Sogno di una notte di quasi estate

sogno di una notte di mezza estate

Divulgatori ludici per passione, dal nord della capitale arrivano a sconvolgere le serate in Tana col loro entusiasmo e decine di giochi da tavolo da provare. E se la buona estate si vede dal mattino... Ecco a voi il report di una serata ludica romana.

Ho giocato a...

Ebbene si cari Goblins, i "Ragazzacci ludici di Roma nord" ci hanno preso gusto ed hanno occupato, per un'intera notte, la Tana dei Goblin di Roma dell'ancora una volta disponibilissimo Elgamoth, che viene sempre incontro alle nostre, oramai frequentissime, "esigenze" ludiche.

1 Giugno 2017: In una serata romana un po' meno afosa del solito, in un giorno prefestivo dove le persone "normali" stanno in famiglia o partono per lunghi week end festosi, qui no! Qui 22 ragazzacci hanno ricoperto il ruolo di audaci cavalieri, coraggiosi astronauti, nobili famiglie fiorentine e capi di 7 fazioni alla conquista dell'Europa dell'est. Insieme ai ludici di Roma nord hanno fatto da cornice i sempreverdi grognard (giocatori di wargames ndR) per un totale di circa 33 ludici all'attivo. Rispettando lo spirito del gruppo, e grazie alla disponibilità dei membri, siamo riusciti a giocare e dimostrare ben 4 tavoli e coinvolgere nuovi e già "datati" giocatori: la socializzazione e la divulgazione ludica inizia a dare i suoi primi frutti.

Ecco i tavoli con dimostratori, giocatori e goblins:

Tavolo 1: Scythe (extended version) - Dimostratore/giocatore: Markuniv - Partecipanti: Markuniv, Marcocipriani, Kikko Bros Marco, Fabio d.M., Federico, DjangoJones, Fabio Django friend

Tavolo 2: Terraforming Mars - Dimostratore/giocatore: Djdok - Partecipanti: Djdok, Dentone, Gwindor, Temistocle, Francesco

Tavolo 3: Lorenzo il Magnifico - Dimostratore/giocatore: Alessandro - Partecipanti: Alessandro, Chiko (me medesimo), Mira, Andrea

Tavolo 4: Il Trono di Spade - Dimostratore/Giocatore: Decimalegio - Partecipanti: Decimalegio, ChiccoKappa, Rolando, Veruska, Schedar, Daniele

A seguire vari "caciaron" game per finire la serate in allegria e spensieratezza!

Scythe

Viene riproposto uno dei giochi più acclamati del momento, ma a noi non basta mai, facciamo di più: 7, e dico 7, fazioni che si scontrano per il predomino dell'Europa dell'est! Forse tra i primi a Roma a presentare Scythe in versione "extended", con plancia che aumenta il numero dei giocatori, con tutte le carte promo disponibili ad oggi, monete in metallo e risorse che sembrano davvero reali. Insomma uno Scythe che soddisfa occhi, tatto ed ardore ludico (grazie Markuniv per questo gioiello).

Battaglie in corso nell'Europa dell'Est
Battaglie in corso nell'Europa dell'Est
Come ben sappiamo il gioco è basato quasi totalmente sul controllo territoriale e viene premiato come vincitore il giocatore con più monete alla fine della partita. La fine della stessa viene "chiamata" dal momento che un giocatore posiziona la sua sesta stellina ed il punteggio viene calcolato attraverso il moltiplicatore di popolarità che tiene conto sia delle stelline piazzate, sia dei territori controllati e delle risorse su di essi. È un gioco molto facile da apprendere (grazie anche alla dimostrazione di Marco) ed in 3 ore è stata giocata una partita in 7 giocatori.

La conquista del territorio inizia con un'attenta fase di studio dove le battaglie pare tardino ad arrivare, ma manca poco per impugnare le armi: mech ed eroi (capo fazione) sono pronti ad epiche conquiste. Le risorse sono l'unica fonte di sopravvivenza per le varie azioni del gioco (movimento, produzione, supporto e commercio) e da qui iniziano serrate battaglie: i Polani (bianchi), condotti da Marco, si sbilanciano ed iniziano ad attaccare e macinare punti e stelline. Indimenticabile la battaglia per ben 3 risorse di cibo contro i Sassoni (neri), condotti da Fabio, che cedono il passo agli avversari più agguerriti ed affamati. Inarrestabili i Polani che sferrano un doppio attacco ai Sassoni di nuovo per il grano e, di nascosto, per immersione, attaccano i Nordici (blu) di Federico per la conquista del metallo.

Nonostante la regola dica che il dimostratore non vinca mai, stavolta Markuniv, con i suoi Polani, raggiunge ben 86 punti con un distacco di circa 30 dai Nordici arrivati secondi. Un plauso speciale a DjangoJones che non molla mai. Che dire, già la versione base rendeva il gioco brillante, immersivo, dinamico, bello da vedere e giocare: con questa mega espansione il tutto è moltiplicato per 10. Giocone!

Terraforming Mars

Non poteva mancare uno dei giochi più "chiacchierati" del momento (forse per la sua edizione italiana appena arrivata in commercio), ecco quindi: Terraforming Mars. Grazie alla perfetta spiegazione di Djdok nel doppio ruolo di dimostratore/giocatore (che fatica!), i 5 players prendono il comando di 5 corporazioni che entrano in gioco per trasformare il Pianeta Rosso in una zona abitabile in quanto la Terra è al collasso. Si sfruttano le tecnologie innovative per stabilizzare la temperatura, creare un’atmosfera respirabile e realizzare oceani d’acqua, quindi che dire ancora: che il processo di terraformazione abbia inizio! Scappate terrestri, che solo su Marte sta per regnare la vita.

Un pianeta rosso tutto da terraformare
Un pianeta rosso tutto da terraformare
Le carte la fanno da padrona in questo gioco, che alla sua uscita è subito balzato ai piani alti della classifica di boardgamegeek. Molto piacevoli da vedere i cubetti colorati che fungono da risorse ma quelle plance scivolose? Nessun problema: in nostro aiuto arrivano le plance homemade di Djdok che permettono ai cubetti di non scivolare in continuazione! Ah questi ragazzacci, fanno di tutto per giocare nel migliore dei modi.

Bando alle ciance: la terraformazione risulta per tutta la partita tesa ed equilibrata. Le 5 corporazioni si son dati battaglia fino all'ultimo e la partita è stata vinta da Edoardo/Dentone di un solo punto vittoria su Djdok. Sorpresa della serata Mario/Gwindor che, ultimo sul segnapunti per tutta la partita che, grazie alle sue colture di batteri, alla fine ha scalato due posizioni arrivando terzo. Ottimi apprezzamenti da parte di tutti, promosso a pieno voti.

Lorenzo il Magnifico

Mamma mia ragazzi, non ci facciamo mancare nulla qui! Si va anche nella Firenze rinascimentale, laddove ogni giocatore è il nobile a capo di una famiglia fiorentina. Obiettivo? Guadagnare fama e prestigio in città.

Bel german genuino questo Lorenzo il Magnifico: semplice meccanica di piazzamento lavoratori e scelta di carte che, con combo, produrranno una grande varietà di sviluppi e bonus. Ma occhio al Vaticano e ai malus che condizioneranno l'intera partita se non vengono rispettati i favori della Chiesa. Anche i tre dadoni hanno un ruolo fondamentale: determineranno il valore delle scelte dei nobili, per accumulare e utilizzare risorse con lo scopo di sviluppare il proprio feudo.

I nobili gialli capeggiati da Andrea partono subito in quarta: combo a raffica, carte gialle sulla plancia personale pronte a scattare in altre combo, Firenze sembra ormai tutta gialla ma lì, nascosti in un'angolino, sotto traccia, agiscono i nobili blu del vostro narratore Chiko, che punta soprattutto sulle carte viola (che permettono di calcolare e guadagnare punti vittoria a fine partita). Arrancano risorse e monete in continuazione, ma, con un calcolo certosino, si punta all'ultima carta viola da 8 punti vittoria e...

E si vola nella Firenze dipinta di blu, Chiko è il vostro nobile vittorioso! Con un buon distacco dai rossi di Mira che non hanno mai mollato. Sono di parte, un german ben fatto, tante cose da tenere sott'occhio (punti Vaticano, punti "scudo" e le varie carte bonus), materiali non eccelsi ma fanno il loro dovere, interazione presente tra i vari giocatori: merita tutti i premi assegnati. Super promosso!

Il Trono di Spade

A Westeros è sempre tempo di intrighi e complotti
A Westeros è sempre tempo di intrighi e complotti
Dopo una esaustiva, ma necessariamente lunga, spiegazione per i neofiti comincia la contesa per il Trono. E si parte subito con un classico duello mare/costa Greyjoy/Decimalegio contro Lannister/Rolando, nel quale sembra avere la meglio il Kraken. Ma è solo fuoco di paglia, perché nella disputa si intromette lo Stark/Daniele che giura amore eterno a Cersei e ben presto gli uomini di ferro sono costretti alla ritirata. Passano tre turni in cui, tra attacchi dei Bruti e aste per il potere, tutte le casate si fortificano, tranne, appunto, i re di Pyke e Lannisport che continuano a punzecchiarsi per un misero barile e un castello in rovina. E nessuno si accorge che al sole del Sud nasce il "patto di sangue" tra Vipere e Cervi che in pochi turni fagocitano mezza mappa (con relativi castelli, corone e barili) costringendo all’angolino il povero Tyrell/Schedar, troppo intento a curare le rose del giardino di casa.

Dopo un cambio regime in casa Baratheon, Lannister/Rolando e Greyjoy/Decimalegio, consci del pericolo, firmano l’armistizio e iniziano a fronteggiare: il Leone la minaccia dal sud, il Kraken la sfida dei ghiacci. Ma ormai sembra tardi: il Martell/ClaudioKappa è quasi alle porte di Altogiradino, e il Baratheon quasi dentro Lannisport (dove si consuma il secondo cambio regime della serata). E quando il Greyjoy/Decimalegio prende possesso di Grande Inverno, la profonda notte è ormai arrivata e la partita viene archiviata... ma il gioco del Trono è appena iniziato!

Dopo le fatiche ludiche, mega mischione dei tavoli appena conclusi e inizio dei più rilassanti "caciaron" game.

Kingdomino

Candidato come gioco dell'anno 2017, è un gioco di piazzamento tessere rapido, geniale e per tutta la famiglia. In 20 minuti fatte 2 partite. Materiali semplici ma ottimali. Consigliatissimo. Per la cronaca prima vittoria mia (ragazzi che serata) e seconda di Andrea.

Stone Age

Stone Age: un grande classico che non sfigura mai
Stone Age: un grande classico che non sfigura mai
Ovviamente un gioco talmente famoso che sarebbe riduttivo descriverlo. Inserito nei "caciaron" solo perché giocato in 2 (me e Andrea) ed è risultato molto rapido. Vittoria schiacciante ed umiliante di Andrea (ludici miei, mi ha massacrato!).

King of Tokyo

E per finire: botte da orbi in una Tokyo illuminata dalla luna con mega mostri che si tirano zampate a destra e a manca. Il mostro vincitore è il cyberpunk Pinguino di Djdok che, sotto traccia, ha raggiunto le sue 20 stelline vittoria.

Che dire: super serata, bellissimi giochi da tavolo, giocatori nuovi e non, sempre gentili, disponibili e super seri nell'organizzazione dei tavoli. Non potrei chiedere di meglio da questo matto gruppo ludico. Un ringraziamento speciale ad Elgamoth che ci ospita e crede in questo gruppo che ha come obiettivo il giocare, divulgare e socializzare. Ringrazio i dimostratori che hanno dato la loro totale disponibilità organizzativa e tutti i giocatori che hanno partecipato, che sono il vero cuore, il vero motore delle serate ed eventi: senza di loro non si realizza nulla. GRAZIE!

Forza ragazzacci, siamo solo agli inizi, la socializzazione e la divulgazione ludica avanza inesorabile in quel di Roma nord (ovest)!

Ciaooooo Goblins

Commenti

Grazie mille Goblins per questo spazio...dopo 6 mesi di aggregazione ludica in 8 ludici ora siamo in 288. La voglia di giocare, socializzare e divulgare é tanta. Ringrazierò sempre chi crede in questo gruppo e a tutti i ludici....non ci si ferma :) aspettatevi altre novità. Grazie a tutti.

Come gira Scythe in 7? Ho paura che possano esserci troppi tempi morti, sebbene i turni siano veloci. Di sicuro conviene giocarci solo se tutti e 7 già conoscono bene le regole. Comunque è sempre un piacere immenso leggere di questi eventi, dove si fanno tanti giochi fantastici!

Tana dei Goblin Brescia

"Se riconosci subito il mio nickname, significa che hai giocato al videogioco più bello di sempre"

Ho avuto il piacere di partecipare ad un trono di spade veramente intenso! Alleanze e voltafaccia danzavano su una goblinesca Westeros fino a notte inoltrata :)

Daje!!!

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare