Recensioni su Fire in the Lake Indice ↑

Articoli che parlano di Fire in the Lake Indice ↑

  • Approfondimenti
    | 21 commenti
    I giochi nati per giocare da soli o che propongono modalità di gioco in solitaria possono dare un'esperienza di gioco valida ed alternativa. Ecco qualche suggerimento per trovare un gioco che faccia al caso vostro, dai più semplici ai più...
    Autore:
    Agzaroth

Eventi riguardanti Fire in the Lake Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Fire in the Lake Indice ↑

Cercasi gioco: annunci con gioco disponibile per scambio o acquisto

Questo elenco contiene tutti gli annunci di utenti che cercano il gioco da tavolo Fire in the Lake sia per acquistarlo che per scambiarlo con altri giochi.

Annuncio Tipo Consegna Utente Data
Cerco: Robinson Crusoe + Eldritch Horror (Base) + Pandemia + Labyrinth: Guerra al Terrore + War Games in solitario Cerco Consegna a mano, Spedizione Ahab 05/12/2017

Video riguardanti Fire in the Lake Indice ↑

Per questo gioco non ci sono recensioni, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare una tua recensione.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Fire in the Lake: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
3277
Voti su BGG:
1396
Posizione in classifica BGG:
352
Media voti su BGG:
8,07
Media bayesiana voti su BGG:
6,97

Voti e commenti per Fire in the Lake

Il più complesso - ed appagante COIN finora non poteva non portare la firma di Mark "We The People" Herman!

La struttura di base è estremente semplice: 4 fazioni di cui 2 COIN (US e ARVN - Stati Uniti e repubblicani vietnamiti) contro 2 Insurgent (cioè ribelli, NVA e VC - nordvietnamiti e guerriglieri comunisti del sud, i famosi Viet Cong); ciascuna fazione ha le proprie specifiche condizioni di vittoria.

Ad ogni turno giocano potenzialmente solo 2 giocatori su 4; si gira una carta da un mazzo comune che indica (A) l'ordine di turno e (B) gli eventi disponibili; seguendo l'ordine, si può scegliere se attivare l'Evento o invece eseguire delle Operazioni; il giocatore successivo potrà poi eseguire a sua volta delle azioni, vincolate dalla scelta del primo (in genere se il primo ha scelto l'Evento, il secondo può fare Operazioni e viceversa); è possibile anche passare; chi ha agito nel turno sposta poi la propria pedina nella casella "non-eleggibile" ad indicare che dovrà saltare il prossimo turno.

Le Operazioni sono il cuore del gioco, e sono descritte in comode schede riassuntive: alcune sono condivise (muovi e combatti...), altre sono specifiche per ciascuna fazione (agguati dei Viet Cong, o strike aerei degli americani...) e possono essere eseguite ad ampio raggio o limitate ad una singola area in base al tipo di azione scelta.

Gli Eventi sono eccezionalmente realistici (nel rapporto storia/meccaniche di gioco) e calano benissimo nel periodo, ci sono 130 carte che coprono gli anni principali del conflitto e sono ottimamente spiegati, sia in termini di gameplay che di background storico, nel playbook. Considerando che in ogni partita ne vedrete soltato una piccola frazione, la rigiocabilità è enorme.

Chiudo con una nota sulla qualità generale: STRATOSFERICA. E' un gioco che costa, ma vale ogni centesimo. Dalla mappa robustissima, antiriflesso, alle oltre 200 parti in legno (anche intarsiato), alle carte della tipica qualità (alta) GMT fino ai player aid - è tutto a livello top della gamma. Degna di nota la presenza di una buona Intelligenza Artificiale che, pur complicando un po' la vita in termini di "pesantezza" da digerire, permette di scalare bene il gioco da solitario (eccellente) a multiplayer - in 4 l'esperienza però è abbastanza "faticosa", perfetto per 2, e immagino giri anche in 3 (non provato).

Non è un gioco per tutti e non è un wargame classico, in questo senso è meglio rivolgersi ad altri titoli tipo "Hearts & Minds"; Fire in the Lake è quasi un euro per le meccaniche e "l'altezza" del punto di vista adottato, eppure, paradossalmente, questa sua astrazione lo rende perfettamente adatto a rappresentare un conflitto enormemente complesso come il Vietnam.

La semplice idea (geniale) di avere le pedine presenti, ma girate e quindi non-attive e non aggredibili, rende l'idea della difficoltà che si incontrava nell'essere più o meno a conoscenza che il nemico era presente in una certa zona, ma si faticava ad identificare con sicurezza e, quindi, colpire ed eliminare.

La difficoltà è medio-alta ma il playbook fa un lavoro eccezionale nel prendere il giocatore alle prime armi e guidarlo per mano attraverso molti e ben illustrati esempi; le regole sono chiare, solide, e le errata/faq straordinariamente poche. Quel che è difficile è capire come vincere, non capire le regole; aspettatevi 2-3 (o più) partite di prova prima di ingranare davvero.

Il miglior wargame sul Vietnam finora? Secondo me si. Vi ci romperete la testa, ma ne vale la pena. 10/10.

"Do not infer or imagine more to a rule than is stated in it. When in doubt, interpret strictly."
Alan Emrich

8

Ottimo COIN, wargame dal sapore di boardgame. Regolamento difficile e cavilloso, durata importante, solo per appassionati del genere.  Vedi la mia recensione per un commento più esteso ed approfondito.

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare