Crystal Palace - Tutti contro Tutti Magnifico 2020

Crystal Palace - Tutti contro Tutti - Magnifico 2020

Come da qualche anno a questa parte, approfondiamo i titoli finalisti del Magnifico, riportando le opinioni dei Goblin che hanno gentilmente risposto al nostro appello. Oggi è il turno di Crystal Palace di Carsten Lauber.

Approfondimenti
Giochi
Giochi collegati:
Crystal Palace

Le note problematiche occorse in questa prima parte di anno, hanno reso difficile il ritrovarsi a giocare insieme nonché causato il rinvio/annullamento di molte fiere di settore. Tutto ciò ha contribuito a rendere particolarmente difficile trovare opinioni basate su molteplici partite. Quindi, in questa serie di approfondimenti, abbiamo deciso di dare spazio a chi ha giocato anche solo una volta ai titoli in esame e a chi li ha provati in modalità solitaria.
Le opinioni che seguono sono state raccolte in parte prima, in parte successivamente all'assegnazione del premio.
Gli interventi sono elencati in ordine di ricezione.

In Crystal Palace rappresenteremo una nazione alla prima Fiera mondiale tenutasi nel 1851 a Londra, con l'intento di sorprendere gli attendenti grazie alle nostre invenzioni, avvalendoci dell'aiuto di importanti personaggi dell'epoca. Piazzamento lavoratori, gestione dadi, gestione risorse, collezione set si fondono in un gioco che presente sulla carta qualche twist interessante. Vediamo cosa ne pensano alcuni Goblin e se sono d'accordo con la decisione della Giuria del Magnifico di includerlo nella Selezione dei candidati al premio.

Cosa ti ha spinto a provare questo gioco?

[vincyus] Gestione e piazzamento dadi? Ci vado a nozze... poi quando ho letto che i dadi non si tirano ma si sceglie il risultato pagando, apriti cielo.

[jedgoshi] Visto in anteprima a Essen e preso successivamente.

[pomilius] La meccanica della gestione dadi, di cui già posseggo diversi titoli mi ha qui incuriosito per quella che ho ritenuto essere una bella novità, e cioè la possibilità di scegliere il valore dei dadi (pagando) e non subire semplicemente la sorte derivante dal loro lancio. In più mi attirava il tema e un aspetto grafico che, se pur un po' pesante alla vista, non mi dispiaceva. Complessivamente non mi sono pentito dell’acquisto.

Quali pregi ha e a chi lo consiglieresti?

Crystal Palace - Partita in corso
Crystal Palace - Partita in corso
[vincyus] È un gioco dove l'equilibrio e il tempismo sono tutto, bisogna sapere quanto e quando spendere per ottenere i dadi migliori per quello che ci interessa. L'ho apprezzato molto come piazzamento e gestione dadi, specialmente il fatto che la fortuna viene arginata tantissimo perché i dadi non si tirano, ma si pagano con i nostri soldi. Ma attenzione, se si spende troppo, si rischia di rimanere senza soldi e indebitarsi. Il trucco del gioco risiede nel saper dosare la spesa e prendere le azioni migliori per ottimizzare il nostro motore di gioco. Consigliato a chi ama gestione\piazzamento dadi cattivi e con molta interazione indiretta.

[jedgoshi] Un buon gioco di gestione dadi con gestione risorse. Consigliato a giocatori esperti. Bello sanguigno in cinque giocatori.

[pomilius] Pregi: buona concatenazione di eventi, gioco stretto quanto basta (per me un pregio), scorrevole, diverse strade da seguire per la vittoria, gioco valido per la meccanica al di là dell’estetica; consigliato a chi cerca un German tosto ma che non sta troppo a guardare i materiali un po' spartani (io sono a ciò ben abituato dai vecchi Wallace).

Quali difetti ha e a chi lo sconsiglieresti?

Crystal Palace - Partita in corso
Crystal Palace - Partita in corso
[vincyus] È un gioco cattivo, perché l'indebitamento è sempre dietro l'angolo e, se si fanno scelte sbagliate, si rischia di perdere e non rimontare più. Alcune meccaniche le ho trovate superflue, altre insensate (tipo l'ordine di turno in senso orario e non per chi ha puntato maggiormente dopo il primo)... poteva essere snellito. Sconsigliato a chi non ama i giochi cattivi e complessi.

[jedgoshi] Forse l'alea delle tesserine, ma nel complesso ci sta.

[pomilius] la grafica un po' tetra, come dicevo prima; i materiali spartani; sul punto, devono tenersi alla larga tutti coloro che oggi corrono dietro ai kickstarter fantascientifici con materiali fantascientifici; inoltre, occorre un po' di fortuna nel riuscire ad accoppiare le carte personaggio a quelle prototipo; infine, la sorte sull’entità dei prestiti da restituire (che può essere diseguale tra i vari giocatori).

Sei d'accordo sulla sua presenza nel Magnifico?

[vincyus] Sì, apprezzata molto come scelta da parte della giuria.

[jedgoshi] Sì.

[pomilius] Tutto sommato sì. Io sono un “germanista” convinto e nel lotto dei giochi contendenti il titolo lo avrei inserito, così come giustamente è stato fatto anche per Barrage e Terramara, che mi riservo di provare/prendere quanto prima.

Per approfondire potete dare un'occhiata alle motivazioni della Giuria.

Commenti

Provato recentemente - dopo la proclamazione del magnifico e dopo che abbiamo avuto modo di esprimere la nostra opionine, quindi lo faccio qui.

Il gioco è bello : la meccanica di gestione dadi (ma visto che non vengono rollati sarebbe forse più corretto parlare di "lavoratori pesanti") è ottima in un'ottica di tattica e di strategia a breve e medio termine. Forse la strategia alla lunga distanza è un po' carente, ma con una sola partita all'attivo non posso esprimermi: sostanzialmente ricade tutta nella gestione del capitale, perché azioni troppo forti portano inesorabilmente all'indebitamento mentre azioni troppo deboli permettono azioni blande o che vengono scavalcate o addirittura annullate. Molto buona e cattiva l'interazione indiretta.

Concordo con quanto hanno detto altri sull'ordine di turno: l'ho sentito proprio come un difetto pesante nel design, e non mi ha stupito scoprire che su bgg sia disponibile una plancetta per l'home-rule dell'ordine di gioco in base ai valori dei dadi (tipo Kingsburg, per capirci). Un po' "spigolosa" anche l'alea nella combinazione inventori/progetti, ma non vedo come si potrebbe implementare diversamente.

In conclusione un buon titolo che rigiocherò sicuramente (con la home-rule) e che a parte questo difetto rientra assolutamente nei canoni del magnifico, sebbene sul mercato ci sia di meglio (e infatti non ha vinto).

gioco piacevole ad aste nascoste. bello il tema l'artwork (capisco che è soggettivo) e la meccanica. due aspetti un po' opachi sono a mio modo di vedere

1. il fatto che non escano tutte le carte e io take that dei token alcuni solo meglio di altri.... siamo nel 2020 simili imperfezioni non ci dovrebbero essere... i punti delle accoppiate personaggio-prototipo potrebbero non essere pochissimi.

2. la meccanica dell'appioppare ad altri il bonus/malus dei progetti potrebbe davvero creare effetti spiacevoli sulla pianificazione di un giocatore in maniera eccessivamente punitiva, vista la ristrettezza dei soldi  

ok l'ordine di turno è un peccato veniale. l'autore stesso ha detto di aver optato per questa scelta per non appesantire il turno di gioco. a me pare una bestemmia, ma ci si pone presto rimedio andando in ordine di pagamento. ultimamente questo è un fastidioso trend che colpisce giochi che non lo meriterebbero (caylus 1303, paladins, circadiani, ecc)

Mi ha incuriosito molto alla lettura del regolamento... l'ho preso con un GAS a febbraio ... poi il lockdown ... e ancora mi deve arrivare. :-(

 

Cris Tridello

provato a Essen. Salvo solo la gestione dadi, per il resto mi sembra un gioco vecchio di almeno 10 anni

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare