Da soli o in compagnia: Azul

Amate Azul, ma i vostri amici giocano solo cinghiali? Problema risolto, arriva la variante "solitario"!

Giochi collegati: 
Azul
Voto recensore:
8,5

Di questi tempi tutti conoscono Azul (se invece non lo conoscete, potete rimediare grazie alle recensioni di Rosengald e de IGiullari), ma sapevate che esiste una variante in solitario fatta da Ricky Royal (pseudonimo di Richard Wilkins) e pubblicata nella sua Box of Delights? Ricky Royal, già designer di Renegade (un deck-building di ambientazione cyberpunk), ha un canale youtube dedicato al gioco in solitario e ha avviato collaborazioni per varianti dedicate a questa modalità, oltre a svilupparne di sue tipo quella che sto per illustrarvi!

Descrizione

In questa variante in solitario Azul si rifà a Ganz schön clever, quindi l’obiettivo è massimizzare il punteggio cercando di migliorarsi superando quello fatto in precedenza.

Le regole che dettaglierò in seguito presuppongono una minima conoscenza del gioco; tuttavia, qualora Azul vi fosse del tutto sconosciuto, vi consiglio di leggere le recensioni sopracitate per farvi una minima, ma essenziale idea delle meccaniche di base!

Basta una plancia, al bot non serve
Basta una plancia, al bot non serve

Per poter giocare ad Azul in solitario avrete bisogno di una sola plancia giocatore, di cinque espositori disposti in ordine e dell’immancabile piastrella primo giocatore! Il gioco si svilupperà con un’alternanza di turni tra il giocatore umano e il bot fino al termine del quinto round, rispettando la classica regola che il primo nel turno è colui che ha acquisito la piastrella primo giocatore nel round precedente. Noi umani giocheremo Azul nello stesso modo in cui giocheremmo la versione multi giocatore; il bot invece si atterrà a quanto segue:

  • non avrà una plancia giocatore, quindi non abbellirà nessun muro;
  • non guadagnerà e non perderà punti;
  • prenderà sempre dall’espositore con più piastrelle di un determinato colore; in caso di parità prenderà dall’espositore più a sinistra; nel caso di ulteriore parità di colore tra le piastrelle disponibili in tale espositore, la scelta sarà casuale;
  • nel caso di piastrelle singole negli espositori, guarderà al centro del tavolo e, in caso di piastrelle singole anche lì, ne sceglierà una dall’espositore più a sinistra;
  • ricordatevi che, come ho scritto precedentemente, non avendo nessun muro da abbellire, il bot scarterà sempre le piastrelle scelte.

Al termine di ogni round di gioco guadagneremo punti come al solito. Al termine del quinto round, che tra l’altro coincide anche con lo svuotamento del sacchetto, il giocatore conterà i punti bonus ottenuti dal completamento di righe, colonne e colori, a cui sommerà i punti collezionati in precedenza.

Ricky Royal sfida il giocatore che utilizza questa variante ad ottenere almeno ottantacinque punti, chiedendosi se sia possibile arrivare almeno a cento: raccogliete la sfida (io è già tanto se arrivo a sessanta)!

Considerazioni

Gli azulejos, da cui il nome del gioco
Gli azulejos, da cui il nome del gioco

La variante di Ricky Royal dovrebbe essere presa come esempio su come sviluppare una modalità in solitario di un gioco che originariamente non la preveda. Può non essere perfetta (se e quando la proverete vi capiteranno situazioni da far storcere il naso), ma fa quello che promette rimanendo fedele al gioco!

Giocare ad Azul in solitario è un’esperienza fluida, piacevole e non richiede neanche troppo tempo; setup, partita e riposizionamento dei componenti nella scatola porterà via grosso modo venticinque minuti.
Se ne avete occasione, provatela, vi regalerà sicuramente delle belle sorprese!

 

          Tattica < - - | - - - - - - - > Strategia

     Immediatezza < - | - - - - - - - - > Complessità

             Noia < - - - - - - - - | - > Divertimento

Non Rigiocabilità < - - - - - - - - | - > Rigiocabilità

 

Puoi votare i giochi da tavolo iscrivendoti al sito e creando la tua classifica personale

Commenti

Korn73, la tua variante in solitario, simile a questa, l'anno scorso mi ha aiutato molto per raggiungere il target di 15x15 che mi ero prefissato (insieme alle altre challenge di BGG).

E' molto simile a questa ma associa un colore piastrella a ciascun espositore e terminava dopo 4 round. 

In pratica ad ogni round il Bot pesca una tessera e si prende la tessera di quel colore dall'espositore --> se lì non ci sono si va al centro --> se anche lì non c'è nulla si va al colore successivo in senso orario.

Oltre al punteggio alla fine vinci se il punteggio che fai è maggiore del numero di tessere conquistate dal bot.

Si utilizzano 85 delle 100 tessere, il set-up è veloce e una partita non dura più di 10-15 minuti

Cris Tridello

Non ho problemi, nel mio gruppo lo adorano...ma la variante in solitario la voglio proprio provare.

Scaricati tutti i files. Ci sono diversi altri giochi da provare in solo al link. Scaricata anche la versione di Azul in solo dalla Tana :-)

Grazie mille per la dritta.

Mi sembra una variante troppo fortunosa anche se si puó plannare bene cosa sceglierá il bot, la proveró comunque, grazie!

Mi sembrano tutte e due molto interessanti e mi faccio un punto d'onore di provarle entrambe entro la fine del mese
A occhio quella di korn73 mi sembra più elegante e immediata

Ohilà grazie! Si tratta di perderci mezza partita per prenderci la mano...

Se la provi, aspetto tuo feedback! :-)

Ho provato tutte e due le versioni solitario, di Ricky Royal e di korn73. Alla prima sfida non ho fatto grossi puntegi (rispettivamente 46 e 41vs38 cioè 3 in quella di korn XD ) ma devo dire che a pelle quella di BoxDelights mi pare un po' più freddina e calcolatrice, considerando che il bot prende sempre la quantità maggiore di tessere e sempre a partire da sinistra. Giusto il paragone con Ganz, si tratta di saper ottimizzare quando è conveniente prendere manciate di piastrelle oppure quando pianificare la raccolta di una piastrella alla volta sapendo già che il bot non ci precluderà la chiusura di una riga della scheda di gioco.

La variante di korn mi sembra più realistica (non hai mai la certezza di cosa prenderà l'avversario).

Piccola nota: alla prima partita il bot mi ha tolto quasi tutte le piastrelle rosse. Nei turni finali, alla pesca casuale della piastrella che indicava il colore di riferimento per l'espositore al bot, mi sono ritrovata a non pescare quasi mai la rossa, perchè ormai nel sacchetto ce n'erano poche in confronto alle altre. Dato che comunque alla fine le piastrelle che rimangono inutilizzate nel sacchetto sono 15, forse inserirò una mia sottovariante per evitare che questo succeda (dopo aver fatto un po' di partite per avere uno striminzito dato statistico di una qualche utilità): Togliere dal sacchetto un altro set delle 5 piastrelle di gioco e scegliere tra quelle, ad ogni turno.
Cosa ne pensi korn?

Korn73, la tua variante in solitario, simile a questa, l'anno scorso mi ha aiutato molto per raggiungere il target di 15x15 che mi ero prefissato (insieme alle altre challenge di BGG).

E' molto simile a questa ma associa un colore piastrella a ciascun espositore e terminava dopo 4 round. 

In pratica ad ogni round il Bot pesca una tessera e si prende la tessera di quel colore dall'espositore --> se lì non ci sono si va al centro --> se anche lì non c'è nulla si va al colore successivo in senso orario.

Oltre al punteggio alla fine vinci se il punteggio che fai è maggiore del numero di tessere conquistate dal bot.

Si utilizzano 85 delle 100 tessere, il set-up è veloce e una partita non dura più di 10-15 minuti

 

Ho visto quella variante e non ho capito come sia possibile completare una riga se ci sono solo 4 round...

Per scrivere un commento devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare