Viaggio di un goblin al Lucca Comics & Games

When I Dream in dimostrazione a Lucca C&G 2017

Io Morg, un temeriario goblin, mi avventuro nelle terre di mezz... ehm in quel del Lucca Comics and Games e vi racconto come è andata. Percorriamo questo viaggio insieme.

Ho giocato a...

Una Lucca molto vivibile quest'anno, con file ridotte al lumicino per chi avesse comprato il biglietto on-line (come me), ma a un prezzo comunque decisamente troppo elevato, su cui tornerò più tardi. Adesso bando alle ciancie!

Mi ero fatto nei giorni scorsi un elenchino di titoli che mi interessava provare, o quantomeno vedere, per deciderne l'acquisto (e soprattutto il non acquisto!) usando l'utilissima guida di IoGioco. Sono riuscito a provare/vedere praticamente tutti i giochi che avevo in elenco (padiglione godibilissimo), ergo mi ritengo molto soddisfatto.

In particolare sono riuscito fortunatamente a chiarirmi le idee su:

Storia di Pirati

La plancia/nave in 3D di Storia di Pirati
La plancia/nave in 3D di Storia di Pirati
Il gioco è come mi aspettavo molto carino, molto belli i materiali (nave 3D e clessidre sono delle ottime idee) e ottima l'app, poco invasiva. Un bel cooperativo con giusta dose di adrenalina e caos organizzato. Dopo la prova sono rimasto molto compiaciuto, ma a freddo ho ritenuto che, scemata la meraviglia per componenti/app, il gioco possa risultare un po' troppo monocorde, le azioni sono veramente 4 in croce: bello ma passo. Rimasto sullo scaffale.

Dice Forge

Dopo averne sentito tanto parlare ero in procinto di prenderlo ad occhi chiusi. Per fortuna riesco a provarlo, anche qui molto belli i materiali, fantastica la meccanica di dice-forging (?), ma anche qui rimaniamo poco colpiti. Forse avevamo troppe aspettative. La partita si risolve in un eternamente ciclico tiro della coppia di dadi, pompati lungo la partita... e niente più. Sicuramente si innescano combo soddisfacenti e quant'altro ma manca, a mio gusto ovviamente, un minimo senso di storia (in senso lato) nello sviluppo del gioco. Come direbbe un amico: "mi ha lasciato freddo". Rimasto sullo scaffale.

This War of Mine

Da Pendragon in DEMO c'è la versione italiana (che sarà in vendita da fine mese). Grazie a un fortunato buco nelle prenotazioni (grazie a chi non si è presentato!) riusciamo a sederci in compagnia di altri 3 visitatori. Me lo aspettavo denso e pienamente immersivo, l'ho trovato quasi meglio di quanto mi attendessi. Trovando poco centrata la scalabilità a 4-6 giocatori, per me è uno di quei giochi che danno il massimo in 1-2, quindi perfetto per la mia dimensione usuale di gioco. Subito aggiunto alla lista degli acquisti futuri, anzi, forse diventerà un preordine di questi giorni.

Carte che trasudano ambientazione per This War of Mine
Carte che trasudano ambientazione per This War of Mine

When I Dream

Novità edita da Asmodee. Bellissimo il finto-letto/tavolo su cui riusciamo a provare questa DEMO di cui avevamo sentito parlar bene e di cui meditavamo l'acquisto. Variante simpatica del tema Dixit/Time's Up & co. che si fa sicuramente apprezzare ma che, ancora una volta, a mente fredda, mi lascia poco propenso all'acquisto. Molto semplice (come deve essere, sia chiaro) ma che poco aggiunge a quanto già in commercio. Mi rimangono inoltre molti dubbi sull'utilità/efficacia dei ruoli segreti (perché segreti?), mi riservo di leggere il regolamento per capirne di più. Per ora a meno di occasionissime, rimane sullo scaffale.

Kingdomino

Non era in lista ma dato un tavolo libero ci togliamo lo sfizio. Semplicissima variante del domino, velocissimo ma non per questo stupido. Non ci innamoriamo e nemmeno ci schifa, ma rimaniamo dubbiosi dei premi e sul buzz che lo riguarda. Rimane sullo scaffale senza rimpianti.

A Song of Ice and Fire

Miniature di Song of Ice and Fire
Miniature di Song of Ice and Fire
Mi tolgo anche lo sfizio di provare, seppure non in lista, questo A Song of Ice and Fire con un dimostratore d'eccezione, il grande Fiorenzo. Sono digiuno di skirmish con miniature, quindi parto con poche aspettative ma grande curiosità. Muovo gli Stark contro i Lannister, e dopo attacchi feroci e spesso scriteriati riesco a portare a casa una vittoria per total kill grazie ai mitici Berserker. Devo dire che ci ha piacevolmente colpito, non avevo mai provato uno skirmish con unità raggruppate, ma i basettoni sono stati meglio del previsto. Gioco molto carino e semplice pur mantenendo possibilità tattiche interessanti e in numero più che accettabile per non risultare banale. Non credo lo prenderemo perché non è il nostro "campo", ma uno skirmish in collezione ci potrebbe stare bene, e questo entra sicuramente nella lista dei papabili.

Della lista riesco poi a seguire le demo di alcuni altri giochi, alcuni dei quali ero più che altro curioso di vedere apparecchiati, altri di cui è già sicuro l'acquisto.

Riesco per esempio a toccare con mano le tessere di Dragon Castle, veramente ottimo prodotto alla vista e al tatto, ma che non prenderemo dato il nostro poco amore per gli astratti e il prezzo non proprio bassino.

Mi faccio spiegare le novità di Vudulhu, che ritengo non necessario per chi possiede già lo scibile esistente di Vudù, e passo a vedere Mythos, acquisto sicuro ma che data l'assenza di offerte in fiera, faremo altrove (leggasi online).

Inevitabile uno sguardo alle miniature di Rising Sun e del futuro Kickstarter Hate, come sempre prodotti artistici meravigliosi, e mi pento un po' di non aver approfittato in qualche modo della presenza dei mostri sacri Smith, Bonnier, Kopinski (e pure Lang) allo stand CMON/Asmodee. Sono giochi che probabilmente apprezzerei ma che poco si confanno alla dimensione 2 players, e data la fascia di prezzo molto elevata non costituiscono acquisti fattibili "tanto per". Quantomeno non ora.

Le splendide miniature di Hate
Le splendide miniature di Hate

Ero curioso anche di vedere Annibale e Amilcare e provarlo sarebbe stato il top, ma mi sono accontentato di vederlo esposto.

In ultimo, ma in realtà primo step dopo l'ingresso, passo a vedere La Caccia all'Anello allo stand DEVIR; il gioco è lì ma non ancora in DEMO, che inizierà invece nel primo pomeriggio. Peccato, ma senza troppi patemi si procede all'acquisto immediato date le 3 copie rimaste (alle 10:30) in vendita per quel giorno. Fantastica stampa di John Howe compresa in regalo (non riesco invece a strappare una dedica, in quanto il medesimo sarà presente solo dal 3).

Grazie alle prove riesco a eliminare dal carrello parecchi titoli, a confermarne qualcuno, e soprattutto a salvarmi da acquisti che si sarebbero probabilmente rivelati poco centrati. In compenso ci pensa il "solito outlet della Giochi Uniti" a rovinarmi la festa: recupero tutto il mancante (che era tanto!) del Signore degli Anelli LCG e mi sveno nonostante le offerte GHIOTTISSIME sullo stesso. Cerco di convincermi per tutto il viaggio di ritorno che ho fatto bene, che sono prezzi che non tornano più, che il mondo ha bisogno di eroi come noi ecc.

Nel complesso, ottima giornata (come sempre il vero spartiacque è la vivibilità in fiera: se c'è, è un paradiso, se manca, è un vero inferno), giochi acquistati in realtà solo due (a cui si aggiungeranno un paio di fumetti e un Lupo Solitario nuova edizione), ma soldi spesi decisamente tanti.

Unico neo: il prezzo. I biglietti sono ormai davvero molto molto costosi: 20 euro per una giornata, in cui è tra l'altro impossibile godere di tutta l'offerta della fiera, sono veramente tanti.

Commenti

Grazie del bel report morg.

Come ti abbiamo già detto nel forum, storia di pirati aggiunge opzioni e difficoltà col passare delle avventure... La prima è un tutorial!

Grazie Morg, secondo me il prezzo non è alto. Nella fiera c'è una marea di roba e capannoni da visitare. Se vai a Lucca solo per il padiglione board games chiaramente i 20 euro diventano tanti.

Apostoli al fosforo illuminano Infedeli Blu. Saporedelferronellefauci

@ Viofla: Come dicevo, è vero c'è una marea di roba...che è impossibile visitare in una giornata. Di qui, a mio parere, il prezzo eccessivo per il singolo giorno, più sensati forse gli abbonamenti.  E' un po' come il prezzo di un KS CMON: adeguato se si pensa al contenuto, inadeguato se si pensa all'utilizzo che si farà dello stesso... XD


Detto questo come al solito il discorso sui prezzi è sempre molto relativo, ognuno fa i conti con le sue tasche e i suoi standard ovviamente. :)

@giullari: Tengo conto della vostra dritta e lo tengo comunque nel radar, non ci ha portato ad un acquisto immediato in fiera ma non è detto che non arriverà più tardi sul nostro scaffale :D

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare