Festival International des Jeux 2017 - Il Report

Goblin al Festival international des Jeux Cannes 2017
IGiullari

Al festival international des Jeux di Cannes c’erano anche due Goblin armati delle inconfondibili magliette verdi e di tanta voglia di giocare. Il bottino è di 38 giochi diversi provati tra novità, prototipi e vecchie glorie.

Report
I Goblin al Festival International des Jeux di Cannes
I Goblin al Festival International des Jeux di Cannes
Il 24-25 e 26 febbraio si è tenuto presso il Palais des Festival di Cannes (sì, lo stesso dove fanno il Festival del Cinema) la 31^ edizione del Festival International des Jeux: una tre giorni completamente gratuita per celebrare il gioco da tavolo, il videogame e tutto ciò che ruota attorno all’universo ludico.

Dopo la toccata e fuga dello scorso anno, quest’anno abbiamo voluto vivere tutta la fiera acquistando addirittura un pass vip (per gentile intercessione della Tana) che ci ha permesso di saltare le code e godere al massimo della fiera.

La Fiera

Come avevamo anticipato in questo articolo, Il Festival è la seconda fiera più grande d’Europa (seconda solo allo Spiel di Essen) e richiama autori ed editori da tutto il mondo. In Francia la cultura del gioco è più radicata rispetto all’Italia e questo lo si poteva vedere già dal numero altissimo di visitatori (oltre 100000 stando al sito dell’evento), perlopiù famiglie con bambini, ma anche tanti over 60, cosa che ci ha stupito molto. Va da sé che la maggior parte dei titoli presentati si rivolgevano ad un target più family, con un’intera (gigantesca) area dedicata ai giochi per bambini e famiglie. Non mancava comunque pane per gli hard gamer, abbiamo visto almeno 4 titoli finalisti del Magnifico sui tavoli, più tanti altri titoli “di un certo peso”. Data la collocazione temporale a fine febbraio a tanti stand era possibile provare i prototipi,
Notte degli OFF
Notte degli OFF
ormai quasi definitivi, di tanti giochi in uscita in estate o autunno, oltre a tantissimi progetti kickstarter di prossima uscita o con una campagna in atto, oltre alle ovvie novità presentate in occasione della fiera, proprio come accade a Play.

Splendida poi la notte degli OFF, alla chiusura della fiera, si può salire al quarto piano dove una sala immensa ospita tutti i giochi che ancora cercano un editore pronti per il playtest.

Rispetto allo scorso anno abbiamo notato come il comparto ristorazione fosse più preparato (con numerosi panini fino a sera) ed era comunque possibile portare cibo e acqua all’interno siccome i controlli anti terrorismo, seppur fortunatamente sempre attivi, erano meno ferrei circa il cosa introdurre. Altra cosa cui abbiamo fatto più attenzione rispetto lo scorso anno è stata la lingua. Noi parliamo entrambi il francese ma abbiamo comunque
Alban Viard spiega Tramways
Alban Viard spiega Tramways
sempre chiesto la possibilità di avere la spiegazione in inglese o italiano. A praticamente tutti gli stand la spiegazione in inglese era assicurata e abbiamo avuto il piacere di ascoltare due spiegazioni (e mezza) in italiano.

Forte infine la presenza di autori da tutta Europa. Abbiamo avuto il piacere di conoscere e chiacchierare con molti di loro, impegnati in sessioni di autografi o nella spiegazione dei propri giochi. La bandiera italiana era tenuta alta dalla coppia Canetta/Niccolini fieri della localizzazione francese del loro Railroad Revolution, in dimostrazione alla Pixie Games, dove abbiamo avuto il piacere di conoscere e chiacchierare anche con Alban Viard che ringrazia tutta la Tana per la nomination del suo Tramways al Goblin Magnifico e ci confida che spera di vincere!

Prima di passare al capitolo giochi vi consigliamo quindi la splendida cornice di Cannes per godere di questa meravigliosa fiera. Abbiamo notato come il sabato sia il giorno più congestionato ma, con un po’ di pazienza noi siamo riusciti a provare 14 titoli.

I Giochi

Venerdì

Appena entrati in fiera (dopo esserci persi lungo i corridoi dell’ingresso riservato agli “addetti ai lavori” ed essere finiti sul palco dell’auditorium durante le prove dell’orchestra) ci fermiamo al primo tavolo libero.

Dream Land

Festival International des Jeux a Cannes: Dream Land
Dream Land
2-6 giocatori, durata 15’

Gioco con carte rotonde alla dobble che sfrutta l’ambientazione di un manga che non abbiamo mai sentito nominare. Rivelata la carta si deve riconoscere l’eroe assente, essere i primi a nominarlo per poterlo ruotare sulla propria plancetta e, se la carta non raffigura la principessa, afferrarla per poter sconfiggere uno dei 4 mostri davanti a noi. Il primo a sconfiggerli tutti vince. Il gioco ci lascia un po’ freddini. Niente di nuovo sotto il sole, ma bei disegni.

Indice di gradimento: 1/5

Grumpf

Festival International des Jeux a Cannes: Grumpf
Grumpf
2-6 giocatori, durata 15’

Ogni giocatore dispone di un pool di tessere fronte-retro che mostrano la forza dei propri grumpf e delle clave per coprire le tessere avversarie. Al via si lanciano e si piazzano sulle sei plance in contemporanea. Allo stop, dato quando due giocatori hanno terminato i propri tasselli, si controllano le plance, ognuna con una condizione diversa di attivazione (somma superiore a 20, inferiore a 10, almeno 3 tessere e così via), e si assegnano gli animali eventualmente presenti a chi ha la maggioranza e poi a scalare al secondo e terzo giocatore. Dopo 4 manches chi ha più set di animali diversi vince. Il gioco ci è piaciuto molto nella sua semplicità e immediatezza pur senza essere banale.

Indice di gradimento: 4/5

Clash of Rage

Festival International des Jeux a Cannes: Clash of Rage
Clash of Rage
2-4 giocatori, durata 60’

American attualmente su kickstarter che prevede miniature che noi non abbiamo visto e si basa su combattimenti per il controllo del territorio. Ogni giocatore dispone di 3 tipi di armate differenti con cui muoversi sul tabellone per picchiare le miniature neutrali o quelle avversarie a suon di dadi. Molto semplice il combattimento che prevede il semplice colpito o mancato e poco altro. Il gioco ci annoia abbastanza, tanto downtime e una vittoria incontrastabile della giullaressa alla sua quinta azione.

Indice di gradimento: 1/5

Booo!

Festival International des Jeux a Cannes: Booo!
Booo!
2-6 giocatori durata 40’

Ci sediamo in attesa che si liberi il tavolo di Edenia convinti sia un gioco per bambini vista la grafica. Ci troviamo di fronte ad un simil Ricochet Robots, ovvero un labirinto in cui muoverci senza in realtà muovere alcunché finché non si è trovata mentalmente la strada da percorrere. Gioco persino troppo pesante e in alcuni casi complesso. Secondo noi, target sbagliato.

Indice di gradimento: 2/5

Edenia

Festival International des Jeux a Cannes: tabellone di Edenia
Edenia
2-4 giocatori durata 30’

Puntavamo il gioco già a Essen senza però essere riusciti a provarlo. Nei panni di pecore spaziali dobbiamo raggiungere il pianeta su cui trasferirci esplorando l’universo. Piazzando le tessere ci sposteremo lungo le rotte spaziali in un modo che ricorda Tsuro incontrando pianeti da colonizzare, teletrasporti e artefatti da utilizzare per avere dei bonus. Il gioco mantiene le sue promesse. Divertente.

Indice di gradimento: 3/5

Bubblee Pop

Festival International des Jeux a Cannes: Bubble Pop, partita in corso
Bubble Pop
2 giocatori durata 20’

Anche questo era rimasto nella lista di quelli non provati a Essen e proviamo la versione con l’espansione ancora in fase di prototipo spiegataci in italiano dallo stesso autore. Nel gioco dobbiamo cercare di disporre le bolle in file da 3, facendole scendere dal cielo nella nostra area di gioco rispettando la gravità. Il gioco è un astratto molto semplice ma che ci piace molto. Una bella sfida per due.

Indice di gradimento: 4/5

Freak Shop

Festival International des Jeux a Cannes: Freak Shop
Freak Shop
2-5 giocatori durata 20’

Gioco di collezione set le cui condizioni di vittoria cambiano di partita in partita. Al nostro turno possiamo scambiare tra loro più carte dello stesso valore con altrettante di un altro valore, oppure scambiare una carta con altre per un pari valore. Avvincente, per nulla banale e molto divertente. Il gioco ci colpisce e si rivela un ottimo filler. Consigliato.

Indice di gradimento: 4/5

Doggy Bag

Festival International des Jeux a Cannes: Doggy Bag
Doggy Bag
2-6 giocatori, durata 20’

Il dimostratore ci dice subito che il gioco rende bene solo in 6, essendo un gioco di “scommesse” e “bluff”. Non sappiamo dove abbia visto le scommesse e il bluff… si pescano ossi da un sacchetto sperando di non trovare quelli neri… boh. Piatto e noiosetto.

Indice di gradimento: 0/5

Haru Ichiban

Festival International des Jeux a Cannes: Haru Ichiban
Haru Ichiban
2 giocatori, durata 20’

Gioco di qualche anno fa rieditato per la recente fiera di Essen. Un astratto per due giocatori semplice e pulito con una grande profondità. Simultaneamente si sceglie uno dei nostri fiori (numerati da 1 a 8) e lo si rivela. Chi ha scelto il numero più basso si posizionerà sulla ninfea scura e l'altro dove vuole sul tebellone. Dopodiché il numero inferiore può spostare un gruppo di ninfee e l'avversario scegliere quale ninfea voltare e rendere scura. Ci strega subito. Unico acquisto della fiera. Recensione a breve.

Indice di gradimento: 5/5

Dolores

Festival International des Jeux a Cannes: Dolores
Dolores
2-4 giocatori, durata 20’

Avevamo scartato il gioco prima di Essen alla lettura delle regole. L’entusiasmo di Teooh dopo la prova ci ha incuriosito e lo proviamo. Vero gioco di bluff che magicamente dà il suo meglio in due giocatori. Svelati i tesori si dovrà parlare per accordarsi sulla spartizione, ma tutto verrà deciso dal gesto fatto dopo aver scandito “do-lo-res”. In una specie di carta/sasso/forbice si stabilirà chi prende cosa o se le carte vanno scartate. Scopo del gioco raccogliere set di oggetti che forniscono punti vittoria. Molto divertente.

Indice di gradimento: 4/5

Dice crash

Festival International des Jeux a Cannes: Dice Crash
Dice Crash
2-4 giocatori, durata 15'

Semplicissimo gioco di dadi di varie forme che, una volta lanciati, vanno impilati. Più in alto si posizionano più punti danno. Niente di che. Davvero piatto.

Indice di gradimento: 0/5

The Walking Pet

The walking Pet
The Walking Pet
2-5 giocatori, durata 15'

Vediamo il gioco in dimostrazione e, sebbene sia già in collezione, non conosciamo le regole in quanto si trovano solo in tedesco. Il dimostratore ci insegna così a giocare e a capire le poche scritte presenti sulle carte. Il gioco è simpatico e divertente. Molto semplice, ma fa il suo dovere. Non diciamo altro perché ne troverete una recensione a breve!

Bellz!

Festival International des Jeux a Cannes: Bellz
Bellz
2-4 giocatori, durata 10'

Mentre annunciano la chiusura della fiera vediamo Bellz e non resistiamo ad una partita. Per chi non conoscesse il gioco si devono recuperare tutte le campanelline del proprio colore utilizzando un magnete, senza però far attaccare le campanelline avversarie. Gioco di abilità davvero semplice ma divertente.

Sabato

Il giorno più caotico. C’è da fare un po’ di coda se si vogliono provare i titoli di punta, ciò che facciamo noi per provare…

Yamatai

2-4 giocatori durata di 90'

Festival International des Jeux a Cannes: tabellone di Yamatai
Yamatai
Per le regole rimandiamo alla nostra anteprima, il gioco prometteva bene e alla prova su strada mantiene tutte le promesse. Il gioco ci piace molto, è in pieno stile Days of Wonder, tattico, con tante scelte e un ordine di turno maledettamente importante.

Indice di gradimento: 4/5

Jack e il fagiolo Magico

2-4 giocatori durata di 30'

Festival International des Jeux a Cannes: Jack e il fagiolo magico
Jack e il fagiolo magico
Futuro titolo della serie Tales & Games, il prototipo è un gioco che mescola destrezza e lancio dei dadi. A seconda del simbolo comparso sulla faccia potremo impilare i dadi per pescare carte tesoro. Ne esce un titolo simpatico e interessante come sempre con la doppia variante del regolamento semplificato e per esperti che introduce le carte con cui scegliere l’ordine di turno e vari poteri speciali.

Indice di gradimento 3/5

Micromutants

2 giocatori durata di 20'

Festival International des Jeux a Cannes: Micromutants
Micromutants
Riedizione di un vecchio gioco firmato Maggi-Nepitello che rimodernizza il vecchio gioco delle pulci. Oggi come allora si devono far saltare le nostre truppe su quelle avversarie per eliminarle. Se la nostra unità si ribalta, si attivano, inoltre, dei poteri speciali. Gioco interamente di abilità e già presente in due versioni per un totale di 4 razze diverse da utilizzare e combinare.

Indice di gradimento: 3/5

ARGH!

Festival International des Jeux a Cannes: Argh
Argh
2-4 giocatori, durata di 15'

Gioco di bluff in cui si pescano carte che possono essere tenute per sé o offerte ma in questi due casi vanno tenute coperte. Le carte coperte possono essere rubate e messe al sicuro scoperte davanti a sé. Le carte possono dare o togliere punti così come sancire la sconfitta immediata. Simpatico. Ma in una partita hai visto tutto.

Indice di gradimento: 2/5

Karuba

Festival International des Jeux a Cannes: plancia giocatore di Karuba
Karuba
2-4 giocatori, durata 30'

Decidiamo di recuperare questo gioco targato Essen 2015. Capiamo perché tutti ne parlino così bene. A partire da un set comune di tessere e con gli esploratori e i rispettivi templi nelle stesse posizioni, ogni giocatore troverà una strada diversa da far percorrere ai propri omini per essere il primo a raggiungere il tesoro. Gioco semplicissimo nelle regole ma che ci strega. Idea brillantemente semplice. Lo rigiocheremo anche la domenica vedendo un mezzo tavolo libero.

Indice di gradimento: 5/5

7 wonders Duel: Pantheon

7 wonders duel: Pantheon
7 Wonders Duel: Pantheon
2 giocatori, durata 30'

Dopo aver acquistato tutte le promo che ci mancavano allo stand della Repos proviamo l’espansione di Duel. Il gioco aggiunge in ogni era una nuova regola. Nella prima chi libererà per l’avversario una delle 4 carte coperte su cui è presente un token divinitl, avrà il diritto di scegliere un dio di quella civiltà e posizionarlo nel pantheon. Nella seconda era si rivelano gli dei e si possono attivare pagandone il costo dato dalla posizione nel pantheon. Si possono, inoltre, raccogliere token che forniscono uno sconto all’attivazione liberando carte coperte. Nella terza era si sostituiscono le gilde a 3 nuove carte, molto costose, che forniscono punti crescenti se collezionate. Ci piace molto. Peccato che non si trovi a comprare in tutta la fiera!

Indice di gradimento: 4/5

Zombi Dice

2-99 giocatori, durata di 20'

Secondo il principio per cui giochiamo a quel che vediamo libero ci facciamo un giro a Zombi dice. Non lo avevamo mai giocato. Sarebbe stato meglio continuare a non conoscerlo.

Indice di gradimento: 0/5

Microrobots

Microrobots
Microrobots
1-infiniti giocatori, durata di 15'

Figlio di Ricochet Robot, sfrutta un tabellone più piccolo suddiviso in facce di dado colorate e due dadi da lanciare per far muovere il robottino trasparente. Stabilita la casella d’arrivo si deve calcolare il percorso più breve considerando che il robot si muove solo in orizzontale o verticale spostandosi da due caselle dello stesso valore o dello stesso colore. Ricochet Robot resta inarrivabile, ma il gioco ci piace. Facciamo una ventina di manche!

Indice di gradimento: 4/5

Hop!

HOP
HOP
3-5 giocatori, durata 30'

Gioco di Marie Cardouat (l’illustratrice del primo Dixit) presentato a Essen. Nel gioco si deve portare la nostra miniatura in cima al percorso lanciando un arcobaleno e cercando di agganciare il dito di un altro giocatore. Il come lanciarlo (a occhi chiusi, da sotto la gamba, da seduto per terra) me lo dirà una carta pescata dal mazzo. Le illustrazioni sono bellissime (della stessa autrice) ma… forse è meglio se si limiti a disegnare!

Indice di gradimento: 1/5

Le Course des Tortues

La corsa delle tartarughe - dimostratore
La corsa delle tartarughe - dimostratore
2-5 giocatori, durata 10'

Mentre chiacchieriamo con l’editore della Oya delle modifiche apportate per l’edizione francese di alcuni giochi, ci nomina questa “Corsa delle Tartarughe” di Reiner Knizia. Ci dà il gioco e ci fa accomodare mentre va a chiamarci il dimostratore ufficiale. Torna col figlio di quasi 7 anni che ci spiega il gioco alla perfezione e ci tiene incollati al tavolo a ridere per una mezz’ora buona. Nel gioco dobbiamo portare la nostra tartaruga (segreta) alla vittoria muovendo le tartarughe avanti e indietro lungo il percorso grazie alle carte pescata. Le tartarughe, se si salgono sulla schiena, si portano a spasso l’una con l’altra (come in Mahè o Camel up)

Indice di gradimento: 3/5 (10 su 5 per il dimostratore)

Ikan

2-4 giocatori, durata 20'

Ikan
Ikan
Prototipo ormai in fase conclusiva, consiste nel memorizzare un labirinto in cui l’avversario posiziona una lancia con cui sconfiggere il drago e una chiave con cui rubare un idolo prima di uscire. Passati 30 secondi si copre il labirinto e, nei panni di Ikan, il meeple sulla mappa, ci si deve muovere nel labirinto. Si parte con 20 cuori, ogni errore costa un cuore. Se si vuole sbirciare il labirinto si pagano 2 cuori. Chi termina con più cuori vince. Il dimostratore chiama l’autore durante la performance del barbuto che riesce a uscire senza perdere neppure un cuore.

Indice di gradimento 3/5

Paku Paku

Paku Paku
Paku Paku
2-6 giocatori, durata15'

Si lanciano a raffica i dadi che, a seconda della faccia lanciata vengono passati al vicino o ci obbligano a impilare un piatto nella pila al centro del tavolo. Chi la fa crollare, sempre tramite un lancio di dadi, stabilisce quanti punti penalità deve prendere. Simpatico e con bei materiali ma gioco un po’ meh.

Indice di gradimento: 2/5

Kikou le CouCou

Kikou le Coucou
Kikou le Coucou
2-6 giocatori, durata 15'

Gioco firmato Haba e finalista dell’As d’Or sezione bambini. Nel gioco si collabora nella creazione del nido per le uova pescando e posizionando in orizzontale bacchette da shangai, dopodiché si deve appoggiare una delle uova. Se si fanno cadere le uova si prende un uovo da chi ne ha di più. Il primo a terminare le proprie uova sarà il vincitore. Il gioco ci piace un sacco. La Haba sa fare veramente dei prodotti di qualità per bambini, capaci di intrattenere anche gli adulti.

Indice di gradimento: 4/5

Domenica

Dopo la serata passata agli OFF e la cena al bistrot dove scopriamo che la pasta al sugo è considerata un contorno, la domenica si fa faticosa. Con già le valigie in macchina e la consapevolezza di dover tornare, ci fiondiamo a giocare in fiera e la troviamo sospettosamente meno congestionata del sabato.

75 Gnom Street

75 Gnom street
75 Gnom street
2-4 giocatori, durata 30'

Scopo del gioco è scoprire l’ubicazione del tesoro nel giardino degli avversari. Per farlo si dovranno posizionare i nostri gnomi sul tabellone comune per scovare indizi e, tramite una meccanica di selezione carte, stabilire l’ordine di gioco perché si possono fare domande solo a chi gioca dopo di noi. Poteri speciali e destrezza in caso di parità di carta giocata creano un gioco molto carino. Noi purtroppo lo proviamo in due e in due… arranca abbastanza, ma si vede che già in tre è tutta un’altra musica.

Sensei

Sensei
Sensei
2 giocatori durata 15'

Partendo con Sensei proviamo una serie di giochi astratti editi dalla Ferti Games con splendidi materiali. In Sensei si deve portare il nostro sensei dall’altra parte della mappa spostando o il sensei tra le pietre del nostro colore (se non ci sono pietre altrui in mezzo) o le pietre in orizzontale o verticale sul tabellone. Tutto il gioco sta nell’ostacolarsi e nel pianificare le nostre mosse e quelle dell’avversario.

Indice di gradimento 3/5

Siam

Siam
Siam
2 giocatori, durata 15'

Scopo del gioco spingere una delle tre pietre fuori dall’area di gioco spingendole con le nostre pedine che possono essere mosse o ruotate di un solo spazio per volta sulla plancia. Se due pedine avversarie si trovano di testa una contro l’altra le forze si annullano e non si riesce a spingere. Piaciuto molto.

Indice di gradimento: 4/5

Yokai no Mori

Yokai no mori
Yokai no mori
2 giocatori, durata 15'

Yokai no mori è un gioco che si rifà agli scacchi cinesi, in questa bellissima versione raffigurati da splendide illustrazioni. Scopo del gioco eliminare il “re” avversario o portare il proprio dall’altro lato della plancia. Ogni pezzo ha regole speciali di movimento. Il gioco si presenta in due versioni: la semplice, con meno pezzi, o la completa, mappa più grande e più pezzi. Bello. Bello. Bello.

Indice di gradimento: 5/5

Cities of Splendor

Cities of Splendor
Cities of Splendor
Titolo provvisorio della nuova espansione di Splendor. Ci aggreghiamo a spiegazione iniziata e scopriamo solo dopo un po’ che chi ci sta spiegando il gioco è l’autore. 4 nuovi moduli sono inseribili a piacere al gioco base.
  1. Le torri. Ogni giocatore ne ha tre e possono essere piazzate su una carta dopo aver preso gemme. La carta con una torre sopra può essere costruita solo da chi ha una sua torre sopra. Se si mettono le tre torri tutte sulla stessa carta, la si costruisce gratuitamente. Anziché piazzarne una, posso toglierne una già in gioco appartenente ad un avversario.
  2. I poteri. Ogni giocatore ha un set uguale di poteri attivabili come i nobili al raggiungimento di determinati numeri e tipi di carte. Forniscono abilità speciali e molto forti.
  3. Artefatti. Carte che si sostituiscono ai nobili e definite dall’autore le più “violente”. Per essere prese si devono avere almeno 14 o 15 punti e almeno 4 o 5 carte dello stesso colore. Se non si possiede un artefatto a fine partita, si perde automaticamente.
  4. Nuove carte. Nuove carte che forniscono gemme jolly o due gemme anziché una e che hanno costi più elevati. 10 nuove carte per ogni mazzo e di conseguenza più carte in gioco (5 per fila anziché 4). È quella che a naso stravolgerà di più il gioco.

Proviamo il secondo modulo che si integra alla perfezione col resto del gioco. Chiediamo di scattare una foto. L’autore ci dice che preferisce di no anche se teme che qualche foto sia stata rubata. Noi, ovviamente, ne rubiamo una.

Indice di gradimento (del modulo provato): 4/5

Service Compris

Service compris
Service Compris
2-6 giocatori, durata 45'

Siamo ospiti di un banchetto a casa dei giganti ma… siamo le portate principali. Ogni giocatore deve cercare di far mangiare prima uno dei personaggi degli altri giocatori giocando carte attacco e difendendosi. Simpatica l’ambientazione ma il gioco lo troviamo molto lungo già in 4. Chissà in 6. Remake di Family business che era a tema mafia.

Indice di gradimento: 1/5

Jelly Squad

Jelly Squad
Jelly Squad
2-6 giocatori, durata 30'

Gioco che uscirà alla fine dell’estate, si tratta di un gioco di dadi in tempo reale. Dopo il lancio se ne può piazzare uno su di uno dei sei settori e, a seconda del numero piazzato, si potrà scartare un dado avversario o modificare la ricompensa di quel settore per chi avrà la maggioranza.

Simpatico ma abbiamo tutti avuto problemi nell’involontario spostamento di dadi nostri o altrui piazzandoli in giro per il tabellone.

Indice di gradimento: 2/5

Decrocher la Lune

Decrocher la lune
Decrocher la lune
2-4 giocatori, durata 30'

Gioco di equilibrio di prossima uscita in cui si devono impilare scale storte e sghembe le une sulle altre in base alle indicazioni date dal dado. Si dovranno piazzare a contatto con una sola scala, con due, o con il vincolo di posizionarla con la sommità che svetti più in alto della attuale struttura. Ogni errore o crollo consegna una lacrima di luna al giocatore in fallo, chi ne avrà di meno al termine della partita è il vincitore. Bello da vedere e interessante da giocare.

Indice di gradimento: 4/5

Un Deux Kroa

Un Deux Croa
Un Deux Croa
2-4 giocatori, durata 15'

Gioco di calcolo e rapidit. Si rivelano in simultanea carte con cui modificare il valore della nostra rana (che parte da zero) o quelle altrui, se decidiamo di dare loro la carta, o il bue (che parte da dieci). Scopo del gioco riuscire a interrompere il gioco nel momento in cui si crede di avere lo stesso valore nella propria pila di carte rana e in quella di carte bue (che non possono mai essere controllate durante il gioco).

Incontrollabile.

Indice di gradimento: 1/5

L’arbre

L'arbre
L'arbre
2-4 giocatori, durata 45'

Nel gioco dovremo terminare per primi i pezzi di albero davanti a noi posizionandoli sull’albero, dapprima i rami, poi le foglie, i boccioli e infine i frutti. Per farlo dovremo giocare le corrispettive carte dalla mano, in combinazione con quelle sulla plancia e utilizzando i poteri speciali dei 4 personaggi. Il gioco è carino ma paga lo scotto di una grafica poco invitante che ricorda un libro di testo delle elementari degli anni ‘60.

Indice di gradimento: 3/5

Sabordage

Sabordage
Sabordage
2-5 giocatori, durata 30'

Gioco dalla grafica cartoonesca in cui dobbiamo creare la nave più lunga. Ad ogni turno possiamo aggiungere un pezzo alla nostra nave a scelta tra 7 pescati casualmente. In segreto indichiamo su una rotella in quale posizione della nostra nave vogliamo metterlo, dopodiché si attivano gli eventuali cannoni che sparano (distruggendo) le parti di nave adiacenti. Effetti vari rendono il gioco caciarone e divertente. Nel suo genere azzeccato.

Indice di gradimento: 3/5

Grazie a chi ha resistito fino a qui! Alla prossima fiera!

Commenti

lavorone, report impressionante. Ho anche adocchiato qualcosa...

//i.imgur.com/Sad4cBu.jpg)

Grandi Giullari! Gli astratti della Ferti sono molto affascinanti, concordo. Ad Essen, quando uscì, provai e fui rapito da Yokai No Mori (figlio "occidentale" dello Shogi giapponese), che ovviamente presi al volo, ma vien voglia davvero di comprarli tutti.

Vendo: Assault on Doomrock + espansione - Endeavor - SteamRollers - Posthuman KS - Axis & Allies Revised - Samara KS - Matterhorn - Redacted + espansioni
Compro: Piste Formula Dè (SPA/Silverstone/Suzuka) - Cavalieri dello Zodiaco GCC

Viard spera di vincere il Magnifico? Lo spero anch'io, ma se così non fosse, sappia che la colpa è solo di quelle maledettissime monete di Wallace! :D

Vendo: Gobblet, Struggle of the Empires, Imperial, Tash Kalar + espansioni, Talon, Sol: last days of a star

Grande articolo, gran resoconto! Grazie per il vostro tempo!

Io voglio la versione travel di Edenia, solo nella speranza che la chiamino "Edenia Pocket", che sa tanto di ali e assorbimento storico... :D

Un goblin a sei zampe...

Grazie per il report, Karuba è un pezzo che lo tengo d'occhio.

Apostoli al fosforo illuminano Infedeli Blu. Saporedelferronellefauci

DOLORES lo trovo un gran giochino. Ha diverse trovate molto interessanti (una su tutte la determinazione di quali set faranno punti a fine partita) oltre alla genialità di aver applicato la meccanica di sasso-carta-forbice in questo modo. D'altronde Bruno Faidutti è capace a fare giochi...

KARUBA l'ho inseguito anch'io dallo scorso anno (2015), data di uscita a Essen, perché ero curioso di vedere come funzionasse l'accoppiata Dorn-Haba, e non ne sono per niente rimasto deluso. Gioco immediato, piacevole e interessante.

YAMATAI mi interessa molto. Cathala e la DoW hanno già prodotto cose egregie insieme (vedi Five Tribes).

Grazie mille per questo bel report che mi da qualche spunto anche per giochi da acquistare per il mio club ludico a scuola.

Bravi ragazzi: Kikou le CouCou sarà mio (e della mia bimba),

grazie a voi, la prossima volta che andrò in Cruccolandia!

In diretta dal paese delle streghe!

Complimenti per il mega-report!

Bellissimo e dettagliatissimo report!

Aspetto con ansia l'exp di Splendor e il gioco Yamatai.

Che dire.... complimenti a voi Giullari!!

Complimenti, quantità impressionante di titoli provati e report super sintetici ma precisi, grandi ;-)

Mi complimento anch'io per l'ottimo report, sintetico al punto giusto. Non vedo l'ora di provare Haru Ichiban con voi stasera ;)

Tutto FA VO LO SO ! :O Sono a bocca aperta, super lavoro e diversi giochini che mi attiranoooo.

Grazie!

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare