Rank
88

Descent: Journeys in the Dark (Second Edition)

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 8,10 su 10 - Basato su 63 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2012 • Num. giocatori: 2-5 • Durata: 120 minuti
Sotto-categorie:
Thematic Games
Espansioni:
Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Alric Farrow Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Ariad Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Belthir Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Bol'Goreth Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Crown of DestinyDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Crusade of the ForgottenDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Dark ElementsDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Eliza Farrow Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Fall 2014 Game Night KitDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Gargan Mirklace Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Guardians of DeephallDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Labyrinth of RuinDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Lair of the WyrmDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Manor of RavensDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Merick Farrow Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Oath of the OutcastDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Queen Ariad Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Raythen Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Rylan Olliven Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Serena Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Shadow of NerekhallDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Skarn Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Splig Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – The TrollfensDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Tristayne Olliven Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Valyndra Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Verminous Lieutenant PackDescent: Journeys in the Dark (Second Edition) – Zachareth Lieutenant Pack

Recensioni su Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) Indice ↑

Articoli che parlano di Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) Indice ↑

Eventi riguardanti Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Mercatino, annunci per vendere ed acquistare Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) Indice ↑

Offerte di giochi (annunci di vendita / scambio)

Nel seguente elenco sono presenti tutti gli annunci che hanno il gioco da tavolo Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) in vendita singolarmente oppure all'interno di un lotto di giochi con eventualmente indicata la disponibilità ad effettuare scambi.

Annuncio Tipo Prezzo Scambi Consegna Spese sped. Utente Data
Descent 2^ edizione Offro gioco singolo €50.00 No Consegna a mano angell88 19/05/2017
Vendo giochi vari, bundle divisibile! + info nell'annuncio Offro lotto di giochi indivisibile €0.00 No Spedizione gamble 01/05/2017
Vendo Descent 2a Ed. Offro gioco singolo €50.00 Consegna a mano ErBrusko 17/04/2017

Cercasi gioco: annunci con gioco disponibile per scambio o acquisto

Questo elenco contiene tutti gli annunci di utenti che cercano il gioco da tavolo Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) sia per acquistarlo che per scambiarlo con altri giochi.

Annuncio Tipo Consegna Utente Data
Cerco vari giochi Cerco Consegna a mano, Spedizione Tullaris 13/05/2017

Video riguardanti Descent: Journeys in the Dark (Second Edition) Indice ↑

Gallerie fotografiche Indice ↑

Descent: Journeys in the Dark (Second Edition): voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
22880
Voti su BGG:
14298
Posizione in classifica BGG:
63
Media voti su BGG:
7,80
Media bayesiana voti su BGG:
7,57

Voti e commenti per Descent: Journeys in the Dark (Second Edition)

5

meccaniche: dungeon crawling. il migliore del genere
regolamento: può destare parecchi dubbi essendo un american
interazione: ovviamente sempre presente!
scalabilità: buona da 2 a 5, ma meglio in più giocatori, altrimenti qualcuno deve usare più personaggi
durata: rispetta i tempi dichiarati
componenti: ottimi, miniature stupende
ambientazione: più ambientato di cosi!!
fattore fortuna: ovviamente altissimo, vagonate di dadi!
originalità: remake di descent edizione, di originale ha solo alcune meccaniche cambiate per rendere più accessibile e meno lungo il gioco
dipendenza dalla lingua: altissima, tanto testo sulle carte e sul tomo delle quest
longevità: medio-bassa, rifare la stessa quest non è cosi divertente come affrontarla la prima volta.
conclusioni personali: deve piacere il genere, allora diventa un must-have! io ho capito che sono incline verso i german, e quindi mi ha preso poco..ma penso che sia il migliore del genere, con tutti i pro e i contro di un ameritrash

10

nessun commento

10

Davvero ottimo titolo, imparagonabilmente migliore rispetto alla prima edizione. Non concordo con i difetti del recensore:
1)Le pozioni non sono comprabili perche non si devono poter accumulare come avviene in tutti i giochi di questo genere, altrimenti quando poi si finisce per accumulare tante troppe pozioni la necessita di scelte strategiche puo diventare superflua.
2)"Mancano alcuni elementi strategici che regalavano profondità al titolo, come la gestione dei punti minaccia e le azioni preparate". Non è vero, i punti minaccia da ottenere con vendita delle carte e calcolo dei resti e calcolo di quale poteva convenire vendere rallentavano abissalmente il ritmo di gioco. Le azioni preparate ci sono ma solo per chi se lo puo permettere, vedi carte di alcune classi che permettono l'interruzione del turno dei mostri. L 'azione preparata della prima edizione non era poi quel granche di strategico o non prevedibile o particolarmente entusiasmante.
3)Per ora ho trovato gli scenari ben bilanciati, il master se li deve studiare un po prima in modo da ottimizzare uso di tracobetti e imboscate nei punti nevralgici della mappa: per ora 8 avventure con 2 gruppi diversi di giocatori con conclusioni sempre sul filo di lana.
4)"Alcune forzature regolistiche, come il movimento dei mostri grandi o le armi che hanno la stessa efficacia in mano a qualsiasi tipo di eroe". I mostri grandi non devono essere strategicamenti svantaggiati nel movimento perche grandi, gia sono lenti, in piu nella precedente edizione non passavano dalle strettoie! Ora si spostano sempre lentamente ma si spostano bene. Le armi non hanno sempre la stessa efficacia in mano a qualsiasi eroe: le rune con le carte del runemaster sono molto piu potenti, le armi corpo a corpo con il berserker fanno molto piu male, il cavaliere usa bene lo scudo, etc

8

Nessun commento

7

Nessun commento

9

decisamente molto meglio del primo.

--- per Jefferson Davis e la Confederazione! ---

1

Mamma mia che orrore di gioco, sarebbe un 3 che porto ad 1 perchè è il primo gioco che abbandono prima di fine partita per la noia che stava suscitando in tutti noi. Materiali bellissimi per carità e anche longevità ma una noia tremenda. bocciato senza appello se migliora la prima edizione allora gambe in spalla e pedalare

8

Da appassionato di miniature e giochi di ruolo ho trovato in questa soluzione un gioco molto piacevole, l'unico vero problema che non finisce mai... troppo lungo...

8

Il gioco funziona e diverte, per molti versi mi ricorda il primo e più amato Heroquest. Rispetto al primo Descent credo sia saggio non paragonarli poi troppo, per molti versi è un altro gioco che riprende gli elementi essenziali ma li amalgama in modo diverso. Il tutto è assai più gestibile per eroi e Signore, il gameplay abbastanza profondo ma diverso rispetto a Descent 1. Distilla gli elementi essenziali - equipaggiarsi, muoversi, esplorare il dungeon. uccidere i mostri, inserendoli in scenari con specifici obiettivi che privilegiano un approccio tattico piuttosto che caricare a testa bassa ogni mostro che gira per la mappa.
Nel complesso un bel gioco con qualche incertezza regolistica, un set di regole parecchio astratto con un movimento e linee di viste forse bruttine ma alla fine funzionali al gameplay.

Solo nel gioco è possibile per l'uomo essere veramente libero. Il gioco costringe alla parità perché tutti i giocatori hanno le stesse istruzioni, e mette in pratica la certezza del diritto, perché un gioco può esistere solo nel rispetto delle regole.

9

Ottima rivisitazione di un must have.
Regolamento semplificato in più punti, che gode del vantaggio di avere alle spalle diversi anni di migliorie. Comprende già nel set base quello che si aveva con l'espansione Road to Legend, ovviamente non completa.
Un ottimo prodotto, per chi come me aveva bisogno di un Descent più snello.

10

Allora, premetto che della prima edizione a parte l'ultima esp. in ING le altre le possiedo tutte, ho giocato il primo fino ad odiarlo come gran parte degli utenti, ho provato anche le campagne avanzate ma o si prendeva le ferie tutti per giocarlo o non c'era verso, quindi meglio le singole missioni ma a parte questo alla fine era un amore odio, a distanza di mesi mi tornava la voglia di tornarci su e buttermi in un dungeon...alla fine dopo ore di discussioni per capire se l'eroe vedeva il mostro o capire se certe cose si potevano fare o no a causa di un regolamento un pò troppo pieno di dubbi, Descente rimane per me il migliore nel suo genere...e qui chiudo per quanto riguarda la prima edizione...con la seconda dopo aver fatto solo 2 partite delle prime due missioni c'è venuta la voglia di cominciare la modalità campagna, forse abbiamo visto solo un piccolo assaggio di cosa può offrire questo gioco...per me è un 10 e vi dirò di più, visto che avevo tutte le precedenti epansioni con gioia ho acquistato anche il kit di coversione per utilizzare tutti gli eroi e i mostri nella nuova edizione :)

8

Ho giocato anche alla prima edizione di Descent, ma questa seconda è decisamente più snella e, almeno dal mio punto di vista, assai più godibile per una migliore gestione del tempo. Gli scenari chilometrici, erano sempre destinati a essere interrotti dopo 3 e passa ore di gioco, seguito dal tentativo di "salvataggio" della partita ... Insomma, per me, Descent 2 è stata l'occasione per riscoprire e giocare un classico del dungeon crawling

7

bellino

Cala la notte, e la mia guardia ha inizio. Io sono la sentinella che veglia sul muro. Io sono il fuoco che arde contro il freddo, la luce che porta l'alba, il corno che risveglia i dormienti, lo scudo che veglia sui domini degli uomini.

8

Dal mio punto di vista i materiali sono migliori rispetto alla prima e la cosa più importante è molto meno snervante. Snello è veloce!

6

No. Non ci siamo... ok il gioco è più breve, ok il gioco acquista di più profondità, ma allo stesso prezzo del base compri un decimo del materiale. Gli scenari non sono tutti bilanciati e alla fine il gioco altro non è che una rivisitazione della campagna avanzata della prima edizione: utilizza mappe piccole e toglie i tasselli scenografia, togliendoti la possibilità di creare scenari Fai-da-te.. no no... no ci siamo... bella ma non giustifica una nuova edizione.

10

È il dungeon crawler definitivo. Punto e basta. Non puoi dare meno di 10 ad un gioco così , e se lo fai è solo perché non ti piace il genere. E gli darei anche 11, se potessi, perché questa edizione è mille volte più snella e pratica rispetto alla precedente, introduce la campagna fin dal set base, permette di essere giocata a straripetizione (anche nella stessa sera) e attinge alla vastità delle miniature di mostri & eroi della 1a edizione. Semplicemente FA-VO-LO-SO!

Lascia la città 'stasera, all'istante! E una volta fuori, resta fuori o ti faccio fuori...

9

Coinvolgente, veloce da imparare ( a meno di qualche "regoluccia" da testare in partita, prima di essere assimilata), io ho anche dipinto le miniature, in ogni caso l'ambientazione è superba. Da giocare assolutamente in modalità campagna, dove il gioco dà il massimo. Non mi esprimo ancora sulla longevità (sono ancora a metà della campagna), però non credo che esaurite le avventure sia indispensabile l'espansione, anche perchè alcuni scenari ho già voglia di riprovarli! Abbastanza impegnativa la parte del Signore Supremo, sei i dadi lo penalizzano, la vittoria per gli eroi è decisamente più semplice da raggiungere. In sintesi per gli amanti del dungeon crawling: bello,bello, bello!

8

Longevità: 1
Regolamento: 2
Divertimento: 2
Materiali: 2
Originalità: 1

Il gioco è molto divertente ed accattivante. Il migliore della categoria. In passato ho giocato solo la scatola base di Descent I edizione, ma questa nuova versione per me è superiore. Veloce, con più strategia e maggiore profondità dei personaggi. Bellissima la modalità campagna.
Consigliato.

Bye
Joseph.

9

Bello, veramente bello. Scorre veramente meglio del precedente, con molti meno intoppi e regole assurde. Trovo anche più gestibile la modalità campagna.

9

Nessun commento

9

Sinceramente ho apprezzato più questo dell'originale. Peccato x la qualità dei materiali decisamente inferiore alle edizioni precedenti

9

rivedo il mio voto, sempre cmq molto alto

8

Nessun commento

9

Nessun commento

9

Nessun commento

"Ognuno combatte la sua guerra..."

Vendo Ideology:the war of ideas seconda edizione

7

Bello e diverso dalla prima edizione. (posseggo entrambi.)
Non so dire quale sia la migliore perchè ogni una ha qualcosa meglio dell'altra ma è soggettivo.
E' moolto più corto. Le quest si concludono anche entro l'ora e mezza.
Se può servire vi dico che ho fatto la campagna con dei colleghi di lavoro che hanno giocato anche alla prima edizione.
Dei 4 colleghi di lavoro, due preferiscono la prima edizione e gli altri la seconda.
I due colleghi che piace la prima edizione sono giocatori di RPG su pc e hanno sempre giocato a giochi in scatola. I due colleghi che preferiscono la seconda edizione sono giocatori occasionali.
Io mi tengo neutrale e farei un mix di regole con un po dell'uno e un po dell'altro.

Dopo una campagna intera abbasso il voto a 7. Questo perchè facendo il dungeon master le partite alla lunga diventano noiose e si ha la netta impressione (per non dir certezza) che il gioco sia sbilanciato verso gli eroi.
Volevo mettere 6 ma i miei colleghi mi chiedono spesso di rigiocarci perchè fare l'eroe è bello.
Tra i loro 8 e il mio 6 do voto medio 7.

9

Nessun commento

6

Scusate se mi dilungo, ma vorrei chiarire bene i motivi del voto,c he sarebbe un 6,5

Il gioco è più uno skirmish tutti contro uno a missioni che un dungeoncrawler ed è ben caratterizzato: scatola abbastanzaricca, grafica eccellente, buone miniature, solita produzione stile FFG. Gli obiettivi della missione (anche per l’OverLord) sono vari (non è detto che occorra per forza uccidere tutti) e va capito bene come sfruttare la mappa che si ah a disposizione (si piazza incontro per incontro).
Ho apprezzato molto la divisione in Archetipi che si sviluppano in Classi (anche per l’OL) e la modalità Campagna, molto ben curata.

Ma parlando di Descent Second Edition non ci si può esimere dal fare paragoni con la prima edizione. Descent Second Edition è un gioco molto diverso rispetto al suo predecessore.

Pro Seconda Edizione: l’obiettivo di abbattere i tempi geologici delle missioni è stato centrato egregiamente e la veste grafica, come le miniature, sono nettamente superiori. Il sistema di avanzamento degli Eroi e la loro “morte” mi sembrano nettamente più coerenti. Si è pure abbattuto l’uso spropositato di Token. Il bilanciamento del gioco in generale mi pare migliore rispetto alla prima edizione, grazie all’eliminazione dei segnalini Minaccia, Ordine e Conquista e la modularità del numero di Mostri presenti in funzione del numero di Pg giocanti. Grazie alla gestione ad incontri si può salvare anche una partita a metà.

Contro della Seconda Edizione: proprio in virtù dell’eliminazione dei segnalini sopra citati si è cambiato radicalmente lo svolgimento tattico delle sessioni, trasformando la Second Edition in un gioco molto meno tattico rispetto alla prima edizione. Questo aspetto farà contenti alcuni giocatori ma ne scontenterà sicuramente altri. Anche i Mostri più scarsi possono fare molto male.
Gli Attributi (l’equivalente delle Abilità) servono più a rispondere alle carte giocate dall’OL che ad altro, risultando così un fattore di gioco passivo per chi li possiede, invece di essere attivi. Qui credo si potesse fare molto meglio.

Ricapitolando, se gli appunti principali che venivano mossi alla prima edizione di Descent erano:
- eccessiva competitività tra Overlord ed Eroi (va bene come caratteristica del gioco, è fatto così punto. Al limite si ha un conflitto di interessi quando l’Overlord coincide con il questmaker),
- eccessiva lunghezza delle partite,
- scarsa evoluzione degli Eroi (risolta con l’espansione Road to Legend in modo macchinoso),
- sbilanciamento a volte a favore degli Eroi, con combo di carte devastanti,

si può dire che la seconda edizione abbia risposto bene perfezionando questi aspetti. Ma ci sono anche note dolenti.
Ad esempio, nella scatola base della Seconda Edizione è già presente la modalità campagna, che nella prima edizoone non era prevista; questo sarebbe un grosso punto a favore della seconda edizione se non fosse che lo stesso gioco ah già prodotto Road to Legend. Sinceramente mi sarei aspettato che i produttori del gioco facessero tesoro dell’esperienza fatta con Road to Legend per migliorarla e riproporla, invece ci troviamo con un set di regole più scarno. In RtL potevo pure comperarmi una nave per risalire un fiume, le possibilità di gioco erano veramente incredibili. Nella Second Edition invece mi ritrovo con uno strumento molto classico, che impallidisce di fronte a RtL, il cui unico difetto era costituito dalla legnosità del sistema, facilmente spiegabile in quanto inserito a posteriori su un sistema di gioco pensato per altro.

Altro aspetto che non ho apprezzato per nulla è il rapporto quantità/prezzo: la scatola della second edition è grossa la metà e costa 66 euro (contro gli 80 della prima edizione) e difatti il numero di miniature è nettamente inferiore. Sempre parlando di miniature, mi è sembrato molto superficiale non aggiungere la miniatura del famiglio del Necromante e dei Luogotenenti dell’overlord: questi PNG vengono rappresentati da dei token! Uno smacco, soprattutto per una casa editrice che si è sempre fatta apprezzare per la quantità spropositata di oggetti contenuti nelle sue scatole. E’ vero che praticamente tutte le case stanno tendendo a ridurre i contenuti, soprattutto plastici, delle scatole, però se penso che nella seconda edizione ci sono 8 eroi invece che 12 almeno una miniatura in più per il famiglio del Necromante potevano metterla!

Va rilevato che continua a mancare un sistema di magia degno di questo nome: esse infatti, quando presenti, non si differenziano molto per funzionamento dalle abilità degli altri eroi

Alla fine, nonostante parecchi aspetti positivi, il voto è determinato anche dal fatto che mentre la prima edizione di Descent aveva una sua forte connotazione (praticamente uno skirmish puro e molto ben articolato con note di dungeoncrawling), questa seconda edizione mi sembra un gioco né carne né pesce, a mezza via tra tante soluzioni senza acquisire una propria fisionomia alla quale fare riferimento (e magari affezionarsi).

L'irriverenza conduce alla sconsideratezza V. von Croy
//cf.geekdo-images.com/images/pic1189807_t.jpg)

7

una componentistica di ottimo livello, purtroppo ho trovato il gioco mal bilanciato nei rapporti di forza tra eroi e oscuro signore, tanto che quest'ultimo non voleva più interpretarlo nessuno.

La calma è la virtù dei morti...i forti in genere perdono la pazienza e ti picchiano

4

Una campagna e tre quarti di un'altra giocate.
Commento definitivo. Gioco orribile.
Bilanciamento inesistente.
Scenari sbagliati da tutti i punti di vista.
Personalizzazione degli eroi: poche carte, molte inutili.
Carte signore oscuro modalità campagna: prese le 3 o 4 utili le altre non servono, scelta fasulla.
Scelte durante il gioco, ovvie e sempre uguali.
Materiali: pochi e non così buoni come qualcuno afferma...solo...colorati.
Prezzo: spopositato per quello che offre.
Longevità: non rigiocherai mai e poi mai uno scenario già giocato.
Chiaramente un gioco per nulla studiato dagli autori.

Secondo commento:"Quasi completata la campagna da Overlord. Tolgo la fiducia che avevo dato dopo le due mezze partite. E rivedo drasticamente l'8 portandolo a 5. Il gioco è un'occasione sprecata, è proprio fatto male. Sbilanciato talmente tanto da rendere inutili le partite, che meno male si concludono in un tempo medio di mezz'ora.
Completerò questa campagna e proverò a farne un'altra usando gli eroi, vediamo se mi strappa la sufficienza."

Primo commento:"Giocato poco per il momento. Do 8 sulla fiducia e perchè mi sono divertito a usare due eroi. Devo ancora fare il cattivo ma ho notato che il nostro overlord non si è molto divertito.
Non mi piace per niente il fatto di dover tirare i dadi di difesa.
Mi piace il fatto dei diversi obiettivi nelle missioni.
Se devo fare un confronto col vecchio descent questo nuovo perde miseramente. La campagne poi sono proprio su due pianeti diversi.
Appena l'avrò giocato di più vedrò se rivalutare il giudizio."

Gioco sempre in due.
Vendo: Martinique, Khet:the laser game, Chicago Express, LaGuerraDell'Anello.

7

Longevità 1.5
Regolamento 2
Divertimento 2
Materiali 1
Originalità 1

9

lo sto provando in modalità campagna e l'ho trovato snello, equilibrato e molto divertente, i materiali come al solito sono eccelsi

6

Sarebbe un 6.5
Inizio con quello che secondo me hanno migliorato rispetto al suo (per me mooolto migliore) predecessore:
- avventure un pò più strutturate oltre al semplice vai e spacca il boss
- eroi con classi e abilità ed avanzamento coerente rispetto all'avventura.

Cosa hanno peggiorato: tutta la parte del Signore Oscuro. Giocarlo è diventato una vera palla.
- poche carte da giocare
- mostri che si sa già quanti sono e da dove compaiono, levando un minimo di brivido agli eroi
- pochi mostri veramente sensati. Alla fine si scelgono sempre i soliti.
- quando avanza prende qualche misero pe che se gli va bene gli fa ottenre una misera nuova carta (one shot per avventura). Carina, ma vogliamo mettere con il divertimento dell'avanzamento degli eroi?!
Tutto ciò riduce drasticamente le opzioni tattiche del Signore Oscuro, rendendolo piuttosto noioso da giocare ed pgni avventura perde quel senso di epicità e di sfida che contraddistingueva il suo predecessore.
La durata ridotta rende queste cose un pò più accetabili. Giusto per giocare comunque ad un Descent light quando non si ha tempo di gicare con il fratello maggiore.

Questo un parere che esprime più o meno quello che penso anche io più nel dettaglio:
http://boardgamegeek.com/thread/847819/the-overlords-fun-factor

7

Lo abbiamo trovato decisamente sbilanciato a favore dell' Oscuro Signore, alla fine gli eroi devono solo correre correre correre...non è brutto per carita però ci aspettavamo di meglio!

9

Ottimi materiali, ambientazione per me bellissima e gioco divertente. Bilanciamento e Fortuna sono cose che non mi interessano in un gioco, il gioco deve essere divertente, altrimenti si gioca a scacchi.
Unica pecca è la decisione degli autori di rendere la mappa e la posizione di ogni mostro / oggetto visibile agli eroi sin dall'inizio. Io ho deciso di non adottare questa regola e fare a modo mio...

9

Assolutamente divertente e piacevole. Manca un po' di parte "epica" come ad esempio il vivere la città ma soprattutto manca una parte di magia. Ma ragazzi stiamo parlando di un gioco e la parte Campagna è assolutamente azzeccata!!!!

8

Nonostante la tipologia di gioco "Dungeon crawl" mi piaccia molto, sono constretto a dare un 8 a questo gioco.
Purtroppo le missioni non mi sono sembrate ben bilanciate; alcune sono troppo a favore del signore supremo, altre per gli eroi.
Inoltre c'è il solito problema degli eroi che si stra potenziano e polverizzano qualsiasi cosa incontrino, mentre il signore supremo può solo aggiungere delle carte al suo mazzo.
Per finire la storia è poco interessante e poteva essere narrata meglio, magari integrandola durante l'avventura.

Nonostante ciò il gioco è molto divertente e scorre bene, con un buon gruppo di gioco vi divertirete molto.
Un capolavoro mancato.

8

Molto piacevole, divertente e veloce, ben fatto.

7

Nessun commento

//s12.postimg.org/3obm9k6cd/ds2.jpg)
"And there was war in heaven: Michael and his angels fought against the dragon; and the dragon fought and his angels.."
Revelation 12:7

2

Non mi trovo d'accordo con l'autore di questa recensione...voti regalati per un gioco che ha del mediocre,sono dispiaciuto del voto ma avendolo provato e riprovato non capisco perché l'autore e laFFG abbiano messo in circolo questa ppiaga,perde sotto tutti i punti di vista rispetto al precedente episodio (DESCENT base più le espansioni del calibro di RTL e SOB).

Dopo svariate partite ,dove ho lottato contro me stesso per farmi piacere questa seconda edizione , posso dire che descent seconda edizione è un disperato e mal riuscito tentativo snellire la prima epica edizione...

DIFETTI:
Preparatevi a eroi immortali...si IMMORTALI!!! Dove si è mai visto che un'eroe si rialza dopo una pacca sulle spalle??? Ma siamo fuori??
Presenta regole striminzite della prima edizione...potevano invece prendere tutto il meglio della prima e riversarlo su questa edizione rivisitata...
Non esiste una campagna vera e propria...impallidisce confronto a Via per La Leggenda e Oceano di Sangue...
Dadi armatura?? Dov'è finita la tattica introdotta dai combattimenti della prima edizione? Gli ordini di comando??
Fare L'Overlord è una pippa mega galattica...noiosissimo
Schede personaggi degne di un cartone animato Walt Disney...

PREGI:
Miniature

CONSIDERAZIONE FINALE:
Mi prometto di giocarlo e rigiocarlo sperando di vedere quello che di buono questo gioco s'impegna a offrire...mi spiace perché si sarebbe potuto far molto di meglio ed invece hanno sprecato l'occasione.
DESCENT seconda edizione ha in comune solo il nome con la prima edizione...
Se volete fare la vera vita dell'avventuriero...gettatevi ad occhi chiusi sulla prima edizione e tenetevela stretta.

Il voto rimarrà un due in attesa di qualche espansione degna che lo migliori(forse) al livello del fratello maggiore...

Concludo come ha descritto il recensore di Via per la Leggenda:

Per tutti quelli che chiedevano un salto di qualità a Descent gioco base: è arrivato RtL, e niente sarà più lo stesso.
Signori: abbiamo davanti il re dei giochi fantasy dungeon-crawling di sempre.
Battuti tutti gli altri, niente da dire.

8

Nessun commento

Me ni kyoufu ga mieru na (Vedo il terrore nei tuoi occhî)!

9

Nessun commento

tu, eretico, sei un eretico vero?
ahem...?
non ci sono indecisioni, hai appena ammesso di essere eretico, a morte!

8

Voto basato su una decina di partite.

Questo Descent è stata una gran bella sorpresa! ero scettico sin da quando ne avevano annunciato la pubblicazione (infatti ho anche provato, una volta, il primo Descent, e non mi era piaciuto). Poi però, dopo aver assistito e giocato una partita, mi ha assolutamente coinvolto: non avevo mai visto prima avventure impostate ad obiettivi, sia per gli eroi che per il genio del male di turno. Da segnalare che, a dispetto del materiale drasticamente ridotto, questo gioco da un senso di completezza e le espansioni (che devo ancora prendere) per una volta saranno tutto di guadagnato... è incredibile che l'abbia fatto proprio la FF :D!

Il neo è che il gioco risulta sbilanciato a favore degli eroi, fatto che si accentua man mano che si potenziano. Anche il signore supremo può potenziarsi, ma ciò si limita alla possibilità di acquisire nuove carte evento più potenti.

Avendo provato il gioco con 2, 3 e 4 eroi, posso dire che il gioco risulta maggiormente bilanciato con 3 eroi: 2 soli eroi le prendono, 4 eroi le danno come se piovesse

Quando ho un mano un American Game, non mi faccio scrupoli a modificarlo a mani basse per soddisfare le mie esigenze di gioco: sbilanciamenti immondi e situazioni assurde nel gioco fanno parte del divertimento

10

Il miglior dungeon crawl sul mercato al momento.

6

E' vero: è più breve e scorrevole della prima edizione, include una modalità campagna, e i componenti sono sempre di alto livello (sebbene in numero dimezzato rispetto alla prima edizione, ad un costo che al contrario non è dimezzato).
Ho trovato però il Dark Lord troppo più forte degli avventurieri, e non mi è parso affatto bilanciato (e questo lo dico dopo una decina di partite e dopo aver sentito l'opinione di altri amici).
Davvero faccio fatica a dare il voto a questo gioco, che è vero che è bello e sistema un po' di difetti del predecessore, ma a mio avviso non lo migliora così come una seconda edizione avrebbe dovuto fare.
Visto che ora la concorrenza sui dungeoncrawling è tanta, e visto che c'è il suo "papà" che rimane un titolo valido e non è affatto surclassato da questo, io non mi sento di dare più di 6.

7

Nessun commento

8

Descent rivisitato e (forse) migliorato.
Ma, secondo il mio modesto parere, ancora troppo lontano dal dungeon crawling più famoso del mondo: Heroquest.
L'aver snellito molto del suo predecessore, permette a Descent Second Edition di regalare ai giocatori un più spontaneo senso di immedesimazione; in questo titolo l'atmosfera fantasy è più riuscita, perché il gioco è più semplice e pulito.
Devo però dire che ci sono delle cose che non ho apprezzato: una fra le tante, il fatto che gli eroi possano essere "resuscitati" con una facilità disarmante. In pratica, non si corre veramente il pericolo di veder morire il proprio personaggio.....
Mi piace la meccanica "a scelta multipla" che la modularità dei dadi consente.
Ho apprezzato anche il fatto che le missioni sono calibrate anche sul numero dei giocatori.
Mi fa piacere che nel gioco è tornata ad essere possibile la gestione della crescita del personaggio, intesa come scheda dove annotare le esperienze ed i premi accumulati. Peccato, però, perché non c'è molto di più.
Le miniature sono piacevoli, peccato che per i luogotenenti ci sia dietro un'operazione commerciale esagerata: avrei preferito che fossero state incluse nella scatola base (beata ingenuità) o che almeno fossero in vendita in una sola confezione (al posto dei pack singoli....).
Perché il mio voto è un 8? Vale la pena averlo in collezione. Si lascia giocare. Non è un capolavoro, ma un buon prodotto.

"England expects that every man will do his duty" (H.Nelson)

8

Anche su questo famosissimo gioco in stile americano se ne sono dette tante di cose, per lo più positive. Personalmente credo sia la più semplice e ricca conversione attualmente presente sul mercato degli storici D&D. L’atmosfera è quella di sempre: un gruppo di Eroi (impersonati dai giocatori) devono svolgere una serie di missioni per affrontare e sconfiggere il Signore Oscuro che, ovviamente, tenta in tutti i modi di sottomettere i Popoli del Regno. Uno dei giocatori impersonerà per l’appunto il Signore Oscuro, e sarà a capo delle orde di mostri, di trappole e di tutto ciò che potrà ostacolare gli Eroi nel loro arduo cammino. Grafica stupenda, miniature semplici ma ben definite, materiale ottimo (dadi, carte, segnalini), plance variabili strutturate a puzzle e tante belle missioni, da giocare singolarmente o nell’ottica di una campagna più lunga e completa, che tenga soprattutto conto della crescita dei personaggi.
Insomma, per gli amanti del Fantasy è una gran figata... per tutti gli altri rappresenta un’ottima opportunità di conoscere questo filone senza dover imparare interi libri di regole.

"Il terrore travalica la mia capacità di razionalizzare!" - Igon Spengler

10

Non c'è molto da dire...è il GIOCO,per me.Il voto arriva dopo le prime espansioni,e la rivisitazione dei luogotenenti,che prima servivano a poco.
PS: chissà se chi ha fatto la recensione,così come per la prima edizione,ha rivisto il suo voto,ad oggi;e questa volta,in meglio o no...sarei curioso di saperlo.

7

Sette risicato.
Francamente dal gioco in sé mi aspettavo qualcosa in più (da giocatore di ruolo)... in compenso la componentistica non è male... unico problema è che un uso frequente tende a rovinare le sezioni di mappa... - [Autore del commento: TheDreamingSoul]

9

Stupendo! - [Autore del commento: Savo83]

8

Nessun commento - [Autore del commento: PierC76]

9

[voto 9] - Stupendo! - [Autore del commento: Savo83]

5

titolo amato ma, al nostro tavolo, ormai risulta superato nelle meccaniche dal più elegante assalto imperiale (certo il fantasy resta il fantasy)

7,3

Nessun commento

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare