Rank
320

Betrayal at House on the Hill

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 6,89 su 10 - Basato su 111 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2004 • Num. giocatori: 3-6 • Durata: 60 minuti
Sotto-categorie:
Thematic Games

Recensioni su Betrayal at House on the Hill Indice ↑

Articoli che parlano di Betrayal at House on the Hill Indice ↑

  • idra a sei teste
    Approfondimenti
    | 7 commenti
    Progetto ABC del Gioco : continuiamo con i consigli in base alla scalabilità. Oggi i giochi per 6 giocatori, organizzati in fasce di difficoltà.
    Autore:
    Agzaroth
  • Goccia d'acqua
    Approfondimenti
    | 2 commenti
    Ambientazione e Meccaniche #2 di 3: come si può rendere i giocatori partecipi dell'esperienza che un gioco vorrebbe far loro provare? Semplice: scegli un tema adeguato, integralo con le meccaniche, bilancialo con il gameplay.
    Autore:
    Agzaroth
  • Insoddisfazione
    Approfondimenti
    | 5 commenti
    Soddisfazione e Insoddisfazione nel Gioco #1 di 2: nella progettazione di un gioco da tavolo è fondamentale considerare aspetti che possono rendere insoddisfatti i giocatori (es.: eliminazione diretta, complessità e eccesso di regole ecc...
    Autore:
    noise42
  • [TdG Perugia] Ieri ho giocato @ La City
    Ho giocato a...
    | 3 commenti
    Amici Goblin e Goblinesse, Ascoltate del Fedellow le gesta indefesse! A lottar con dadi spaziali Per la conquista degli orbitali, Per poi morir per mano D'un traditore disumano!
    Autore:
    Fedellow

Eventi riguardanti Betrayal at House on the Hill Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Betrayal at House on the Hill: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Betrayal at House on the Hill Indice ↑

Video riguardanti Betrayal at House on the Hill Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Betrayal at House on the Hill: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
34929
Voti su BGG:
23467
Posizione in classifica BGG:
365
Media voti su BGG:
7,14
Media bayesiana voti su BGG:
6,96

Voti e commenti per Betrayal at House on the Hill

8

Da appassionato di horror e dungeoncrawl non posso non apprezzare questo gioco.
Sì, ha le sue pecche purtroppo, la più grave secondo me è lo scarso playtesting cui il gioco è stato sottoposto; certo, non è un problema da poco ed oltretutto è davvero fastidioso dover correggere i tanti piccoli errori/dimenticanze presenti nei manualetti e dover ricorrere alla FAQ per chiarire i dubbi presenti in molti degli scenari... Comunque la Avalon Hill ha messo a disposizione online i due manualetti degli scenari riveduti e corretti.
Però non mi sento di svalutare un gioco che - sempre secondo me - gode di una meccanica originale e di una atmosfera davvero fantastica. Praticamente sono 50 giochi insieme - ogni scenario ha le sue regole e le sue modalità di vittoria e sono tutti tratti da pietre miliari della letteratura horror, ottimamente reinterpretati per il gioco.

E poi come ho scritto all'inizio io per i giochi horror e per i 'dungeoncrawl' ho un debole... e questo incarna entrambi, quindi ammetto di essere un po' di parte...! :)

P.S.: ho messo online qui sulla Tana una nuova versione dei due manualetti degli scenari, riveduti e corretti. Spero questa volta di aver ottenuto un risultato abbastanza completo ed attendibile.

Non Cogito, Ergo Digito.

5

Longevità 1 - Se non vi stancate dello schema ripetitivo di gioco la varietà di 50 scenari incuriosisce

Regolamento 1 - A parte le lacune il regolamento è semplice.

Divertimento 0 - La strategia è veramente marginale. Si viene semplicemente trascinati dalle carte che si pescano a caso in stanza pescate a caso e che si risolvono praticamente sempre senza compiere alcuna scelta tirando dei dadi (quindi a caso). Mi sarebbe piaciuta, per esempio, la possibilità di scegliere se e come affrontare gli eventi, anche solo la possibilità di scappare (con un tiro velocità o sanità a seconda dei casi) o affrontare l'ostacolo che ci si para davanti. Tutte le partite si sono sempre risolte da sole (nel bene o nel male) senza che qualcuno abbia potuto veramente compiere qualche mossa degna di nota. Frustrantissimo. Può giusto essere utilizzato per NARRARE avventure interattive per "terrorizzare" bambini.

Materiali 2 - Veramente grandiosi! Miniature particolareggiate e ben dipinte, schede personaggio molto personalizzate e differenti, di forma PENTAGONALE, con clip plastiche per segnare gli attuali punteggi (comodissime). Tessere stanza particolareggiate nei dettagli e non ripetitive come spesso accade. Carte scritte con testi ispirati (anche se, purtroppo, li noti solo la prima volta che li leggi). Scenari di ogni tipo (qualcuno magari un pò insulso) visti da 2 diversi punti di vista. Favoloso!

Originalità 1 - Solo per l'atmosfera delle prime partite e la varietà di scenari

Purtroppo il totale fa 5.
Comunque sto già pensando di unirci le pedine di Zombie (altra ca...volata) e farci un gioco più movimentato.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

6

Dato che mi piacciono le ambientazioni horror-style e sotto questo profilo il panorama boardgames non offre quasi nulla a parte il vetusto (e fra poco ripubblicato) Arkham Horror, ero decisamente incuriosito da questo titolo che ho avuto modo di provare a Orte. Che dire? Non mi è dispiaciuto, ma certamente non è un gioco che mi fa gridare al miracolo, anche se non mi rifiuterei a priori di rigiocarlo, magari in un'occasione non adatta a giochi più profondi e complessi.

Il gioco di per sé è abbastanza semplice, e trovo assai interessante la struttura in due fasi, la prima dedicata all'esplorazione e potenziamento degli esploratori, fino al momento chiave in cui si rivela il traditore e la vera missione. Questa struttura riesce in modo efficace a integrare l'ambientazione nel gioco, dando quel pathos che troppo spesso manca nei giochi degli ultimi tempi e che peraltro non è facile realizzare in un gioco horror. La disponibilità di un numero davvero elevato di "casi", che dipendono da numerosi fattori, dà a questo titolo un alto valore di replay che comporta partite sempre, o almeno spesso, differenti, sia in termini di obiettivi, sia per quanto riguarda ovviamente il cattivo di turno. E naturalmente, non è difficile, una volta esauriti i casi, inventarne di nuovi personalizzati...

Ci sono tuttavia delle note dolenti che non possono essere trascurate. A parte la quasi totale inutilità dei segnalini fin troppo uguali (nonostante le forme) fra i quali trovare quello necessario diventa un'impresa al limite dell'impossibile, va detto che il tutto segue dei binari abbastanza casuali e al di fuori delle possibilità di gestione strategica da parte dei giocatori. Molto, se non tutto, dipende dal lancio dei dadi e dalla pesca delle carte giuste, quindi è sostanzialmente impossibile pianificare una strategia di gioco che possa essere definita tale. Alla fine, si ha la sensazione di non avere scelte, la sola cosa che si può fare è esplorare, sperare di trovare le cose utili per il caso in questione, e rollare i numeri giusti con i dadi quando serve, cioè quasi sempre. Questo è un peccato, poiché certamente la struttura che risulta efficace per quanto riguarda l'ambientazione, alla fine è un po' deludente sotto il profilo del gioco, nonostante i tanti casi diversi a disposizione.

THE GOBLIN JR v.2
Another (Real) Goblin Prince
If you don't like me, ask to my big brother...

5

Un giochino carino con delle idee interesaanti, ma che alla fine si riduce ad una sorta di Dungeonquest horror. Forse sarebbe stato meglio se il traditore fosse stato segreto.
Giocato: pochissimo
Grafica/Materiali: 4
Longevità: 2
Divertimento: 1
Originalità: 2
Voti da 0 a 5 - Giudizio finale - personalissimo - espresso su una scala di valori che comprende tutti i giochi e la loro valenza storico sociale.

Lobo Quando si gioca si combatte per un punto, massacriamo di fatica noi stessi per un punto, ci difendiamo con le unghie e coi denti per un punto, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei punti il totale farà la differenza!

5

L'idea di fondo è carina: una missione affrontata da due punti di vista diversi, in cui le due fazioni non sono a piena conoscenza delle informazioni note all'altra. Ci sarebbe potuto venir fuori veramente un bel gioco, grazie anche all'ambientazione interessante e alla buona componentistica (a parte quel mare di stupidi tassellini...), il problema è che - come già in molti hanno fatto notare - tutta la prima fase (anche buona parte della seconda in realtà) è completamente governata dal caso: la strategia per vincere è avere fortuna nel pescare le stanze e le carte giuste e avere fortuna nei lanci di dado, per di più può capitare che la partita si concluda e qualche giocatore non abbia neanche avuto parte attiva nel gioco.

A dirla tutta si deve aver fortuna anche con lo scenario che capita: si può trattare di qualcosa di divertente, stimolante e originale, come di una storiella poco più di un espediente.. se ci si aggiunge che il "povero" traditore potrebbe avere dubbi sulla sua parte di scenario, senza poter chiedere chiarimenti, credo di poter concludere che questo gioco è solo l'ombra di ciò che avrebbe potuto essere.

A lot of games become boring or simplistic once you’ve mostly "solved" them - a game that opens itself up to more strategy with repeated play is a rare treasure.

5

Ho trovato questo gioco piuttosto insensato. Dopo un po' che tutti girano per la casa, un personaggio impazzisce e si separa dal gruppo. Non trovo affatto intrigante che tutti sappiano chi è il giocatore nemico...

4

Sottoscrivo il giudizio di Magilla. Ci ho messo buona volontà ed entusiasmo iniziale, mi sembrava molto coinvolgente, mi ha richiamato una versione da tavolo di videogiochi come "Alone in the Dark" sui quali da giuovincello passai delle ore... Quindi prima mezz'ora di gioco bella, ma dal tradimento in poi perde tantissimo. Meno fascino, diventa un tutticontrouno senza molto senso, non è profondo, è troppo legato alla fortuna. Magari ci rigiocheremo, ma non credo che possa arrivare alla sufficienza, per me.

bravi tutti

5

Gioco dall'ambientazione coinvolgente, almeno nelle intenzioni iniziali.
Comunque simpatico ed originale per l'idea del traditore.
Però si sviluppa in maniera un pò ripetitiva, sempre questo vagare e cercare oggetti per rinforzarsi.
Ma il traditore vince mai?!

The Eagle Goblin

8

L'ho trovato un gioco gradevolissimo... E' vero, avrà il regolamento che fa un po' acqua da qualche parte... ma le cose che me lo fanno valutare così bene sono:
- la facilità di comprensione delle regole base per chiunque (comprese ragazze alle prime armi con i boardgames);
- l'originalità di avere due giochi diversi nello stesso gioco (la prima parte di esplorazione e poi il tutti contro uno quando si scopre il traditore)...
- l'ambientazione e i materiali particolarmente gradevoli...
Di negativo, a parte il già citato regolamento (nella parte mostro-gruppo), direi che c'è comunque un fattore fortuna che pesa un po' sul gioco... soprattutto sull'evento che fa scattare la seconda parte (potrebbe accadere una situazione favorevolissima per il traditore o al contrario particolarmente sfortunata)...

detto ciò, comunque, trovo che gli aspetti positivi surclassino ampiamente quelli negativi!

Win if you can, lose if you must, but always... CHEAT! - Jesse "The Body" Ventura

7

A me il gioco è parso molto carino. Naturalmente è ideale in quelle serate in cui si ci vuole dedicare ad un gioco poco impegnativo.
Le regole hanno qualche "buco" ma il gioco è molto rapido anche se la componente fortuna è determinante!
Io lo consiglierei

6

I materiali sono di buona qualita', le illustrazioni ottime e "colorate", il ritmo di gioco piacevole e le situazioni che si vengono a creare divertenti anche se spesso bislacche.

Il principale difetto di questo titolo e' rappresentato dall'eccessiva quantita' di Errata che obbligano al necessario ausilio di FAQ e correzioni. Un maggiore attenzione in fase di betatesting ed un affinamento del sistema di gioco avrebbero indubbiamente garantito una valutazione ben superiore. La sua leggerezza e la sua dipendenza dalla fortuna, piu' che difetti, rappresentano quelle caratteristiche che sono un po' elemento distintivo di tutti i giochi "Talisman like".

Consigliato senza riserve agli appassionati di horror e di titoli quali Zombies, Talisman e Dungeonquest. Sconsigliato a chi predilige i German Games e, piu' in generale, i titoli che necessitano tattica e ragionamento.

8

il gioco ha delle bellissime componenti, miniature colorate e tabellone in cartoncino "lussuoso".
Nella scatola sono presenti mille tassellini, dadi, e carte patinate.
Le meccaniche sono semplici, si impara a giocare in 5 minuti e il gioco è piacevole, veloce, nessun giocatore rimane inattivo per troppo tempo. Il gioco si pone nella fascia dei "coperativi" e alla fine a vincere è il traditore o il gruppo. Questo fattore potrebbe far storcere il naso ai giocatori che cercano "competitività" e "agonismo". E' un gioco lontano anni luce dagli strategici impegnativi. Betrayal è una piacevole partita easy e tranquilla con amici.
Con i miei amici mi sono divertito sempre molto indipendentemente dal fatto che vincessero gli eroi o il traditore.
Per giocare sono INDISPENSABILI le traduzione degli scenari, delle carte, le FAqS e il regolamento che si posso scaricare nella sezione Download della Tana dei Goblin (a proposito grazie mille :))

come unico punto negativo posso dire che il gioco varia MOOOLTO in funzione dello scenario che si gioca, delle tessere tabellone che sono state scoperte e dagli oggetti che sono stati pescati.
Può succedere che taluni scenari siano semi impossibili perchè magari gli eroi devono andare nelle cantine a cercare un oggetto o una stanza e quel pianpo deve essere ancora completamente esplorato, o può succedere che nel momento della rivelazione dello scenario, gli eroi abbiano già il 75% degli oggetti che gli servono per "impedire l'obbiettivo del traditore".
Ho giocato diverse partite, e tutti gli scenari però sono risultati spassosissimi.

in complesso veramente un bel gioco...

6

Gioco perfettamente ambientato alla Resident Evil, le miniature colorate sono piacevoli, la grafica delle stanze molto ben curata. Ottima l'idea del mistero sempre differente da scoprire con l'inevitabile traditore...ciò che manca a Betrayal è semplicemente il gioco: l'ambientazione crea suspence, le meccaniche la distruggono rapidamente... e poi a cosa servono tutti quei segnalini?!!

The (Real) Panda Goblin!
A Roma, la serata ludica è
//nuke.goblins.net/spaw/images/lib3/ilGoblinSulComo_banner.jpg)

6

Nessun commento

7

Onestamente non è male come gioco. Forse l'appunto che si può muovere all'impianto di gioco, è che è a tratti lento. A me piace anche abbastanza. Agli altri miei amici non è piaciuto particolarmente...

7

Bell' horror con buone meccaniche di gioco, peccato per la scelta dei casi a "capitoli" non proprio comoda per i giocatori.

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=theclapofonehand&numitems=10&header=1&text=title&images=small&show=hot10&imagesonly=1&imagepos=right&inline=1&showplaydate=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

7

Nessun commento

5

Molto dipendente dalla fortuna. Si lascia giocare, certo, ma è impossibile pianificare una qualsiasi strategia. Gli scenari alla fin fine tendono ad assomigliarsi un pò tutti anche se alcuni vuoi per il soggetto cinematografico al quale si ispirano, vuoi per gli obbiettivi, risultano più efficaci e interessanti di altri. L'atmosfera horror è resa solo in parte. Si è fatto un gran parlare della dotazione del gioco, personalmente la trovo vergognosa: mucchi di pedine cartonate riportanti la scritta delle creature che infestano la tetra magione. Mi aspettavo dei segnalini illustrati visto che la "buona" AH si è preoccupata di infilare nella scatola le miniature dipinte (male) degli esploratori della casa. Concludo, consigliando questo gioco solo ai fanatici del genere horror.

Vivo in un mondo dominato dall'informe, dall'improbabile, dal metafisico, dal surreale!

8

Personalmente mi è piaciuto molto.
Il gameplay permette di giocare ogni volta una partita diversa, rivelando, nelle varie stanze, eventi sempre differenti.
Gli scenari sono molti, anche se, alla fine, hanno quasi sempre lo scopo di eliminare il traditore.
Trovo molto bella la grafica ed i materiali, peccato per le carte che non possono essere imbustate.
Il fattore fortuna lo influenza molto, ma lo rende anche abbastanza longevo, vista la durata relativamente breve delle partite.
Il regolamento non è molto chiaro, tanto da rimandare a volte alle faq, ma dopo qualche partita tutto viene automatico e si procede senza grossi intoppi.
Il prezzo è un pò altino, ma viene, secondo me, compensato dalla qualità e quantità di materiali.
Peccato per i segnalini: sono tanti ma quasi tutti hanno un testo su sfondo nero...alla fine si prende il primo segnalino che capita sotto mano pur di non stare a perdere tempo a cercare quello specifico...magari poteva esser fatto qualcosina di più.

7

Gioco divertente per serate non impegnative, consigliato a chi ama giochi in stile Talisman o Heroquest. L'ambientazione è molto intrigante. Se non ci si stanca di giocarlo prima, forse richiede uno sforzo di inventiva per nuove ambientazioni dato che il numero di queste è limitato.

"Ciò che si fa in tutto il periodo intermedio, della ragione e della riflessione, è come una linea stretta che si diparte dall'immensità oscura e vi fa ritorno". ( J. Michelet, Le Peuple )

7

Ho fatto una sola partita, ma mi sono divertito. Forse le regole per gli scenari potrebbero essere scritte meglio.

5

Dopo un primo impatto positivo (dovuto principalmente alla grafica molto curata e alle descrizioni "a tema") ho dovuto rivalutare il gioco. Gli scenari proposti sono cosi' tanti e cosi' dipendenti da un alto numero di fattori che e' fin troppo facile, per una delle due parti, essere in netto vantaggio rispetto all'altra al momento della rivelazione dello scenario. Questo, unito al fatto che alla fine diventa un "uno contro tutti", porta ad un senso di impotenza perche' spesso si vince (o si perde) senza meriti (o demeriti).
Tutto questo condito da regole che devono essere rappezzate da FAQ perche' incomplete o poco chiare.
In definitiva (visto poi il prezzo) NON comprate questo gioco, aspettatene una seconda edizione (se mai uscira').

6

Un gioco che poteva dare molto di più. Pezzi e feeling delle carte ricreano perfettamente lo stile degli horror movies di serie B, con molte chicche e citazioni. Certamente la componente degli scenari sempre diversi (una 50ina, molto divertenti) lo rendono vario ma uno scarso beta testing in fase di pubblicazione lo ammazza del tutto. Spesso abbiamo piantato la partita alla fine per stallo o perchè qualcosa non funziona (tipo un mostro troppo lento per raggiungere e uccidere i malcapitati eroi). Inoltre orribile la scelta di tutti questi segnalini e sopratutto le tessere dei personaggi si rovinano utilizzando le clip di plastica, una seccatura.
Troppi errori, inconguenze e trascuratezza generale (bella la tessera sbagliata sul retro) lo rendono dispersivo. Nonostante tutto per partitelle spensierate rimane godibile, semplice nell'utilizzo (l'atmosfera ricreata da casa dell'orrore è il lato più riuscito) e le Faq sopperiscono le numerose falle. A tal proposito è valido riempitivo per una serata o per intrattenere i giocatori occasionali.
Francamente spero in una nuova edizione, bella tosta, riveduta e ricca.

7

altro giocone pieno di accessori, mi piace il genere, avrebbero dovuto playtestarlo di più a mio parere

Il pessiminsta è colui che trova sempre delle difficolta nelle opportunità.L'ottimista è colui che trova sempre delle opportunità nelle difficoltà.

7

Nessun commento

Tolle

7

Nessun commento

7

Premesso che non sono mai stato un estimatore del genere horror; che apprezzo molto i giochi in cui esiste una qualche forma di cooperazione tra i giocatori; e fermo restando che è molto influente -anche se non dominante- la dea bendata, credo che Betrayal sia uno dei titoli più appassionanti ai quali ho giocato recentemente.

L'atmosfera, sia durante l'esplorazione della casa che nel corso dello Scenario, è notevole.
La scelta di utilizzare tassellini molto spartani per rappresentare scale segrete, mostri e quant'atro non mi disturba affatto: sono anzi convinto che giovi all'immedesimazione, visto che troppo spesso i giochi da tavolo propongono rappresentazioni "oggettive" dei nostri incubi, con il risultato di immeschinire e depauperare la creatività di ciascuno.
Credo che nella nostra mente ci siano zombi, banshee ed ombre molto più terrificanti di quelli che un ottimo illustratore riuscirebbe a ricreare su un piccolo segnalino... ma questa è una mia personale presa di posizione.
Valutate la possibilità di acquistare qualche vaschetta (anche quelle per viti e chiodi vanno benissimo) altrimenti i tassellini così simili tra loro saranno la dannazione della vostra anima.

La fortuna, come ribadito da tutti, è influente: ma siccome Betrayal non è un german-game, né un gioco di strategia, né un gioco di piazzamento, credo che l'intervento del fato (dal lancio dei dadi, alla generazione della casa, alla determinazione dello scenario) sia funzionale all'atmosfera da brivido...
Attenzione a demonizzare un fattore strutturale di certi tipi di giochi: jo non ritengo che il giocatore sia in balia degli eventi dal principio alla fine, ma l'imprevisto è sempre in agguato -e talvolta il destino sa essere crudele.
Risiko, quello si che è un gioco totalmente dominato dal caso -e per questo frustrante.

In molti hanno puntato il dito contro il regolamento lacunoso ed una fase di playtesting presumibilmente frettolosa; secondo me, questo è vero solo in parte.
E' vero che le FAQ sono indispensabili -e questo non è certo un punto di merito per nessun gioco!
E' vero anche che gli scenari possono essere sbilanciati in favore dell'una o dell'altra parte, anche in base a come sono state pescate le varie stanze della casa.
Ma devo dire che è soprattutto la traduzione italiana dei libri degli scenari a lasciar molto a desiderare: omissioni, approssimazioni ed errori sono disseminati ovunque; il raffronto con il testo inglese è troppo spesso indispensabile per comprendere passaggi che in italiano sono privi di significato, ed altresì risolve la maggior parte dei dubbi.
Quindi: purtroppo, la conoscenza dell'inglese rimane molto importante all'interno del gruppo di giocatori; soprattutto per il Traditore, che basandosi sulla sola traduzione italiana potrebbe rovinare il gioco a tutti gli altri!

Infine, un appunto sul numero di giocatori: il gioco ne consente da tre a sei; in genere, un numero più elevato permette maggiore interazione e divertimento. Nel caso di Betrayal, però, ho l'impressione che la partita riesca più succosa con tre/quattro giocatori... A numero pieno, infatti, i turni si dilatano parecchio (e il downtime lievita di conseguenza); al tempo stesso, gli Omen vengono pescati molto velocemente, e lo scenario rischia di partire prima che si sia pescato un numero interessante di Item, e di risolversi lasciando a tutti la sgradevole impressione di aver giocato poco...

In conclusione: gioco originale, di grande atmosfera, che consiglio a giocatori interpretativi o di estrazione "ruolistica". Se Puerto Rico (che pure ritengo un capolavoro!) è la colonna portante della vostra alimentazione, forse è meglio che ne stiate alla larga... :)
Ma se vi emoziona l'idea che la batteria della vostra torcia elettrica finisca, proprio quando state cercando la via d'uscita dal sotterraneo, e mentre udite le grida dei vostri compagni che al piano di sopra vengono massacrati da qualcosa che -presto o tardi- verrà a cercarvi... allora considerate seriamente l'acquisto!

Aggiornamento al commento precedente:
Dopo una trentina di partite giocate con diversi giocatori, continuo ad apprezzare BAHOTH; per la sua semplicità ed immediatezza viene evocato molto spesso in chiusura di serata, per scaricare la tensione accumulata nelle sfide più impegnative e regalare qualche brivido -o qualche risata.

"A parte l'uomo, tutti gli animali sanno che lo scopo principale della vita è godersela".
Samuel Butler

7

Componenti: 6 Personaggi carini, tanti tanti segnalini....TROPPI...alla fine ci si perde a cercare le cose.

Regolamento: 7 Alcuni scenari richiedono la visita al sito internet dell'AH per qualche chiarimento e il tutto è rigorosamente in inglese.

Strategia: 6 Si cercano indizi, si potenziano le armi, si assoldano nuovi alleati....alla fine uno impazzisce ed inizia il gioco "uno contro tutti".

Flessibilità: 7,5 Godibile con tutti e fino a 6 giocatori....ogni tanto l'ho dovuto evitare per la lingua inglese molto "invasiva".

Longevità: 7 Con 50 scenari, vi stancherete prima di provarli tutti!

TOTALE: 6,7 Divertente per passare una serata.

3

Tiri il dado e non speri nemmeno, in alcuni casi non serve..

Sempre cialtronamente e ludicamente vostro.
Fiburga
Eh si.. la vita è dura...
(sdp)

9

Nessun commento

Gli Orki non perdono mai una battaglia
ze finciamo fuol dire ke abbiamo finto,
ze muoriamo ziamo morti kuindi non konta kome zkonfitta,
ze zkappiamo via e non ziamo morti, fuol dire ke pozziamo zempre tornare.
FEDI KE HO RAGIONE ! ! !

7

Nessun commento

6

Una delusione. I materiali ci sono, il regolamento è piuttosto semplice. Arrivato il momento più importante, quello del tradimento e della successiva caccia il gioco perde di fascino e diventa molto meccanico. Peccato.

5

Nessun commento

7

Simpatico e collaborativo. Va preso un po' alla leggera.

Looka

"...dammi la castita' e la continenza, ma non subito subito..." (S. Agostino)

7

questo gioco può essere una delusione o un gran divertimento a seconda di come lo si gioca. Per chi si avvicina con lo spirito del giocatore di ruolo è molto divertente. Il divertimento non sta tanto nel vincere perchè alla fine la fortuna può distruggere anche la migliore strategia, ma nell'immaginarsi lo svolgersi della partita come un vero film horror di serie b. E' come vedere un film interattivo in cui le scelte dei giocatori influenzano la trama e la conclusione e se ci si immedesima si comincia a parlare e sparare battute cinematografiche citando questo o quell'altro film. Anche chi viene ucciso a metà gioco può sempre aiutare il traditore quindi non si annoierà di certo. Alla fine nel mio gruppo si sono divertiti tutti indipendentemente da chi ha vinto o chi ha perso, perchè ripeto: il divertimento in questo gioco è scoprire cosa succederà e come andrà a finire la trama. Cosa sta succedendo alla mia ragazza? é da un po che blatera parole senza senso, dice di aver sentito come un piccolo morso... Perchè è scappata urlando qualcosa sul cibo degli insetti? E il professore cosa ha visto in quel laboratorio da spaventarlo in quel modo? Dov'è finito il ragazzino che era qui un attimo fa? e cosa sono questi scricchiolii e romori come di...insetti giganti?

PS: abbasso il voto da 8 a 7 per i seguenti motivi:
1)I segnalini meritavano almeno un piccolo disegno per essere distinti. Meglio ancora se riuscite a sostituirli con miniature di altri giochi.
2) è indispensabile scaricare dal sito della Avalon Hill FAQ e scenari rivisti e corretti.

8

Bella grafica e ambientazione horror, bei materiali. Giocato con la giusta atmosfera - musica e luci soffuse - rende decisamente molto e cala i giocatori in una buona atmosfera horror. Troppi segnalini, però, da smistare prima e volendo sostituire con miniature per rendere il tutto più bello.

For the fondamental truth, self-determination of the cosmos is the suede that mows like a harvest

7

Un gioco ben fatto dal punto di vista dei materiali (se non fosse per gli 800.000 segnalini praticamente inutili che richiedono ore di ricerca), ma carente nel regolamento e nelle meccaniche di gioco. La sorte ha un ruolo preponderante, creando scenari in cui il Traditore perde quasi subito o viceversa riesce a massacrare gli Eroi facilmente. Inoltre i vari scenari sono spiegati abbastanza male e danno una netta sensazione di non essere stati testati accuratamente (anche nella versione revisionata scaricabile sul sito della Wizards of the Coast). Gioco evocativo da giocare come passatempo, senza badare troppo a strategie o simili.

7

Una sola partita fatta il gioco sembra carino e con un buon Background,forse per ragazzi più giovani,ha molte meccaniche da gioco di ruolo,nella prima fase del gioco in pratica si cerca di avanzare il più possibile di "livello"nella seconda parte si scopre il traditore che può o meno risvegliare mostri seguaci o diventare lui stesso un mostro e di base o si fugge e si cercano altri obiettivi o si cerca di ucciderlo...abbastanza vario

6

Questo gioco va preso per il verso giusto: bisogna calarsi nella parte, giocare con la giusta atmosfera e aspettarsi di tutto. Il problema sono i molti bug che affliggono il gioco, faqda scaricare, tessere sbagliate, scenari invertiti e un senso di confusione generale. Meriterebbe un 7 per l'idea e per i 50 scenari giocabili, mala troppa aleatorietà e soprattutto ilpoco playtest mi fanno protendere per il 6

//img237.imageshack.us/img237/1404/10923711189050446hypnotbk0.gif)

4

Noiosissimo! Ho iniziato una partita e dopo 10 minuti non vedevo l'ora che finisse. Lento (in tanti ci vuole una vita prima che tocchi ancora a te) e poco avvincente, non si crea una minima atmosfera.

8

Uno dei miei giochi preferiti. Se giocato con un minimo di atmosfera intorno e di interpretazione, secondo me è un buon modo per passare un'oretta e mezzo del proprio tempo. Certo che alcuni scenari e meccaniche dovevano essere playtestate in modo migliore..

"Il carattere delle persone non si rivela mai così chiaramente come nel gioco." L. Tolstoj

Per tutti gli appassionati giocatori di Firenze e dintorni, date un'occhiata al sito http://www.giocozona.org

8

L'ambientazione secondo me è uno spettacolo, le tessere sono fatte con un materiale ottimo e le miniature sono già dipinte (vabbè). Le carte sono divertentissime e se lette in un certo modo possono incutere timore nei giocatori più sensibili (il divertente è quello). La meccanica secondo me è davvero furba.

Partite Giocate: 1

Soveliss Fletto i muscoli e sono nel vuoto!

8

Il gioco è un quasi-collaborativo, e risente di tutti i problemi dati dal fatto che il giocatore traditore è ignoto fino all'ultimo momento anche a lui stesso, e la meccanica fa acqua da molte parti. Tuttavia la varietà delle partite, la quantità di trame e eventi, e la capacità di creare atmosfera e coinvolgere i giocatori hanno fatto sì che ogni partita che ho giocato a questo gioco (ormai dovrei essere sulla ventina) sia stata un successo. Mi sembra più di quanto si possa dire della maggior parte dei giochi...

Sanity is relative. For some of us, it is but a distant cousin.

7

Carino.
Il fatto che raccolga diverse avventure/scenari e che queste si rivelino dopo un pò è al contempo:
- molto simpatico ed originale
- frustrante per la prima parte della partita, quando ancora non si sa niente di quello che si dovrebbe fare e che dovrebbe accadere e -per questo- ogni mossa è puramente casuale.

E' molto divertente, anche se la raccomandazione "va preso alla leggera" è d'obbligo!
Peccato non esista in Italiano..

6

Il gioco è originale per sistema e simpatico per realizzazione. Ovvio molta fortuna e poca strategia (specie alle prime partite), ma devo dire il gioco si presta ad essere giocato diverse volte e con sommo divertimento. Certo è un giochino e come tale deve essere preso. Cooperazione e ambientazione sono i due punti focali e vincenti di questo gioco. Concordo col recensore: errori non trascurabili e non giustificabili nei libri.

Nice Dice

SARGON
the Real Hedonist Goblin

7

Nessun commento

4

Grande ambientazione, materiali superbi, poi... poi... beh, non basta?

Voto 4.5

Un viaggio di mille miglia deve cominciare con un solo passo. (Lao Tzû)

7

Divertente il meccanismo del "tradimento". Potrebbe risultare ripetitivo a lungo andare.

L'obiettivo del giocatore è vincere
ma lo scopo del gioco è DIVERTIRSI

6

Nessun commento

Se credere che il gioco di ruolo rovini la psiche dei giovani potete benissimo pensare che il Monopoli sia alla base dei problemi dell'economica odierna e che il Cluedo sia un generatore di spietati killer, per non parlare del ruolo nefasto del Risiko.

7

Bellissimo gioco! 50 scenari differenti e inaspettati! puo' accadere cdi rifare 2 volte di seguito lo stesso scenario, ma e' raro. Una volta fatti tutti gli scenari, conoscendoli, non c'e' piu' suspanse e mistero. Ottimo bordagem horror! divertente!

7

Da riprovare, ma per quello che posso dire di una partita divertente.
Ovvio, ma valutato per quello che è e preso con lo spirito giusto. giochi simili non ne conosco.
Non lo so quanto possano essere pesanti i problemi di regolamento che molti citano (nella nostra partita non sono emersi, ma è chiaro che possono essere problemi specifici dei vari scenari)

8

Un gioco particolarissimo, praticamente unico nel suo genere, personalmente lo trovo divertente, fatto bene, ambientazione favolosa, l'ideale per fare qualcosa di diverso.

7

Nessun commento

Mi prenoto per un qualsiasi tavolo!

7

Molto carino e d'atmosfera. Alla lunga però può sembrare ripetitivo. Ottimo il comparto grafico. In arrivo la seconda edizione che (spero) colmi le lacune della prima in abito di regole

7

Premetto di aver fatto una sola partita e con la nuova versione riedita dalla FFlight.
Il gioco è carino e ben ambientato. I materiali sono discreti anche se poteva essere migliorata la qualità del cartone e i segnalini dei mostri.
Il gioco è datato ma funziona e crea discretamente l'atmosfera.....
Per il resto di strategia c'è molto poco e va preso per quello che è.......un gioco divertente e di ambientazione, nulla di più......

8

Questo gioco mi provoca enormi emozioni.
Bellissima ambientazione e meccanica degli scenari originalissima.

L'essenziale è invisibile agli occhi.

5

Nessun commento

8

Questo gioco mi diverte un casino, semplice e scorrevole nella prima parte e sempre diverso nella seconda, in base allo scenario capitato. Regge bene da 3 a 5 giocatori, anche se consiglio di giocare almeno in 4, in 6 si è un po' troppi, e si rischia di arrivare ad avere un traditore dopo aver visitato solo 2-3 stanze.
Gli avrei dato anche un 9 se non fosse per i materiali (ho la versione del 2010... che è praticamente uguale alla precedente), non terribili ma di certo scadenti: le tessere delle stanze s'infossano un poco, pur non inficiando la creazione del tabellone, le carte fuori formato non sono le più resistenti e le linguette delle schede dei personaggi sono ballerine.
Ciononostante è davvero particolare, e se vi piacciono i giochi in cui il caso la fa da padrone ma particolarmente ambientati allora Betrayal fa per voi.

"E in ogni caso non abbandonate il tavolo da gioco, perché il giorno che lo farete la festa sarà finita e sarete diventati, inesorabilmente, vecchi." (Dostoevskij)

6

Nessun commento

8

Voto basato su poche (4) partite.
Gioco sicuramente molto originale, molto bella l'idea di avere tanti possibili scenari e di avere un traditore che si rivela all'ultimo! L'atmosfera e' ottima-gioco perfettamente ambientato-i materiali sono buoni anche se i mille inutili segnalini potevano essere evitati.
Oltretutto la durata non e' eccessiva, il che lo rende un ottimo gioco in molte occasioni.
Il fattore fortuna e' molto presente, ma per un gioco del genere non credo si tratti di un difetto.
Da provare!

6

No Comment

"Uno stregone non è mai in ritardo, Frodo Baggins. Nè in anticipo. Arriva precisamente quando intende farlo".
"Ma come fai a sparare a donne e bambini? Facile, corrono più piano, miro più vicino"
"Giù la testa cog....e"

6

Sarebbe un 6 e mezzo.
Il gioco è simpatico, ma è solo atmosfera e fortuna.

7

(versione FantasyFlight 2010)
ci ho giocato almeno almeno 5 partite
lo reputo molto trash (come genere di gioco) tuttavia apprezzo molto il fattodi essere un gioco molto easy non eccessivamente lungo come durata e sinceramente molto longevo visto l'alto numero di scenari possibili (50 se non ricordo male) come già sottolineato da altri il gioco è molto aleatorio (molta pesca di carte e lancio di dadi)
il mio giudizio rimane cmnq positivo (sarebbe 6.5)

INFLUENZA DEL PLAYER SUL GIOCATORE !!! TROPPI PLAYER !!!

2

Il gioco più brutto a cui mi sia mai capitato di giocare! Una specie di Zombie (a cui infatti ho dato 3) ma con l'aggravante di avere la pretesa di essere un giocone... In quell'altro almeno lo sai che tutto si basa sullo scontro e sul lancio di dadi (ovvero sulla fortuna!)
Qui invece no: ci devono ricamare intorno storie, scenari e quant'altro per allungare il brodo, quando poi alla fine sempre di lanci di dadi si tratta... A questo punto basterebbe ridurre le regole a 1 sola: si lanciano i dadi e chi fa il punteggio più alto vince! Rapido, coinciso, senza possibilità di errore...

PS: sulla scatola, dove c'è scritto per giocatori dai 12 anni in su, dovrebbero aggiungere anche l'età massima: 16! (o 18 a essere di manica larga...)

6

Versione 2010.
Divertente e di compagnia. Bella l'idea degli scenari a seconda dei personaggi ed eventi scatenanti e componenti discreti (far meglio gli indicatori dei personaggi sarebbe stato bello).
Con il tempo però si nota la ripetitività degli Omen e degli eventi e la difficoltà nella raccolta degli oggetti che sono assai rari, inoltre capita purtroppo di fare partite in cui il tuo personaggio fa ben poco o quasi nulla.

Se scopri di stare scivolando nella follia, tuffati.
(proverbio Malkavian)

7

Nessun commento

6

Buona l'idea. Alla resa dei fatti il gioco ha però poco mordente.
Si scopre la casa tassello dopo tassello in modo completamente casuale, identicamente casuale il potenziamento (o de-potenziamento) del proprio personaggio.
Casualmente il gioco entra nella fase successiva ed altrettanto casualmente un giocatore viene posto contro tutti gli altri, utilizzando un set di regole che solo lui sa (e quindi si rimanda alla sua buona fede).
La conclusione è quindi la parte più divertente del tutto, dove c'è un uno contro tutti e ci si sente un po' più immersi nell'ambientazione e disposti a collaborare per il fine comune.
50 scenari donano una notevole longevità, per quanto poi la differenza fra uno e l'altro non sia eclatante... La durata di una partita non è elevata, il che è positivo.
In definitiva un gioco né carne né pesce. Se ve lo regalano siatene felici, altrimenti c'è di meglio.

6

Nessun commento

Take my land, take my love, take me were I cannot stand...I don't care I'm still free, you can't take the sky from me

6

Trovo la prima parte del gioco davvero noiosissima, poi quando si scopre il traditore e parte lo scenario tutto diventa più avvincente. La sola lingua inglese e una marea di segnalini da tener d'occhio e sempre diversi da scenario a scenario ce lo hanno fatto apprezzare forse meno di quanto merita.

8

Difficile definirlo. Pseudo dungeon-crawler game ad ambientazione (ben riuscita peraltro) horror, con spunti gdr+colpo di scena. Buoni materiali nella versione ultima by Wizards, tessere stanza un po' "leggerine" e pieghevoli, miniature predipinte e tassellini di mediocre fattura, ma tant'è, il rapporto qualità prezzo si attesta comunque, nel complesso, su un buon livello. Gameplay divertente, i giocatori sono all'oscuro dello scopo della loro presenza nella casa sulla collina, finchè non si scopre un traditore fra i giocatori, dando così il via alla "caccia" nonchè allo scenario vero e proprio. E qui il gioco si fa vario ed intrigante: tutti contro il "corrotto" , tutti contro nessuno (il gioco stesso) o un colpo di scena con "traitor" nascosto? Decisamente originale e di durata anche breve a seconda dello scenario affrontato (e scoperto in maniera casuale durante il corso del gioco: altro punto "thriller" a favore del gioco). In ogni caso, qualora capitasse il medesimo scenario, la disposizione "random" delle tessere casa, attenua la ripetività dello stesso. Nel complesso quindi, un buon gioco divertente e di ambientazione ben resa, di facile spiegazione, soffre, forse alla lunga, di una sorta di monotonia dovuta alla "suspance metabolizzata" alla ennesima partita svolta e al medesimo oggetto pescato, ma il boardgame è dotato comunque di una discreta componente tattica e collaborativa, nonchè ironicamente "traditrice" nella sorte del giocatore stesso. Manca di complessità, ma questo può esserne un pregio in una serata spensierata ma "da brivido". Da provare.

Giocati di recente
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=bobanick&numitems=5&text=title&images=small&show=recentplays&imagesonly=1&imagepos=left&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)//i.imgur.com/5SjyfAa.jpg)//i.imgur.com/DNaBGri.jpg)
//i.imgur.com/3MPHSkP.jpg)

7

Giocato con le persone giuste e l'atmosfera adatta, il gioco rende benissimo e diverte molto. Ridotto a semplice tira il dado,esplora e pesca rischia di diventare monotono. 7,5

P.S. non capisco perchè nel gioco sono presenti tantissimi token mostro, quando nelle partite giocate avremo usato al massimo 1-2 mostri per scenario.

8

Un collaborativo molto divertente con la classica meccanica del traditore che si inserisce a metà partita.Grafica e materiali molto belli ed accurati. Forse alla lunga può essere ripetitivo sebbene vi siano almeno 50 scenari giocabili.

Il gioco è un'oasi strana, un momento di quiete trasognata in un peregrinare senza sosta. Eugen Fink

8

Gioco bellissimo, divertente per tutti! Purtroppo alcune pecche nel regolamento non rendono conto di situazioni che spesso si verificano durante il gioco, facilmente risolvibili con un po di immaginazione. Un gioco caotico da affrontarsi con la dovuta dose di allegria.

Assolutamente preferibile la seconda edizione, la cui unica pecca sono le tessere leggermente imbarcate

8

Gioco davvero divertente e sempre diverso, ha però una grandissima importanza il fattore fortuna, possono capitarvi partite lunghe e incredibili come altre corte e che vi lasciano "l'amaro in bocca" in ogni caso è apprezzabile la sua facilità che lo rende adatto anche a giocatori occasionali.
Unica nota: la 2a edizione ha una componentistica davvero pessima con le tessere che compongono la casa perennemente imbarcate e poco robuste.. peccato!

7

Il gioco è divertente e fila via facile facile. Può essere più o meno lungo, ma si può fare più di una partita in una serata. La prima parte è abbastanza piatta e senza tensione. Una volta che il posseduto entra in gioco la cosa cambia totalmente. Dato che ci sono 50 scenari a disposizione, ogni volta ci si trova davanti una situazione differente e stimolante, dovendo scegliere le tattiche più disparate. Purtroppo qualche scenario è confuso e mal spiegato, ma nell'insieme alla fine si riesce a giocare. In conclusione un giochetto simpatico e facile, che però non è banale.

6

Muovi e tira esplorando l'ignoto. Tutto molto casuale però la cosa bella è il traditore nascosto (manco lui lo sa dall'inizio!). Senza pretese tecniche, regolamento semplicissimo e set up istantaneo ci si diverte a combattere le forze del male.

Ottimo per novizi amanti del genere e come diversivo una tantum per gli scafati.

Longevità: 1
Regolamento: 1
Divertimento: 1
Materiali: 2
Originalità: 1

6

Ho preso la nuova edizione e mi sono scaricato le traduzioni disponibili sul sito...quindi ho superato tutti gli errori recensiti qui sotto (ad esempio mancanze nel regolamento, scenari impossibili da vincere o tessere inserite in punti insensati come "il lago sotterraneo al primo piano"....con questa nuova versione non è più possibile incorrere in questi errori). Per ora ho fatto solo 2 parite ma mi è piaciuta tantissimo la rigiocabilità perchè sono state due partite completamente diverse...e non vedo l'ora di farne un'altra per vedere che si sono inventati nel prossimo scenario che estrarrò.
Sicuramente non giocherò 2 volte lo stesso scenario ma tanto essendoci 50 scenari....ci sono almeno 50 partite una diversa dall'altra (e a dirla tutta...non ho mai giocato 50 partite allo stesso gioco :-) ).

7

la seconda edizione AH ha componenti orrendi, per il resto il gioco è semplice, bello e gira bene. peccato per la componentistica, davvero. Ottimi i files di traduzione su TDG.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare