Rank
103

Bora Bora

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7 su 10 - Basato su 63 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2013 • Num. giocatori: 2-4 • Durata: 120 minuti
Autori:
Stefan Feld
Categorie gioco:
Dice
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su Bora Bora Indice ↑

Articoli che parlano di Bora Bora Indice ↑

Eventi riguardanti Bora Bora Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti Bora Bora Indice ↑

Per questo gioco non ci sono video, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare un tuo video.

Gallerie fotografiche Indice ↑

Bora Bora: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
11876
Voti su BGG:
9058
Posizione in classifica BGG:
203
Media voti su BGG:
7,56
Media bayesiana voti su BGG:
7,26

Voti e commenti per Bora Bora

9

Premessa: giocato per ora solo in 4, il voto potrebbe differire dopo averlo provato adeguatamente in 2 o 3.
In 4 la partita è serrata, l'interazione è molto alta se si vuole anche bloccare e contrastare gli avversari.
Sicuramente un brain burner, tantissime cose che vorresti fare ma ahime' non si riesce a farle tutte, lasciando quindi la voglia di rigiocarlo al più presto per provare altre strade, di sicuro non la stessa sera causa "cervello fumante" :)
Quello che apprezzo di Feld (e Bora Bora non fa eccezione) è che nonostante intimidisca all'inizio dopo 1 solo turno si capisce cosa si può fare e come si può agire, dopo 2 turni ti rendi conto come sul tabellone e sulle plance dei giocatori sia tutto scritto e chiaro, le meccaniche si incastrano alla perfezione e allora puoi davvero cominciare a ragionare.
I materiali sono finalmente all'altezza del gioco e non poveri come Burgundy ad esempio, nulla da dire sulla qualità degli stessi con una nota di merito per l'atmosfera una volta tanto solare.
Per quanto infine riguarda il tempo di gioco dipende molto dai giocatori al tavolo, se ci sono pensatori in 4 bisogna aggiungere una mezzora abbondante, 2 ore ci stanno (volano) tutte.

8

Sarebbe 8.5

8

Voto 8.5

Senz'altro il Feld più interattivo tra quelli pubblicati dall'Alea Spiele. E' il vero valore aggiunto del gioco, si esegue la mossa non solo per eseguire la propria strategia ma anche per mettere i bastoni tra le ruote degli avversari, con buona pace di chi si lamenta di troppi giochi multisolitari.
I tratti tipici dei giochi di Feld ci sono tutti e per questo si ha l'impressione di deja-vu, il risultato è comunque molto piacevole . Castles of Burgundy tuttavia, rimane una spanna sopra nella mia personale classifica.

9

Sarà perchè è il mio primo Feld,ma questo gioco mi piace e anche parecchio.Tantissime cose da fare,altrettanti modi di fare punti tutti molto bilanciati.Per me scala molto bene,in 2 lo trovo ottimo,magari ci sono altri titoli che girano ancora meglio,ma questo si difende benissimo.
I dadi ci sono,non si può nascondere,ma i modificatori da usare sono tantissimi.
La grafica è appagante e la sacchettata di tesserine in giro per la plancia restiruisce una bel colpo d'occhio.
L'ambientazione,secondo me, si sente il giusto in un gioco del genere,in giro c'è molto di peggio...
Ho la stessa voglia di giocarci che ho ai titoli a cui ho dato un 9,quindi per me 9 pieno.

5

Grandi aspettative dall'autore; gioco bocciato, meccaniche trite, mi aspettavo molto di piu'

3

Gioco già visto e rivisto.

Poca inventiva sul fronte teutonico del gioco

6

Carino il sistema di gestione delle azioni ma non la trovo molto indicata per un gioco german.

8

No Comment

8

Già provato 3 volte nel giro di 2 settimane. Il primo giudizio è molto positivo.
La grafica è ricchissima e piena di disegni, simboli e quant'altro, e danno luogo ad un tabellone centrale + tabelloncini personali estremamente "carichi", che all'inizio lasciano forse un po' disorientati (così come l'elevatissimo numero di tessere), ma già dopo i primi turni tutto risulta chiaro.
L'utilizzo dei dadi mi sembra ben fatto e "intrinsecamente" equilibrato (dado più alto: azione più potente ma difficilmente realizzabile; dado più basso: azione meno potente ma più facilmente realizzabile). Certo, un tiro sfortunato al momento sbagliato può condizionare la partita, ma ci sono comunque le carte che vengono in aiuto.
Fra gli altri giochi di Feld, ho sentito dei paragoni con Trajan, ma sono d'accordo fino ad un certo punto. Trajan infatti è composto, di fatto, da 6 "giochini" abbastanza slegati l'uno dall'altro e tenuti insieme solo dal meccanismo "mancala", che comunque non risulta molto controllabile. In Bora Bora, al contrario (nonostante anche il lancio dei 3 dadi a ciascun turno sia ovviamente ancor più incontrollabile del "mancala"), le varie azioni sono molto pèiù collegate fra loro, e quella sensazione del "gioco composto da giochini" si ha molto meno.
Il vero difetto semmai, se tale può essere considerato, è l'estrema varietà di modi per fare punti vittoria, che all'inizio non rende facile individuare la giusta strategia da seguire (è meglio fare "un po' di tutto" o concentrasi su due-tre obbiettivi al massimo?)
Visti tutti questi aspetti, comunque, è sicuramente un titolo per giocatori assidui, assolutamente da sconsigliare ai giocatori occasionali.

8

Piacevolissimo da giocare, molti modi per fare punti ma per vincere si devono fare al momento giusto.
Fattore alea gestibile, inutile fissarsi sul voler soddisfare i vari task se non escono quelli “giusti”, il gioco richiede una strategia molto flessibile ed è questo il bello…de gustibus.
Lascia la voglia di rigiocarlo proprio a causa delle molte strade per fare punti.
Materiale ottimo, le plance come detto dal recensore potevano essere più spesse.
8.5

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare