Fields of Fire 2nd edition: recensione

GMT Games LLC

Seconda edizione per un gioco dal passato glorioso che torna in uno splendore rinnovato.

Giochi collegati: 
Fields of Fire
Voto recensore:
9,0

Fields of Fire è un solitario tattico della GMT che ci mette alla guida di una compagnia, composta principalmente da tre plotoni in tre differenti campagne: seconda guerra mondiale, guerra di Corea e guerra del Vietnam. Il livello di difficoltà è alto (6 nella scala GMT) e il manuale decisamente ostico, ma imparare a giocarlo vale sicuramente la pena perché stiamo parlando di un gioco profondo che ci terrà attaccati al tavolo dal primo all’ultimo turno! La durata è variabile, mediamente dai venti ai trenta minuti per turno, e le missioni durano intorno ai dieci turni, ma la missione non è il solo tempo che vi occuperà questo gioco!

Prima e dopo la missione

Comandare una compagnia non deve essere una passeggiata e il gioco lo simula benissimo. Prima di ogni missione, infatti, dovremo studiare bene tante cose: la mappa, le eventuali forze nemiche che possono entrare in campo, quali plotoni e unità di supporto mettere in campo, come gestire il recupero dei feriti, dove piazzare gli obiettivi, come raggiungerli, eccetera. Solo questa parte porta via un bel po’ di tempo, ma una corretta pianificazione è obbligatoria se si vuole avere qualche possibilità di vittoria: il nemico è veramente tosto.

Al termine della missione, inoltre, vanno verificati gli obiettivi raggiunti e distribuite le esperienze ottenute sui nostri uomini.

Questo prima e dopo assicura un’immersione molto profonda: vi troverete a pensare alla vostra compagnia e ai vostri plotoni anche quando non giocate!

Come si gioca

A discapito di un manuale da paura, sia per le dimensioni che per come è scritto, le meccaniche sono alla fine abbastanza semplici: basta seguire la comoda sequenza di gioco (che trovate in italiano QUI) e ricordarsi di consultare le millemila tabelle di supporto che ci sono (che trovate QUI).

Può essere giocata una singola missione o l’intera campagna; in quest’ultimo caso le missioni vanno giocate nell’ordine corretto e per ognuna abbiamo a disposizione un numero di tentativi limitato, al termine dei quali subiremo dei malus.

Per prima cosa va organizzata la plancia di gioco, posizionando le carte terreno che definiscono la mappa, i possibili contatti nemici, gli obiettivi, eventuali zone di sbarco o di atterraggio, il posizionamento iniziale delle nostre unità e tutto quanto venga specificato nelle istruzioni della missione. A questo punto inizia la fase che vi ho descritto sopra, ovvero la pianificazione per la quale torna molto utile il registro missione, che è un foglio sul quale si possono segnare tutte le informazioni: chi comanda chi, i livelli di esperienza, l'equipaggiamento da portare, quante munizioni hanno a disposizione i vari gruppi di fuoco, i mortai, i bazooka, i mezzi e quale sarà il significato dei segnali pirotecnici che andremo a utilizzare, ossia cosa dovranno fare tutti quelli che vedranno quel segnale. Il registro missione è utilissimo, perché va usato per tenere traccia di quello che succede alle nostre truppe e a quelle nemiche: per esempio, se una nostra squadra viene colpita, sul registro missione scriviamo in cosa si è trasformata per poterla eventualmente ricostituire. Una volta compilato, la missione può iniziare.

Il motore del gioco sono le carte azioni che si utilizzano per gestire tutti gli aspetti del gioco.

Ogni missione dura un certo numero di turni e per ogni turno vanno eseguiti una serie di impulsi, sempre nello stesso ordine.

Il primo impulso, da fare dal secondo turno in poi, serve per verificare se arrivano eventuali ordini da parte del HQ [headquarter - quartier generale, NdR] superiore: si tratta di una sorta di sottomissioni della missione principale, specificate per ognuna. Sarà quindi possibile ricevere il comando di avanzare oppure l'informazione che non abbiamo a disposizione attacchi aerei o cannoneggiamenti da fuori mappa per quel turno. A fronte di alcune azioni è anche possibile ricevere punti esperienza. Verificare è semplicissimo: si pesca una carta azione e si vede se c’è l’icona del HQ superiore e, se presente, si pesca un’altra carta azione e si verifica il generatore di numeri casuali nella sezione in basso. Sono presenti due righe: quella sopra con i numeri base da uno a dodici, quella sotto con i numeri casuali. Nella tabella degli ordini dal HQ superiore viene specificato il numero base sotto il quale cercare il numero casuale e quale sarà l’evento scatenato da quest’ultimo. Per esempio, la tabella degli ordini mi indica di vedere il numero casuale sotto il numero base dieci; quindi nella carta azione cerco il dieci e vedo che sotto è presente il numero sei. Nella tabella di missione al numero sei è associato l’evento. Questa modalità di verifica viene usata per la consultazione di tutte le tabelle di gioco.

Il secondo impulso va fatto solo nelle missioni difensive e prevede, dal secondo turno, la verifica degli eventi dal HQ superiore, questa volta del nemico. La dinamica è la stessa del primo impulso, quindi si verifica l’attività nemica. In questa fase compariranno e si muoveranno i nemici in base alle tabelle di missione.

Il terzo impulso è quello di comando e iniziativa. Il comandante di compagnia riceve un certo numero di comandi che può spendere per attivare i comandanti di plotone che sono in comunicazione con lui. Questo è un altro concetto fondamentale del gioco: possono essere attivati solo i comandanti e le truppe in comunicazione con il loro superiore. Per farlo, pesca una carta azione e guarda il numero di attivazione. A loro volta i comandanti di plotone attivati pescano una carta azione e utilizzano il numero di attivazione per azionare il loro plotone o le unità assegnate. Le azioni da fare sono tantissime e sono ben dettagliate nel manuale: si va dalle azioni di movimento al tentativo di avvistare il nemico, dalla ricostituzione di una squadra separata al tentativo di lancio di granate, dalla riparazione di linee telefoniche al trovare copertura. Ogni azione costa un numero di punti comando variabile, uno o due, e si svolge pescando il numero di carte azione indicate, modificato in base all’esperienza, verificando quindi se la carta contiene l’icona associata all’azione. Ogni unità può fare più azioni, ma non dello stesso tipo. Poi si passa all’iniziativa: HQ che non sono in comunicazione con il superiore e che non sono stati precedentemente attivati, possono farlo ora pescando una carta e utilizzando i comandi di iniziativa, che solitamente sono meno rispetto agli altri. Infine si pesca una carta per l’iniziativa generale e i punti di attivazione si assegnano a qualunque unità sulla mappa.

Il quarto impulso è uguale al secondo, ma lo si fa nelle missioni offensive.

Il quinto impulso permette la cattura dei nemici, l’evacuazione dei feriti e l’eventuale ritirata.

Nel sesto impulso si muovono i veicoli, se presenti. E nelle varie missioni ce ne sono un bel po’, dai carri armati alle jeep, dagli elicotteri ai camion da trasporto.

Il settimo impulso è quello del combattimento. Per prima cosa si verifica se ci sono dei contatti con il nemico, a fronte dei quali si piazzano le unità nemiche e i segnalini di fuoco in base alla visuale ed alle tipologie di armamenti. Quindi su tutte le carte dove ci sono degli scontri si verificano gli esiti. Si calcola il modificatore netto al combattimento, si pesca una carta azione per ogni unità interessata e si verifica se è colpita, mancata o paralizzata. Nel caso sia colpita, si pesca un’altra carta azione per vedere l’effetto del colpo.

Nell’ottavo e ultimo impulso si rimuovono determinati segnalini.

A questo punto si inizia il nuovo turno.

Faccio presente che in queste poche righe ho appena scalfito la superficie delle regole presenti nel manuale di 64 pagine: non è questa la sede per approfondire ogni singolo punto. Ma fidatevi: è più semplice di quello che può sembrare dopo una prima lettura del manuale. Consiglio di leggerlo con il gioco aperto davanti.

Materiali

Qualità GMT, quindi ottima.

Sono presenti quattro mazzi di carte: un mazzo con il terreno della seconda guerra mondiale, uno con il terreno della Corea, uno con il terrendo del Vietnam e il mazzo di carte azione.

Per quanto riguarda i gettoni, stavolta si sono superati: ce ne sono quasi novecento! Uno degli scogli maggiori, infatti, è capire a cosa servono! Ci sono gettoni per le unità americane, tedesche, coreane, vietcong e NVA... e fin qua tutto bene. Poi ci sono i gettoni del fuoco sulla carta della direzione di fuoco, segnalini di controllo tattico, coperture, munizioni, radio, pirotecnici… da perdersi. Io ho organizzato il tutto in due portapedine pieni.

Per finire, le utilissime schede di aiuto al gioco, il manuale e due libretti delle missioni. Relativamente al manuale, gli aggettivi che mi vengono in mente (e che posso scrivere senza subire censura) sono: arzigogolato, machiavellico, ridondante; sessantaquattro pagine di buio e incubo. Più volte ho pensato di vendere il gioco, ma perseverando ho avuto una grande ricompensa: un gioco fantastico.

Conclusioni

Per quel che mi riguarda è entrato subito nelle prime cinque posizioni della mia personale classifica, accanto a giochi come Fire in the Lake, Empire of the Sun e Paths of Glory. Quindi parliamo di un capolavoro? Del solitario più bello e coinvolgente mai visto? Probabilmente no, ma è difficile rinunciare a certe espressioni.

La sensazione di immersione è fortissima, così come la dipendenza che ti dà; la voglia di fare un’altra missione, di proseguire le gesta dei propri uomini, di vedere cosa succederà, quali saranno le conseguenze delle nostre azioni e quale azione fare con i limitati comandi a disposizione. Ma anche la voglia di tenere la missione in sospeso e riprenderla il giorno dopo per pensare e valutare la tattica migliore e scegliere le azioni corrette in quel momento.

Pro:

Materiali ottimi.
Ambientazioni evocative.
Coinvolgimento totale.
Meccaniche eleganti e che funzionano in ogni situazione.
Rigiocabilità assoluta: ogni volta cambiano la mappa, le condizioni e i nemici.
Non ci sono dadi.

Contro:

Il manuale è, a quanto ho visto io, uno dei peggiori mai fatti dalla GMT: oscuro e incomprensibile, va letto e riletto diverse volte.
Tante, tante, tante tabelle da consultare costantemente e tante, tante, tante cose da tenersi a mente: capiterà le prime volte di scordarsi di applicare un modificatore alle carte o di non testare gli eventi dal HQ o altro, ma non perdetevi d’animo: ci sono talmente tante missioni da fare!
Si rischia di perdersi tra le tantissime scelte possibili e l’avanzare veloce degli eventi.

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Molto bella la tua, complimenti, è molto emozionale, un bel racconto come quelli che ti vengono in mente mentre fai una missione di questo fantastico gioco!

Le tabelle le ho fatte partendo dal manuale italiano e sistemandole nello stesso modo in cui sono fatte quelle inglesi.

Non vale ragazzi...qui gioca sporco! Se non conoscessi bene la Tana direi che la GMT passa delle sovvenzioni! 😂

Inquietum est cor nostrum, donec requiescat in te

Emanuele
The Eldar

Grazie per il tuo parere da grognard ed i consigli. Probabilmente l'entusiasmo ha lanciato una granata fumogena davanti ai miei occhi e avrei dovuto calcare più la mano sugli aspetti di complessità del titolo. L'obiettivo della mia recensione era quello di sottolineare come anche una persona alle prime armi possa affrontare qualunque titolo, se dedizione, passione, voglia di "domare" un gioco sono dalla sua parte. Il divertimento che ho tratto dalle partite è immenso, pur con tutti gli aspetti che hai sottolineato. Purtroppo per motivi personali da qualche mese gioco pochissimo ed effettivamente temo di non ricordare più niente una volta che lo intavolassi di nuovo; mi illudo che qualche video mi rinfreschi il tutto ma le tue parole mi fanno vacillare. 
Ancora grazie.

Va beh. In fondo la parte che piu mi piace dei giochi è sconfiggere il manuale. Insomma, preso. In arrivo. Non vedo l'ora. Un'ora solo per verificare un PE dove non accade nulla? Meraviglioso. Per prudenza non ho preso l'espansione. È cosí difficile trovare pubblico per giochi come questi, che ormai il solitario è il mio orizzonte di gioco destinale (salvo sporadiche partite a giochetti all'associazione). Avevo nel mirino anche Crowbar!. Peró da quello che dite, fino alla ristampa di D-Day con questo sono a posto. :)

Crowbar!. Peró da quello che dite, fino alla ristampa di D-Day con questo sono a posto. :)

Questo è certo. Hai fatto bene a prendere solo il primo, c'è tantissimo da giocare... Anch'io sono stato tentato ma per ora, visto il poco tempo a disposizione, sarebbe rimasto sullo scaffale. Crowbar! è invece in arrivo, spero di poterlo giocare e recensire. L'intenzione è quella infatti di fare una serie di recensioni/impressioni viste dalla parte di un giocatore german che timidamente si affaccia sul mondo dei wargames. A mio parere ci sono tantissime meccaniche nei wargames moderni che meriterebbero di essere conosciute da un pubblico più vasto e, specialmente, dai giocatori da tavolo abituali e quindi già avvezzi ad una certa complessità. Un po' per sfatare la fama di inavvicinabilità di questo settore... Probabilmente i grognard che leggeranno questi articoli troveranno molte ingenuità e considerazioni magari banali, ma l'approccio è proprio quello di voler sfondare una porta verso un'area di nicchia. Se si vuole ampliare il numero di wargamer bisogna convincere i "novellini" che se si vuole, si può.

Beh. Dire che siamo sulla stessa onda é dir poco. Io mi sono riafdacciato al mondo dei board game da poco piu di un anno. E dopo essermi comprato agricola tereamistica e altri german, non avendo pregiudizi, mi sono avvicinato ai war games. E quello che dici é verissimo. Al di la delle ambientazioni, ci sono meccaniche clamorose. E non si capisce perché si debba giocare o a german o a wargames. E non a tutti e due. E come dici tu, nessun regolamento é invincibile. Oltretutto é pieno di wargames con regolamenti fatti bene scorrevoli e godibili. Fighting Formation (perla), Sekigahara, Warriors of god, Navajo Wars, Command & Colors, Cuba Libre, Triumph & Tragedy sono giochi, ad esempio, con regolamenti non troppo piu complicati di Through the Age. E non si capisce proprio la preclusione della comunità ludica per detti giochi. Quindi mi trovi entusiasticamente d'accordo con te. 

Beh. Feci al tempo quella di paths of glory spinto dalle tue stesse necessità. E sto scrivendo quella di Warriors of God. É che lavoro come cuoco e la stagione alta é iniziata. Ovvero. Tempo molto poco.

Beh. Feci al tempo quella di paths of glory spinto dalle tue stesse necessità. E sto scrivendo quella di Warriors of God. É che lavoro come cuoco e la stagione alta é iniziata. Ovvero. Tempo molto poco.

Mi era piaciuta molto quella tua recensione, dove ti consigliavo anche The Dark Valley: la delux edition è una cannonata!

Se sapessi come si usa vassal...

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare