Un fine settimana nella vita di Rosengald

Torna "L'occhio della redazione". Di scena oggi una tre giorni ad alta intensità di gioco, raccontata da Rosengald nelle pagine di "Ieri ho giocato a..."

Ho giocato a...
Giochi

Più che arrivat,o a questo fine settimana appena trascorso direi che mi ci sono trascinato. Da martedì a domenica in quel di Lucca a fare il dimostratore (oltre che a montare e smontare tutto), e se avete letto l'articolo scritto a quattro mani con la mia ragazza, ho dovuto cedere anche il testimone per il report. All'arrivo del venerdì sera vorrei solo andare a letto, penso anche di saltare la serata alla ludoteca; ma è il mio turno di apertura/chiusura e quindi mi faccio forza e do inizio ad un lungo fine settimana ludico.

Venerdì

A differenza del solito, vado in ludoteca senza il mio borsone di giochi: dopo Lucca e Essen ci sono un sacco di novità in giro e io non ne ho da proporre (di appena uscito ho solo Le strade d'inchiostro - che solo dalle mie parti hanno comprato in duecentosettantatré - e Kero, ma è solo per due - configurazione quasi impossibile in ludoteca, anche se..).

Partita lampo a Jurassic snack, della Plalygame, giusto per spiegarlo a un'amica, visto che il giorno dopo è per l'International games day in una biblioteca diversa dalla mia. Veloce e con materiali da urlo, vinco mangiandole tutti i dinosauri. Peccato che a Lucca sia andato esaurito e che, per noi poveri dimostratori, non ne sia rimasta nemmeno una copia.  

Welcome to... partita
Welcome to...
Segue Downforce, presentato a Lucca da Mancalamaro. Gioco di scommesse e corse per due-sei giocatori; lo giochiamo in sei. Nonostante le poche regole e la velocità della partita, il gioco è tutt'altro che banale. Ogni giocatore prenderà il controllo di un pilota di formula 1; nel proprio turno si gioca una carta tra quelle che si ha in mano, che farà muovere tutte le auto riportate su di essa. In tre momenti diversi della partita si scommetterà sul vincitore. Alla fine si guadagnerà soldi per le scommesse vinte e l'eventuale piazzamento del nostro pilota. Nonostante i giochi di scommesse non mi piacciano generalmente - e io faccia anche pena in questa categoria - riesco ad arrivare secondo sia con il pilota sia come vincite. Sicuramente il gioco mi ha lasciato la voglia di riprovarlo.

Proseguiamo con Welcome to..., altra novità portatataci dalla Fever games. Un roll-and-write con il ruolo dei dadi svolto dalle carte. Ogni turno ogni giocatore sceglie una tra tre combinazioni di numero civico e abilità riportandole sul suo foglio; l'obbiettivo è quello di creare la miglior cittadina. Il gioco è un solitario di gruppo a interazione zero e la partita è stata interrotta e poi ripresa per salutare degli amici passati a trovarci dopo esser tornati dal viaggio di nozze. Arrivo ultimo di sei per distacco; ma, nonostante tutto, il gioco mi è piaciuto: è forse più "gioco" rispetto a Le strade d'inchiostro, che però continuo a preferire. Comunque un gioco molto simpatico e veloce, un'altra partita la farei con piacere.

Il gruppo si butta sulla nuova scatola di Unlock, ma giocarlo senza la mia fidanzata sarebbe peggio di un tradimento, quindi - all'una di notte - intavoliamo uno dei giochi più giocati negli ultimi due mesi: un veloce Terraforming Mars in due.
Terraforming Mars materiali
Terraforming Mars
Aiutato da una strategia folle del mio avversario riesco per la prima volta a superare la soglia dei cento punti e porto a casa la partita con la corporazione delle città. Niente, per me rimane uno dei migliori giochi uscito negli ultimi anni: se siamo riusciti a intavolarlo fino a tre volte in due giorni un motivo ci sarà.

Sabato

Lucca non ha spento la mia voglia di spiegare i giochi e, con la mia associazione partecipiamo all'International games day nelle biblioteche e lì si spiega di tutto. La menzione d'onore va a due signore sulla settantina che sono venute a chiedermi di spiegare qualche gioco adatto a loro; ne scelgo quattro o cinque su cui fare una rapida panoramica, fra cui la versione gigante di Kingdomino, ma scelgono di provare Patchwork, il gioiellino di Uwe Rosenberg per due soli giocatori. Convinto che lo avrebbero trovato "troppo difficile" (visto che come primo gioco mi hanno chiesto Il paroliere, seguito da Scarabeo) invece si sono divertite da matte e hanno voluto fare tre partite di fila. Alla fine se ne sono andate via ringraziandomi e chiedendomi dove lo potessero acquistare; un po' mi sono commosso.

La sera invece capatina veloce a casa di amici. Arriviamo sul tardi, sono quasi le ventitré, quindi non andiamo più in là di una partita veloce in cinque ad Hanabi, con il nostro solito risultato, sempre intorno ai ventipunti. Il gioco è bello, ma non sopporto quanto tutti prendano alla leggera il fatto di dare informazioni extra con gesti o frasi ammiccanti: per me è come barare e tutte le volte mi infervoro, ma niente: non mi danno retta.

International Games Day Rosengald
Pronti per l'International Games Day
Proseguiamo con King of Con, un divertente gioco d'aste umoristico fresco fresco di Kickstarter. Siamo dei nerd intenti a cercare di comprare più oggetti possibili durante una convention, con un sistema di spareggio dettato da chi ha la scimmia più forte - sistema più utile alla tematica che al gameplay a dire il vero, però in quaranta minuti il titolo si gioca e strappa molte risate. In più mi da sempre la forte idea che sia molto più gioco di quello che sembri: sono contento di averlo finanziato. 

Poi il sonno prende il sopravvento.

Domenica

La domenica io e la mia dolce metà decidiamo di passarla a casa in pigiama, visto che il tempo fa schifo e tutti e due abbiamo energie da recuperare - e cosa potevamo fare se non dedicarci a qualche partita intorno al tavolo?

King of Con partita
King of Con
Iniziamo con InBetween: prima partita per entrambi a questo gioco di carte asimmetrico per due soli giocatori dal tema vagamente (ma neanche troppo) ispirato a Stranger Things. Vinco con la città, anche se la mia ragazza dice che la creatura è troppo svantaggiata; io provo a ribadire che gli asimmetrici si valutano male dopo una partita, ma lei non cede di un passo... credo che non ci sarà una seconda partita, il gioco non mi è dispiaciuto ma non mi ha nemmeno fatto impazzire, sono contento di non averlo comprato a scatola chiusa come da progetto iniziale, soldi risparmiati  (la copia era in prestito  ). Con la vittoria ad Inbetween prima di pranzo finiscono le mie gioie domenicali.

Dopo un paio di puntate di Sabrina su Netflix ci lanciamo su l'unico gioco di Lucca comics ancora non provato , ossia 13 giorni della Cranio Creations. Lo avevamo provato a Modena e ci era piaciuto, ma poi non lo avevamo preso. Lo abbiamo recuperato a Lucca e siamo molto contenti di averlo fatto.

Ci facciamo due partite consecutive, ed entrambe le volte io come capo dell'Unione Sovietica do inizio ad un conflitto nucleare, perdendo malamente. A niente vale controllare l'Atlantico, se il tuo avversario controlla i media. Il gioco è molto bello, veloce e facile da spiegare, ma con un sacco di cose da tenere sotto controllo; la tensione restituita è davvero tanta. Amo Twilight Struggle ma, per ovvi motivi, credo che questo 13 giorni verrà intavolato più spesso.

Sempre a proposito di uno degli autori di 13 giorni (Granerud), ci diamo all'ultima tappa del nostro tour di Flamme Rouge, questa volta introducendo anche l'ultima espansione Meteo. Niente, l'ho spiegato per due Lucca comics, l'ho giocato una marea di volte, eppure questo gioco non riesce proprio a venirmi a noia: lo rigioco sempre troppo volentieri.

13 giorni partita
13 giorni
Corriamo l'ultima tappa di un tour di quattro e io mi sento forte delle mie tre vittorie nelle tappe precedenti, oltre che del minuto e dieci di vantaggio in classifica del mio passista. Riesco a sbagliare tutto e, in una corsa a sei ciclisti (grazie ai bot dell'altra espansione Peloton) la mia ragazza si piazza prima con il passista e quarta con il velocista; io invece piazzo il velocista quinto, mentre il mio rouler arriva ultimo, accumulando due minuti di ritardo sul vincitore. Contro ogni pronostico il ciclista della mia signora vince il tour. Mi consolo soltanto con la classifica di squadra, cosa che non basta a togliermi l'amaro di bocca.

Segue Civ: Carta Impera Victoria, un veloce gioco astratto di carte che vorrebbe rappresentare la civilizzazione di una civiltà (senza riuscirci) preso per pochi euro da Asmodée; è carino, non una perla ma fa il suo, e sinceramente in due lo trovo molto intrigante. Ho la vittoria in pugno ma, con una mossa inaspettata, la mia ragazza vince anche a questo il turno prima della mia chiusura.

Ormai sono demoralizzato, e allora per chiudere in bellezza Mrs. Rosengald mi dice "dai giochiamo a Lorenzo così proviamo anche l'espansione. Tanto lì vinci sempre te" (avete già capito come è andata a finire vero?)

Lorenzo il magnifico mi è sempre piaciuto molto, e ho trovato l'espansione Famiglie del Rinascimento davvero ben fatta, soprattutto le famiglie che danno poteri asimmetrici a inizio partita molto forti, che ti indirizzano su un determinato tipo di strategia da seguire; anche i nuovi leader sono molto interessanti, mentre i gettoni bonus mi sono piaciuti poco: molto casuali, li peschi e speri che ti arrivi roba interessante - in più ce ne sono alcuni molto forti (azioni extra, punti militari) e altri che fanno pena (una moneta o un servitore). In generale però l'espansione è più che promossa: dà varietà al gioco senza stravolgerlo, anche se in due forse si perde il senso di stretto che dava il gioco base da solo e i punteggi sono mediamente più alti (almeno i suoi): finisce 118 a 146 per lei, ennesima sconfitta della giornata.

Ho capito l'antifona e faccio l'unica mossa che mi sembra sensata; dopo cena andiamo al cinema, perché con la mia fidanzata è così: se non la puoi battere, portala al cinema.

Commenti

Ho avuto il piacere di conoscere Rosengald quest'anno a Lucca poiché mi ha fatto provare Flamme Rouge, ed oltre alla sua simpatia e chiarezza nella spiegazione del gioco, è subito emersa la sua profonda passione per i boardgames da come ne parlava. L'articolo che ha scritto ne è la conferma, visto il "tour de force" lucchese ed il successivo weekend alla ludoteca (ti mancava solo Essen!), a dimostrazione che se una cosa ti piace veramente, energie inaspettate arrivano in tuo supporto quando meno te lo aspetti. Ancora grazie per la demo, alla prossima.

Ho avuto il piacere di conoscere Rosengald quest'anno a Lucca poiché mi ha fatto provare Flamme Rouge, ed oltre alla sua simpatia e chiarezza nella spiegazione del gioco, è subito emersa la sua profonda passione per i boardgames da come ne parlava. L'articolo che ha scritto ne è la conferma, visto il "tour de force" lucchese ed il successivo weekend alla ludoteca (ti mancava solo Essen!), a dimostrazione che se una cosa ti piace veramente, energie inaspettate arrivano in tuo supporto quando meno te lo aspetti. Ancora grazie per la demo, alla prossima.

Eh Essen vedrò di recuperare anno prossimo XD.  Comunque grazie a te per le belle parole, davvero.

Sendo, dunque, uno principe necessitato sapere bene usare la bestia, debbe di quelle pigliare la golpe e il lione; perché il lione non si defende da’ lacci, la golpe non si defende da’ lupi.

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Rosengald&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare