Rank
85

Village

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7,85 su 10 - Basato su 151 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2011 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 90 minuti
Categorie gioco:
FarmingMedieval
Sotto-categorie:
Strategy Games
Famiglie:
Village

Recensioni su Village Indice ↑

  • Copertina della scatola di Village
    Village è una delle novità di Essen 2011 passate più in sordina, ma, piano piano, il numero di estimatori comincia a crescere per questo piazzamento lavoratori.
    Autore:
    Agzaroth

Articoli che parlano di Village Indice ↑

Eventi riguardanti Village Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Download Village: Scarica documenti, manuali e file Indice ↑

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Village Indice ↑

Video riguardanti Village Indice ↑

Gallerie fotografiche Indice ↑

Village: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
16904
Voti su BGG:
13764
Posizione in classifica BGG:
100
Media voti su BGG:
7,57
Media bayesiana voti su BGG:
7,42

Voti e commenti per Village

0

Regolamento italiano
Chiunque avesse necessità del regolamento in italiano mi mandi un mp.

Si può scoprire di più su una persona in un'ora di gioco, che in un anno di conversazione.
Platone

9

Gioco davvero molto bello. Per alcuni potrà sembrare un limite la struttura a "sotto giochi" ma in realtà io trovo che sia un pregio perchè consente di sviluppare strategie chiare e perchè in realtà tutte le situazioni separate fanno parte del tutt'uno che è la gestione delle generazioni, vero fulcro del gioco.
Se posso trovare un difetto forse è la mancanza del quinto giocatore che avrebbe reso più complesso il gioco, ma sinceramente non ne trovo molti altri. Chiaro che non deve essere considerato un banco di prova per hard gamers, ma un ottimo gioco per Smart gamers.
Consigliatissimo.

Vendo tanti BG come nuovi...

9

in generale sono d'accordo con il recensore, ma in più ho trovato godibili anche le partite in due giocatori. l'interazione indiretta è limitata ma presente e interessante: esaurire una tal azione, chiudere una sezione delle cronache al momento giusto o chiamare il mercato tenendo conto di tutti gli avversari, sono cose che alla fine pesano sull'economia del gioco. il voto sarebbe 8 ma guadagna un ulteriore punto per l'apprendimento rapidissimo.

7

Nessun commento

//s12.postimg.org/3obm9k6cd/ds2.jpg)
"And there was war in heaven: Michael and his angels fought against the dragon; and the dragon fought and his angels.."
Revelation 12:7

6

6,5 troppo macchinoso, tabellone poco chiaro, ma alcune belle idee!

8

Ottimo gestionale veloce e semplice nello spiegare, con molti modi per far punti vittoria, serve qualche partita per capire le molte possibilità che offre il gioco per vincere.

Materiali ottimi a parte gli adesivi da attaccare agli omini.

8

Commento basato su 5 partite (in 2 e 4 giocatori).

- Materiali: ottimi. Tabellone molto ben disegnato e simbologia chiara che aiuta a capire cosa è necessario fare nelle varie sezioni del tabellone. Indipendente dalla lingua.
- Regolamento: ben strutturato e corredato da esempi esplicativi. Chiaro e lineare. Non lungo da spiegare.
- Originalità: abbastanza ben ambientato. Originale soprattutto la meccanica del "passare del tempo" che influenza la vita dei membri della famiglia.
- Meccaniche: gioco non complesso con molte azioni da scegliere e diverse strategie per arrivare alla vittoria (a mio avviso non molte cmq). il punteggio è spesso tirato tra un giocatore e l'altro.
- Longevità: discreta. Credo che a lungo andare gli abbinamenti delle varie azioni (accennati anche nella recensione) siano sempre più o meno gli stessi. Da approfondire questo aspetto (mi riservo la possibilità eventualmente di riaggiornare il commento).
- Scalabilità: abbastanza buona. Meglio in 4 che in 2. Cmq piacevole anche in 2 giocatori.
- Divertimento: l'idea di fondo del passare del tempo e della morte dei membri della famiglia è ottima, soprattutto perché porta una certa profondità strategica (è importante quando e in che parte del tabellone far morire un proprio membro della famiglia).

7

Gioco di piazzamento senza grandi novità e con poco mordente.
In ogni caso scorre piacevolmente.

La fortuna è sola una scusa usata dai giocatori mediocri!

8

Uno dei titoli più interessanti fra le nuove uscite.
Sull'interazione non sono d'accordo col recensore, perché a mio avviso è ben presente e si fa sentire non poco durante il corso di un turno (specialmente quando i cubetti scareseggiano).
E' necessario un buon bilanciamento fra azioni da svolgere e tempo (segnalino sulle clessidre) da far scorrere, in quanto alle volte è conveniente spenderne poco, alle altre è invece necessario che scorra velocemente (in modo da influenzare anche la durata della partita)
Sulla scalabilità invece non mi pronuncio, in quanto ho giocato sempre in 4 giocatori (3 partite finora).

7

nessun commento

8

Secondo uno schema che sta diventando sempre più diffuso, Village assembla una serie di minigiochi con una macromeccanica di raccordo. In questo caso la meccanica è semplice (richiede solo un minimo di pianificazione anticipata), ma molto interattiva (le attivazioni disponibili in ogni round sono contate e in molti casi assai contese), mentre particolare attenzione è stata dedicata a come i vari giochi interagiscono fra loro, dando una sensazione di sviluppo armonico della partita, anche in casi di strategie molto focalizzate.
Valore aggiunto del gioco è la valuta "tempo", spesso alternativa e ortogonale alle altre valute, che introduce una ulteriore dimensione da considerare nella condotta di gioco. La scomparsa dei propri segnalini con un ordine parzialmente prefissato e non necessariamente congruente con l'ordine di ingresso sul tabellone obbliga a considerare una serie di manovre tattiche molto interessanti: si tratta di un gioco incentrato sul ritmo e la corretta temporizzazione. L'ampio spettro di opportunità (specialmente all'inizio del round) e la necessità di considerare le possibili scelte degli avverari lo può rendere prono alla paralisi di analisi, anche se generalmente la durata del turno di ogni giocatore è piuttosto breve.

Un gioco interessante, con una buona integrazione tema meccaniche, che non va a scapito di fluidità e semplicità delle regole.

8

Bel gioco caratterizzato da tanti sottogiochi come detto da altri, ma perfettamente legati. Bella ed intuitiva la grafica, molte possibilità strategiche, tutte ugualmente buone. Il cuore del gioco ed anche l'unica cosa innovativa è il fattore tempo che costringe a far morire i propri omini (cosa anche positiva visto che danno punti), l'importante è riuscire a pianificare l'ordine in modo da far morire quelli giusti al momento giusto. Provato solamente in 4 in cui l'interazione (indiretta) per l'accaparramento delle azioni più ambite è forte, probabilmente in 2 o3 perde qualcosa, anche se il numero di cubetti azione diminuisce. Un 8,5 pieno.

l'importante è vincere!

Partite recenti:

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=renard&images=small&numitems=10&show=recentplays&imagepos=left&inline=1&imagewidget=1)

7

Il gioco mi piace molto è scalabile alla perfezione è i disegni sia sul tabellone che sulle carte aiuto sono chiari anche ai novizi. Già alla prima giocata si assimilano bene le regole.
E' il classico gioco di posizionamento e scambio risorse, ma non tra giocatori e questo limita quasi a zero l'interattività tra essi.

Il gioco è abbastanza freddo e meccanico (prendo cubetto, posiziono eventuale omino ed eseguo azione) ma la tematica scelta rende più "caldo" (avviare un trippolo a qualche carriera o seppellirlo in cimitero non ha prezzo :D ).

Per quanto riguarda la localizzazione testi nel tabellone non ce ne sono, è tutto disegnato anche le spiegazioni delle azioni sono stampate con disegni nello stesso. Il manuale è stato tradotto molto bene (lo trovate nella sezione download del sito) ed è tutto quello che vi serve.

In conclusione un gioco da provare, la varietà di azioni che si possono fare lo rende abbastanza longevo e non stanca, tuttavia è necessario riflettere sempre sulle proprie azioni, infatti se un giocatore inesperto commette errori di valutazione (veloce morte dei suoi omini) il gioco potrebbe finire subito!

7

Giocato una volta, mi è piaciuto molto, ma non mi ha fatto impazzire.
Secondo me in molti scrivono che è adatto ai novizi, perchè già al secondo turno un giocatore esperto ricorda e pianifica, però la mia opinione(è un annetto che gioco e mi ricordo quando ho iniziato come ero noob) è che dei novizi lo troverebbero troppo complicato.
Trovo che la rigiocabilità sia scarsa

La risposta a qualunque domanda "Quale gioco mi consigliate per.." risiede nella Santa Trinità, parliamo dell' APC del gioco. Agricola, Puertorico, Caylus.

9

ottimo, nonostante sembri complesso, alla fine le regole sono poche, spiegabili facilmente e adatte a quasi tutti. gira bene sia in 2 che 3 e 4.
offre diverse variabili e strategie di gioco. anche il prezzo non è eccessivo e i materiali molto buoni. scoccia un po' dover attaccarsi gli sticker ma meglio così che 5 euro in più! :)

7

Gioco molto carino e con spunti interessanti (su tutti la morte degli omini con il libro della fama del villaggio) ma che non brilla particolarmente per nessun aspetto. Carino da giocare e semplice nelle meccaniche. Secondo me un'occasione un pochino sprecata si poteva fare di più. Grafica terrificante, peccato non si sia investito di più sui disegni.....

6

Gioco valido che tenta la strada dell'originalità in diverse meccaniche, però l'insieme non mi ha entusiasmato. Attualmente nell'affollato panorama dei gestionali credo si debba fare molto di più per riuscire a spiccare. Le idee interessanti si infrangono su una scalabilità limitata a 3/4 giocatori, su una grafica non particolarmente brillante e sui soliti cubetti qui utilizzati nella doppia veste di marker azione e risorse. Il tentativo di restare attaccati all'ambientazione si avverte ma non spicca sullo sfondo matematico del gioco.
L'unica idea veramente degna di nota è il passare del tempo che decreta la morte dei tuoi lavoratori, meccanica che controlla anche la chiusura della partita. Non è poco, ma non è stato neanche abbastanza per far scattare il feeling tra me e il gioco, al momento.

8

Bel gioco con spunti interessanti. Ci sono diverse meccaniche amalgamate ma il risultato è buono; mi ha fatto pensare a Vinhos dove però il risultto era qualcosa di inutilmente complicato e farraginoso mentre a Village superato il primo impatto di smarrimento tutto risulta scorrevole e dalla seconda partita già si sa come comportarsi ed imbastire una strategia.

6

meccaniche: piazzamento
regolamento: chiaro
interazione: molto bassa, quasi un solitario
scalabilità: buona da 2 a 4
durata: rispetta i tempi dichiarati
componenti: abbastanza buoni, bello il tabellone, potevano evitarsi gli adesivi!
ambientazione: si sente abbastanza!
fattore fortuna: presente al mercato, ma molto sottile
originalità: ennesimo wp in cui si inserisce come novità la morte dei personaggi
dipendenza dalla lingua: nessuna
longevità: medio-bassa
conclusioni personali: all'inizio non si sente come il solito wp, anzi sembra abbastanza originale, ma il gioco è quasi un solitario, composto da vari minigiochi che poi sono i luoghi di piazzamento. ci ha stancato subito.

9

Concordo in pieno con il recensore , valutando village come uno dei piu ispirati gestionali degli ultimi tempi .
i modi per vincere sono veramente tanti , l ambientazione rende benissimo e il fattore tempo/ morte ti costringe a variare continuamente la tua strategia . Inoltre , fattore non da poco riesce a essere matematico ma allo stesso tempo divertente e il che non e' poco .
Acquisto consigliatissimo e sicuramente nella mia personale classifica dei giochi dell'anno ( se l avesse creato Seyfart , Vaccarino , Knizia , Wallace o Rosenberg sarebbe stato nominato Spile de jahre !!!)

6

Fatta solo una partita, con un dubbio di troppo in testa... una meccanica di worker placing interessante ma sfruttata con poca eleganza in una serie di sotto sezioni. Purtroppo, questo per me fa la differenza tra un ottimo gioco e un gioco "nel mucchio". La prima impressione è stata più positiva, ma ripensare alla pesca dei monaci mi ha fatto rabbrividire: sul momento pensavo non impattasse tanto, ma se il punteggio finale si attesta tra i 40 e i 50 punti, giocarsi 4 punti (+2 e -2) sulla pesca dal sacchetto diventa fastidioso... voto 6,5 metto sei finchè non mi viene in mente un'idea migliore per questa pesca miracolosa che mi ricorda troppo la scommessa di Kingsburg (anche qui, puoi pagare per influenzare la pesca: quindi remunera chi ha successo rischiando... cornuti e mazziati: io pago un PV per pescarlo, il mio vicino non paga e magari ne estrae 2... mavava')

Uso dell'apostrofo: po', un altro, un'altra, qual è. Uso dell'accento sui monosillabi, solo in caso sia distintivo: su "so", "qui" e "fa", l'accento non va.

7

Gioco interessante che introduce una ventata di novità grazie alla vita dei propri personaggi.

All'inizio và capito e si tende a non far morire,alla seconda partita è tutto piu semplice e ci si lascia piu' velocemente.

La pesca forzata pagando una moneta non mi è piaciuta...preferivo una pesca classica,

Ottima la componentistica.

7

Titolo carino. Sufficientemente profondo e divertente.

Accattivante il sistema a sottogiochi, tutti collegati nonchè funzionali alla vittoria finale.
Pur caratterizzato da una certa meccanicità delle azioni, Village riproduce in maniera credibile e verosimile la vita (fino alla morte) degli abitanti di un villaggio di agricoltori, facendosi così apprezzare anche per l'ambientazione.
Originale, come già ampiamente rimarcato dagli altri utenti, l'introduzione del tempo così come la previsione della conseguente ed inesorabile dipartita delle generazioni più vetuste.
Grafica gradevole.
Ottimi e cospicui i materiali.

Nota negativa: la prenotazione dell'azione attraverso la "presa" del cubetto.
A mio avviso astratta e poco entusiasmante.

Dopo il liceo che potevo far, non c'era che l'università...ma poi...il seguito é una vergognaaa!

7

Nessun commento

7

Sette e mezzo in realtà. Fatte più partite e sempre divertito.

VENDO:-Masmorra(kickst)-RailroadRevolution-Thunderstone+esp-CastlesOfMadKingLudwig-Raja-Drako-MiTierra(kickst)-TheseusTDO+Esp-Navegador-Uppsala-Flick'emUp-Kanban-Martinique-La Isla-LeHavreAncoraInPorto-Runewars-SignoreDegliAnelliLaSfida ecc.
7

Classico gestionale tedesco, che introduce l'interessante meccanica della morte dei "lavoratori", come elemento sia di positività che di negatività. Per il resto un gioco sostanzialmente di calcolo, che lega poco con l'ambientazione, in cui sembra che alcune strategie siano decisamente migliori di altre.

Il Mago

8

Gioco molto originale e con delle meccaniche interessanti.

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=gapsxever&numitems=10&text=none&images=small&show=recentplays&imagepos=center&inline=1&wishlistrank=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

8

Bel tedesco gestionale,mi sono divertito molto a giocarlo, la grafica è un pò confusionaria ma gira tutto molto bene, forse i viaggi sono un pò troppo costosi e le combo vere e proprie sono limitate ma tutte le strade portano a roma...quindi un ottimo 8!

Un vincente trova sempre una strada, un perdente trova sempre una scusa

8

mio figlio (12) voleva provare un gioco senza dadi tipo german, ho preso village e devo dire che ci è piaciuto tantissimo, soprattutto l'ambientazione, che rende tantissimo.può essere semplice ma anche molto profondo.

6

Giudizio dato dopo due partite (3-4 gioca.)

Sinceramente mi aspettavo molto di più da questo gioco, dove l'unica innovazione e' data dalla morte dei lavoratori. Il problema e' che dopo due partite non hai più "l'esigenza" di riprovarlo visto che in giro c'e di meglio..

8

E' un gioco che mi piace molto per come ha integrato le diverse azioni tra loro e di come la strategia debba tenere conto delle occasioni tattiche a disposizione, sembra semplice a prima vista ma in realtà l'utilizzo delle risorse come mark azione, la gestione del tempo e sopratutto della "morte" dei lavoratori lo rende davvero intrigante. Voto 8.5

Sono un mezzo demone cacciatore di giochi

8

ottimo gioco forse la peste toglie troppa vita

9

Nessun commento

//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Malagen&numitems=5&header=1&text=title&images=medium&show=recentplays&imagepos=center&inline=1&domains%5B%5D=boardgame&imagewidget=1)

7

Sta vincendo tutti i premi del 2012! German game molto divertente e secondo me con molta interazione, perché bisogna fare tutto cercando di non farsi superare dagli avversari nelle zone punteggio, quindi ad es. cercare di fare più punti di tutti al mercato a volte anche non scegliendo la tessera con più punti ma possibilmente prendendo quella che interessa all'avversario più avanti con le tessere cliente, oppure, far morire il più velocemente possibile i membri della nostra famiglia se facendo ciò riusciamo a pareggiare o superare gli avversari nelle cronache del villaggio ecc ecc.
Quindi continua tensione e calcoli nello scegliere l'azione migliore ed il cubo del colore giusto per attivare possibili combo.
Sicuramente per vincere come già detto bisogna fare un po di tutto senza specializzarsi in un area punteggio o quanto meno avere sempre sott'occhio cosa stanno facendo gli avversari e quindi non lasciargli mai campo aperto. Di vitale importanza è la fase Mercato mai farsi trovare impreparati, cercare sempre di avere 1 o 2 merci pronte per la vendita, marginale mi è sembrato la zona azionepunteggio "Viaggio" troppo dispendiosa, infatti in tutte le partite chi si è dedicato a fare ciò non è riuscito a tenere il passo in altre zone ed è arrivato ultimo.
Consigliato anche se forse qualcosa bisognava bilanciarla meglio.

8

I miei più vivi complimenti per la recensione: è sintetica, ben scritta ed evidenzia con precisione tutte le luci e le ombre di questo German, che rimane comunque un gran bel giuoco.

Francis

FRANCIS

8,8

Che bel gioco di WP. Davvero intrigante e sempre con molte scelte possibili. Confermo il recensore quando dice che c'è quasi un agorafobia nelle scelte, che porta il gioco ad essere sempre molto vario. Mi permetto una piccolissima critica ai materiali, perché non incidere il numero sui meeples al posto dell'antiestetico adesivo. Altro difetto è che forse si poteva aumentare l'interazione fra i giocatori, comunque davvero BELLO!

8

Un bel gioco, anche se senza arrivare all'eccellenza che mi aspettavo da un gioco che ha un'ambientazione ben gestita, qualche novità per portare una ventata di freschezza e diverse strade percorribili per far punti.
In realtà il gioco si è rivelato più "tattico" di quello che pensavo: spesso prendi quello che gli altri ti hanno lasciato prima che finisca, scatenando quasi corse all'azione di moda del momento. Si può giusto abbozzare una strategia a lungo termine, sperando che l'andamento del gioco ti permetta di capitalizzarla come dovuto.
Non sono ancora riuscito a capire se l'azione viaggio sia veramente così debole e assolutamente secondaria come sembra (a livello di difetto di calibrazione) o se siamo solo noi che non riusciamo a sfruttarla al meglio.

Il confronto è stimolante a 2 condizioni:
che ci sia la volontà potenziale dell'interlocutore a cambiare opinione;
che nessuno si senta depositario di verità assolute. Dubitare è uno strumento per arrivare alla "verità".

8

Nessun commento

10

Bellssimo...poi ora che è uscito in italiano ancora di più....
Strategico , divertente , molti modi per arrivare a fare punti vittoria e quindi vincere la partita.
Molto bella anche la novità tempo/morte...
Da avere nella propria collezione...assolutamente...

consigliatissimo!!!

Posso resistere a tutto tranne che alla tentazione
Oscar Wilde

7

Gestionale che ha la gran bella idea della "morte per vecchiaia" dei propri popolani, cosa assolutamente innovativa e interessante.
Anche le strategie sono molteplici, e il fattore fortuna è pressoché nullo, la partita non dura in eterno.. eppure nonostante abbia tutte le carte in regola per essere considerato un ottimo gioco non mi ha entusiasmato come invece è accaduto per tanti altri. Non c'è un motivo specifico, questione di mera sensazione personale.
In ogni caso lo consiglio a tutti i giocatori che vogliono affrontare un nuovo gestionale

6

Dopo aver fatto una partita a Lucca 2012, la voglia di riprenderlo in mano è molto poca; devo dire che è un gicoo simpatico, ma non mi ha stimolato sotto alcun punto di vista. Tra le altre cose, l'unica novità veramente stuzzicante, ovvero il fatto di veder morire i propri lavoratori... mi era stata descritta, spiegata e sviscerata dagli amici. Quindi, quando ho finalmente sperimentato il gioco, anche l'unico aspetto veramente originale di questo titolo, ha completamente mancato l'effetto sorpresa. Per il resto, è il classico gioco di piazzamento di lavoratori come se ne possono trovare molti altri. In sostanza è un titolo senza infamia e senza lode, ma la mia ludoteca non ne sentirà la mancanza.

7

Provato ed acquistato a Lucca 2012. In fin dei conti è un gioco di piazzamento che non eccelle nell'introduzione di novità rispetto a molti altri giochi, ma in fin dei conti non mi ha deluso.

8

questo gioco punta tutto sulla novità di poter uccidere gli omini. Che io sappia non ci sono giochi dove fai punti mandando a morte gli omini e questo è molto originale, motivo per il quale gli dò un 8 invece che un 7, ma è un gioco senza profondità, semplice, lineare e breve rispetto ad altri, quindi non può essere considerato a livello di Giochi come Agricola, Caylus o Le Havre che sono giochi nati per essere profondi e anche complessi. E' un gioco molto bello nella sua originalità e nella sua semplicità e leggerezza. Adattissimo ad una serata senza impegno o stress. Concordo con chi dice che il 5° giocatore poteva tranquillamente starci.

7

Nessun commento

---THE SUPER GUARD, TO YOUR SERVICE--- ---DELLA MIA COLLEZIONE DI GIOCHI NON VENDO NULLA---

9

Uno tra i migliori gestionali in circolazione; tante strategie possibili per un gioco davvero ben pensato..!

6

non mi ha preso molto...strano. E' come se fosse un po freddino.
bella la morte per vecchiaia degli omini però...bella trovata originale.

8

Davvero un gioco in stile tedesco molto valido, che a modo suo prova a "svecchiare" un po' il genere del "worker placement". Mi è sembrato davvero molto bilanciato e con partite abbastanza varie. Probabilmente il migliore nel suo genere degli ultimi 3-4 anni.

--
Stef - Stefano Castelli

8

Nessun commento

9

Grafica accattivante e sistema di gioco fluido. Buona la curva di apprendimento. Può essere giocato a vari livelli e questo l'uso rende spendibile con diversi gruppi di giocatori. Si sente la mancanza del quinto giocatore, come giustamente dice il recensore. Nel complesso l'ho davvero gradito. Buono anche il rapporto qualità/prezzo.

Non sono le nostre capacità che ci dicono chi siamo veramente, sono le nostre scelte!

10

Nessun commento

7

Nessun commento

10

Nessun commento

8

Gioco molto bello che inserisce con originalità il meccanismo della morte dei propri personaggi. Gioco molto longevo perché il posizionamento dei cubetti nelle zone del tabellone varia di partita in partita creando strategie sempre diverse.

Longevità: 2
Regolamento: 2
Divertimento: 1
Materiali: 1
Originalità: 2

8

Un ottimo gioco di piazzamento, con tantissime possibili strategie da applicare. Di primo acchito il tabellone e la moltitudine di componenti può "spaventare", ma la curva di apprendimento è sorprendentemente veloce. Village è un mix di tanti "mini giochi" ben amalgamati e ben ambientati. CORPOSO!

10

longevita':1.5
regolamento:2
divertimento:2
materiali:2
originalita':2

totale 9,5..veramente molto carino e fatto bene... l'idea delle pedine che muoiono durante il gioco e' BELLISSIMA.. in italiano a 35-40€ e' un gioco da avere ASSOLUTAMENTE

8

Nessun commento

10

Nessun commento

Il Tavolo unisce ciò che la "tavoletta" divide!!

9

Bel gioco di dinastie. Ottima la meccanica "uccidi i tuoi parenti per fare punti". Belli i materiali, facili le regole, adatto a tutti.

Un goblin a sei zampe...

7

Nessun commento

7

Nessun commento

9

Nessun commento

Stiamo crescendo....
Vendo

8

A una prima analisi mi sembra un bel gioco.
Solito worker placement, però di qualità e con qualche piccola innovazione.
Per me è promosso!

Si scopre più su una persona in un'ora di gioco,che in un anno di conversazione.
//boardgamegeek.com/jswidget.php?username=Pupina84&numitems=9&header=1&text=title&images=small&inline=1&show=recentplays&imagewidget=1)

7

Nessun commento

8

Nessun commento

Vendo con RIBASSI, The Foreign King Kickstarter 15€, American Rails 15€, Britannia FFG 50€, Loony Quest ENG 15€, Il tesoro della giungla 10€

9

Bellissimo gestionale tedescone.
Diverse cose innovative e davvero originali nel suo genere.
Gioco equilibrato/bilanciato e tosto, sicuramente può portare all'analisi paralisi ed è sconsigliato a chi è eternamente incerto. Buona interazione fra i giocatori.
Materiali ottimi e ben fatti, colorati e tutto molto a tema.
Rapporto costo/divertimento molto buono.
Village sei entrato nella mia lista dei gestionali preferiti!

L'essenziale è invisibile agli occhi.

7

Nessun commento

//www.mamart.net/mamart_logo_S.png)//www.mamart.net/zombicide_index/img/mamart_zombicide_logo_s.png)

9

bel gioco e l'idea delle generazioni con i morti è molto carina

frankiEdany
ehi, goblins...sono FRANKIE ...Dany si è fregata la mia E !!!

7

Questo gioco rappresenta bene l'unione di alcuni dei più bei giochi di piazzamento di tutti i tempi.
La struttura stessa è quella di un gioco che contiene altri mini-giochi.
Personalmente il mercato mi ricorda Puerto Rico
Le zone di produzione mi ricordano Agricola.
La Camera del Consiglio richiama i favori di Caylus.
La chiesa Troyes

La bella innovazione sta nella morte dei propri membri della famiglia.
Proprio questo elemento lo rende meno astratto e inaspettatamente strategico.

Il gioco scorre bene e dopo molte partite si conferma l'idea che si può vincere in vari modi.

Difetti
Poca interazione, specie in 2 giocatori.
Un po' "fastidioso" mischiare e posizionare i cubetti ogni turno.
(ma lo dice una persona con le dita grandi)

9,5

Una scoperta veramente interessante. Il mio giudizio si basa su partite svolte in 3 o 4 giocatori. Ottima ambientazione e buona interazione (realizzata"soffiando" i cubi disponibili dalle posizioni chiave nonchè tramite la funzione del "pozzo" che permette di giocare al momento opportuno azioni che sarebbero già esaurite per mancanza di cubi). Originale l'idea della morte dei membri della famiglia più anziani, particolare che costringe a pensare quando è conveniente salvaguardarli e quando invece bisogna accellerarne il decesso. Regole che si apprendono rapidamente (a metà della prima partita le regole di base sono apprese, per la stretagia bisogna giocarne quallcuna in più). Per quanto mi riguarda un gioco da 9,5. Consigliato. Non sono in grado di darne un giudizio sulla scalabilità a 2 giocatori.

9

Buon gioco con ottime idee!!!

10

Nessun commento

9

Nessun commento

Il gioco è una cosa seria...ma non così seria.

8

Nessun commento

Cristian
TdG Latina

7

Nessun commento

L'unica febbre che sento è la febbre della battaglia. Mi ribolle nelle vene! Gotrek Gurnisson

7

Un bel gioco gestionale, non particolarmente complesso ma abbastanza lungo. Scarsa (come in molti giochi simili) l'interazione.

"ludus est necessarius ad conversationem humane vite"

6

Nessun commento

7

ho fatto solo una partita ma mi è sembrato un bel gioco di piazzamento ambientato molto bene.
bell'issima l'idea della morte dei personaggi con lo scorrere del tempo.
sicuramente da rigiocare.

8

Nessun commento

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare