).

Non appena viene pescata la carta "Retata" (fra le ultime 5):

  • si verificano le condizioni della carta "Prima della retata", dando punti a chi soddisfa le condizioni;
  • ogni giocatore scarta tutte le carte del covo che ha il maggior numero di punti polizia (in parità sarà il giocatore a decidere quale covo scartare);
  • si verificano le condizioni della carta "Dopo la retata", dando punti a chi soddisfa le condizioni;
  • si sommano anche i punti del covo rimanente.

Alla fine della terza retata il gioco è terminato e vince chi ha più punti. In caso di pareggio vince chi ha più punti sull'ultimo covo rimasto dopo la terza retata. In caso di ulteriore parità vince chi ha più personaggi sull'ultimo covo. I punti sono segnati sull'apposita plancia muovendo i cubi (come nell'immagine).

Plancia segnapunti di La Famiglia
Plancia segnapunti

La Famiglia: esempio conteggio punti a fine partita
Conteggio punti a fine partita

Nell'esempio della figura, il covo a sinistra ha 3 punti polizia, mentre il covo di destra ha 2 punti polizia. Fra i due, dunque, si scarta il covo di sinistra. Il poliziotto corrotto dà 2 punti vittoria solo se si trova nel covo arrestato, altrimenti fa perdere un punto vittoria. In questo caso il covo rimasto (quello di destra) dà 4+3+1-1=7 punti vittoria.

I personaggi presenti nel gioco sono di 6 tipi (come quelli mostrati in figura):

  • il picciotto: non ha nessun effetto
  • gli avvocati: riducono la somma dei punti polizia di un covo (rendendolo meno soggetto alle retate)
  • lo sbirro corrotto: dà 2 punti se è nel covo che è stato arrestato, altrimenti fa perdere 1 punto
  • il consigliere: non ha effetto, ma aumenta di 2 i punti polizia
  • lo specialista: fa scartare a un avversario tutte le carte di un colore presenti in un covo
  • il killer: fa scartare a un avversario una carta a scelta
I personaggi di La Famiglia
I personaggi di La Famiglia

Considerazioni su La Famiglia

Il gioco è molto semplice e le regole si imparano facilmente subito dopo aver giocato due o tre turni.

I personaggi che permettono un'interazione con gli altri giocatori sono solo il killer e lo specialista e ciò determina un meccansimo piuttosto ripetitivo. Piacevole l'incertezza del momento in cui arriverà la retata che, essendo casualmente distribuita fra le ultime 5 carte, potrebbe capitare dopo un intero turno di 4 giocatori.

Il tema dei gangster di New York degli anni '40 è reso molto bene dagli splendidi disegni, ma questo non compensa la povertà di meccaniche del gioco. La sfortuna nell'avere a disposizione le carte meno utili può essere solo parzialmente compensata dall'abilità di giocarle nel covo "giusto" in modo da bilanciare bene i punti polizia (che richiamano gli sbirri per la retata finale) e i punti vittoria.

La presenza di condizioni da rispettare per fare più punti "prima" e "dopo" la retata è una piacevole complicazione che permette di dare un po' più di gusto strategico a un gioco che, non prevedendo alcuna influenza reciproca fra i tre round, rimane prettamente tattico.

Nel complesso, dunque, il voto raggiunge appena la sufficienza, per un titolo breve che si lascia giocare, ma non dà alcun desiderio di provare una seconda partita.

Pro:
  • Regole semplici e immediate da apprendere
  • Grafica molto accattivante
  • Gioco piccolo e facilmente trasportabile
  • Non prevedendo decisioni troppo complesse, i turni si alternano piuttosto rapidamente
Contro:
  • La varietà dei personaggi è minima: sono solo 2 quelli che permettono di interagire con gli altri giocatori (in modo analogo entrambi)
  • Il gioco è molto ripetitivo e non offre sufficiente varietà
  • Le decisioni da prendere sono ridotte al minimo l'abilità nella sistemazione delle carte non sempre riesce a compensare la sforturna
Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Una volta tanto tra i difetti non c'è quello della scatola sovradimensionata! :D Il gioco non credo che mi interessi molto, ma devo riconoscere che le illustrazioni sono davvero belle. Ottima recensione! 

Se riconosci subito il mio nickname, significa che hai giocato al videogioco più bello di sempre.

da me ci abbiamo fatto divese partite coi ragazzi. Il tema invogliava.
Sapeva un po' di dejavù ma la semplicità delle regole ce lo ha fatto scorrere piacevolmente una partita dopo l'altra. Carina l'idea del punteggio finale e la grafica pulita ed aderente. Alla fine ai miei ragazzi (13 e 12 anni) è piaciuto, sicuro non è un gioco da hardcore-gamer, le scelte sono molto guidate e la tattica davvero minima, semplice reazione alla pesca.

sava73 (goblin Cylon) ultimamente ha giocato a:
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=sava%2073&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

Questo gioco lo avrà mezza Italia dopo il 1° agosto! 

Ultime partite:
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=greyapple&numitems=10&text=title&images=small&show=recentplays&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare