Rank
86

In the Year of the Dragon

           Accedi / Iscriviti per votare
Goblin score: 7 su 10 - Basato su 137 voti
Gioco da Tavolo (GdT)
Anno: 2007 • Num. giocatori: 2-5 • Durata: 100 minuti
Autori:
Stefan Feld
Categorie gioco:
EconomicMedieval
Sotto-categorie:
Strategy Games

Recensioni su In the Year of the Dragon Indice ↑

Articoli che parlano di In the Year of the Dragon Indice ↑

Eventi riguardanti In the Year of the Dragon Indice ↑

Per questo gioco non ci sono eventi, se vuoi puoi contattare la redazione per pubblicare degli eventi collegati a questo gioco.

Video riguardanti In the Year of the Dragon Indice ↑

Gallerie fotografiche Indice ↑

In the Year of the Dragon: voti, classifiche e statistiche Indice ↑

Persone con il gioco su BGG:
9716
Voti su BGG:
10698
Posizione in classifica BGG:
291
Media voti su BGG:
7,36
Media bayesiana voti su BGG:
7,12

Voti e commenti per In the Year of the Dragon

7

Un classico molto carino. Con pochi materiali è davvero teso e sfidante. Mi aspettavo però di più dalle descrizioni :) Pensavo a un peso più importante insomma. Ma ci sta. Io comunque non sono bravo in questi giochi così punitivi dove il tuo motore viene distrutto se sbagli una mossa ;)

7,4

German spietato, astratto, freddo, materiali e grafica miseri ma funzionali. Regolamento snello. Il twist del gioco è il dover costantemente lavorare per limitare i danni. In 4-5 giocatori può favorire la paralisi d’analisi e i conseguenti tempi morti.

9

Teso, elegante e profondo. La variabilità degli eventi cambia ogni partita, serve pianificare a medio e lungo termine per preservare i propri lavoratori dalle calamità e al tempo stesso fare punti.
Materiali funzionali al gioco, il dragone è un piccolo gioiello dal sapore classico. 2 azioni per giocatore a turno, strettissimo nelle scelte, non perdona gli errori. Ma che eleganza e pulizia in questo gioco!!
Altro centro di Feld, niente da dire, restituisce grandi soddifazioni al tavolo.

 

7,5

Voto preliminare dopo poche partite

Al primo impatto non mi è sembrato poi questo grande capolavoro, piacevole da giocare, ma poco entusiasmante.

9

Pulito, sempre sul filo, diverso, lo gioco sempre volentieri,

nonostante grafica e tabellone terribili rimane un ottimo german.

8,5

Gioco stupendo, profondissimo, cerebrale e spietato, perchè non perdona il minimo errore di pianificazione.
Per giochi di questa tipologia, si parlerebbe normalmente di "coperta corta" che, in questo specifico caso, assume la forma di un vero e proprio fazzoletto.
Insieme a "Die Burgen Von Burgund", pur essendone molto diverso, lo considero all'apice della produzione ludica di Feld anche se, come l'altro, andrebbe migliorato graficamente.
Abbastanza deludente la versione 10° Anniversario dove, da parte dell'editore, mi aspettavo qualcosa di più in fatto di qualità della componentistica che resta identica rispetto al passato.
Da provare almeno una volta nel corso della propria vita ludica.

7,5

Gioco molto bello: una specie di gara di resistenza dal regolamento peraltro non particolarmente ostico.

9

Il miglior gioco di Feld. Ancora una volta ambientazione pretestuosa, ma gioco bellissimo. Di base, c'è da studiarsi la disposizione di eventi che capiteranno ad ogni turno per potersi preparare ad affrontarli al meglio, predisponendo una strategia adeguata al momento della scelta tra le varie azioni possibili. Gioco che sa punire parecchio, in caso di errori. Consigliatissimo.

8

ad anni di distanza rimane ancora il miglior gioco di Feld, che nel frattempo si è perso per strada.  Per maggiori informazioni e considerazioni, vedi la mia recensione.

Pagine

Per scrivere un commento e per votare devi avere un account. Clicca qui per iscriverti o accedere al sito

Accedi al sito per commentare e votare